Jorge Luis Borges

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Father
In rilievo

Father

Jorge Luis Borges

La scheda: Jorge Luis Borges

Jorge Francisco Isidoro Luis Borges Acevedo (IPA: , pronuncia, Buenos Aires, 24 agosto 1899 – Ginevra, 14 giugno 1986) è stato uno scrittore, poeta, saggista, traduttore e accademico argentino.
Le opere di Borges hanno contribuito alla letteratura filosofica e al genere fantasy. Il critico Ángel Flores, primo ad utilizzare l'espressione "realismo magico" per definire un genere in risposta contro il realismo e il naturalismo dominante del XIX secolo, considera l'inizio del movimento la pubblicazione del libro di Borges 'Storia universale dell'infamia' (Historia universal de la infamia).
È ritenuto uno dei più importanti e influenti scrittori del XX secolo, ispirato tra gli altri da Macedonio Fernández, Rafael Cansinos Assens, dalla letteratura inglese (Chesterton, Kipling, Stevenson, Wells, De Quincey, Shaw), da quella tedesca (Schopenhauer, Heine, Kafka) e dal taoismo. Narratore, poeta e saggista, è famoso sia per i suoi racconti fantastici, in cui ha saputo coniugare idee filosofiche e metafisiche con i classici temi del fantastico (quali: il doppio, le realtà parallele del sogno, i libri misteriosi e magici, gli slittamenti temporali), sia per la sua più ampia produzione poetica, dove, come afferma Claudio Magris, si manifesta "l'incanto di un attimo in cui le cose sembra stiano per dirci il loro segreto".
Oggi l'aggettivo «borgesiano» definisce una concezione della vita come storia (fiction), come menzogna, come opera contraffatta spacciata per veritiera (come nelle sue famose recensioni di libri immaginari, o le biografie inventate), come fantasia o come reinvenzione della realtà.



Jorge Luis Borges

L'uomo, questo imperfetto bibliotecario, può essere opera del caso o di demiurghi malevoli Jorge Luis Borges da La biblioteca di Babele

deleted

deleted

EVENTI: Jorge Luis Borges

Nel 1938 muore il padre, cieco da anni.

Nel 1914 egli si trasferì con i genitori, la sorella Norah (nata nel 1901) e la nonna materna - quella paterna li raggiunse in seguito - a Ginevra, dove restò fino al 1918.

Nel 1931 uscì il primo numero di Sur, rivista fondata e diretta da Victoria Ocampo, in questo primo numero Borges collaborò con un articolo dedicato a Coronel Ascasubi.

Nel 1975 morì sua madre, a novantanove anni.

Nel 1973, prima della nuova vittoria del peronismo, Borges continuò a ricordare il primo governo di Perón come "gli anni dell'obbrobrio".

Nel 1950 Borges venne eletto presidente della SADE e, un anno dopo, uscì in Messico Antiguas Literaturas Germánicas (Brume, dei, eroi), scritto in collaborazione con Delia Ingenieros.

Nel 1956 divenne professore di letteratura inglese all'Università di Buenos Aires e presidente dell'Associazione degli Scrittori argentini.

Nel 1908 venne iscritto alla quarta classe elementare della scuola pubblica.

Nel 1923, il giorno prima del secondo viaggio in Svizzera, Borges pubblicò il suo primo libro di poesie, Fervore di Buenos Aires (Fervor de Buenos Aires), in cui si prefigurava, come disse lo stesso Borges, tutta la sua opera successiva.

Nel 1922 egli andò a trovare Leopoldo Lugones insieme a Eduardo Gonález Lanuza, per consegnargli il secondo (e ultimo) numero di Prisma.

Nel 1980 firmò una petizione di sollecitazione a favore dei desaparecidos nel quotidiano Clarín e assunse un netto atteggiamento di opposizione, che veniva tollerato in omaggio alla sua statura intellettuale, e smise anche di scrivere sul quodidiano La Nación, che era vicino al governo, dove fu annunciata la rottura di Borges con i colonnelli.

Nel 1982 condannò quindi l'invasione argentina delle Isole Malvinas, ordinata dai generali successori di Videla e si dichiarò pacifista, anche se alcune guerre, in passato, furono da lui ritenute giuste (come la guerra dei sei giorni in cui appoggiò Israele contro i paesi arabi).

Nel 1946 Juan Domingo Perón venne eletto presidente, sconfiggendo così la Unión Democrática.

Nel 1983 Borges manifestò soddisfazione e ottimismo per l'elezione di Raúl Alfonsín, primo Presidente dell'Argentina dopo la fine della dittatura.

Nel 1948 sua sorella Norah e sua madre vennero incarcerate, accusate di aver dato scandalo nella loro vita pubblica.

Nel 1967, dopo la fine della ventennale relazione sentimentale e intellettuale con la scrittrice e traduttrice Estela Canto (iniziata nel 1944) sposò Elsa Helena Astete Millán, ma la coppia divorziò dopo soli tre anni, nel 1970.

Nel 1918, dopo la morte della nonna materna, si trasferì con la famiglia dapprima a Lugano e, l'anno successivo, a Maiorca.

Nel 1985, dopo la fine della dittatura, partecipò quindi come uditore al processo contro la giunta (da cui uscirono le prime condanne e il rapporto Nunca más), ma, già malato, ebbe una forte reazione emotiva e un malore al racconto delle violenze subite da parte di superstiti dei centri di detenzione clandestini, e dovette essere portato fuori a spalla dai presenti, disse in aula: «Questo è troppo per me.

Nel 1919, durante il soggiorno a Siviglia, per la prima volta venne pubblicata, sul numero 37 della rivista Grecia, una sua poesia, Himno del mar (Inno al Mare).

Jorge Luis Borges - Inno

Inno di Jorge Luis Borges . Questa mattina c'è nell'aria l'incredibile fragranza delle rose del Paradiso. Sulla riva dell'Eufrate Adamo scopre la freschezza dell'acqua. Una pioggia d'oro cade dal cielo: è l'amore di Giove. Salta dal mare un pesce e un uomo di Agrigento si ricorda d'essere stato quel pesce. Nella caverna che chiameranno Altamira una mano senza volto traccia la curva di un dorso di bisonte. La lenta mano di Virgilio accarezza la seta che [...]

J. L. Borges: Pierre Menard, autore del «Chisciotte». (riflessioni su)

Pierre Menard, autore del «Chisciotte» (da “Finzioni”, 1944): manifesto dell’estetica di J. L. Borges. di   Valerio Ferlito Introduzione Il racconto, inserito nella raccolta “Il Giardino dei sentieri che si biforcano” del 1941, poi confluita nella raccolta “Finzioni” (1944), è il primo scritto da Borges dopo l’incidente della vigilia di Natale 1938 e la conseguente setticemia,  che misero in pericolo la sua vita, costringendolo in coma [...]

Shakespeare, la Luna e Borges

Shakespeare, la Luna e Borges

Parlavamo di Borges e de La Memoria di Shakespeare, ricordate? E dicevamo anche che, nella forma narrativa, si nascondono un po' di teorie borgesiane sul Bardo&Cigno - ma forse "teorie" non era la parola giusta. Detto così richiama alla mente gente... er, bizzarra come Wilbur Zeigler o il non-proprio Ayres/Underwood , e invece siamo su un altro pianeta. Borges non è uno squadrellato che cerca di contrabbandare una teoria bislacca e indimostrabile in forma di [...]

La Memoria di Shakespeare

La Memoria di Shakespeare

Tutto è successo per via di Ad Alta Voce. Il tema era "Il potere dei ricordi" - e non avete idea di quanto ci prenderemmo a botte in testa quando si tratta di tirar fuori letture per quei temi che a suo tempo c'erano parsi tanto simpatici... - ed ero a caccia. Così ho pescato La Storia Più Bella Del Mondo di Kipling, il Sonetto 81 per l'Angolo Shakespeariano, il finale de La Coppa d'Oro di Steinbeck, il pezzo sulle Cose Che Non Sappiamo Più dall'Annibale di [...]

J. L. Borges: Tlön, Uqbar, Orbis Tertius (riflessioni su)

J. L. Borges: Tlön, Uqbar, Orbis Tertius (da “Il giardino dei sentieri che si biforcano”, 1941)   Introduzione   Il racconto apre la raccolta “Il giardino dei sentieri che si biforcano” (1941), prima parte della raccolta “Finzioni” (1944). Esso venne pubblicato sulla rivista “Sur” e nell’ ”Antologia della Letteratura Fantastica”, nel 1940. Si compone di tre parti; la terza (poscritto) reca la data fittizia del 1947: è, dunque, postdatata [...]

J. L. Borges: Tlön, Uqbar, Orbis Tertius (riflessioni su)

J. L. Borges: Tlön, Uqbar, Orbis Tertius (da “Il giardino dei pensieri che si biforcano”, 1941)   Introduzione   Il racconto apre la raccolta “Il giardino dei sentieri che si biforcano” (1941), prima parte della raccolta “Finzioni” (1944). Esso venne pubblicato sulla rivista “Sur” e nell’ ”Antologia della Letteratura Fantastica”, nel 1940. Si compone di tre parti; la terza (poscritto) reca la data fittizia del 1947: è, dunque, postdatata [...]

Jorge Luis Borges, Stelle insabbiate, Qui ed ora

Noi siamo la nostra memoria, noi siamo questo museo chimerico di forme inconstanti, questo mucchio di specchi rotti. Jorge Luis Borges Stelle insabbiate Voci di fiori interpellano l'animo Ghirlandando memorie sfumate. Oblii di mare seminano gli occhi Che sfogliano luci innervate sull'onde. Mareggiate di vita restituiscono a riva Stelle insabbiate che lucido con nostalgia. anima_on_line Qui ed ora Non conto più i miei giorni se non ad attimi quelli che ho da dare [...]

Jorge Luis Borges, Stelle insabbiate, Qui ed ora

Noi siamo la nostra memoria, noi siamo questo museo chimerico di forme inconstanti, questo mucchio di specchi rotti. Jorge Luis Borges Stelle insabbiate Voci di fiori interpellano l'animo Ghirlandando memorie sfumate. Oblii di mare seminano gli occhi Che sfogliano luci innervate sull'onde. Mareggiate di vita restituiscono a riva Stelle insabbiate che lucido con nostalgia. anima_on_line Qui ed ora Non conto più i miei giorni se non ad attimi quelli che ho da dare [...]

FOTO: Jorge Luis Borges

Jorge Luis Borges nel 1969

Jorge Luis Borges nel 1969

Jorge Luis Borges nel 1940 (foto pubblicata nel 1968)

Jorge Luis Borges nel 1940 (foto pubblicata nel 1968)

Jorge Luis Borges nel 1963, alle prese con i problemi di vista.

Jorge Luis Borges nel 1963, alle prese con i problemi di vista.

Jorges Luis Borges nel 1951, foto di Grete Stern

Jorges Luis Borges nel 1951, foto di Grete Stern

Borges con Riccardo Campa (Roma, 1983)

Borges con Riccardo Campa (Roma, 1983)

Tomba di Borges a Ginevra

Tomba di Borges a Ginevra

Borges ed Ernesto Sabato

Borges ed Ernesto Sabato

Jorge Luis Borges, Stelle insabbiate, Qui ed ora

Noi siamo la nostra memoria, noi siamo questo museo chimerico di forme inconstanti, questo mucchio di specchi rotti. Jorge Luis Borges Stelle insabbiate Voci di fiori interpellano l'animo Ghirlandando memorie sfumate. Oblii di mare seminano gli occhi Che sfogliano luci innervate sull'onde. Mareggiate di vita restituiscono a riva Stelle insabbiate che lucido con nostalgia. anima_on_line Qui ed ora Non conto più i miei giorni se non ad attimi quelli che ho da dare [...]

Jorge Luis Borges, Stelle insabbiate, Qui ed ora

Jorge Luis Borges, Stelle insabbiate, Qui ed ora

Noi siamo la nostra memoria, noi siamo questo museo chimerico di forme inconstanti, questo mucchio di specchi rotti. Jorge Luis Borges Stelle insabbiate Voci di fiori interpellano l'animo Ghirlandando memorie sfumate. Oblii di mare seminano gli occhi Che sfogliano luci innervate sull'onde. Mareggiate di vita restituiscono a riva Stelle insabbiate che lucido con nostalgia. anima_on_line Qui ed ora Non conto più i miei giorni se non ad attimi quelli che ho da dare [...]

J. L. Borges: Tre versioni di Giuda (riflessioni su)

J. L. Borges: Tre versioni di Giuda (da Finzioni, 1944) di  Valerio Ferlito Introduzione Il racconto è tratto dalla raccolta “Finzioni” (1944), in particolare dalla parte intitolata “Artifici”. Nella premessa alla raccolta, Borges lo definisce “una fantasia cristologica”. Il rapporto tra Borges e la religione, tra Borges e Dio, è notoriamente problematico: “I cattolici (leggasi i cattolici argentini) credono a un mondo ultraterreno, ma ho [...]

Jorge Luis Borges

La Terra è un paradiso. L'inferno è non accorgersene.

J. L. Borges: Il Vangelo secondo Marco (riflessioni su)

J. L. Borges: Il Vangelo secondo Marco (da Il Manoscritto di Brodie 1970)                                                     di Valerio Ferlito   Introduzione   Penultimo della raccolta intitolata “Il manoscritto di Brodie” (1970), il racconto è considerato dallo stesso autore, nel prologo alla raccolta, “il migliore della serie”. Esso compendia più temi principali e ricorrenti della sua opera narrativa ed esprime [...]

Le cose belle.. Jorge Luis Borges

Alcune cose sono belle per quel che sono. In quel preciso momento. Che durino minuti, ore, giorni o mesi, non importa. Non sono belle per quello che potrebbero diventare. Per il luogo da cui arrivano. Sono belle lì, in quel momento perché sono così. Sospese. Appena sfiorate. (Jorge Luis Borges)

J. L. Borges: L'altro. G. Papini: Due immagini in una vasca. Raffronto

“L’altro” di J. L. Borges  e “Due immagini in una vasca” di Giovanni Papini   “Due immagini in una vasca” (1907) è un racconto giovanile di Giovanni Papini (1881-1956), il primo della raccolta intitolata “Il pilota cieco”. “L’altro” (1975) è un racconto  della maturità di Borges (oltre settant’anni), il primo della raccolta “Il libro di sabbia”. La differenza di età tra i due scrittori è ricca di effetti. Non c’è in Papini [...]

J. L. Borges: Utopia di un uomo che è stanco (riflessioni su)

Utopia di un uomo che è stanco (da Il libro di sabbia 1975) Racconto della vecchiaia “onesto e malinconico” (così lo definisce Borges stesso nell’epilogo al Libro di sabbia, la raccolta da cui è tratto). Onesto per il suo carattere confessorio; malinconico, perché la riflessione autocritica ivi condotta interviene in età ormai avanzata, che non consente più emendamenti. Solo i colli, afferma Borges, sono tra loro diversi; la pianura, invece, è una ed [...]

Che Borges sia con voi

L'impressione, a frequentare certi siti 'dedicati' è che si stra-parli e, sovente, 'non si sa quel che si dice'. Perché è vero che il tango argentino fa molto 'letteratura' e perfino Borges lo cita di striscio, figurarsi! - e qualcuno (come  sempre si fa per le cose che hanno successo) ha pensato bene di spolverarlo a velo di psicologia applicata e liturgia para religiosa, ma, a ben vedere e ascoltare 'sono solo canzonette' intorno alle quali viene bene [...]

MORELLATO ISTANTI - orecchini J214

MORELLATO ISTANTI - orecchini J214

ORECCHINI MORELLATO MORELLATO ISTANTI - orecchini J214 Orecchini Morellato Prezzo: PREZZO PIU'CONVENIENTE DELLA RETE ASIN : B001LK7MJK Orecchini in acciaioquarzo fumèdiamanti naturali * Orecchini in acciaio * quarzo fumè * diamanti naturali Recensione clienti

&id=HPN_Jorge+Luis+Borges_http{{{}}}dbpedia*org{}resource{}Jorge{{}}Luis{{}}Borges" alt="" style="display:none;"/> ?>