I Ricchi e Poveri

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Music
In rilievo

Music

Ricchi e Poveri

La scheda: Ricchi e Poveri

I Ricchi e Poveri sono un gruppo musicale italiano, nato artisticamente nel 1967, a Genova.
Tra gli artisti italiani con il maggior numero di dischi venduti, con più di 22 milioni di copie sono il secondo gruppo italiano per vendite, alle spalle dei Pooh. Negli anni settanta e ottanta diversi loro singoli hanno raggiunto la vetta delle classifiche italiane e internazionali, tra questi si citano La prima cosa bella, Che sarà, Sarà perché ti amo, Come vorrei, Mamma Maria e Voulez vous danser, alcuni dei quali sono stati scelti come sigle di popolari trasmissioni televisive. Hanno rappresentato l'Italia all'Eurovision Song Contest nel 1978 e partecipato a numerosi Festival di Sanremo ottenendo due volte il secondo posto, nel 1970 e nel 1971, e il primo nel 1985 con la canzone Se m'innamoro.


Marina Giulia Cavalli parlo con mia figlia morta grazie alla moglie di Franco Gatti

Marina Giulia Cavalli parlo con mia figlia morta grazie alla moglie di Franco Gatti

L’attrice Marina Giulia Cavalli è stata ospite a “Live Non è la D’Urso” e racconta: «Grazie a Stefania Gatti e alla scrittura automatica parlo con mia figlia morta». Marina Giulia Cavalli ha perso la figlia di 21 anni per una leucemia, un dolore fortissimo che l'attrice è riuscita ad attenuare grazie alla scrittura automatica. Grazie all'aiuto di Stefania, moglie di Franco Gatti e della scrittura automatica, è riuscita ad avere un po' di sollievo [...]

deleted

deleted

EVENTI: Ricchi e Poveri

Nel 2000 partecipano allo show di Canale 5 Premiata Teleditta, nel quale si prestano ironicamente alle battute e ai travestimenti dei comici della Premiata Ditta, cantando, tra l'altro, anche la sigla dei Pokémon, che nella parodia vengono rinominati "Dittamon".

Nel 2000 partecipano allo show di Canale 5 Premiata Teleditta, nel quale si prestano ironicamente alle battute e ai travestimenti dei comici della Premiata Ditta, cantando, tra l'altro, anche la sigla dei Pokémon, che nella parodia vengono rinominati "Dittamon".

Nel 2000 partecipano allo show di Canale 5 Premiata Teleditta, nel quale si prestano ironicamente alle battute e ai travestimenti dei comici della Premiata Ditta, cantando, tra l'altro, anche la sigla dei Pokémon, che nella parodia vengono rinominati "Dittamon".

Nel 2000 partecipano allo show di Canale 5 Premiata Teleditta, nel quale si prestano ironicamente alle battute e ai travestimenti dei comici della Premiata Ditta, cantando, tra l'altro, anche la sigla dei Pokémon, che nella parodia vengono rinominati "Dittamon".

Nel 2000 partecipano allo show di Canale 5 Premiata Teleditta, nel quale si prestano ironicamente alle battute e ai travestimenti dei comici della Premiata Ditta, cantando, tra l'altro, anche la sigla dei Pokémon, che nella parodia vengono rinominati "Dittamon".

Nel 2000 partecipano allo show di Canale 5 Premiata Teleditta, nel quale si prestano ironicamente alle battute e ai travestimenti dei comici della Premiata Ditta, cantando, tra l'altro, anche la sigla dei Pokémon, che nella parodia vengono rinominati "Dittamon".

Nel 2000 partecipano allo show di Canale 5 Premiata Teleditta, nel quale si prestano ironicamente alle battute e ai travestimenti dei comici della Premiata Ditta, cantando, tra l'altro, anche la sigla dei Pokémon, che nella parodia vengono rinominati "Dittamon".

Nel 1977 il gruppo decide di omaggiare la propria terra, la Liguria, e in particolare la città di Genova, incidendo due singoli in dialetto genovese: una rivisitazione dei classici Ma se ghe penso, Piccon dagghe cianin e Chanson de Cheullia, composti da Attilio Margutti e Mario Cappello, quest'ultimo motivo porta sul retro l'inedito Scigoa, scritto da Augusto Martelli e Franco Franchi.

Nel 1977 il gruppo decide di omaggiare la propria terra, la Liguria, e in particolare la città di Genova, incidendo due singoli in dialetto genovese: una rivisitazione dei classici Ma se ghe penso, Piccon dagghe cianin e Chanson de Cheullia, composti da Attilio Margutti e Mario Cappello, quest'ultimo motivo porta sul retro l'inedito Scigoa, scritto da Augusto Martelli e Franco Franchi.

Nel 1977 il gruppo decide di omaggiare la propria terra, la Liguria, e in particolare la città di Genova, incidendo due singoli in dialetto genovese: una rivisitazione dei classici Ma se ghe penso, Piccon dagghe cianin e Chanson de Cheullia, composti da Attilio Margutti e Mario Cappello, quest'ultimo motivo porta sul retro l'inedito Scigoa, scritto da Augusto Martelli e Franco Franchi.

Nel 1977 il gruppo decide di omaggiare la propria terra, la Liguria, e in particolare la città di Genova, incidendo due singoli in dialetto genovese: una rivisitazione dei classici Ma se ghe penso, Piccon dagghe cianin e Chanson de Cheullia, composti da Attilio Margutti e Mario Cappello, quest'ultimo motivo porta sul retro l'inedito Scigoa, scritto da Augusto Martelli e Franco Franchi.

Nel 1977 il gruppo decide di omaggiare la propria terra, la Liguria, e in particolare la città di Genova, incidendo due singoli in dialetto genovese: una rivisitazione dei classici Ma se ghe penso, Piccon dagghe cianin e Chanson de Cheullia, composti da Attilio Margutti e Mario Cappello, quest'ultimo motivo porta sul retro l'inedito Scigoa, scritto da Augusto Martelli e Franco Franchi.

Nel 1977 il gruppo decide di omaggiare la propria terra, la Liguria, e in particolare la città di Genova, incidendo due singoli in dialetto genovese: una rivisitazione dei classici Ma se ghe penso, Piccon dagghe cianin e Chanson de Cheullia, composti da Attilio Margutti e Mario Cappello, quest'ultimo motivo porta sul retro l'inedito Scigoa, scritto da Augusto Martelli e Franco Franchi.

Nel 1977 il gruppo decide di omaggiare la propria terra, la Liguria, e in particolare la città di Genova, incidendo due singoli in dialetto genovese: una rivisitazione dei classici Ma se ghe penso, Piccon dagghe cianin e Chanson de Cheullia, composti da Attilio Margutti e Mario Cappello, quest'ultimo motivo porta sul retro l'inedito Scigoa, scritto da Augusto Martelli e Franco Franchi.

Nel 2009 Angela partecipa a Di Domenico plays Morricone - Sama Domè, un lavoro discografico del compositore e chitarrista napoletano Mauro Di Domenico (ex componente della Nuova Compagnia di Canto Popolare e degli Inti Illimani), interpretando in dialetto genovese il brano Genova valparaiso come voce di sottofondo.

Nel 2009 Angela partecipa a Di Domenico plays Morricone - Sama Domè, un lavoro discografico del compositore e chitarrista napoletano Mauro Di Domenico (ex componente della Nuova Compagnia di Canto Popolare e degli Inti Illimani), interpretando in dialetto genovese il brano Genova valparaiso come voce di sottofondo.

Nel 2009 Angela partecipa a Di Domenico plays Morricone - Sama Domè, un lavoro discografico del compositore e chitarrista napoletano Mauro Di Domenico (ex componente della Nuova Compagnia di Canto Popolare e degli Inti Illimani), interpretando in dialetto genovese il brano Genova valparaiso come voce di sottofondo.

Nel 2009 Angela partecipa a Di Domenico plays Morricone - Sama Domè, un lavoro discografico del compositore e chitarrista napoletano Mauro Di Domenico (ex componente della Nuova Compagnia di Canto Popolare e degli Inti Illimani), interpretando in dialetto genovese il brano Genova valparaiso come voce di sottofondo.

Nel 2009 Angela partecipa a Di Domenico plays Morricone - Sama Domè, un lavoro discografico del compositore e chitarrista napoletano Mauro Di Domenico (ex componente della Nuova Compagnia di Canto Popolare e degli Inti Illimani), interpretando in dialetto genovese il brano Genova valparaiso come voce di sottofondo.

Nel 2009 Angela partecipa a Di Domenico plays Morricone - Sama Domè, un lavoro discografico del compositore e chitarrista napoletano Mauro Di Domenico (ex componente della Nuova Compagnia di Canto Popolare e degli Inti Illimani), interpretando in dialetto genovese il brano Genova valparaiso come voce di sottofondo.

Nel 2009 Angela partecipa a Di Domenico plays Morricone - Sama Domè, un lavoro discografico del compositore e chitarrista napoletano Mauro Di Domenico (ex componente della Nuova Compagnia di Canto Popolare e degli Inti Illimani), interpretando in dialetto genovese il brano Genova valparaiso come voce di sottofondo.

Nel 1979 la canzone Mama, composta da Marina, Angelo e Franco, diventa la sigla del "Jet Quiz".

Nel 1979 la canzone Mama, composta da Marina, Angelo e Franco, diventa la sigla del "Jet Quiz".

Nel 1979 la canzone Mama, composta da Marina, Angelo e Franco, diventa la sigla del "Jet Quiz".

Nel 1979 la canzone Mama, composta da Marina, Angelo e Franco, diventa la sigla del "Jet Quiz".

Nel 1979 la canzone Mama, composta da Marina, Angelo e Franco, diventa la sigla del "Jet Quiz".

Nel 1979 la canzone Mama, composta da Marina, Angelo e Franco, diventa la sigla del "Jet Quiz".

Nel 1979 la canzone Mama, composta da Marina, Angelo e Franco, diventa la sigla del "Jet Quiz".

Nel 1978 rappresentano l'Italia all'Eurofestival di Parigi con Questo amore, tratta dall'omonimo album Questo amore e scritta da Mauro Lusini e Dario Farina.

Nel 1978 rappresentano l'Italia all'Eurofestival di Parigi con Questo amore, tratta dall'omonimo album Questo amore e scritta da Mauro Lusini e Dario Farina.

Nel 1978 rappresentano l'Italia all'Eurofestival di Parigi con Questo amore, tratta dall'omonimo album Questo amore e scritta da Mauro Lusini e Dario Farina.

Nel 1978 rappresentano l'Italia all'Eurofestival di Parigi con Questo amore, tratta dall'omonimo album Questo amore e scritta da Mauro Lusini e Dario Farina.

Nel 1978 rappresentano l'Italia all'Eurofestival di Parigi con Questo amore, tratta dall'omonimo album Questo amore e scritta da Mauro Lusini e Dario Farina.

Nel 1978 rappresentano l'Italia all'Eurofestival di Parigi con Questo amore, tratta dall'omonimo album Questo amore e scritta da Mauro Lusini e Dario Farina.

Nel 1978 rappresentano l'Italia all'Eurofestival di Parigi con Questo amore, tratta dall'omonimo album Questo amore e scritta da Mauro Lusini e Dario Farina.

Nel 1991 un terzetto musicale canadese chiamato Collage incide un album che comprende undici brani italiani, nove dei quali appartengono ai Ricchi e Poveri, adattati in francese.

Nel 1991 un terzetto musicale canadese chiamato Collage incide un album che comprende undici brani italiani, nove dei quali appartengono ai Ricchi e Poveri, adattati in francese.

Nel 1991 un terzetto musicale canadese chiamato Collage incide un album che comprende undici brani italiani, nove dei quali appartengono ai Ricchi e Poveri, adattati in francese.

Nel 1991 un terzetto musicale canadese chiamato Collage incide un album che comprende undici brani italiani, nove dei quali appartengono ai Ricchi e Poveri, adattati in francese.

Nel 1991 un terzetto musicale canadese chiamato Collage incide un album che comprende undici brani italiani, nove dei quali appartengono ai Ricchi e Poveri, adattati in francese.

Nel 1991 un terzetto musicale canadese chiamato Collage incide un album che comprende undici brani italiani, nove dei quali appartengono ai Ricchi e Poveri, adattati in francese.

Nel 1991 un terzetto musicale canadese chiamato Collage incide un album che comprende undici brani italiani, nove dei quali appartengono ai Ricchi e Poveri, adattati in francese.

Nel 2002 Angela Brambati è ospite su Rete 4 nel varietà canoro Testarda Io di Iva Zanicchi insieme ad altre voci femminili della musica italiana, nel quale ha occasione di interpretare Che sarà, Hey Jude dei Beatles, Almeno tu nell'universo di Mia Martini, e canzoni di Fabrizio De André e della stessa Zanicchi.

Nel 2002 Angela Brambati è ospite su Rete 4 nel varietà canoro Testarda Io di Iva Zanicchi insieme ad altre voci femminili della musica italiana, nel quale ha occasione di interpretare Che sarà, Hey Jude dei Beatles, Almeno tu nell'universo di Mia Martini, e canzoni di Fabrizio De André e della stessa Zanicchi.

Nel 2002 Angela Brambati è ospite su Rete 4 nel varietà canoro Testarda Io di Iva Zanicchi insieme ad altre voci femminili della musica italiana, nel quale ha occasione di interpretare Che sarà, Hey Jude dei Beatles, Almeno tu nell'universo di Mia Martini, e canzoni di Fabrizio De André e della stessa Zanicchi.

Nel 2002 Angela Brambati è ospite su Rete 4 nel varietà canoro Testarda Io di Iva Zanicchi insieme ad altre voci femminili della musica italiana, nel quale ha occasione di interpretare Che sarà, Hey Jude dei Beatles, Almeno tu nell'universo di Mia Martini, e canzoni di Fabrizio De André e della stessa Zanicchi.

Nel 2002 Angela Brambati è ospite su Rete 4 nel varietà canoro Testarda Io di Iva Zanicchi insieme ad altre voci femminili della musica italiana, nel quale ha occasione di interpretare Che sarà, Hey Jude dei Beatles, Almeno tu nell'universo di Mia Martini, e canzoni di Fabrizio De André e della stessa Zanicchi.

Nel 2002 Angela Brambati è ospite su Rete 4 nel varietà canoro Testarda Io di Iva Zanicchi insieme ad altre voci femminili della musica italiana, nel quale ha occasione di interpretare Che sarà, Hey Jude dei Beatles, Almeno tu nell'universo di Mia Martini, e canzoni di Fabrizio De André e della stessa Zanicchi.

Nel 2002 Angela Brambati è ospite su Rete 4 nel varietà canoro Testarda Io di Iva Zanicchi insieme ad altre voci femminili della musica italiana, nel quale ha occasione di interpretare Che sarà, Hey Jude dei Beatles, Almeno tu nell'universo di Mia Martini, e canzoni di Fabrizio De André e della stessa Zanicchi.

Nel 1990 partecipano nuovamente alla kermesse sanremese in coppia con Jorge Ben portando il brano Buona giornata, divenuta una sigla televisiva.

Nel 1990 partecipano nuovamente alla kermesse sanremese in coppia con Jorge Ben portando il brano Buona giornata, divenuta una sigla televisiva.

Nel 1990 partecipano nuovamente alla kermesse sanremese in coppia con Jorge Ben portando il brano Buona giornata, divenuta una sigla televisiva.

Nel 1990 partecipano nuovamente alla kermesse sanremese in coppia con Jorge Ben portando il brano Buona giornata, divenuta una sigla televisiva.

Nel 1990 partecipano nuovamente alla kermesse sanremese in coppia con Jorge Ben portando il brano Buona giornata, divenuta una sigla televisiva.

Nel 1990 partecipano nuovamente alla kermesse sanremese in coppia con Jorge Ben portando il brano Buona giornata, divenuta una sigla televisiva.

Nel 1990 partecipano nuovamente alla kermesse sanremese in coppia con Jorge Ben portando il brano Buona giornata, divenuta una sigla televisiva.

Nel 1971 prendono di nuovo parte al Festival di Sanremo, classificandosi nuovamente secondi con Che sarà, interpretata in abbinamento con José Feliciano.

Nel 1971 prendono di nuovo parte al Festival di Sanremo, classificandosi nuovamente secondi con Che sarà, interpretata in abbinamento con José Feliciano.

Nel 1971 prendono di nuovo parte al Festival di Sanremo, classificandosi nuovamente secondi con Che sarà, interpretata in abbinamento con José Feliciano.

Nel 1971 prendono di nuovo parte al Festival di Sanremo, classificandosi nuovamente secondi con Che sarà, interpretata in abbinamento con José Feliciano.

Nel 1971 prendono di nuovo parte al Festival di Sanremo, classificandosi nuovamente secondi con Che sarà, interpretata in abbinamento con José Feliciano.

Nel 1971 prendono di nuovo parte al Festival di Sanremo, classificandosi nuovamente secondi con Che sarà, interpretata in abbinamento con José Feliciano.

Nel 1971 prendono di nuovo parte al Festival di Sanremo, classificandosi nuovamente secondi con Che sarà, interpretata in abbinamento con José Feliciano.

Nel 1993, per l'appunto, concludono un contratto come conduttori per 200 puntate su Mediaset del programma Domenica a casa nostra con Patrizia Rossetti.

Nel 1993, per l'appunto, concludono un contratto come conduttori per 200 puntate su Mediaset del programma Domenica a casa nostra con Patrizia Rossetti.

Nel 1993, per l'appunto, concludono un contratto come conduttori per 200 puntate su Mediaset del programma Domenica a casa nostra con Patrizia Rossetti.

Nel 1993, per l'appunto, concludono un contratto come conduttori per 200 puntate su Mediaset del programma Domenica a casa nostra con Patrizia Rossetti.

Nel 1993, per l'appunto, concludono un contratto come conduttori per 200 puntate su Mediaset del programma Domenica a casa nostra con Patrizia Rossetti.

Nel 1993, per l'appunto, concludono un contratto come conduttori per 200 puntate su Mediaset del programma Domenica a casa nostra con Patrizia Rossetti.

Nel 1993, per l'appunto, concludono un contratto come conduttori per 200 puntate su Mediaset del programma Domenica a casa nostra con Patrizia Rossetti.

Nel 2004 partecipano alla prima edizione del reality show di Rai 2 Music Farm, condotto quell'anno da Amadeus, vincendo a sorpresa la sfida contro Loredana Bertè e arrivando terzi nella graduatoria finale.

Nel 2004 partecipano alla prima edizione del reality show di Rai 2 Music Farm, condotto quell'anno da Amadeus, vincendo a sorpresa la sfida contro Loredana Bertè e arrivando terzi nella graduatoria finale.

Nel 2004 partecipano alla prima edizione del reality show di Rai 2 Music Farm, condotto quell'anno da Amadeus, vincendo a sorpresa la sfida contro Loredana Bertè e arrivando terzi nella graduatoria finale.

Nel 2004 partecipano alla prima edizione del reality show di Rai 2 Music Farm, condotto quell'anno da Amadeus, vincendo a sorpresa la sfida contro Loredana Bertè e arrivando terzi nella graduatoria finale.

Nel 2004 partecipano alla prima edizione del reality show di Rai 2 Music Farm, condotto quell'anno da Amadeus, vincendo a sorpresa la sfida contro Loredana Bertè e arrivando terzi nella graduatoria finale.

Nel 2004 partecipano alla prima edizione del reality show di Rai 2 Music Farm, condotto quell'anno da Amadeus, vincendo a sorpresa la sfida contro Loredana Bertè e arrivando terzi nella graduatoria finale.

Nel 2004 partecipano alla prima edizione del reality show di Rai 2 Music Farm, condotto quell'anno da Amadeus, vincendo a sorpresa la sfida contro Loredana Bertè e arrivando terzi nella graduatoria finale.

Nel 1970 partecipano per la prima volta al Festival della canzone italiana di Sanremo prendendo il posto di Gianni Morandi e arrivando secondi cantando, in coppia con Nicola Di Bari, la canzone La prima cosa bella, il loro primo vero successo, contenuto nell'album che porta il nome del gruppo, Ricchi e Poveri, realizzato per l'etichetta di Edoardo Vianello, l'Apollo Records.

Nel 1970 partecipano per la prima volta al Festival della canzone italiana di Sanremo prendendo il posto di Gianni Morandi e arrivando secondi cantando, in coppia con Nicola Di Bari, la canzone La prima cosa bella, il loro primo vero successo, contenuto nell'album che porta il nome del gruppo, Ricchi e Poveri, realizzato per l'etichetta di Edoardo Vianello, l'Apollo Records.

Nel 1970 partecipano per la prima volta al Festival della canzone italiana di Sanremo prendendo il posto di Gianni Morandi e arrivando secondi cantando, in coppia con Nicola Di Bari, la canzone La prima cosa bella, il loro primo vero successo, contenuto nell'album che porta il nome del gruppo, Ricchi e Poveri, realizzato per l'etichetta di Edoardo Vianello, l'Apollo Records.

Nel 1970 partecipano per la prima volta al Festival della canzone italiana di Sanremo prendendo il posto di Gianni Morandi e arrivando secondi cantando, in coppia con Nicola Di Bari, la canzone La prima cosa bella, il loro primo vero successo, contenuto nell'album che porta il nome del gruppo, Ricchi e Poveri, realizzato per l'etichetta di Edoardo Vianello, l'Apollo Records.

Nel 1970 partecipano per la prima volta al Festival della canzone italiana di Sanremo prendendo il posto di Gianni Morandi e arrivando secondi cantando, in coppia con Nicola Di Bari, la canzone La prima cosa bella, il loro primo vero successo, contenuto nell'album che porta il nome del gruppo, Ricchi e Poveri, realizzato per l'etichetta di Edoardo Vianello, l'Apollo Records.

Nel 1970 partecipano per la prima volta al Festival della canzone italiana di Sanremo prendendo il posto di Gianni Morandi e arrivando secondi cantando, in coppia con Nicola Di Bari, la canzone La prima cosa bella, il loro primo vero successo, contenuto nell'album che porta il nome del gruppo, Ricchi e Poveri, realizzato per l'etichetta di Edoardo Vianello, l'Apollo Records.

Nel 1970 partecipano per la prima volta al Festival della canzone italiana di Sanremo prendendo il posto di Gianni Morandi e arrivando secondi cantando, in coppia con Nicola Di Bari, la canzone La prima cosa bella, il loro primo vero successo, contenuto nell'album che porta il nome del gruppo, Ricchi e Poveri, realizzato per l'etichetta di Edoardo Vianello, l'Apollo Records.

Nel 1992 i Ricchi e Poveri salgono sul palco di Sanremo (e questa, ad oggi, risulta essere l'ultima delle dodici partecipazioni festivaliere) con la canzone Così Lontani, scritta, musica e parole, da Toto Cutugno.

Nel 1992 i Ricchi e Poveri salgono sul palco di Sanremo (e questa, ad oggi, risulta essere l'ultima delle dodici partecipazioni festivaliere) con la canzone Così Lontani, scritta, musica e parole, da Toto Cutugno.

Nel 1992 i Ricchi e Poveri salgono sul palco di Sanremo (e questa, ad oggi, risulta essere l'ultima delle dodici partecipazioni festivaliere) con la canzone Così Lontani, scritta, musica e parole, da Toto Cutugno.

Nel 1992 i Ricchi e Poveri salgono sul palco di Sanremo (e questa, ad oggi, risulta essere l'ultima delle dodici partecipazioni festivaliere) con la canzone Così Lontani, scritta, musica e parole, da Toto Cutugno.

Nel 1992 i Ricchi e Poveri salgono sul palco di Sanremo (e questa, ad oggi, risulta essere l'ultima delle dodici partecipazioni festivaliere) con la canzone Così Lontani, scritta, musica e parole, da Toto Cutugno.

Nel 1992 i Ricchi e Poveri salgono sul palco di Sanremo (e questa, ad oggi, risulta essere l'ultima delle dodici partecipazioni festivaliere) con la canzone Così Lontani, scritta, musica e parole, da Toto Cutugno.

Nel 1992 i Ricchi e Poveri salgono sul palco di Sanremo (e questa, ad oggi, risulta essere l'ultima delle dodici partecipazioni festivaliere) con la canzone Così Lontani, scritta, musica e parole, da Toto Cutugno.

Nel 1995 sono ospiti nell'album Belinlandia del gruppo genovese Buio Pesto, col quale cantano il brano A vitta insemme (La vita insieme), scritto da Angelo Sotgiu e da Massimo Morini.

Nel 1995 sono ospiti nell'album Belinlandia del gruppo genovese Buio Pesto, col quale cantano il brano A vitta insemme (La vita insieme), scritto da Angelo Sotgiu e da Massimo Morini.

Nel 1995 sono ospiti nell'album Belinlandia del gruppo genovese Buio Pesto, col quale cantano il brano A vitta insemme (La vita insieme), scritto da Angelo Sotgiu e da Massimo Morini.

Nel 1995 sono ospiti nell'album Belinlandia del gruppo genovese Buio Pesto, col quale cantano il brano A vitta insemme (La vita insieme), scritto da Angelo Sotgiu e da Massimo Morini.

Nel 1995 sono ospiti nell'album Belinlandia del gruppo genovese Buio Pesto, col quale cantano il brano A vitta insemme (La vita insieme), scritto da Angelo Sotgiu e da Massimo Morini.

Nel 1995 sono ospiti nell'album Belinlandia del gruppo genovese Buio Pesto, col quale cantano il brano A vitta insemme (La vita insieme), scritto da Angelo Sotgiu e da Massimo Morini.

Nel 1995 sono ospiti nell'album Belinlandia del gruppo genovese Buio Pesto, col quale cantano il brano A vitta insemme (La vita insieme), scritto da Angelo Sotgiu e da Massimo Morini.

Nel 2006 sono fra gli ospiti del Mardì Gras al Friendly Versilia, il più rilevante fenomeno di turismo gay in Italia.

Nel 2006 sono fra gli ospiti del Mardì Gras al Friendly Versilia, il più rilevante fenomeno di turismo gay in Italia.

Nel 2006 sono fra gli ospiti del Mardì Gras al Friendly Versilia, il più rilevante fenomeno di turismo gay in Italia.

Nel 2006 sono fra gli ospiti del Mardì Gras al Friendly Versilia, il più rilevante fenomeno di turismo gay in Italia.

Nel 2006 sono fra gli ospiti del Mardì Gras al Friendly Versilia, il più rilevante fenomeno di turismo gay in Italia.

Nel 2006 sono fra gli ospiti del Mardì Gras al Friendly Versilia, il più rilevante fenomeno di turismo gay in Italia.

Nel 2006 sono fra gli ospiti del Mardì Gras al Friendly Versilia, il più rilevante fenomeno di turismo gay in Italia.

Nel 1972 diventano testimonial della Fiesta Snack, prodotto della nota azienda dolciaria Ferrero, e ritornano al Festival di Sanremo con un brano intitolato Un diadema di ciliegie, scritto dal musicista torinese Romano Bertola (anche autore della musica per lo spot della Fiesta), che non riesce a eguagliare il successo dei due brani precedentemente portati alla manifestazione, piazzandosi soltanto all'11º posto, ma colpisce per il gioco vocale del quartetto.

Nel 1972 diventano testimonial della Fiesta Snack, prodotto della nota azienda dolciaria Ferrero, e ritornano al Festival di Sanremo con un brano intitolato Un diadema di ciliegie, scritto dal musicista torinese Romano Bertola (anche autore della musica per lo spot della Fiesta), che non riesce a eguagliare il successo dei due brani precedentemente portati alla manifestazione, piazzandosi soltanto all'11º posto, ma colpisce per il gioco vocale del quartetto.

Nel 1972 diventano testimonial della Fiesta Snack, prodotto della nota azienda dolciaria Ferrero, e ritornano al Festival di Sanremo con un brano intitolato Un diadema di ciliegie, scritto dal musicista torinese Romano Bertola (anche autore della musica per lo spot della Fiesta), che non riesce a eguagliare il successo dei due brani precedentemente portati alla manifestazione, piazzandosi soltanto all'11º posto, ma colpisce per il gioco vocale del quartetto.

Nel 1972 diventano testimonial della Fiesta Snack, prodotto della nota azienda dolciaria Ferrero, e ritornano al Festival di Sanremo con un brano intitolato Un diadema di ciliegie, scritto dal musicista torinese Romano Bertola (anche autore della musica per lo spot della Fiesta), che non riesce a eguagliare il successo dei due brani precedentemente portati alla manifestazione, piazzandosi soltanto all'11º posto, ma colpisce per il gioco vocale del quartetto.

Nel 1972 diventano testimonial della Fiesta Snack, prodotto della nota azienda dolciaria Ferrero, e ritornano al Festival di Sanremo con un brano intitolato Un diadema di ciliegie, scritto dal musicista torinese Romano Bertola (anche autore della musica per lo spot della Fiesta), che non riesce a eguagliare il successo dei due brani precedentemente portati alla manifestazione, piazzandosi soltanto all'11º posto, ma colpisce per il gioco vocale del quartetto.

Nel 1972 diventano testimonial della Fiesta Snack, prodotto della nota azienda dolciaria Ferrero, e ritornano al Festival di Sanremo con un brano intitolato Un diadema di ciliegie, scritto dal musicista torinese Romano Bertola (anche autore della musica per lo spot della Fiesta), che non riesce a eguagliare il successo dei due brani precedentemente portati alla manifestazione, piazzandosi soltanto all'11º posto, ma colpisce per il gioco vocale del quartetto.

Nel 1972 diventano testimonial della Fiesta Snack, prodotto della nota azienda dolciaria Ferrero, e ritornano al Festival di Sanremo con un brano intitolato Un diadema di ciliegie, scritto dal musicista torinese Romano Bertola (anche autore della musica per lo spot della Fiesta), che non riesce a eguagliare il successo dei due brani precedentemente portati alla manifestazione, piazzandosi soltanto all'11º posto, ma colpisce per il gioco vocale del quartetto.

Nel 1994 incidono un CD per la Pull dal titolo Los grandes exitos, in distribuzione per il mercato spagnolo, contenente il loro hit Besamonos, cantato in lingua.

Dal 1994 al 1998 alternano, con riscontri sempre positivi, tour in Italia e all'estero, partecipando anche a show televisivi, in Francia, Germania, Belgio, Spagna, Regno Unito, Australia, Moldavia, Georgia, Lituania, Albania, Slovenia, Ungheria, Bulgaria, Turchia, Israele, Russia, Argentina, Canada, USA.

Nel 1994 incidono un CD per la Pull dal titolo Los grandes exitos, in distribuzione per il mercato spagnolo, contenente il loro hit Besamonos, cantato in lingua.

Dal 1994 al 1998 alternano, con riscontri sempre positivi, tour in Italia e all'estero, partecipando anche a show televisivi, in Francia, Germania, Belgio, Spagna, Regno Unito, Australia, Moldavia, Georgia, Lituania, Albania, Slovenia, Ungheria, Bulgaria, Turchia, Israele, Russia, Argentina, Canada, USA.

Nel 1994 incidono un CD per la Pull dal titolo Los grandes exitos, in distribuzione per il mercato spagnolo, contenente il loro hit Besamonos, cantato in lingua.

Dal 1994 al 1998 alternano, con riscontri sempre positivi, tour in Italia e all'estero, partecipando anche a show televisivi, in Francia, Germania, Belgio, Spagna, Regno Unito, Australia, Moldavia, Georgia, Lituania, Albania, Slovenia, Ungheria, Bulgaria, Turchia, Israele, Russia, Argentina, Canada, USA.

Nel 1994 incidono un CD per la Pull dal titolo Los grandes exitos, in distribuzione per il mercato spagnolo, contenente il loro hit Besamonos, cantato in lingua.

Dal 1994 al 1998 alternano, con riscontri sempre positivi, tour in Italia e all'estero, partecipando anche a show televisivi, in Francia, Germania, Belgio, Spagna, Regno Unito, Australia, Moldavia, Georgia, Lituania, Albania, Slovenia, Ungheria, Bulgaria, Turchia, Israele, Russia, Argentina, Canada, USA.

Nel 1994 incidono un CD per la Pull dal titolo Los grandes exitos, in distribuzione per il mercato spagnolo, contenente il loro hit Besamonos, cantato in lingua.

Dal 1994 al 1998 alternano, con riscontri sempre positivi, tour in Italia e all'estero, partecipando anche a show televisivi, in Francia, Germania, Belgio, Spagna, Regno Unito, Australia, Moldavia, Georgia, Lituania, Albania, Slovenia, Ungheria, Bulgaria, Turchia, Israele, Russia, Argentina, Canada, USA.

Nel 1994 incidono un CD per la Pull dal titolo Los grandes exitos, in distribuzione per il mercato spagnolo, contenente il loro hit Besamonos, cantato in lingua.

Dal 1994 al 1998 alternano, con riscontri sempre positivi, tour in Italia e all'estero, partecipando anche a show televisivi, in Francia, Germania, Belgio, Spagna, Regno Unito, Australia, Moldavia, Georgia, Lituania, Albania, Slovenia, Ungheria, Bulgaria, Turchia, Israele, Russia, Argentina, Canada, USA.

Nel 1994 incidono un CD per la Pull dal titolo Los grandes exitos, in distribuzione per il mercato spagnolo, contenente il loro hit Besamonos, cantato in lingua.

Dal 1994 al 1998 alternano, con riscontri sempre positivi, tour in Italia e all'estero, partecipando anche a show televisivi, in Francia, Germania, Belgio, Spagna, Regno Unito, Australia, Moldavia, Georgia, Lituania, Albania, Slovenia, Ungheria, Bulgaria, Turchia, Israele, Russia, Argentina, Canada, USA.

Nel 1974, a conclusione della gara canora, entrano a far parte del progetto teatrale "Teatro Music Hall", organizzato da Pippo Baudo (il titolo dello spettacolo è proprio quello della canzone: Penso, sorrido e canto).

Nel 1974, a conclusione della gara canora, entrano a far parte del progetto teatrale "Teatro Music Hall", organizzato da Pippo Baudo (il titolo dello spettacolo è proprio quello della canzone: Penso, sorrido e canto).

Nel 1974, a conclusione della gara canora, entrano a far parte del progetto teatrale "Teatro Music Hall", organizzato da Pippo Baudo (il titolo dello spettacolo è proprio quello della canzone: Penso, sorrido e canto).

Nel 1974, a conclusione della gara canora, entrano a far parte del progetto teatrale "Teatro Music Hall", organizzato da Pippo Baudo (il titolo dello spettacolo è proprio quello della canzone: Penso, sorrido e canto).

Nel 1974, a conclusione della gara canora, entrano a far parte del progetto teatrale "Teatro Music Hall", organizzato da Pippo Baudo (il titolo dello spettacolo è proprio quello della canzone: Penso, sorrido e canto).

Nel 1974, a conclusione della gara canora, entrano a far parte del progetto teatrale "Teatro Music Hall", organizzato da Pippo Baudo (il titolo dello spettacolo è proprio quello della canzone: Penso, sorrido e canto).

Nel 1974, a conclusione della gara canora, entrano a far parte del progetto teatrale "Teatro Music Hall", organizzato da Pippo Baudo (il titolo dello spettacolo è proprio quello della canzone: Penso, sorrido e canto).

Nel 1988 tornano a Sanremo proponendo Nascerà Gesù.

Nel 1988 tornano a Sanremo proponendo Nascerà Gesù.

Nel 1988 tornano a Sanremo proponendo Nascerà Gesù.

Nel 1988 tornano a Sanremo proponendo Nascerà Gesù.

Nel 1988 tornano a Sanremo proponendo Nascerà Gesù.

Nel 1988 tornano a Sanremo proponendo Nascerà Gesù.

Nel 1988 tornano a Sanremo proponendo Nascerà Gesù.

Nel 1987 partecipano nuovamente al Festival di Sanremo con la nota Canzone d'amore, composta da Toto Cutugno, e arrivano settimi.

Nel 1987 partecipano nuovamente al Festival di Sanremo con la nota Canzone d'amore, composta da Toto Cutugno, e arrivano settimi.

Nel 1987 partecipano nuovamente al Festival di Sanremo con la nota Canzone d'amore, composta da Toto Cutugno, e arrivano settimi.

Nel 1987 partecipano nuovamente al Festival di Sanremo con la nota Canzone d'amore, composta da Toto Cutugno, e arrivano settimi.

Nel 1987 partecipano nuovamente al Festival di Sanremo con la nota Canzone d'amore, composta da Toto Cutugno, e arrivano settimi.

Nel 1987 partecipano nuovamente al Festival di Sanremo con la nota Canzone d'amore, composta da Toto Cutugno, e arrivano settimi.

Nel 1987 partecipano nuovamente al Festival di Sanremo con la nota Canzone d'amore, composta da Toto Cutugno, e arrivano settimi.

Nel 1989 li ritroviamo sul palco dell'Ariston con Chi voglio sei tu, duetto interpretato da Angelo e Angela, scritto per loro da Piero Cassano e Adelio Cogliati, autori e produttori di Eros Ramazzotti.

Nel 1989 li ritroviamo sul palco dell'Ariston con Chi voglio sei tu, duetto interpretato da Angelo e Angela, scritto per loro da Piero Cassano e Adelio Cogliati, autori e produttori di Eros Ramazzotti.

Nel 1989 li ritroviamo sul palco dell'Ariston con Chi voglio sei tu, duetto interpretato da Angelo e Angela, scritto per loro da Piero Cassano e Adelio Cogliati, autori e produttori di Eros Ramazzotti.

Nel 1989 li ritroviamo sul palco dell'Ariston con Chi voglio sei tu, duetto interpretato da Angelo e Angela, scritto per loro da Piero Cassano e Adelio Cogliati, autori e produttori di Eros Ramazzotti.

Nel 1989 li ritroviamo sul palco dell'Ariston con Chi voglio sei tu, duetto interpretato da Angelo e Angela, scritto per loro da Piero Cassano e Adelio Cogliati, autori e produttori di Eros Ramazzotti.

Nel 1989 li ritroviamo sul palco dell'Ariston con Chi voglio sei tu, duetto interpretato da Angelo e Angela, scritto per loro da Piero Cassano e Adelio Cogliati, autori e produttori di Eros Ramazzotti.

Nel 1989 li ritroviamo sul palco dell'Ariston con Chi voglio sei tu, duetto interpretato da Angelo e Angela, scritto per loro da Piero Cassano e Adelio Cogliati, autori e produttori di Eros Ramazzotti.

Nel 1969, esce un nuovo singolo, Si fa chiara la notte, che sul retro contiene il brano Era mercoledì, scritta da Sotgiu e Gatti.

Nel 1969, esce un nuovo singolo, Si fa chiara la notte, che sul retro contiene il brano Era mercoledì, scritta da Sotgiu e Gatti.

Nel 1969, esce un nuovo singolo, Si fa chiara la notte, che sul retro contiene il brano Era mercoledì, scritta da Sotgiu e Gatti.

Nel 1969, esce un nuovo singolo, Si fa chiara la notte, che sul retro contiene il brano Era mercoledì, scritta da Sotgiu e Gatti.

Nel 1969, esce un nuovo singolo, Si fa chiara la notte, che sul retro contiene il brano Era mercoledì, scritta da Sotgiu e Gatti.

Nel 1969, esce un nuovo singolo, Si fa chiara la notte, che sul retro contiene il brano Era mercoledì, scritta da Sotgiu e Gatti.

Nel 1969, esce un nuovo singolo, Si fa chiara la notte, che sul retro contiene il brano Era mercoledì, scritta da Sotgiu e Gatti.

Nel 1980 passano alla Baby Records pubblicando l'ultimo album come quartetto dal titolo La stagione dell'amore, un disco dalle sonorità dance costituito da canzoni con testi inglesi alternati a brani in italiano, di cui sono autori Cristiano Minellono e Toto Cutugno (che quell'anno trionfa per due volte: come interprete a Sanremo, dove vince con Solo noi, e come autore al Festivalbar, dove firma la canzone che vince la manifestazione, Olympic Games, di Miguel Bosé), mentre gli arrangiamenti sono curati da Mats Bjorklund.

Nel 1980 passano alla Baby Records pubblicando l'ultimo album come quartetto dal titolo La stagione dell'amore, un disco dalle sonorità dance costituito da canzoni con testi inglesi alternati a brani in italiano, di cui sono autori Cristiano Minellono e Toto Cutugno (che quell'anno trionfa per due volte: come interprete a Sanremo, dove vince con Solo noi, e come autore al Festivalbar, dove firma la canzone che vince la manifestazione, Olympic Games, di Miguel Bosé), mentre gli arrangiamenti sono curati da Mats Bjorklund.

Nel 1980 passano alla Baby Records pubblicando l'ultimo album come quartetto dal titolo La stagione dell'amore, un disco dalle sonorità dance costituito da canzoni con testi inglesi alternati a brani in italiano, di cui sono autori Cristiano Minellono e Toto Cutugno (che quell'anno trionfa per due volte: come interprete a Sanremo, dove vince con Solo noi, e come autore al Festivalbar, dove firma la canzone che vince la manifestazione, Olympic Games, di Miguel Bosé), mentre gli arrangiamenti sono curati da Mats Bjorklund.

Nel 1980 passano alla Baby Records pubblicando l'ultimo album come quartetto dal titolo La stagione dell'amore, un disco dalle sonorità dance costituito da canzoni con testi inglesi alternati a brani in italiano, di cui sono autori Cristiano Minellono e Toto Cutugno (che quell'anno trionfa per due volte: come interprete a Sanremo, dove vince con Solo noi, e come autore al Festivalbar, dove firma la canzone che vince la manifestazione, Olympic Games, di Miguel Bosé), mentre gli arrangiamenti sono curati da Mats Bjorklund.

Nel 1980 passano alla Baby Records pubblicando l'ultimo album come quartetto dal titolo La stagione dell'amore, un disco dalle sonorità dance costituito da canzoni con testi inglesi alternati a brani in italiano, di cui sono autori Cristiano Minellono e Toto Cutugno (che quell'anno trionfa per due volte: come interprete a Sanremo, dove vince con Solo noi, e come autore al Festivalbar, dove firma la canzone che vince la manifestazione, Olympic Games, di Miguel Bosé), mentre gli arrangiamenti sono curati da Mats Bjorklund.

Nel 1980 passano alla Baby Records pubblicando l'ultimo album come quartetto dal titolo La stagione dell'amore, un disco dalle sonorità dance costituito da canzoni con testi inglesi alternati a brani in italiano, di cui sono autori Cristiano Minellono e Toto Cutugno (che quell'anno trionfa per due volte: come interprete a Sanremo, dove vince con Solo noi, e come autore al Festivalbar, dove firma la canzone che vince la manifestazione, Olympic Games, di Miguel Bosé), mentre gli arrangiamenti sono curati da Mats Bjorklund.

Nel 1980 passano alla Baby Records pubblicando l'ultimo album come quartetto dal titolo La stagione dell'amore, un disco dalle sonorità dance costituito da canzoni con testi inglesi alternati a brani in italiano, di cui sono autori Cristiano Minellono e Toto Cutugno (che quell'anno trionfa per due volte: come interprete a Sanremo, dove vince con Solo noi, e come autore al Festivalbar, dove firma la canzone che vince la manifestazione, Olympic Games, di Miguel Bosé), mentre gli arrangiamenti sono curati da Mats Bjorklund.

Nel 2013 il conduttore Fabio Fazio li contatta con l'intenzione di invitarli come ospiti d'onore alla 63ª edizione del Festival di Sanremo, che condurrà a fianco della comica torinese Luciana Littizzetto, per ritirare un premio alla carriera.

Nel 2013 il conduttore Fabio Fazio li contatta con l'intenzione di invitarli come ospiti d'onore alla 63ª edizione del Festival di Sanremo, che condurrà a fianco della comica torinese Luciana Littizzetto, per ritirare un premio alla carriera.

Nel 2013 il conduttore Fabio Fazio li contatta con l'intenzione di invitarli come ospiti d'onore alla 63ª edizione del Festival di Sanremo, che condurrà a fianco della comica torinese Luciana Littizzetto, per ritirare un premio alla carriera.

Nel 2013 il conduttore Fabio Fazio li contatta con l'intenzione di invitarli come ospiti d'onore alla 63ª edizione del Festival di Sanremo, che condurrà a fianco della comica torinese Luciana Littizzetto, per ritirare un premio alla carriera.

Nel 2013 il conduttore Fabio Fazio li contatta con l'intenzione di invitarli come ospiti d'onore alla 63ª edizione del Festival di Sanremo, che condurrà a fianco della comica torinese Luciana Littizzetto, per ritirare un premio alla carriera.

Nel 2013 il conduttore Fabio Fazio li contatta con l'intenzione di invitarli come ospiti d'onore alla 63ª edizione del Festival di Sanremo, che condurrà a fianco della comica torinese Luciana Littizzetto, per ritirare un premio alla carriera.

Nel 2013 il conduttore Fabio Fazio li contatta con l'intenzione di invitarli come ospiti d'onore alla 63ª edizione del Festival di Sanremo, che condurrà a fianco della comica torinese Luciana Littizzetto, per ritirare un premio alla carriera.

Nel 2012 assistiamo al ritorno del gruppo con un nuovo album per celebrare i 45 anni di carriera chiamato Perdutamente amore (Azzurra Music) e contenente 4 nuovi brani: Amore odio, Musica vita mia, Dimmi che mi ami e l'omonima canzone tratta dal titolo dell'album.

Nel 2012 assistiamo al ritorno del gruppo con un nuovo album per celebrare i 45 anni di carriera chiamato Perdutamente amore (Azzurra Music) e contenente 4 nuovi brani: Amore odio, Musica vita mia, Dimmi che mi ami e l'omonima canzone tratta dal titolo dell'album.

Nel 2012 assistiamo al ritorno del gruppo con un nuovo album per celebrare i 45 anni di carriera chiamato Perdutamente amore (Azzurra Music) e contenente 4 nuovi brani: Amore odio, Musica vita mia, Dimmi che mi ami e l'omonima canzone tratta dal titolo dell'album.

Nel 2012 assistiamo al ritorno del gruppo con un nuovo album per celebrare i 45 anni di carriera chiamato Perdutamente amore (Azzurra Music) e contenente 4 nuovi brani: Amore odio, Musica vita mia, Dimmi che mi ami e l'omonima canzone tratta dal titolo dell'album.

Nel 2012 assistiamo al ritorno del gruppo con un nuovo album per celebrare i 45 anni di carriera chiamato Perdutamente amore (Azzurra Music) e contenente 4 nuovi brani: Amore odio, Musica vita mia, Dimmi che mi ami e l'omonima canzone tratta dal titolo dell'album.

Nel 2012 assistiamo al ritorno del gruppo con un nuovo album per celebrare i 45 anni di carriera chiamato Perdutamente amore (Azzurra Music) e contenente 4 nuovi brani: Amore odio, Musica vita mia, Dimmi che mi ami e l'omonima canzone tratta dal titolo dell'album.

Nel 2012 assistiamo al ritorno del gruppo con un nuovo album per celebrare i 45 anni di carriera chiamato Perdutamente amore (Azzurra Music) e contenente 4 nuovi brani: Amore odio, Musica vita mia, Dimmi che mi ami e l'omonima canzone tratta dal titolo dell'album.

Nel 1982 effettuano un lungo tour in Spagna dove escono le versioni spagnole dei loro singoli del 1981, Me enamoro de ti e Será porque te amo che scalano le classifiche iberiche.

Nel 1982 effettuano un lungo tour in Spagna dove escono le versioni spagnole dei loro singoli del 1981, Me enamoro de ti e Será porque te amo che scalano le classifiche iberiche.

Nel 1982 effettuano un lungo tour in Spagna dove escono le versioni spagnole dei loro singoli del 1981, Me enamoro de ti e Será porque te amo che scalano le classifiche iberiche.

Nel 1982 effettuano un lungo tour in Spagna dove escono le versioni spagnole dei loro singoli del 1981, Me enamoro de ti e Será porque te amo che scalano le classifiche iberiche.

Nel 1982 effettuano un lungo tour in Spagna dove escono le versioni spagnole dei loro singoli del 1981, Me enamoro de ti e Será porque te amo che scalano le classifiche iberiche.

Nel 1982 effettuano un lungo tour in Spagna dove escono le versioni spagnole dei loro singoli del 1981, Me enamoro de ti e Será porque te amo che scalano le classifiche iberiche.

Nel 1982 effettuano un lungo tour in Spagna dove escono le versioni spagnole dei loro singoli del 1981, Me enamoro de ti e Será porque te amo che scalano le classifiche iberiche.

Il 6 marzo 2015 debutta con successo al Teatro Nazionale di Milano il musical Sarà perché ti amo una canzone e molto di più!, scritto e diretto da Alfonso Lambo, con le coreografie di Andrea Verzicco, prodotto da Kansas Dj Produzioni.

Il 6 marzo 2015 debutta con successo al Teatro Nazionale di Milano il musical Sarà perché ti amo una canzone e molto di più!, scritto e diretto da Alfonso Lambo, con le coreografie di Andrea Verzicco, prodotto da Kansas Dj Produzioni.

Il 6 marzo 2015 debutta con successo al Teatro Nazionale di Milano il musical Sarà perché ti amo una canzone e molto di più!, scritto e diretto da Alfonso Lambo, con le coreografie di Andrea Verzicco, prodotto da Kansas Dj Produzioni.

Il 6 marzo 2015 debutta con successo al Teatro Nazionale di Milano il musical Sarà perché ti amo una canzone e molto di più!, scritto e diretto da Alfonso Lambo, con le coreografie di Andrea Verzicco, prodotto da Kansas Dj Produzioni.

Il 6 marzo 2015 debutta con successo al Teatro Nazionale di Milano il musical Sarà perché ti amo una canzone e molto di più!, scritto e diretto da Alfonso Lambo, con le coreografie di Andrea Verzicco, prodotto da Kansas Dj Produzioni.

Il 6 marzo 2015 debutta con successo al Teatro Nazionale di Milano il musical Sarà perché ti amo una canzone e molto di più!, scritto e diretto da Alfonso Lambo, con le coreografie di Andrea Verzicco, prodotto da Kansas Dj Produzioni.

Il 6 marzo 2015 debutta con successo al Teatro Nazionale di Milano il musical Sarà perché ti amo una canzone e molto di più!, scritto e diretto da Alfonso Lambo, con le coreografie di Andrea Verzicco, prodotto da Kansas Dj Produzioni.

Nel 1981 Marina lascia il gruppo a causa di forti contrasti con Angela e tenta l'avventura da solista.

Nel 1981 Marina lascia il gruppo a causa di forti contrasti con Angela e tenta l'avventura da solista.

Nel 1981 Marina lascia il gruppo a causa di forti contrasti con Angela e tenta l'avventura da solista.

Nel 1981 Marina lascia il gruppo a causa di forti contrasti con Angela e tenta l'avventura da solista.

Nel 1981 Marina lascia il gruppo a causa di forti contrasti con Angela e tenta l'avventura da solista.

Nel 1981 Marina lascia il gruppo a causa di forti contrasti con Angela e tenta l'avventura da solista.

Nel 1981 Marina lascia il gruppo a causa di forti contrasti con Angela e tenta l'avventura da solista.

Nel 1984 parte il loro tour in Cecoslovacchia e Germania dell'Est, vincono la trasmissione Vota la voce con l'allegra Hasta la vista in qualità di miglior gruppo musicale dell'anno, ed esce una raccolta dal titolo Ieri e oggi nella quale vengono proposti cinque brani eseguiti nella formazione a quattro negli anni settanta e cinque provenienti dall'album E penso a te del 1981.

Nel 1984 parte il loro tour in Cecoslovacchia e Germania dell'Est, vincono la trasmissione Vota la voce con l'allegra Hasta la vista in qualità di miglior gruppo musicale dell'anno, ed esce una raccolta dal titolo Ieri e oggi nella quale vengono proposti cinque brani eseguiti nella formazione a quattro negli anni settanta e cinque provenienti dall'album E penso a te del 1981.

Nel 1984 parte il loro tour in Cecoslovacchia e Germania dell'Est, vincono la trasmissione Vota la voce con l'allegra Hasta la vista in qualità di miglior gruppo musicale dell'anno, ed esce una raccolta dal titolo Ieri e oggi nella quale vengono proposti cinque brani eseguiti nella formazione a quattro negli anni settanta e cinque provenienti dall'album E penso a te del 1981.

Nel 1984 parte il loro tour in Cecoslovacchia e Germania dell'Est, vincono la trasmissione Vota la voce con l'allegra Hasta la vista in qualità di miglior gruppo musicale dell'anno, ed esce una raccolta dal titolo Ieri e oggi nella quale vengono proposti cinque brani eseguiti nella formazione a quattro negli anni settanta e cinque provenienti dall'album E penso a te del 1981.

Nel 1984 parte il loro tour in Cecoslovacchia e Germania dell'Est, vincono la trasmissione Vota la voce con l'allegra Hasta la vista in qualità di miglior gruppo musicale dell'anno, ed esce una raccolta dal titolo Ieri e oggi nella quale vengono proposti cinque brani eseguiti nella formazione a quattro negli anni settanta e cinque provenienti dall'album E penso a te del 1981.

Nel 1984 parte il loro tour in Cecoslovacchia e Germania dell'Est, vincono la trasmissione Vota la voce con l'allegra Hasta la vista in qualità di miglior gruppo musicale dell'anno, ed esce una raccolta dal titolo Ieri e oggi nella quale vengono proposti cinque brani eseguiti nella formazione a quattro negli anni settanta e cinque provenienti dall'album E penso a te del 1981.

Nel 1984 parte il loro tour in Cecoslovacchia e Germania dell'Est, vincono la trasmissione Vota la voce con l'allegra Hasta la vista in qualità di miglior gruppo musicale dell'anno, ed esce una raccolta dal titolo Ieri e oggi nella quale vengono proposti cinque brani eseguiti nella formazione a quattro negli anni settanta e cinque provenienti dall'album E penso a te del 1981.

Il 20 gennaio 2017 viene pubblicato su YouTube da Vevo il videoclip ufficiale, mentre il 27 marzo parte la rotazione radiofonica e la conseguente promozione nei principali network.

Il 20 gennaio 2017 viene pubblicato su YouTube da Vevo il videoclip ufficiale, mentre il 27 marzo parte la rotazione radiofonica e la conseguente promozione nei principali network.

Il 20 gennaio 2017 viene pubblicato su YouTube da Vevo il videoclip ufficiale, mentre il 27 marzo parte la rotazione radiofonica e la conseguente promozione nei principali network.

Il 20 gennaio 2017 viene pubblicato su YouTube da Vevo il videoclip ufficiale, mentre il 27 marzo parte la rotazione radiofonica e la conseguente promozione nei principali network.

Il 20 gennaio 2017 viene pubblicato su YouTube da Vevo il videoclip ufficiale, mentre il 27 marzo parte la rotazione radiofonica e la conseguente promozione nei principali network.

Il 20 gennaio 2017 viene pubblicato su YouTube da Vevo il videoclip ufficiale, mentre il 27 marzo parte la rotazione radiofonica e la conseguente promozione nei principali network.

Il 20 gennaio 2017 viene pubblicato su YouTube da Vevo il videoclip ufficiale, mentre il 27 marzo parte la rotazione radiofonica e la conseguente promozione nei principali network.

Nel 1983 viene inciso l'album Voulez vous danser, che si aggiudica il primo posto in hit parade.

Il 12 maggio 1983 si esibiscono in concerto a Dortmund, in Germania, nell'arena Westfalenhallen con Alice, Al Bano e Romina Power, Antonello Venditti, Gianna Nannini, Loredana Bertè, Toto Cutugno, Umberto Tozzi.

Nel 1983 viene inciso l'album Voulez vous danser, che si aggiudica il primo posto in hit parade.

Il 12 maggio 1983 si esibiscono in concerto a Dortmund, in Germania, nell'arena Westfalenhallen con Alice, Al Bano e Romina Power, Antonello Venditti, Gianna Nannini, Loredana Bertè, Toto Cutugno, Umberto Tozzi.

Nel 1983 viene inciso l'album Voulez vous danser, che si aggiudica il primo posto in hit parade.

Il 12 maggio 1983 si esibiscono in concerto a Dortmund, in Germania, nell'arena Westfalenhallen con Alice, Al Bano e Romina Power, Antonello Venditti, Gianna Nannini, Loredana Bertè, Toto Cutugno, Umberto Tozzi.

Nel 1983 viene inciso l'album Voulez vous danser, che si aggiudica il primo posto in hit parade.

Il 12 maggio 1983 si esibiscono in concerto a Dortmund, in Germania, nell'arena Westfalenhallen con Alice, Al Bano e Romina Power, Antonello Venditti, Gianna Nannini, Loredana Bertè, Toto Cutugno, Umberto Tozzi.

Nel 1983 viene inciso l'album Voulez vous danser, che si aggiudica il primo posto in hit parade.

Il 12 maggio 1983 si esibiscono in concerto a Dortmund, in Germania, nell'arena Westfalenhallen con Alice, Al Bano e Romina Power, Antonello Venditti, Gianna Nannini, Loredana Bertè, Toto Cutugno, Umberto Tozzi.

Nel 1983 viene inciso l'album Voulez vous danser, che si aggiudica il primo posto in hit parade.

Il 12 maggio 1983 si esibiscono in concerto a Dortmund, in Germania, nell'arena Westfalenhallen con Alice, Al Bano e Romina Power, Antonello Venditti, Gianna Nannini, Loredana Bertè, Toto Cutugno, Umberto Tozzi.

Nel 1983 viene inciso l'album Voulez vous danser, che si aggiudica il primo posto in hit parade.

Il 12 maggio 1983 si esibiscono in concerto a Dortmund, in Germania, nell'arena Westfalenhallen con Alice, Al Bano e Romina Power, Antonello Venditti, Gianna Nannini, Loredana Bertè, Toto Cutugno, Umberto Tozzi.

Il 4 maggio 2016 è stato annunciato l'abbandono del gruppo da parte di Franco Gatti, dopo 48 anni di attività insieme, per dedicarsi appieno alla sua famiglia: «L'età avanza e non me la sento più di girare il mondo Poi, da quando è mancato mio figlio è cambiato tutto».

Il 23 dicembre 2016 partecipano alla seconda puntata del varietà Music Quiz, condotto da Amadeus, dove presentano il loro nuovo singolo, Marikita, primo inedito inciso dal gruppo dopo l'abbandono di Franco.

Il 4 maggio 2016 è stato annunciato l'abbandono del gruppo da parte di Franco Gatti, dopo 48 anni di attività insieme, per dedicarsi appieno alla sua famiglia: «L'età avanza e non me la sento più di girare il mondo Poi, da quando è mancato mio figlio è cambiato tutto».

Il 23 dicembre 2016 partecipano alla seconda puntata del varietà Music Quiz, condotto da Amadeus, dove presentano il loro nuovo singolo, Marikita, primo inedito inciso dal gruppo dopo l'abbandono di Franco.

Il 4 maggio 2016 è stato annunciato l'abbandono del gruppo da parte di Franco Gatti, dopo 48 anni di attività insieme, per dedicarsi appieno alla sua famiglia: «L'età avanza e non me la sento più di girare il mondo Poi, da quando è mancato mio figlio è cambiato tutto».

Il 23 dicembre 2016 partecipano alla seconda puntata del varietà Music Quiz, condotto da Amadeus, dove presentano il loro nuovo singolo, Marikita, primo inedito inciso dal gruppo dopo l'abbandono di Franco.

Il 4 maggio 2016 è stato annunciato l'abbandono del gruppo da parte di Franco Gatti, dopo 48 anni di attività insieme, per dedicarsi appieno alla sua famiglia: «L'età avanza e non me la sento più di girare il mondo Poi, da quando è mancato mio figlio è cambiato tutto».

Il 23 dicembre 2016 partecipano alla seconda puntata del varietà Music Quiz, condotto da Amadeus, dove presentano il loro nuovo singolo, Marikita, primo inedito inciso dal gruppo dopo l'abbandono di Franco.

Il 4 maggio 2016 è stato annunciato l'abbandono del gruppo da parte di Franco Gatti, dopo 48 anni di attività insieme, per dedicarsi appieno alla sua famiglia: «L'età avanza e non me la sento più di girare il mondo Poi, da quando è mancato mio figlio è cambiato tutto».

Il 23 dicembre 2016 partecipano alla seconda puntata del varietà Music Quiz, condotto da Amadeus, dove presentano il loro nuovo singolo, Marikita, primo inedito inciso dal gruppo dopo l'abbandono di Franco.

Il 4 maggio 2016 è stato annunciato l'abbandono del gruppo da parte di Franco Gatti, dopo 48 anni di attività insieme, per dedicarsi appieno alla sua famiglia: «L'età avanza e non me la sento più di girare il mondo Poi, da quando è mancato mio figlio è cambiato tutto».

Il 23 dicembre 2016 partecipano alla seconda puntata del varietà Music Quiz, condotto da Amadeus, dove presentano il loro nuovo singolo, Marikita, primo inedito inciso dal gruppo dopo l'abbandono di Franco.

Il 4 maggio 2016 è stato annunciato l'abbandono del gruppo da parte di Franco Gatti, dopo 48 anni di attività insieme, per dedicarsi appieno alla sua famiglia: «L'età avanza e non me la sento più di girare il mondo Poi, da quando è mancato mio figlio è cambiato tutto».

Il 23 dicembre 2016 partecipano alla seconda puntata del varietà Music Quiz, condotto da Amadeus, dove presentano il loro nuovo singolo, Marikita, primo inedito inciso dal gruppo dopo l'abbandono di Franco.

Nel 2019 partecipano alla seconda edizione del programma Ora o mai più, condotto da Amadeus su Rai 1, in qualità di coach del cantante Michele Pecora.

Nel 2019 partecipano alla seconda edizione del programma Ora o mai più, condotto da Amadeus su Rai 1, in qualità di coach del cantante Michele Pecora.

Nel 2019 partecipano alla seconda edizione del programma Ora o mai più, condotto da Amadeus su Rai 1, in qualità di coach del cantante Michele Pecora.

Nel 2019 partecipano alla seconda edizione del programma Ora o mai più, condotto da Amadeus su Rai 1, in qualità di coach del cantante Michele Pecora.

Nel 2019 partecipano alla seconda edizione del programma Ora o mai più, condotto da Amadeus su Rai 1, in qualità di coach del cantante Michele Pecora.

Nel 2019 partecipano alla seconda edizione del programma Ora o mai più, condotto da Amadeus su Rai 1, in qualità di coach del cantante Michele Pecora.

Nel 2019 partecipano alla seconda edizione del programma Ora o mai più, condotto da Amadeus su Rai 1, in qualità di coach del cantante Michele Pecora.

Nel 1985 i Ricchi e Poveri vincono il Festival della canzone italiana di Sanremo con Se m'innamoro, altro pezzo che riconferma la loro popolarità.

Nel 1985 i Ricchi e Poveri vincono il Festival della canzone italiana di Sanremo con Se m'innamoro, altro pezzo che riconferma la loro popolarità.

Nel 1985 i Ricchi e Poveri vincono il Festival della canzone italiana di Sanremo con Se m'innamoro, altro pezzo che riconferma la loro popolarità.

Nel 1985 i Ricchi e Poveri vincono il Festival della canzone italiana di Sanremo con Se m'innamoro, altro pezzo che riconferma la loro popolarità.

Nel 1985 i Ricchi e Poveri vincono il Festival della canzone italiana di Sanremo con Se m'innamoro, altro pezzo che riconferma la loro popolarità.

Nel 1985 i Ricchi e Poveri vincono il Festival della canzone italiana di Sanremo con Se m'innamoro, altro pezzo che riconferma la loro popolarità.

Nel 1985 i Ricchi e Poveri vincono il Festival della canzone italiana di Sanremo con Se m'innamoro, altro pezzo che riconferma la loro popolarità.

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

FOTO: Ricchi e Poveri

Franco_Gatti

Franco_Gatti

Angelo_Sotgiu

Angelo_Sotgiu

Ricchi_&_Poveri

Ricchi_&_Poveri

Angela_Brambati

Angela_Brambati

I_Ricchi_e_Poveri

I_Ricchi_e_Poveri

Ricchi_e_Poveri

Ricchi_e_Poveri

I Ricchi e Poveri in uno scatto fotografico nei primi anni di carriera

I Ricchi e Poveri in uno scatto fotografico nei primi anni di carriera

deleted

deleted

deleted

deleted

Flavio Briatore a Libero: “Largo ai ricchi, i poveri non creano lavoro”

Flavio Briatore a Libero: “Largo ai ricchi, i poveri non creano lavoro”

“Largo ai ricchi, i poveri non creano lavoro”. Flavio Briatore a colloquio con Libero parte dalla flat tax varata dal governo Gentiloni (“Ma in Italia non ci torno lo stesso”) e arriva a Matteo Renzi, contro il quale, spiega, “c’è un accanimento”. La tassa da 100mila euro l’anno dovrebbe attirare ricchi in Italia: “Una cosa giusta. Porta soldi, gente che spende. Gente che non sarebbe mai venuta qua. Iraniani, pachistani, indiani. Bene! Di poveri [...]

Flavio Briatore a Libero: "Largo ai ricchi, i poveri non creano lavoro"

Flavio Briatore a Libero: "Largo ai ricchi, i poveri non creano lavoro"

"Largo ai ricchi, i poveri non creano lavoro". Flavio Briatore a colloquio con Libero parte dalla flat tax varata dal governo Gentiloni ("Ma in Italia non ci torno lo stesso") e arriva a Matteo Renzi, contro il quale, spiega, "c'è un accanimento". La tassa da 100mila euro l'anno dovrebbe attirare ricchi in Italia: "Una cosa giusta. Porta soldi, gente che spende. Gente che non sarebbe mai venuta qua. Iraniani, pachistani, indiani. Bene! Di poveri in Italia ce ne [...]

Flavio Briatore a Libero: "Largo ai ricchi, i poveri non creano lavoro"

Flavio Briatore a Libero: "Largo ai ricchi, i poveri non creano lavoro"

"Largo ai ricchi, i poveri non creano lavoro". Flavio Briatore a colloquio con Libero parte dalla flat tax varata dal governo Gentiloni ("Ma in Italia non ci torno lo stesso") e arriva a Matteo Renzi, contro il quale, spiega, "c'è un accanimento". La tassa da 100mila euro l'anno dovrebbe attirare ricchi in Italia: "Una cosa giusta. Porta soldi, gente che spende. Gente che non sarebbe mai venuta qua. Iraniani, pachistani, indiani. Bene! Di poveri in Italia ce ne [...]

Flavio Briatore a Libero: "Largo ai ricchi, i poveri non creano lavoro"

Flavio Briatore a Libero: "Largo ai ricchi, i poveri non creano lavoro"

"Largo ai ricchi, i poveri non creano lavoro". Flavio Briatore a colloquio con Libero parte dalla flat tax varata dal governo Gentiloni ("Ma in Italia non ci torno lo stesso") e arriva a Matteo Renzi, contro il quale, spiega, "c'è un accanimento". La tassa da 100mila euro l'anno dovrebbe attirare ricchi in Italia: "Una cosa giusta. Porta soldi, gente che spende. Gente che non sarebbe mai venuta qua. Iraniani, pachistani, indiani. Bene! Di poveri in Italia ce ne [...]

Franco Gatti ho scelto la famiglia basta con i Ricchi e Poveri

Franco Gatti ho scelto la famiglia basta con i Ricchi e Poveri

Franco Gatti dei "Ricchi e Poveri" ospite a "Domenica Live" ha raccontato che circa un anno fa ha scelto di lasciare il gruppo per dedicarsi alla famiglia. Una decisione non facile, dopo 48 anni passati insieme, maturata dopo la perdita del figlio Alessio. "E' ancora a casa, lo sento giorno e notte. So che è contentissimo di questa mia decisione - ha raccontato - Qualcosa in me si è spento, convivo con un dolore che mi [...]

Franco Gatti non torno più con i Ricchi e Poveri

Franco Gatti non torno più con i Ricchi e Poveri

Franco Gatti dei "Ricchi e Poveri" ospite a "Domenica Live" ha raccontato che circa un anno fa ha scelto di lasciare il gruppo per dedicarsi alla famiglia. Una decisione non facile, dopo 48 anni passati insieme, maturata dopo la perdita del figlio Alessio. "E' ancora a casa, lo sento giorno e notte. So che è contentissimo di questa mia decisione - ha raccontato - Qualcosa in me si è spento, convivo con un dolore che mi [...]

Franco Gatti ecco perché non torno con i Ricchi e Poveri

Franco Gatti ecco perché non torno con i Ricchi e Poveri

Franco Gatti dei "Ricchi e Poveri" ospite a "Domenica Live" ha raccontato che circa un anno fa ha scelto di lasciare il gruppo per dedicarsi alla famiglia. Una decisione non facile, dopo 48 anni passati insieme, maturata dopo la perdita del figlio Alessio. "E' ancora a casa, lo sento giorno e notte. So che è contentissimo di questa mia decisione - ha raccontato - Qualcosa in me si è spento, convivo con un dolore che mi [...]

Domenica Live Franco Gatti non torno più  con i Ricchi e Poveri

Domenica Live Franco Gatti non torno più con i Ricchi e Poveri

Franco Gatti dei "Ricchi e Poveri" ospite a "Domenica Live" ha raccontato che circa un anno fa ha scelto di lasciare il gruppo per dedicarsi alla famiglia. Una decisione non facile, dopo 48 anni passati insieme, maturata dopo la perdita del figlio Alessio. "E' ancora a casa, lo sento giorno e notte. So che è contentissimo di questa mia decisione - ha raccontato - Qualcosa in me si è spento, convivo con un dolore che mi [...]

&id=HPN_I+Ricchi+e+Poveri_http{{{}}}dbpedia*org{}resource{}Ricchi{{}}e{{}}Poveri" alt="" style="display:none;"/> ?>