Italian fascist works

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Music
In rilievo

Music

La scheda: Leggi razziali fasciste

Le leggi razziali fasciste sono un insieme di provvedimenti legislativi e amministrativi (leggi, ordinanze, circolari, ecc.) che vennero varati in Italia fra il 1938 e il primo quinquennio degli anni quaranta, inizialmente dal regime fascista e poi dalla Repubblica Sociale Italiana, rivolti prevalentemente – ma non solo – contro le persone di religione ebraica. Furono lette per la prima volta il 18 settembre 1938 a Trieste da Benito Mussolini dal balcone del Municipio in occasione della sua ...

Leggi razziali, così Mussolini DECISE che gli Ebrei erano senza diritti - Non fatevi prendere in giro: Mussolini non aderì alle leggi razziali, le scrisse e le fece approvare. Mussolini non subì la scelta, la preparò, la propose e la sostenne...!

Leggi razziali, così Mussolini DECISE che gli Ebrei erano senza diritti - Non fatevi prendere in giro: Mussolini non aderì alle leggi razziali, le scrisse e le fece approvare. Mussolini non subì la scelta, la preparò, la propose e la sostenne...!

    . SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti . .     Leggi razziali, così Mussolini DECISE che gli Ebrei erano senza diritti - Non fatevi prendere in giro: Mussolini non aderì alle leggi razziali, le scrisse e le fece approvare. Mussolini non subì la scelta, la preparò, la propose e la sostenne...!   Leggi razziali, così Mussolini decise che gli ebrei erano senza diritti. Ecco tutti i divieti che anticiparono le deportazioni Ottant'anni fa [...]

Quirinale:proroga mostra leggi razziali

Quirinale:proroga mostra leggi razziali

(ANSA) – ROMA, 28 NOV – L’ufficio stampa della presidenza della Repubblica rende noto che, a seguito delle numerose richieste, la mostra intitolata “1938: l’umanità negata – Dalle leggi razziali italiane ad Auschwitz”, allestita al Quirinale, sarà prorogata per due settimane fino al 10 febbraio 2019. Il percorso espositivo, illustrato dai curatori Paco Lanciano e Giovanni Grasso, grazie a tecnologie multimediali e con documenti originali, [...]

TRINCIA: Leggi razziali, Emanuele Filiberto non riesce a condannare il bisnonno

TRINCIA: Leggi razziali, Emanuele Filiberto non riesce a condannare il bisnonno

80 anni dopo, il 17 novembre, il principino di casa Savoia è stato raggiunto all'inaugurazione di una piazza da Pablo Trincia

Raggi: cambiamo prime 2 vie intitolate a chi firmò leggi razziali

Raggi: cambiamo prime 2 vie intitolate a chi firmò leggi razziali

Roma, (askanews) - "Oggi ragioniamo in modo concreto con gli studenti sul senso della memoria, a Roma ci sono due strade intitolate ai sottoscrittori del Manifesto della razza e quest'anno in cui ricorre l'80esimo anniversario della promulgazione delle leggi sulla razza ho deciso di cambiare nome a queste strade". Così la sindaca di Roma Virginia Raggi, intervenendo al cinema romano Andromeda su via Battistini con residenti e studenti delle scuole per discutere [...]

Leggi razziali 1938, la memoria 80 anni dopo passa dal cinema

(di Alessandra Magliaro)  Si parla molto in questi giorni dell’indifferenza della massa che 80 anni fa non colse la tragedia che stava accadendo, fu in qualche modo complice con quell’accettare passivamente, in molti casi persino connivente (il fenomeno della delazione) mentre tanti furono i casi privati di protezione e riparo segreto. La generazione dei testimoni, delle persone che hanno avuto inciso nel profondo cosa ha significato essere cittadini italiani [...]

Leggi razziali, 80 anni dopo tanti film

Leggi razziali, 80 anni dopo tanti film

(ANSA) – ROMA, 8 OTT – Ricorrono in questi giorni gli 80 anni dalle leggi razziali. La generazione dei testimoni è ormai in estinzione e il ricordo passa anche attraverso il cinema con cinque film (quattro in anteprima alla Festa del cinema a Roma 18-28 ottobre, uno presentato alla Mostra di Venezia). Si tratta di “1938 – Quando scoprimmo di non essere più italiani” di Pietro Suber, preapertura alla Festa di Roma il 15 ottobre, poi in sala e a metà [...]

Leggi razziali: Dipiazza, chiedo scusa

Leggi razziali: Dipiazza, chiedo scusa

(ANSA) – TRIESTE, 21 SET – “Credo che il mondo dovrebbe mettersi in piedi e chiedere scusa” per le leggi razziali, che vanno “condannate senza se e senza ma”. “Io non sono il mondo, ma sono il sindaco di Trieste e come sindaco di Trieste chiedo scusa”. Lo ha affermato il primo cittadino del capoluogo del Fvg, Roberto Dipiazza, durante una cerimonia organizzata in Municipio a 80 anni dall’annuncio della promulgazione delle leggi razziali, il 18 [...]

Leggi razziali:rettore, mai più obbedire

Leggi razziali:rettore, mai più obbedire

(ANSA) – PISA, 20 SET – “E’ troppo facile chiedere scusa. Noi oggi dobbiamo avere la forza di non obbedire mai, di non obnubilare mai la mente per cedere a nuove inique ragioni, di Stato, di corporazione, di carriera, di quieto vivere, di indulgenza reciproca”. Lo ha detto il rettore dell’Università di Pisa, Paolo Mancarella, a nome del mondo accademico italiano alla Cerimonia delle scuse promossa oggi a Pisa a 80 anni dall’entrata in vigore delle [...]

L'Italia delle leggi razziali: «Oggi nessuno ricorda». Il video restaurato di Benito Mussolini che le annuncia

L'Italia delle leggi razziali: «Oggi nessuno ricorda». Il video restaurato di Benito Mussolini che le annuncia

L'Italia delle leggi razziali: «Oggi nessuno ricorda». Il video restaurato di Benito Mussolini che le annuncia https://www.corriere.it/video-articoli/2017/10/08/italia-leggi-razziali-oggi-nessuno-ricorda-video-restaurato-benito-mussolini-che-annuncia/56a61760-ac37-11e7-b229-0974b7f57cc3.shtml  di Gian Guido Vecchi, video dell'Istituto Luce     shadow 14 35922         Trieste, 18 settembre 1938, mattina. Il cacciatorpediniere «Camicia Nera» [...]

Incredibile ma vero: la mostra “Razzismo in cattedra” sulle leggi razziali fasciste organizzata da studenti di un Liceo di Trieste censurata dal sindaco fascista!!

Incredibile ma vero: la mostra “Razzismo in cattedra” sulle leggi razziali fasciste organizzata da studenti di un Liceo di Trieste censurata dal sindaco fascista!!

      . SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti . .   Incredibile ma vero: la mostra “Razzismo in cattedra” sulle leggi razziali fasciste organizzata da studenti di un Liceo di Trieste censurata dal sindaco fascista!!   Leggi razziali, a Trieste la mostra degli studenti del Petrarca censurata dal sindaco La mostra “Razzismo in cattedra” sulle leggi razziali promulgate dal fascismo a cura degli studenti del Liceo Petrarca di Trieste è [...]

Leggi razziali:Martina in luoghi memoria

Leggi razziali:Martina in luoghi memoria

(ANSA) – TRIESTE, 18 SET – “Non c’è futuro senza memoria e noi siamo qui per ricordare e non possiamo dimenticare le tragedie di quegli anni perché su quelle tragedie è nata l’Europa, la nuova sovranità, la pace, la cooperazione tra i popoli”. Lo ha detto il segretario del Pd, Maurizio Martina, a margine della visita alla Risiera di San Sabba a Trieste, dove ha deposto una corona di fiori. Quella della Risiera era l’ultima tappa della visita a [...]

Leggi razziali: Conte, pagina buia Paese

Leggi razziali: Conte, pagina buia Paese

(ANSA) – ROMA, 18 SET – “18/9/1938, una pagina buia per il nostro paese. Mussolini, a Trieste, annunciò l’imminente promulgazione delle leggi razziali. L’inizio di una persecuzione di tantissimi innocenti. A 80 anni dall’accaduto dobbiamo serbare memoria di questa ferita. Ricordare per non dimenticare”. Lo scrive il premier Giuseppe Conte su twitter nel giorno dell’ottantesimo anniversario della promulgazione delle leggi razziali.

La vergogna delle leggi razziali

La vergogna delle leggi razziali

80 anni fa la promulgazione delle leggi razziali da parte del regime fascista.

Leggi razziali 80 anni dopo: l’Italia è ancora piena di fascisti e antisemiti

Leggi razziali 80 anni dopo: l’Italia è ancora piena di fascisti e antisemiti

    . SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti . .   Leggi razziali 80 anni dopo: l’Italia è ancora piena di fascisti e antisemiti Il 5 settembre 1938 Vittorio Emanuele III e Benito Mussolini firmarono i "decreti della vergogna": cominciò la persecuzione degli ebrei italiani Siamo in un paese che col suo passato non ha mai fatto i conti. Ci culliamo forse nel senso della distanza, quando solo 80 anni fa, poche generazioni prima di noi, nel [...]

Leggi razziali

Leggi razziali

5 settembre 1938: il re firma a San Rossore le leggi razziali, inizia il calvario degli ebrei Vittorio Emanuele III, nel suo "buen ritiro" estivo di Pisa, non ha la forza di opporsi alla persecuzione decisa da Mussolini. Primo effetto: cacciati dalle scuole. Licenziati in tronco i dipendenti pubblici, impedito l’accesso alle professioni. I provvedimenti antisemiti si susseguirono per [...]

Leggi razziali, una ferita ancora aperta

Leggi razziali, una ferita ancora aperta

La rubrica Storia racconta una grande vergogna del nostro paese.

Uguaglianza, leggi razziali e solitudine

Uguaglianza, leggi razziali e solitudine

Le tracce della prima prova di italiano all'esame di maturità

Salvini: “Mussolini fece tante cose buone" ...Caro Matteo, rinfrescati la memoria con le "tue" cose buone... Ecco le leggi razziali...!

Salvini: “Mussolini fece tante cose buone" ...Caro Matteo, rinfrescati la memoria con le "tue" cose buone... Ecco le leggi razziali...!

    . SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti . .   Salvini: “Mussolini fece tante cose buone" ...Caro Matteo, rinfrescati la memoria con le "tue" cose buone... Ecco le leggi razziali...! Salvini: “Mussolini fece tante cose, introdusse le pensioni e bonificò le paludi” Nel corso di un’intervista concessa a Radio Capital, Matteo Salvini, rispondendo a una domanda sul fascismo, ha dichiarato: “Mussolini ha fatto tante cose, ha bonificato le [...]

Leggi razziali, macchia indelebile

Leggi razziali, macchia indelebile

Mattarella nella Giornata della Memoria: “profondamente sbagliato credere che il fascismo abbia fatto cose buone”.

Leggi razziali, 'Quando papà disse, non andrai più a scuola'

Leggi razziali, 'Quando papà disse, non andrai più a scuola'

“Nel settembre del 1938 avevo 8 anni e un giorno mio padre si presentò a casa e disse a me e mio fratello Enrico che dall’indomani non saremmo più potuti andare a scuola. Alle nostre domande non seppe rispondere. Non poteva spiegare una cosa inspiegabile e borbottò solo ‘perché non si può più'”. E’ la testimonianza sull’entrata in vigore delle Leggi razziali di Guido Cava, 88 anni, presidente emerito della Comunità ebraica pisana, che oggi [...]

&id=HPN_Italian+fascist+works_http{{{}}}dbpedia*org{}resource{}Category:Italian{{}}fascist{{}}works" alt="" style="display:none;"/> ?>