Israele

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Max Biaggi
In rilievo

Max Biaggi

Israele

La scheda: Israele

Coordinate: 31°45′N 35°00′E / 31.75°N 35°E31.75, 35
Israele, ufficialmente Stato d'Israele (in ebraico: מדינת ישראל, Medinat Yisra'el, in arabo: دولة اسرائيل, Dawlat Isrā'īl), è uno Stato del Vicino Oriente affacciato sul mar Mediterraneo e che confina a nord con il Libano, con la Siria a nord-est, Giordania a est, Egitto e golfo di Aqaba a sud e con i territori palestinesi, ossia Cisgiordania a est e striscia di Gaza a sud-ovest.
Situato in Medio Oriente, occupa approssimativamente un'area che secondo i racconti biblici in epoca antica era compresa nel Regno di Giuda e Israele e nella regione di Canaan, soggetta nel tempo al dominio di numerosi popoli, tra cui egizi, assiri, babilonesi, romani, bizantini, arabi e ottomani, nonché a numerose battaglie etnico-religiose. In età contemporanea è stata parte del mandato britannico della Palestina, periodo durante il quale fu soggetta a flussi immigratori di popolazioni ebraiche, incoraggiate dalla nascita del movimento sionista, che mirava alla costituzione di un moderno Stato ebraico. Dopo la seconda guerra mondiale e la Shoah, anche per cercare di porre rimedio agli scontri tra ebrei e arabi, il 29 novembre 1947 l'Assemblea generale delle Nazioni Unite nella risoluzione n. 181 approvava il piano di partizione della Palestina che prevedeva la costituzione di due Stati indipendenti, uno ebraico e l'altro arabo. Alla scadenza del mandato britannico il moderno Stato d'Israele fu quindi proclamato da David Ben Gurion il 14 maggio 1948.
Tale ripartizione fu però osteggiata da gruppi sionisti e dalla totalità dei rappresentanti palestinesi, nonché dai Paesi arabi. Dopo alcuni scontri già all'indomani del voto della risoluzione, terminato il ritiro delle truppe britanniche, la Lega Araba avviò una guerra contro il neonato Stato ebraico, dando origine a una serie di conflitti arabo-israeliani, accordi di pace sui confini furono in seguito raggiunti solo con Egitto (1979) e Giordania (1994). Rispetto ai territori palestinesi non esistono tuttora confini precisi. Oltre a estendere il territorio dello Stato dopo la prima guerra arabo-israeliana del 1948 (denominata da parte israeliana guerra d'Indipendenza, mentre da parte araba Nakba "catastrofe"), rispetto a quanto previsto dalla risoluzione ONU, Israele ha anche occupato i territori della Cisgiordania e della Striscia di Gaza dopo la guerra dei sei giorni del 1967 e nel corso degli anni vi ha costruito nuovi centri abitati.
Lo Stato palestinese, proclamato nel 1988 e ammesso come osservatore permanente dell'ONU nel 2012, ma ancora non riconosciuto come tale da Israele e da altri Paesi, controlla la striscia di Gaza, dalla quale Israele sì è ritirata unilateralmente nel 2005 (facendone evacuare anche coattamente i ventuno insediamenti) e solo alcune zone della Cisgiordania, che rivendica interamente anche se rimane prevalentemente controllata da Israele, secondo le decisioni degli accordi di Oslo del 1993. La sovranità israeliana non è riconosciuta da molti Stati arabi, mentre rappresentanti palestinesi hanno riconosciuto Israele nel 1993, come parte degli stessi accordi di Oslo. Diversi tentativi di accordi di pace non hanno finora dato i frutti sperati e l'area continua quindi a essere geopoliticamente instabile.
All'aprile 2015 la popolazione israeliana era di 8.345.000 abitanti. È l'unico Stato al mondo a maggioranza ebraica (il 74,9% della popolazione) e con una consistente minoranza di arabi (circa il 20%, in prevalenza di religione musulmana, ma anche cristiana o drusa).
La Legge fondamentale del 1980 (Israele, come il Regno Unito, non ha una Costituzione scritta) afferma che la capitale è Gerusalemme, rivendicata come tale anche dallo Stato di Palestina almeno nella sua parte orientale, ma non riconosciuta dalla maggior parte dei membri dell'ONU. Tuttavia quasi tutti gli Stati che hanno relazioni diplomatiche con Israele mantengono le proprie ambasciate a Tel Aviv, centro finanziario del Paese, o nelle vicinanze, ma mantengono comunque sedi consolari a Gerusalemme.
Israele è governato da un sistema parlamentare a rappresentanza proporzionale. È considerato un Paese sviluppato, è membro dell'OCSE e secondo il Fondo monetario internazionale nel 2013 era al 37º posto nella lista degli Stati per prodotto interno lordo. Ha inoltre il più alto indice di sviluppo umano in Medio Oriente ed è uno dei Paesi con la più alta aspettativa di vita nel mondo.



Israele:
Dati amministrativi:
Nome completo: Stato d'Israele
Nome ufficiale: מדינת ישראל (Medinat Yisra'el) دولة اسرائيل (Dawlat Isrā'īl)
Lingue ufficiali: ebraico, arabo
Capitale: Gerusalemme (contestata)[1][2]  (791 000 ab. / 2011)
Politica:
Forma di governo: Repubblica parlamentare
Presidente: Reuven Rivlin
Primo ministro: Benjamin Netanyahu
Indipendenza: 14 maggio 1948
Ingresso nell'ONU: 11 maggio 1949
Superficie:
Totale: 20.770 / 22.072[3] km² (151º)
 % delle acque: ~2%
Popolazione:
Totale: 8 345 000 [4][5] ab. (2015) (96º)
Densità: 402 ab./km²
Tasso di crescita: 2% (2015)[4][5]
Nome degli abitanti: Israeliani
Geografia:
Continente: Asia
Confini: Egitto, Stato palestinese, Giordania, Libano, Siria
Fuso orario: UTC+2
Economia:
Valuta: Nuovo siclo (₪)
PIL (nominale): 257 480[6] milioni di $ (2012) (40º)
PIL pro capite (nominale): 33 433 $ (2012) (26º)
PIL (PPA): 260 909 milioni di $ (2012) (49º)
PIL pro capite (PPA): 33 878 $ (2012) (25º)
ISU (2011): 0,900 (molto alto) (16º)
Fecondità: 3,0 (2010)[7]
Varie:
Codici ISO 3166: IL, ISR, 376
TLD: .il
Prefisso tel.: +972
Sigla autom.: IL
Inno nazionale: Hatikvah
Festa nazionale: Yom HaAtzmaut (5 Iyar)
Evoluzione storica:
Stato precedente: Mandato britannico della Palestina
 

Israele: annullato vertice Visegrad a Gerusalemme

Israele: annullato vertice Visegrad a Gerusalemme

Portavoce ministero Esteri, altri leader vedranno Netanyahu

SCHOOL RUN, EUROMA2RUN E FITWALKING: LE BELLE INIZIATIVE CORRELATE ALLA HUAWEI ROMAOSTIA HALF MARATHON 2019

SCHOOL RUN, EUROMA2RUN E FITWALKING: LE BELLE INIZIATIVE CORRELATE ALLA HUAWEI ROMAOSTIA HALF MARATHON 2019

      Roma, 15.02.2019 – La 45^ edizione della Huawei RomaOstia, la mezza maratona più partecipata d’Italia e unica titolata Gold Label IAAF, in programma domenica 10 marzo 2019 è alle porte. Lacompetizione, dall’alto livello tecnico, coinvolge migliaia di runners dall’Italia e da tutto il mondo e riserva, in più, iniziative speciali per tutti. La School Run della RomaOstia: un evento per giovani e … giovanissimi Una corsa non competitiva [...]

Sanremo, Noa su Mahmood: chiedere se è italiano è senza senso

Sanremo, Noa su Mahmood: chiedere se è italiano è senza senso

Milano, 14 feb. (askanews) - La cantante israeliana Noa, che ha appena presentato il suo nuovo progetto discografico "Letters to Bach" ha detto la sua rispetto alla vittoria a Sanremo di Mahmood, il giovane cantante di padre egiziano che rappresenterà l'Italia al Festival di Eurovisione, col brano Soldi. "Prima di tutto anche solo domandarsi se questo ragazzo è o non è italiano, è senza senso. Lui è nato e cresciuto qui, si sente italiano e ama questo [...]

San Valentino, galeotto fu l'ascensore

San Valentino, galeotto fu l'ascensore

Milano, 14 feb. (askanews) - L'ascensore rappresenta uno dei cinque luoghi più insoliti dove baciarsi o dar vita a un flirt fugace. Lo rivela una ricerca di Thyssenkrupp Elevator. Se l'ascensore potesse parlare chissà quanti amori segreti potrebbe svelare nei 7 miliardi di viaggi che ogni giorno si fanno su questo sistema di trasporto. Eppure, secondo un rapporto della Bengurion University d'Israele, solo l'11% delle coppie che si sono formate grazie al colpo [...]

Gaze: crisi fondi, chiude Tv della Jihad

Gaze: crisi fondi, chiude Tv della Jihad

(ANSAmed) – GAZA, 13 FEB – La televisione al-Quds, un’emittente della Jihad islamica, ha chiuso all’improvviso i propri studi a Gaza e in questi giorni ha licenziato parte dei giornalisti. Proseguono invece le sue trasmissioni radio e gli aggiornamenti nel sito web. Lo riferiscono fonti stampa a Gaza che attribuiscono questo sviluppo ad un indebolimento dei finanziamenti stranieri alla Jihad islamica, una organizzazione di orientamento filo-iraniano. [...]

Siria, Israele conferma attacco Quenitra

Siria, Israele conferma attacco Quenitra

(ANSAmed) – TEL AVIV, 13 FEB – Il premier Benyamin Netanyahu ha confermato che Israele ha attaccato in Siria lo scorso lunedì. “Operiamo ogni giorno, anche ieri contro l’Iran e i suoi tentativi di stabilire la sua presenza nell’area”, ha detto la notte scorsa prima di partire per la Conferenza di Varsavia sul Medio Oriente. Finora Israele non aveva confermato l’attacco di cui aveva parlato invece l’agenzia ufficiale siriana Sana. Secondo questa [...]

Sala, coinvolgerò Mahmood in iniziative

Sala, coinvolgerò Mahmood in iniziative

(ANSA) – MILANO, 12 FEB – Il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, ha invitato il vincitore del Festival di Sanremo, Mahmood, cresciuto nella periferia milanese, a Palazzo Marino, sede del Comune per congratularsi personalmente della vittoria, ma l’idea è anche quella di coinvolgerlo in qualche iniziativa o progetto dell’amministrazione. “Lo sentirò oggi pomeriggio – ha detto Sala a margine di una conferenza stampa -. Lo chiamerò per fare magari anche [...]

L'Iran ricorda la rivoluzione, 'gli Usa non vinceranno'

L'Iran ricorda la rivoluzione, 'gli Usa non vinceranno'

A Teheran per il 40esimo anniversario bandiere Israele in fiamme

Min. Israele,pena di morte per assassino

Min. Israele,pena di morte per assassino

(ANSAmed) – TEL AVIV, 10 FEB – La ministra della giustizia Ayelet Shaked ritiene che meriti la pena di morte Arafat Irfaya, il palestinese sospettato di aver brutalmente ucciso giovedi’ in un bosco vicino a Gerusalemme la 19/enne Ori Ansbacher, figlia di un noto rabbino. Secondo Shaked, una volta sotto processo in un tribunale militare la pubblica accusa dovrebbe chiedere per lui la pena capitale, che e’ prevista in teoria nelle corti marziali ma non e’ [...]

Gaza, due ragazzi palestinesi uccisi

Gaza, due ragazzi palestinesi uccisi

(ANSAmed) – TEL AVIV, 8 FEB – Due ragazzi palestinesi sono stati uccisi negli scontri con l’esercito israeliano al confine tra Gaza e lo Stato ebraico durante la Marcia del Ritorno appoggiata da Hamas. Un ragazzo di 14 anni è morto colpito al petto ad est di Khan Yunis nella parte sud di Gaza. Un secondo ragazzo, Hamza Mohammed Rushdi Eshteiwi di 17 anni, è stato ucciso a est di Gaza. I feriti sono 18.

FOTO: Israele

Theodor Herzl, fondatore del Sionismo, nel 1901

Theodor Herzl, fondatore del Sionismo, nel 1901

Territori riconosciuti a Israele dall'ONU e conquiste del 48-49

Territori riconosciuti a Israele dall'ONU e conquiste del 48-49

Mappa della distribuzione della popolazione nel 1946

Mappa della distribuzione della popolazione nel 1946

Yitzhak Rabin e Yasser Arafat si stringono la mano e firmano gli Accordi di Oslo, con Bill Clinton dietro di loro, 1993

Yitzhak Rabin e Yasser Arafat si stringono la mano e firmano gli Accordi di Oslo, con Bill Clinton dietro di loro, 1993

Saline nel Mar Morto

Saline nel Mar Morto

Visione del monte Tabor

Visione del monte Tabor

Deserto del Negev

Deserto del Negev

Mo:rilasciato italiano fermato ad Hebron

Mo:rilasciato italiano fermato ad Hebron

(ANSAmed) – TEL AVIV, 7 FEB – E’ stato rilasciato il cittadino italiano, attivista dell”International Solidarity Movement’ fermato oggi ad Hebron, in Cisgiordania, dalle forze di sicurezza israeliane. Lo ha riferito il Consolato italiano generale di Gerusalemme che ha seguito il caso. Il cittadino italiano era stato arrestato – secondo l’agenzia palestinese Wafa – insieme ad un altro attivista americano dello stessa organizzazione.

Attivista italiano arrestato a Hebron

Attivista italiano arrestato a Hebron

(ANSAmed) – TEL AVIV, 7 FEB – Due attivisti della ong International Solidarity Movement, di cui uno italiano, sono stati arrestati dalle forze israeliane mentre erano vicino alla scuola principale di Cordoba in Shuhada Street, nel centro di Hebron, in Cisgiordania. Il fermo è stato confermato dal Consolato italiano generale a Gerusalemme, che si sta interessando del caso. L’altro attivista fermato appartiene alla stessa organizzazione di cittadinanza Usa. [...]

Nuovo piano di Israele per espellere 36mila palestinesi

Nuovo piano di Israele per espellere 36mila palestinesi

Secondo un rapporto dei media israeliani il regime di Israele ha completato il lavoro su un piano massiccio e di grande portata che prevede l’espulsione di circa 36mila palestinesi da villaggi “non riconosciuti” nel deserto del Negev. Se il piano è approvato dalla Knesset, il corpo legislativo di Israele, la sua attuazione potrebbe iniziare quest’anno e ci vorranno quattro anni per essere completata. La notizia del piano è stata pubblicata per la [...]

Israele: muore detenuto Hamas, tensioni

Israele: muore detenuto Hamas, tensioni

(ANSAmed) – TEL AVIV, 6 FEB – Torna a crescere la tensione in alcune carceri di Israele dopo la morte di Fares Baroud, un membro di Hamas recluso da 28 anni per aver ucciso un civile israeliano. Secondo quanto ha riferito il servizio carcerario israeliano Baroud, che era originario di Gaza, e’ stato trasferito la scorsa notte dal carcere di Ramon (Neghev) nell’ ospedale Soroka di Beer Sheva dove e’ poi deceduto ”per l’aggravarsi di una malattia [...]

Israele, oggi primarie Likud

Israele, oggi primarie Likud

(ANSAmed) – TEL AVIV, 5 FEB – I circa 120mila iscritti al Likud – il partito del premier Benyamin Netanyahu – voteranno oggi per scegliere i componenti della lista elettorale della formazione che andrà alla consultazione popolare del prossimo 9 aprile. Le cosiddette ‘primarie’ sono il terreno politico in cui si sfidano non solo i big del partito ma anche i nuovi concorrenti: una sorta di barometro politico in grado di determinare gli equilibri della [...]

Lancio navicella Israele verso la luna

Lancio navicella Israele verso la luna

(ANSAmed) – TEL AVIV, 3 FEB – Si avvicina il lancio della navicella israeliana ‘Bereshit’ (‘All’inizio’) che dopo due mesi di viaggio dovrebbe atterrare sulla luna. Lo ha ricordato il premier Benyamin Netanyahu sottolineando che “il progetto è un grande orgoglio per Israele. La missione – ha aggiunto – ci mette in linea con le grandi potenze mondiali e gli israeliani possono esserne fieri. Israele è una forza mondiale che cresce in tutti i [...]

Sodoma viene devastata per avere offeso l’ira di Dio

Sodoma viene devastata per avere offeso l’ira di Dio

Sodoma viene devastata per avere offeso l’ira di Dio Quando la popolazione di Sodoma vide questi due servitori, non chiese il motivo del loro arrivo, e nessuno domandò se fossero giunti a diffondere la volontà di Dio. Al contrario, si formò una folla in tumulto che, senza attendere spiegazione, andò a catturare questi due servitori come cani selvatici o lupi malefici. Dio osservò lo svolgersi di questa vicenda? Che cosa pensò nel Suo cuore riguardo a un [...]

STELVIO MARATHON A QUOTA 300. CORRIDORI ANCHE DA RUSSIA E ISRAELE

STELVIO MARATHON A QUOTA 300. CORRIDORI ANCHE DA RUSSIA E ISRAELE

Stelvio Marathon il 15 giugno a Prato allo Stelvio in Alto Adige Iscrizioni a 90 euro per 42K e 26K, 40 euro per la “short distance” Percorso mozzafiato lungo i tornanti che hanno fatto la storia A disposizione anche maglietta e medaglia finisher “Buone nuove” per il comitato organizzatore della Stelvio Marathon del 15 giugno a Prato allo Stelvio, in Alto Adige, sono infatti già 300 i corridori che affronteranno i mitici tornanti, alcuni di essi [...]

Amnesty, no turismo insediamenti Israele

Amnesty, no turismo insediamenti Israele

(ANSAmed) – TEL AVIV, 30 GEN – “I giganti delle prenotazioni online Airbnb, Booking.com, Expedia e TripAdvisor contribuiscono alle violazioni dei diritti umani dei palestinesi pubblicando centinaia di stanze e di attività in insediamenti di israeliani nelle terre palestinesi occupate, Gerusalemme est inclusa”: lo sostiene Amnesty International che afferma che con queste attività essi di fatto sostengono gli insediamenti. “L’insediamento di [...]

Olp a Onu, sì a osservatori in Palestina

Olp a Onu, sì a osservatori in Palestina

(ANSAmed) – TEL AVIV, 29 GEN – “Facciamo appello all’Onu affinché garantisca la sicurezza e la protezione del popolo della Palestina e dislochi una ‘Presenza internazionale permanente’ nella Palestina occupata, Gerusalemme est inclusa, fino al termine della occupazione militare israeliana”: questo l’appello lanciato oggi dal segretario generale dell’Olp Saeb Erekat in seguito all’annuncio di Israele di rifiutare la presenza di osservatori [...]

&id=HPN_Israele_http{{{}}}sws*geonames*org{}294640{}" alt="" style="display:none;"/> ?>