Jean Jacques Rousseau

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Review
In rilievo

Review

Jean-Jacques Rousseau

La scheda: Jean-Jacques Rousseau

Jean-Jacques Rousseau, pron. (Ginevra, 28 giugno 1712 – Ermenonville, 2 luglio 1778), è stato un filosofo, scrittore e musicista svizzero di lingua francese.
Nato da un'umile famiglia calvinista ginevrina di origine francese, ebbe una gioventù difficile ed errabonda durante la quale si convertì al Cattolicesimo, visse e studiò a Torino e svolse diverse professioni, tra cui quella della copia di testi musicali e quella di istitutore. Trascorse alcuni anni di tranquillità presso la nobildonna Françoise-Louise de Warens, quindi, dopo alcuni vagabondaggi tra la Francia e la Svizzera, si trasferì a Parigi, dove conobbe e collaborò con gli enciclopedisti. Nello stesso periodo iniziò la sua relazione con Marie-Thérèse Levasseur, da cui avrebbe avuto cinque figli. Il suo primo testo filosofico importante, il Discorso sulle scienze e le arti, vinse il premio dell'Accademia di Digione nel 1750 e segnò l'inizio della sua fortuna.
Dal primo Discours emergevano già i tratti salienti della filosofia rousseauiana: un'aspra critica della civiltà come causa di tutti i mali e le infelicità della vita dell'uomo, con il corrispondente elogio della natura come depositaria di tutte le qualità positive e buone. Questi temi sarebbero stati ulteriormente sviluppati dal Discorso sull'origine e i fondamenti della diseguaglianza tra gli uomini del 1754: da questo secondo Discours emergeva la concezione di Rousseau dell'uomo e dello stato di natura, la sua idea sull'origine del linguaggio, della proprietà, della società e dello Stato. Un altro testo, il Contratto sociale del 1762, conteneva la proposta politica di Rousseau per la rifondazione della società sulla base di un patto equo – costitutivo del popolo come corpo sovrano, solo detentore del potere legislativo e suddito di sé stesso. Questi e altri suoi scritti (soprattutto l'Émile, sulla pedagogia) vennero condannati e contribuirono a isolare Rousseau rispetto all'ambiente culturale del suo tempo. Le sue relazioni con tutti gli intellettuali illuministi suoi contemporanei, oltre che con le istituzioni della Repubblica di Ginevra, finirono per deteriorarsi a causa di incomprensioni, sospetti e litigi, e Rousseau morì in isolamento quasi completo.
Considerato per alcuni versi un illuminista, e tuttavia in radicale controtendenza rispetto alla corrente di pensiero dominante nel suo secolo, Rousseau ebbe influenze importanti nel determinare certi aspetti dell'ideologia egualitaria e anti-assolutistica che fu alla base della Rivoluzione francese del 1789, anticipò inoltre molti degli elementi che, tra la fine del XVIII e l'inizio del XIX secolo, avrebbero caratterizzato il Romanticismo, e segnò profondamente tutta la riflessione politica, sociologica, morale, psicologica e pedagogica successiva, alcuni elementi della sua visione etica essendo stati ripresi in particolare da Immanuel Kant.
Rousseau fu anche un compositore, e la sua opera più nota è L'indovino del villaggio.



Rousseau violato, è giallo. La democrazia diretta in mano ai pirati del web

Rousseau violato, è giallo. La democrazia diretta in mano ai pirati del web

Giampiero Timossi Un hacker è penetrato nel sistema online. A rischio dati sensibili e anche le votazioni La notte del 2 agosto 2017 hanno hackerato la democrazia diretta. È stato Evariste Gal0is a svegliare dal sogno chi ancora credeva che fosse possibile decidere tutti insieme, con un patto sociale e informatico, seguendo la linea indicata nel 1762 dal filosofo Jean-Jacques Rousseau.

I lumi di Rousseau e l'oblio del terrorismo

I lumi di Rousseau e l'oblio del terrorismo

In questi giorni ormai alcuni eventi portano le persone a perdere un bene importantissimo e comune a tutti: la libertà. Eventi quali l'attacco terroristico a Parigi minano la base stessa degli Stati e di tutte le civiltà razionali ed evolute, mirando a sottrarre il diritto più importante di tutti gli uomini in quanto tali. La libertà è un bene troppo spesso dato per scontato e ignorato, se non addirittura trascurato e negato. Eppure gli articoli 2 e 3 della [...]

JEAN JACQUES ROUSSEAU E LA DIFFICILE “EDUCAZIONE NEGATIVA” DEL NOBILE: "L’EMILE OU DE L’EDUCATION"

JEAN JACQUES ROUSSEAU E LA DIFFICILE  “EDUCAZIONE NEGATIVA” DEL NOBILE: L’EMILE OU DE L’EDUCATION Rousseau sostiene che non si possono trattare i fanciulli come se fossero degli adulti ( si nota la distanza da Locke) e per formare l’intelligenza è necessario il contatto con la natura. Per questo l’educazione di Rousseau è rivolta al nobile: il selvaggio non ha bisogno di essere educato, perché è già educato dalla natura. I 5 libri in cui è divisa [...]

EVENTI: Jean-Jacques Rousseau

Nel 1756 egli si stabilì presso la residenza detta l'Ermitage, presso Montmorency, sotto la protezione della letterata Louise d'Épinay.

Nel 1747 L'Engagement téméraire venne messo in scena per la prima volta, nel 1749 Diderot invitò Rousseau a scrivere alcune voci di musica per il progetto dell'Encyclopédie.

Nel 1722, in seguito a una lite, Isaac si trovò costretto a fuggire da Ginevra per trasferirsi a Nyon dove poi si sarebbe risposato, affidò il suo figlio minore al fratello della moglie, Gabriel Bernard, il quale a sua volta lo mandò a pensione presso il pastore di Bossey, Jean-Jacques Lambercier, per il quale Rousseau avrebbe conservato ricordi di stima e rispetto.

Nel 1757 Rousseau iniziò ad avere degli attriti con Madame d'Épinay (causati da un suo amore per la contessa d'Houdetot) oltre che con Denis Diderot e con Frédéric-Melchior Grimm, al quale era stato precedentemente legato da un rapporto di amicizia.

Nel 1758 aveva terminato la stesura di Giulia o la nuova Eloisa, che fu dato alle stampe nel 1761 riscuotendo subito un notevole successo.

Nel 1745 venne rappresentato Le Muse galanti, Rousseau avviò una corrispondenza con Voltaire e strinse i suoi rapporti con Diderot e Condillac.

Nel 1759 Rousseau si trasferì al petit château (piccolo castello) di Montmorency presso il maresciallo Charles François de Luxembourg e sua moglie Madeleine Angélique de Neufville, a partire da quell'anno iniziò a lavorare sull'Émile e a partire dall'anno successivo sul Contratto sociale.

Nel 1934 vennero pubblicati i saggi di Alfred Cobban, che leggeva Rousseau in senso liberale, e diL.

Nel 1770, scaduto il termine del suo esilio temporaneo, fece ritorno a Parigi e si stabilì in rue Plâtrière (oggi rue Jean-Jacques Rousseau), cominciò a dare letture pubbliche delle Confessioni, cosa che gli fu proibita nel corso del 1771, su istigazione della Épinay, che le riteneva diffamatorie.

Il 18 ottobre 1752 venne rappresentata per la prima volta a Fontainebleau, alla presenza del re Luigi XV di Francia, l'opéra-comique L'indovino del villaggio, che riscontrò un notevole successo, tuttavia, invitato a un'udienza con il re il giorno successivo alla prima, Rousseau decise di non presentarsi temendo per la sua timidezza, per la sua incontinenza urinaria dovuta a una stenosi all'uretra (la quale, di origine congenita o causata da una malattia venerea, gli causò anche una dannosa ritenzione urinaria) oltre che per il fatto che quasi sicuramente gli sarebbe stata offerta una pensione a corte, che non avrebbe voluto accettare per poter mantenere la sua indipendenza, si allontanò quindi da Fontainebleau, causando il suo primo litigio con Diderot (che criticò duramente la sua scelta).

Nel 1753 venne pubblicata una nuova questione dell'Accademia di Digione: «Qual è l'origine della disuguaglianza fra gli uomini e se essa è autorizzata dalla legge naturale.

Nel 1762 vennero pubblicate due delle più importanti opere di Rousseau, Émile, o dell'educazione e Il contratto sociale.

Nel 1737 Rousseau si assentò da Chambéry in due occasioni, prima (a luglio) per recarsi a Ginevra a ritirare l'eredità di sua madre e poi (a settembre) per consultare un medico di Montpellier in seguito a un problema al cuore, durante questo secondo viaggio ebbe una breve ma appassionata relazione amorosa con una donna incontrata durante il tragitto, Madame de Larnage.

Nel 1724 Jean-Jacques rientrò a Ginevra, rimanendo alloggiato presso lo zio iniziò a fare l'apprendista di un cancelliere prima, e di un incisore poi.

Nel 1742, Jean-Jacques Rousseau lasciò definitivamente Les Charmettes per recarsi a Parigi.

Tra il 1728 e il 1731 Rousseau lavorò come domestico presso la contessa de Vercellis e presso il conte Solaro di Gouvon, ritornò ad Annecy (dove prese lezioni di musica da Jacques le Maître) e quindi riprese a vagabondare tra Nyon, Friburgo, Losanna, Vevey, Neuchâtel, a Neuchâtel si fermò qualche tempo per impartire a sua volta lezioni di musica, a Boudry si offrì di fare da interprete a un sedicente archimandrita che seguì a Friburgo, Berna e Soletta prima di scoprire che si trattava di un impostore, passò qualche tempo a Parigi, dove lavorò come precettore, e infine dopo essere passato da Lione si stabilì – di nuovo sotto la protezione di Madame de Warens – a Chambéry, dove a partire dal 1732 lavorò come maestro di musica e a partire dal 1734 come intendente.

Nel 1950, con l'importante saggio Jean-Jacques Rousseau et la science politique, Robert Derathé contribuì a chiarire l'inadeguatezza delle classificazioni di Rousseau in categorie come quelle di progressismo, conservatorismo, liberalismo o autoritarismo e mise invece l'accento sul contesto storico che influenzò il lavoro di Rousseau e sull'importanza delle caratteristiche della sua rielaborazione del giusnaturalismo.

Frase di Jean-Jacques Rousseau

Il testo che vi segnalo oggi è di Jean-Jacques Rousseau. Lo trovate qui di seguito: Un innocente perseguitato scambia a lungo per un puro amore della giustizia l'orgoglio del suo piccolo io.di Jean-Jacques Rousseau Commenta questa e altre frasi di Jean-Jacques Rousseau

Frase di Jean-Jacques Rousseau

Di seguito trovate un componimento di Jean-Jacques Rousseau, selezionato dalle raccolte di PoesieRacconti La vera innocenza non conosce la paura.di Jean-Jacques Rousseau Commenta questa e altre frasi di Jean-Jacques Rousseau

Il partito di Grillo fra Rousseau e Marx… e i miliardari d’America

Il partito di Grillo fra Rousseau e Marx… e i miliardari d’America

Beppe Grillo e il Movimento 5 Stelle hanno ottenuto un indubitabile trionfo alle ultime elezioni politiche sospinti da una dilagante sfiducia verso i partiti. Ma non è anche quello di Grillo un partito? E perché allora continua a negare di esserlo? Dietro ci sono solo comprensibili ragioni di “marketing” o qualcosa di più profondo? di Emilio Carnevali Fra le più gettonate “icone web” circolate all'indomani delle elezioni politiche è senza dubbio da [...]

Frase di Jean-Jacques Rousseau

Di seguito trovate un componimento di Jean-Jacques Rousseau, selezionato dalle raccolte di PoesieRacconti L'uomo nasce libero, ma ovunque è in catenedi Jean-Jacques Rousseau Commenta questa e altre frasi di Jean-Jacques Rousseau

Frase di Jean-Jacques Rousseau

Con questo post propongo un pensiero scritto da Jean-Jacques Rousseau La vera innocenza non conosce la paura.di Jean-Jacques Rousseau Commenta questa e altre frasi di Jean-Jacques Rousseau

Jean-Jacques Rousseau e la querelle des bouffons

Jean-Jacques Rousseau e la querelle des bouffons

by MONICA SANFILIPPO on 29 APRILE 2011 · http://www.ilpendolo.info/ Quando nella Parigi del 1752, infiammata dagli animi dei philosophes illuministi, viene rappresentata La serva padrona di Giovanni Battista Pergolesi (1710-1736), contemporaneamente all’opera Acis et Galatée di Jean Baptiste Lully (1632-1867), un’accesa polemica si accende con rapidità tra i sostenitori della tradizione musicale della tragédie lyrique, che da Lully porta a [...]

Jean Jacques Rousseau, Terremoto

Jean Jacques Rousseau, Terremoto

Quanto ai mali fisici, essi sono inevitabili in qualunque sistema di cui l'uomo faccia parte: la maggior parte dei nostri mali fisici sono ancora opera nostra. Senza abbandonare l'argomento di Lisbona, converrete, per esempio, che non fu la natura ad accostare ventimila case di sei o sette piani, e che se gli abitanti di quella grande città si fossero distribuiti in modo più equilibrato e alloggiati in modo più leggero, le perdite sarebbero state di molto [...]

No, la reunion di Friends non ci sarà: svelati i due motivi

No, la reunion di Friends non ci sarà: svelati i due motivi

Nonostante l’episodio finale sia stato trasmesso nel lontano 2004, “Friends” resta una serie tv cult per i nati tra gli anni Ottanta e Novanta, in grado però oggi di attirare anche le nuove generazioni grazie a Netflix. La sitcom, di cui sono state realizzate in totale dieci stagioni e che ha vinto il premio come “miglior commedia” per l’ottava stagione all’edizione 2002 degli Emmy Awards), è incentrata su un gruppo di sei amici di Manhattan, [...]

MARX SI È SBAGLIATO SULL'UTILITA' DELLO SCAMBIO

La lettura di una monografia su Karl Marx(1) si è rivelata talmente sorprendente, su un punto della sua teoria, che ho letto alcune pagine almeno tre volte, per essere sicuro di avere capito bene. Marx nega l’utilità dello scambio. Un principio che per me è sempre stato un’innegabile evidenza economica(2). In sintesi: ammesso che un oggetto costi dieci euro, chi lo compra preferisce l’oggetto a dieci euro, chi lo vende preferisce dieci euro all’oggetto. [...]

Jack Savoretti: canto in inglese il romanticismo italiano

Jack Savoretti: canto in inglese il romanticismo italiano

Milano, 12 mar. (askanews) - "Un album italiano, cantato in inglese". Jack Savoretti definisce così "Singing to Strangers", il suo nuovo disco in uscita il 15 marzo, come fosse specchio del doppio legame dell'autore britannico, nato a Londra, ma di origini italiane. E questa volta nelle tracce del disco, fra cui i singoli "Candlelight" e "What more can I do", ha messo tanto del Paese in cui è nato suo padre, anche concretamente, visto che l'album è stato [...]

Savoretti, ho scoperto il romanticismo

Savoretti, ho scoperto il romanticismo

(ANSA) – MILANO, 12 MAR – Un tragitto cinematografico: Jack Savoretti presenta così il nuovo album, ‘Singing To Strangers’, in uscita il 15 marzo. “Prima cantare per me era un urlo di frustrazione, ora ho trovato una prospettiva positiva e nei teatri italiani ho scoperto il romanticismo – racconta all’ANSA il cantautore anglo-italiano -. Volevo cantare il dilemma di dover andare via di casa: l’ho pensato come un film”. Al disco partecipano Kylie [...]

Incendio e colonna di fumo su Perugia, il sindaco: 'Non uscite'

Incendio e colonna di fumo su Perugia, il sindaco: 'Non uscite'

Un vasto incendio è divampato in un capannone industriale nella zona di Ponte San Giovanni alla periferia di Perugia. Ha provocato una grande colonna di fumo nero visibile in gran parte della città. Sono intervenuti i vigili del fuoco con tutto il personale e i mezzi a disposizione: 24 uomini con 5 autobotti e un funzionario. Presenti anche le forze dell’ordine. E’ stata attivata poi l’Arpa per i controlli ambientali e allertata la Protezione civile del [...]

FOTO: Jean-Jacques Rousseau

La firma di Jean Jacques Rousseau

La firma di Jean Jacques Rousseau

La casa natale di Rousseau al numero 40 della Grand-Rue a Ginevra.[14]

La casa natale di Rousseau al numero 40 della Grand-Rue a Ginevra.[14]

Madame de Warens.

Madame de Warens.

La casa di Les Charmettes, presso Chambéry, dove Rousseau visse con poche interruzioni tra il 1732 e il 1742.

La casa di Les Charmettes, presso Chambéry, dove Rousseau visse con poche interruzioni tra il 1732 e il 1742.

Marie-Thérèse Levasseur a circa 70 anni (1790).

Marie-Thérèse Levasseur a circa 70 anni (1790).

Rousseau ritratto da Allan Ramsay nel 1766.

Rousseau ritratto da Allan Ramsay nel 1766.

Rousseau a Ermenonville.

Rousseau a Ermenonville.

Il serpente che danza

Il serpente che danza

Edward Hopper, Reclining Nude Quanto mi piace, cara indolente, veder scintillare la pelle del tuo splendido corpo come se fosse una stoffa ondeggiante. Sulla tua chioma profonda, dagli acri profumi, mare odoroso e vagabondo, di flutti azzurri e bruni, come un vascello che si sveglia al vento del mattino, la mia anima sognante s'appresta a un cielo lontano. I tuoi occhi, che nulla rivelano di dolce o d'amaro, sono due gioielli in cui l'oro si unisce al ferro. A [...]

SANITA': FONDAZIONE POLIAMBULANZA RICONOSCIUTO COME CENTRO D'ECCELLENZA PER LE MALATTIE INFIAMMATORIE INTESTINALI

SANITA': FONDAZIONE POLIAMBULANZA RICONOSCIUTO COME CENTRO D'ECCELLENZA PER LE MALATTIE INFIAMMATORIE INTESTINALI

Circa 1.000 pazienti lo scorso anno si sono rivolti all'ospedale bresciano per la cura delle Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali              Brescia, 7 marzo 2019 - E per la qualità dei trattamenti offerti l’ospedale bresciano è stato oggi ammesso nelle fila di una importante società scientifica, IG-IBD, Gruppo Italiano per le Malattie Infiammatorie Croniche Intestinali, che promuove la ricerca clinica e di base a livello nazionale e [...]

PFM celebra De André a 40 anni da tour

PFM celebra De André a 40 anni da tour

(ANSA) – BOLOGNA, 6 MAR – A quarant’anni dal mitico tour che segnò il sodalizio fra la PFM (Premiata Forneria Marconi) e Fabrizio De André, e a venti dalla morte del cantautore genovese, il gruppo di Franz Di Cioccio celebra quell’evento con una lunga tournée che parte dall’Emilia-Romagna (Teatro Nuovo di Salsomaggiore, 9 marzo) e (Europauditorium di Bologna, 12) e poi toccherà tutta Italia fino al 31 maggio. La data di Bologna è già sold out [...]

Le ragioni di Karl Marx sulla questione ebraica…

Le ragioni di Karl Marx sulla questione ebraica…

Voi ebrei siete egoisti se pretendete un’emancipazione particolare per voi in quanto ebrei. Voi dovreste, in quanto tedeschi, lavorare per l’emancipazione politica della Germania, in quanto uomini, per la emancipazione umana, e non sentire come un’eccezione alla regola il modo particolare della vostra oppressione e della vostra ignominia, ma piuttosto come conferma della regola. […] Perché il tedesco dovrebbe interessarsi alla liberazione dell’ebreo, se [...]

16 maggio 1925 - Il grande, attualissimo discorso alla Camera di Antonio Gramsci: "Ecco cos'è davvero il fascismo"

16 maggio 1925 - Il grande, attualissimo discorso alla Camera di Antonio Gramsci: "Ecco cos'è davvero il fascismo"

    . SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti . . 16 maggio 1925 - Il grande, attualissimo discorso alla Camera di Antonio Gramsci: "Ecco cos'è davvero il fascismo"   Gramsci: ecco cos'è davvero il fascismo La 'rivoluzione' fascista è solo la sostituzione di un personale amministrativo ad un altro personale. Il discorso alla Camera di Antonio Gramsci Antonio Gramsci (16 maggio 1925) Il problema è questo: la situazione del capitalismo in Italia [...]

Pallavolo Serie B2 Donne;La Pallavolo Cerignola Non Sa Piu'Vincere 3-0 da Offida La Salvezza Rimane Complicata Di;Mimmo Siena

Pallavolo Serie B2 Donne;La Pallavolo Cerignola Non Sa Piu'Vincere 3-0 da Offida La Salvezza Rimane Complicata Di;Mimmo Siena

Ancora una sconfitta per la Pallavolo Cerignola,dopo Copertino,Corridonia adesso le''fucsia''vengono punite anche da Offida con un sonoro 3-0.La situazione si complica maledettamente in chiave-salvezza,e'se vogliamo ritornare alle parole con cui il presidente Russo aveva detto''non c'e carattere''dopo il ko di una settimana fa,puntualmente la situazione si e'ripetuta anche stavolta.Offida prende da subito in mano le redini della gara,dimostrando dinamicita'in [...]

Che romanticismo, eh?

Che romanticismo, eh?

Vent'anni dopo Titanic, l'impronta di Rose sul vetro è ancora lì

Vent'anni dopo Titanic, l'impronta di Rose sul vetro è ancora lì

James Cameron ha appena mostrato su Instagram una vera chicca a proposito dell’apprezzatissimo film “Titanic“. Il regista ha pubblicato una fotografia dell’automobile in cui i protagonisti Jack (interpretato dall’attore Leonardo DiCaprio) e Rose (Kate Winslet) vissero momenti d’intimità prima che il transatlantico affondasse. A rendere particolare lo scatto è l’impronta lasciata dalla mano di Rose, ancora visibile a distanza di oltre venti anni [...]

IL MALE secondo LUIGI PAREYSON

IL MALE secondo LUIGI PAREYSON

E' il 1986 quando il filosofo italiano Luigi Pareyson scrive La Filosofia e il Problema del Male. Cattolico, considerato tra i maggiori filosofi italiani del XX secolo, è tra i primi a far conoscere in Italia l'esistenzialismo tedesco, facente capo principalmente ad Heidegger e Jaspers, e a riconoscersi in questa visione, passando poi ad una filosofia più ermeneutica e infine ad un’ontologia della libertà. Per sua stessa ammissione, il suo itinerario [...]

Quirinale, Mattarella nomina 29 Alfieri

Quirinale, Mattarella nomina 29 Alfieri

(ANSA) – ROMA, 23 FEB – Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha conferito 29 Attestati d’onore di “Alfiere della Repubblica” a giovani che si sono distinti come costruttori di comunità, attraverso la loro testimonianza, il loro impegno, le loro azioni coraggiose e solidali. Sono giovani, nati tra il 1999 e il 2008, che rappresentano modelli positivi di cittadinanza e che sono esempi dei molti ragazzi meritevoli presenti nel nostro Paese. [...]

Caffè Leopardi

Romolo Damiani TOP & FLOP menù squadre

Malena contro Fabrizio Corona: «Ma quale grande amante, non è attratto dalle donne»

Malena contro Fabrizio Corona: «Ma quale grande amante, non è attratto dalle donne»

Filomena Mastromarino, in arte Malena la Pugliese, lancia una velenosa frecciata all'indirizzo di Fabrizio Corona. La pornostar ed ex delegata Pd, infatti, era stata tirata in ballo dall'ex 'fotografo dei vip' nel suo libro, Non mi avete fatto niente, in cui venivano rivelati alcuni dettagli piccanti su delle relazioni sessuali avute con donne molto famose del mondo dello spettacolo. Molte delle avventure raccontate da Fabrizio Corona risalirebbero ai tempi [...]

Malena contro Fabrizio Corona: «Ma quale grande amante, non è attratto dalle donne»

Malena contro Fabrizio Corona: «Ma quale grande amante, non è attratto dalle donne»

Filomena Mastromarino, in arte Malena la Pugliese, lancia una velenosa frecciata all'indirizzo di Fabrizio Corona. La pornostar ed ex delegata Pd, infatti, era stata tirata in ballo dall'ex 'fotografo dei vip' nel suo libro, Non mi avete fatto niente, in cui venivano rivelati alcuni dettagli piccanti su delle relazioni sessuali avute con donne molto famose del mondo dello spettacolo. Molte delle avventure raccontate da Fabrizio Corona risalirebbero ai tempi della [...]

A Recanati scritti e cimeli Leopardi

A Recanati scritti e cimeli Leopardi

(ANSA) – RECANATI (MACERATA), 21 FEB – Sono stati per anni nascosti nei depositi di Villa Colloredo Mels di Recanati, da cui sono usciti per essere esposti alla Mostra ‘Infinito Leopardi’ che ha portato nella città natale del poeta il manoscritto de L’Infinito e altri autografi conservati a Visso. Da oggi cimeli e documenti di Leopardi, tra cui la maschera funebre realizzata direttamente sulla salma il 14 giugno 1847, i ritratti della famiglia, lettere, [...]

Malena contro Fabrizio Corona: «Ma quale grande amante, non è attratto dalle donne»

Malena contro Fabrizio Corona: «Ma quale grande amante, non è attratto dalle donne»

Filomena Mastromarino, in arte Malena la Pugliese, lancia una velenosa frecciata all'indirizzo di Fabrizio Corona. La pornostar ed ex delegata Pd, infatti, era stata tirata in ballo dall'ex 'fotografo dei vip' nel suo libro, Non mi avete fatto niente, in cui venivano rivelati alcuni dettagli piccanti su delle relazioni sessuali avute con donne molto famose del mondo dello spettacolo. Molte delle avventure raccontate da Fabrizio Corona risalirebbero ai tempi [...]

&id=HPN_Jean+Jacques+Rousseau_http{{{}}}dbpedia*org{}resource{}Jean-Jacques{{}}Rousseau" alt="" style="display:none;"/> ?>