Lago di Garda

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Risultati relativi a Lago di Garda. Cerca invece Lake Garda.

Vedi anche

Cristina Parodi
In rilievo

Cristina Parodi

Lago di Garda

La scheda: Lago di Garda

« Suso in Italia bella giace un laco, a piè de l'Alpe che serra Lamagna sovra Tiralli, c'ha nome Benaco. »
Il lago di Garda o Benaco (/beˈnako/, localmente anche /ˈbɛnako/, Lach de Garda in lombardo e trentino , Łago de Garda in veneto ), è il maggiore lago italiano, con una superficie di circa 370 km² (terzo per profondità dopo Como e Maggiore). Cerniera fra tre regioni, Lombardia (provincia di Brescia), Veneto (provincia di Verona) Trentino-Alto Adige (provincia di Trento), è posto in parallelo all'Adige, da cui è diviso dal massiccio del monte Baldo. A settentrione si presenta stretto a imbuto mentre a meridione si allarga, circondato da colline moreniche che rendono più dolce il paesaggio. Il lago è un'importante meta turistica ed è visitato ogni anno da milioni di persone.


Garda Trentino Half Marathon domenica 10 novembre a Riva del Garda

Garda Trentino Half Marathon domenica 10 novembre a Riva del Garda

RICEVIAMO E VOLENTIERI PUBBLICHIAMO La Garda Trentino Half Marathon ce l’ha fatta ancora una volta, raggiungendo e superando quota 5000 partecipanti all’evento di domenica 10 novembre. Le richieste abbondano, tanto da aver fatto propendere il comitato organizzatore per l’apertura prolungata delle iscrizioni. La giornata di oggi permetterà dunque ai ritardatari di iscriversi, anch’essi pronti a godersi i percorsi di 21K con partenza ed arrivo a Riva del [...]

GARDA TRENTINO “AGEVOLATA” ENTRO IL 15 AGOSTO. 1000 RUNNERS E 32 NAZIONI ALLA HALF MARATHON

GARDA TRENTINO “AGEVOLATA” ENTRO IL 15 AGOSTO. 1000 RUNNERS E 32 NAZIONI ALLA HALF MARATHON

Sul Garda Trentino si corre per passione, per vivere le emozioni che solo la Garda Trentino Half Marathon sa dare, abbracciando nuove culture, orizzonti, mete e lidi, sempre con la guida ‘a braccetto’ del comitato presieduto da Sandro Poli ad orchestrare le operazioni, circondati dall’affetto dei circa 6.000 podisti che ogni anno affollano Riva del Garda e dintorni. Al 10 novembre mancano alcuni mesi ma le quote agevolate sono in scadenza, permettendo ai [...]

EVENTI: Lago di Garda

Nel 268 si combatté la battaglia del lago Benaco tra l'esercito dell'impero romano, comandato dal futuro imperatore Claudio il Gotico, e la federazione germanica degli Alemanni.

Nel 268 si combatté la battaglia del lago Benaco tra l'esercito dell'impero romano, comandato dal futuro imperatore Claudio il Gotico, e la federazione germanica degli Alemanni.

Nel 268 si combatté la battaglia del lago Benaco tra l'esercito dell'impero romano, comandato dal futuro imperatore Claudio il Gotico, e la federazione germanica degli Alemanni.

Nel 268 si combatté la battaglia del lago Benaco tra l'esercito dell'impero romano, comandato dal futuro imperatore Claudio il Gotico, e la federazione germanica degli Alemanni.

Nel 1516 scese in Italia l'imperatore Massimiliano I e la Riviera tornò nuovamente in mano tedesca, ma il suo ritorno improvviso in Germania consentì alla Serenissima di recuperare i territori persi.

Nel 1516 scese in Italia l'imperatore Massimiliano I e la Riviera tornò nuovamente in mano tedesca, ma il suo ritorno improvviso in Germania consentì alla Serenissima di recuperare i territori persi.

Nel 1516 scese in Italia l'imperatore Massimiliano I e la Riviera tornò nuovamente in mano tedesca, ma il suo ritorno improvviso in Germania consentì alla Serenissima di recuperare i territori persi.

Nel 1516 scese in Italia l'imperatore Massimiliano I e la Riviera tornò nuovamente in mano tedesca, ma il suo ritorno improvviso in Germania consentì alla Serenissima di recuperare i territori persi.

Nel 1978 venne fondata la società che trasformò poi lo scalo in una vera e propria aerostazione, riqualificandola poi interamente all'inizio degli anni novanta, ampliando pure i piazzali di sosta aeromobili e delle auto, e realizzando l'allacciamento con le nuove tangenziali di Verona, portando così ad un notevole miglioramento della sua raggiungibilità, tanto che nel 1995 l'aeroporto superò il milione di passeggeri in un anno, nel 2001 raggiunse i due milioni, e nel 2006 superò i tre milioni di passeggeri transitati.

Nel 1978 venne fondata la società che trasformò poi lo scalo in una vera e propria aerostazione, riqualificandola poi interamente all'inizio degli anni novanta, ampliando pure i piazzali di sosta aeromobili e delle auto, e realizzando l'allacciamento con le nuove tangenziali di Verona, portando così ad un notevole miglioramento della sua raggiungibilità, tanto che nel 1995 l'aeroporto superò il milione di passeggeri in un anno, nel 2001 raggiunse i due milioni, e nel 2006 superò i tre milioni di passeggeri transitati.

Nel 1978 venne fondata la società che trasformò poi lo scalo in una vera e propria aerostazione, riqualificandola poi interamente all'inizio degli anni novanta, ampliando pure i piazzali di sosta aeromobili e delle auto, e realizzando l'allacciamento con le nuove tangenziali di Verona, portando così ad un notevole miglioramento della sua raggiungibilità, tanto che nel 1995 l'aeroporto superò il milione di passeggeri in un anno, nel 2001 raggiunse i due milioni, e nel 2006 superò i tre milioni di passeggeri transitati.

Nel 1978 venne fondata la società che trasformò poi lo scalo in una vera e propria aerostazione, riqualificandola poi interamente all'inizio degli anni novanta, ampliando pure i piazzali di sosta aeromobili e delle auto, e realizzando l'allacciamento con le nuove tangenziali di Verona, portando così ad un notevole miglioramento della sua raggiungibilità, tanto che nel 1995 l'aeroporto superò il milione di passeggeri in un anno, nel 2001 raggiunse i due milioni, e nel 2006 superò i tre milioni di passeggeri transitati.

Il 23 luglio 1915 avvenne il primo bombardamento aereo nella zona, quando fu colpita Riva del Garda, mentre il 10 agosto fu bombardata Malcesine e il 25 ottobre nuovamente Riva.

Il 23 luglio 1915 avvenne il primo bombardamento aereo nella zona, quando fu colpita Riva del Garda, mentre il 10 agosto fu bombardata Malcesine e il 25 ottobre nuovamente Riva.

Il 23 luglio 1915 avvenne il primo bombardamento aereo nella zona, quando fu colpita Riva del Garda, mentre il 10 agosto fu bombardata Malcesine e il 25 ottobre nuovamente Riva.

Il 23 luglio 1915 avvenne il primo bombardamento aereo nella zona, quando fu colpita Riva del Garda, mentre il 10 agosto fu bombardata Malcesine e il 25 ottobre nuovamente Riva.

Nel 1959 entro in servizio invece il traghetto Ticino, che effettuava servizio tra Maderno e Torri del Benaco, seguito qualche anno dopo dalla Regina del Garda, e nel 1980 dalla nave-traghetto Brennero, capace di trasportare 800 passeggeri e 50 vetture.

Nel 1959 entro in servizio invece il traghetto Ticino, che effettuava servizio tra Maderno e Torri del Benaco, seguito qualche anno dopo dalla Regina del Garda, e nel 1980 dalla nave-traghetto Brennero, capace di trasportare 800 passeggeri e 50 vetture.

Nel 1959 entro in servizio invece il traghetto Ticino, che effettuava servizio tra Maderno e Torri del Benaco, seguito qualche anno dopo dalla Regina del Garda, e nel 1980 dalla nave-traghetto Brennero, capace di trasportare 800 passeggeri e 50 vetture.

Nel 1959 entro in servizio invece il traghetto Ticino, che effettuava servizio tra Maderno e Torri del Benaco, seguito qualche anno dopo dalla Regina del Garda, e nel 1980 dalla nave-traghetto Brennero, capace di trasportare 800 passeggeri e 50 vetture.

Nel 1859 iniziò la seconda guerra di indipendenza, il 18 giugno i cacciatori delle Alpi riuscirono a entrare a Salò, da dove Giuseppe Garibaldi voleva partire per proseguire l'avanzata verso il Veneto attraversando con alcune imbarcazioni il lago, ma nuovi ordini lo obbligarono a spostare le truppe nelle valli bresciane.

Nel 1859 iniziò la seconda guerra di indipendenza, il 18 giugno i cacciatori delle Alpi riuscirono a entrare a Salò, da dove Giuseppe Garibaldi voleva partire per proseguire l'avanzata verso il Veneto attraversando con alcune imbarcazioni il lago, ma nuovi ordini lo obbligarono a spostare le truppe nelle valli bresciane.

Nel 1859 iniziò la seconda guerra di indipendenza, il 18 giugno i cacciatori delle Alpi riuscirono a entrare a Salò, da dove Giuseppe Garibaldi voleva partire per proseguire l'avanzata verso il Veneto attraversando con alcune imbarcazioni il lago, ma nuovi ordini lo obbligarono a spostare le truppe nelle valli bresciane.

Nel 1859 iniziò la seconda guerra di indipendenza, il 18 giugno i cacciatori delle Alpi riuscirono a entrare a Salò, da dove Giuseppe Garibaldi voleva partire per proseguire l'avanzata verso il Veneto attraversando con alcune imbarcazioni il lago, ma nuovi ordini lo obbligarono a spostare le truppe nelle valli bresciane.

Nel 1958 venne varato il primo aliscafo in servizio sul lago, la Freccia del Garda, e ancora, qualche anno dopo, venne varato l'aliscafo Freccia degli ulivi.

Nel 1958 venne varato il primo aliscafo in servizio sul lago, la Freccia del Garda, e ancora, qualche anno dopo, venne varato l'aliscafo Freccia degli ulivi.

Nel 1958 venne varato il primo aliscafo in servizio sul lago, la Freccia del Garda, e ancora, qualche anno dopo, venne varato l'aliscafo Freccia degli ulivi.

Nel 1958 venne varato il primo aliscafo in servizio sul lago, la Freccia del Garda, e ancora, qualche anno dopo, venne varato l'aliscafo Freccia degli ulivi.

Tra il 1830 e il 1839, inoltre, fu in funzione un battello piuttosto curioso, L'amico a prora, meglio conosciuto come Manubrio, il quale al largo navigava grazie all'apparato velico, ma in prossimità della costa si spostava grazie all'azione di otto cavalli che facevano girare la ruota a pale del battello mediante una serie di ingranaggi.

Tra il 1830 e il 1839, inoltre, fu in funzione un battello piuttosto curioso, L'amico a prora, meglio conosciuto come Manubrio, il quale al largo navigava grazie all'apparato velico, ma in prossimità della costa si spostava grazie all'azione di otto cavalli che facevano girare la ruota a pale del battello mediante una serie di ingranaggi.

Tra il 1830 e il 1839, inoltre, fu in funzione un battello piuttosto curioso, L'amico a prora, meglio conosciuto come Manubrio, il quale al largo navigava grazie all'apparato velico, ma in prossimità della costa si spostava grazie all'azione di otto cavalli che facevano girare la ruota a pale del battello mediante una serie di ingranaggi.

Tra il 1830 e il 1839, inoltre, fu in funzione un battello piuttosto curioso, L'amico a prora, meglio conosciuto come Manubrio, il quale al largo navigava grazie all'apparato velico, ma in prossimità della costa si spostava grazie all'azione di otto cavalli che facevano girare la ruota a pale del battello mediante una serie di ingranaggi.

Nel 1799 la guerra continuò lungo il lago, anche con incursioni dall'acqua, e l'anno successivo la Riviera tornò in mano francese: il lago divenne parte della Repubblica Cisalpina (in seguito trasformatasi in Repubblica Italiana e poi ancora in Regno d'Italia, sempre sotto il controllo francese) venendo suddiviso tra il dipartimento del Mella (la sponda occidentale) e il dipartimento del Mincio (la sponda orientale).

Nel 1799 la guerra continuò lungo il lago, anche con incursioni dall'acqua, e l'anno successivo la Riviera tornò in mano francese: il lago divenne parte della Repubblica Cisalpina (in seguito trasformatasi in Repubblica Italiana e poi ancora in Regno d'Italia, sempre sotto il controllo francese) venendo suddiviso tra il dipartimento del Mella (la sponda occidentale) e il dipartimento del Mincio (la sponda orientale).

Nel 1799 la guerra continuò lungo il lago, anche con incursioni dall'acqua, e l'anno successivo la Riviera tornò in mano francese: il lago divenne parte della Repubblica Cisalpina (in seguito trasformatasi in Repubblica Italiana e poi ancora in Regno d'Italia, sempre sotto il controllo francese) venendo suddiviso tra il dipartimento del Mella (la sponda occidentale) e il dipartimento del Mincio (la sponda orientale).

Nel 1799 la guerra continuò lungo il lago, anche con incursioni dall'acqua, e l'anno successivo la Riviera tornò in mano francese: il lago divenne parte della Repubblica Cisalpina (in seguito trasformatasi in Repubblica Italiana e poi ancora in Regno d'Italia, sempre sotto il controllo francese) venendo suddiviso tra il dipartimento del Mella (la sponda occidentale) e il dipartimento del Mincio (la sponda orientale).

Nel 1918, mentre sul Baldo infuriavano i combattimenti, venne bombardata nuovamente Riva.

Nel 1918, mentre sul Baldo infuriavano i combattimenti, venne bombardata nuovamente Riva.

Nel 1918, mentre sul Baldo infuriavano i combattimenti, venne bombardata nuovamente Riva.

Nel 1918, mentre sul Baldo infuriavano i combattimenti, venne bombardata nuovamente Riva.

Nel 1922 si verificarono alcuni episodi squadristi: i più importanti furono contro il circolo socialista di Desenzano e l'amministrazione comunale di Toscolano.

Nel 1922 si verificarono alcuni episodi squadristi: i più importanti furono contro il circolo socialista di Desenzano e l'amministrazione comunale di Toscolano.

Nel 1922 si verificarono alcuni episodi squadristi: i più importanti furono contro il circolo socialista di Desenzano e l'amministrazione comunale di Toscolano.

Nel 1922 si verificarono alcuni episodi squadristi: i più importanti furono contro il circolo socialista di Desenzano e l'amministrazione comunale di Toscolano.

Nel 1426 i Visconti persero Brescia (e quindi anche la sponda occidentale del lago) che passò nelle mani di Venezia, pure in questo caso tramite dedizione: i 34 comuni benacensi ottennero dalla Serenissima ampie autonomie e a Salò si stabilì il provveditore della Riviera.

Nel 1426 i Visconti persero Brescia (e quindi anche la sponda occidentale del lago) che passò nelle mani di Venezia, pure in questo caso tramite dedizione: i 34 comuni benacensi ottennero dalla Serenissima ampie autonomie e a Salò si stabilì il provveditore della Riviera.

Nel 1426 i Visconti persero Brescia (e quindi anche la sponda occidentale del lago) che passò nelle mani di Venezia, pure in questo caso tramite dedizione: i 34 comuni benacensi ottennero dalla Serenissima ampie autonomie e a Salò si stabilì il provveditore della Riviera.

Nel 1426 i Visconti persero Brescia (e quindi anche la sponda occidentale del lago) che passò nelle mani di Venezia, pure in questo caso tramite dedizione: i 34 comuni benacensi ottennero dalla Serenissima ampie autonomie e a Salò si stabilì il provveditore della Riviera.

Nel 1866 si aprì un periodo piuttosto lungo di agitazione sismica del Baldo, con sismi più o meno forti, tremiti, scuotimenti e altri fenomeni di minore importanza, il quale vide come evento più importante il terremoto del 5 gennaio 1892, che alle ore 17 agitò tutta la regione del Garda con straordinaria violenza, provocando la caduta di camini e di muraglie.

Nel 1866 si aprì un periodo piuttosto lungo di agitazione sismica del Baldo, con sismi più o meno forti, tremiti, scuotimenti e altri fenomeni di minore importanza, il quale vide come evento più importante il terremoto del 5 gennaio 1892, che alle ore 17 agitò tutta la regione del Garda con straordinaria violenza, provocando la caduta di camini e di muraglie.

Nel 1866 si aprì un periodo piuttosto lungo di agitazione sismica del Baldo, con sismi più o meno forti, tremiti, scuotimenti e altri fenomeni di minore importanza, il quale vide come evento più importante il terremoto del 5 gennaio 1892, che alle ore 17 agitò tutta la regione del Garda con straordinaria violenza, provocando la caduta di camini e di muraglie.

Nel 1866 si aprì un periodo piuttosto lungo di agitazione sismica del Baldo, con sismi più o meno forti, tremiti, scuotimenti e altri fenomeni di minore importanza, il quale vide come evento più importante il terremoto del 5 gennaio 1892, che alle ore 17 agitò tutta la regione del Garda con straordinaria violenza, provocando la caduta di camini e di muraglie.

Nel 1945 i cieli sopra il Garda furono teatro degli ultimi combattimenti tra caccia anglo-americani e italo-tedeschi.

Nel 1945 i cieli sopra il Garda furono teatro degli ultimi combattimenti tra caccia anglo-americani e italo-tedeschi.

Nel 1945 i cieli sopra il Garda furono teatro degli ultimi combattimenti tra caccia anglo-americani e italo-tedeschi.

Nel 1945 i cieli sopra il Garda furono teatro degli ultimi combattimenti tra caccia anglo-americani e italo-tedeschi.

Nel 1508 si costituì la lega di Cambrai (la quale aveva delle mire anche sulla regione gardesana) contro la Repubblica veneta: Venezia rafforzò i castelli dei propri domini di Terraferma, tra i quali quelli di Salò e Padenghe, e inviò galee sul lago, oltre a farne costruire di nuove direttamente sul Garda, presso l'arsenale di Lazise.

Nel 1508 si costituì la lega di Cambrai (la quale aveva delle mire anche sulla regione gardesana) contro la Repubblica veneta: Venezia rafforzò i castelli dei propri domini di Terraferma, tra i quali quelli di Salò e Padenghe, e inviò galee sul lago, oltre a farne costruire di nuove direttamente sul Garda, presso l'arsenale di Lazise.

Nel 1508 si costituì la lega di Cambrai (la quale aveva delle mire anche sulla regione gardesana) contro la Repubblica veneta: Venezia rafforzò i castelli dei propri domini di Terraferma, tra i quali quelli di Salò e Padenghe, e inviò galee sul lago, oltre a farne costruire di nuove direttamente sul Garda, presso l'arsenale di Lazise.

Nel 1508 si costituì la lega di Cambrai (la quale aveva delle mire anche sulla regione gardesana) contro la Repubblica veneta: Venezia rafforzò i castelli dei propri domini di Terraferma, tra i quali quelli di Salò e Padenghe, e inviò galee sul lago, oltre a farne costruire di nuove direttamente sul Garda, presso l'arsenale di Lazise.

Nel 1387 tutto il territorio del Garda venne assoggettato ai Visconti, in seguito alla sconfitta di Antonio della Scala, ma nel 1405 la riva orientale passò nelle mani della Repubblica Veneta grazie alla dedizione di Verona a Venezia, mentre la sponda occidentale era ancora afflitta dalle lotte tra ghibellini e guelfi.

Nel 1387 tutto il territorio del Garda venne assoggettato ai Visconti, in seguito alla sconfitta di Antonio della Scala, ma nel 1405 la riva orientale passò nelle mani della Repubblica Veneta grazie alla dedizione di Verona a Venezia, mentre la sponda occidentale era ancora afflitta dalle lotte tra ghibellini e guelfi.

Nel 1387 tutto il territorio del Garda venne assoggettato ai Visconti, in seguito alla sconfitta di Antonio della Scala, ma nel 1405 la riva orientale passò nelle mani della Repubblica Veneta grazie alla dedizione di Verona a Venezia, mentre la sponda occidentale era ancora afflitta dalle lotte tra ghibellini e guelfi.

Nel 1387 tutto il territorio del Garda venne assoggettato ai Visconti, in seguito alla sconfitta di Antonio della Scala, ma nel 1405 la riva orientale passò nelle mani della Repubblica Veneta grazie alla dedizione di Verona a Venezia, mentre la sponda occidentale era ancora afflitta dalle lotte tra ghibellini e guelfi.

Nel 1786 il celebre letterato tedesco Wolfgang Goethe soggiornò a Torbole e Malcesine, mentre esattamente dieci anni più tardi il lago venne coinvolto nelle guerre napoleoniche: a fine maggio i francesi avanzarono fino al lago e il 30 sconfissero gli austriaci a Borghetto sul Mincio e conquistarono Peschiera.

Nel 1786 il celebre letterato tedesco Wolfgang Goethe soggiornò a Torbole e Malcesine, mentre esattamente dieci anni più tardi il lago venne coinvolto nelle guerre napoleoniche: a fine maggio i francesi avanzarono fino al lago e il 30 sconfissero gli austriaci a Borghetto sul Mincio e conquistarono Peschiera.

Nel 1786 il celebre letterato tedesco Wolfgang Goethe soggiornò a Torbole e Malcesine, mentre esattamente dieci anni più tardi il lago venne coinvolto nelle guerre napoleoniche: a fine maggio i francesi avanzarono fino al lago e il 30 sconfissero gli austriaci a Borghetto sul Mincio e conquistarono Peschiera.

Nel 1786 il celebre letterato tedesco Wolfgang Goethe soggiornò a Torbole e Malcesine, mentre esattamente dieci anni più tardi il lago venne coinvolto nelle guerre napoleoniche: a fine maggio i francesi avanzarono fino al lago e il 30 sconfissero gli austriaci a Borghetto sul Mincio e conquistarono Peschiera.

Nel 1885 furono varati due battelli da 300 persone l'uno, l'Angelo Emo e il Lazzaro Mocenigo, mentre nel 1903 venne varato il Zanardelli, dalla capacità di ben 800 passeggeri, nave ammiraglia della flotta del lago tutt'oggi in servizio.

Nel 1885 furono varati due battelli da 300 persone l'uno, l'Angelo Emo e il Lazzaro Mocenigo, mentre nel 1903 venne varato il Zanardelli, dalla capacità di ben 800 passeggeri, nave ammiraglia della flotta del lago tutt'oggi in servizio.

Nel 1885 furono varati due battelli da 300 persone l'uno, l'Angelo Emo e il Lazzaro Mocenigo, mentre nel 1903 venne varato il Zanardelli, dalla capacità di ben 800 passeggeri, nave ammiraglia della flotta del lago tutt'oggi in servizio.

Nel 1885 furono varati due battelli da 300 persone l'uno, l'Angelo Emo e il Lazzaro Mocenigo, mentre nel 1903 venne varato il Zanardelli, dalla capacità di ben 800 passeggeri, nave ammiraglia della flotta del lago tutt'oggi in servizio.

TERAPIA DEL DOLORE: ASST DEL GARDA, TRADIZIONE E INNOVAZIONE

TERAPIA DEL DOLORE: ASST DEL GARDA, TRADIZIONE E INNOVAZIONE

Attualmente sono funzionanti 11 ambulatori dedicati alla terapia del dolore Dal 2006 l’ASST Garda ha attivato ambulatori destinati al trattamento del dolore, nei quali vengono messi a disposizione sia tecniche innovative e tradizionali per la presa in carico dei pazienti affetti da dolore acuto o cronico di natura neoplastica o benigna. Nel corso degli anni – sottolinea il Direttore Generale Carmelo Scarcella – i nostri Ospedali hanno costantemente [...]

Il Lago di Garda...magico, mio video !!!

In questo video è racchiuso il LAGO DI GARDA (in vari momenti del 2018-2019) così come lo vedo io .  Buona visione (è lungo il video) ma merita !Emily (Cinzia T.)  

ASST del Garda per la prevenzione cardiovascolare femminile

ASST del Garda per la prevenzione cardiovascolare femminile

          In Lombardia colpisce circa 20.000 donne l’anno Brescia, 12 aprile 2019 - Torna l'appuntamento "l’Open Week" promosso da Onda-Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere al quale ASST Garda aderisce offrendo a tutte le donne la rilevazione di alcuni parametri ed un consulto medico. L’obiettivo è la promozione della salute femminile con focus di promuovere la prevenzione e la cura delle patologie cardiache. A Desenzano, [...]

GARDA TRENTINO HM TRA PASSATO E FUTURO: FOLTA PARTECIPAZIONE E INDOTTO ALLE STELLE

GARDA TRENTINO HM TRA PASSATO E FUTURO: FOLTA PARTECIPAZIONE E INDOTTO ALLE STELLE

La diciottesima Garda Trentino Half Marathon di Riva del Garda andrà in scena il 10 novembre, un evento in perenne ascesa che – attraverso uno studio accurato – il comitato presieduto da Sandro Poli ha cercato di racchiudere nei numeri importanti concernenti la passata edizione. Il contest nacque nel 2002 per sviluppare il concetto di ‘vacanza attiva’, divenendo in breve tempo punto di riferimento di settore in Italia e una delle sfide podistiche più [...]

18.a GARDA TRENTINO HM: ARE YOU READY? APERTURA ISCRIZIONI IL 1° MARZO

18.a GARDA TRENTINO HM: ARE YOU READY? APERTURA ISCRIZIONI IL 1° MARZO

La Garda Trentino Half Marathon di Riva del Garda non si ferma - mai - ricominciando a correre verso la diciottesima edizione di un evento entusiasmante che avrà luogo il 10 novembre 2019. Confermati in toto i tracciati di gara e l’Expo che intratterrà i presenti nel weekend della manifestazione, con la mezza maratona di 21 chilometri a sfrecciare sul Garda Trentino e i più brevi 10 chilometri a partire da Arco prima di giungere sulla medesima finish line [...]

deleted

deleted

Capodanno 2019 in relax sul lago di Garda

Vivete la frenetica vita della città quotidianamente e vi piacerebbe trascorrere un Capodanno in pieno relax? Per festeggiare il vostro Capodanno 2019 potrete scegliere di trascorrerlo sul Lago di Garda in una splendida SPA che vi coccolerà e vi rimetterà in sesto per affrontare il nuovo anno al meglio. Nei dintorni di Brescia ci sono numerosissme offerte in Spa in cui potrete usufruire di tutti i trattamenti benessere, gustando i piatti dello Chef, musica Live [...]

Risultati 17.a GARDA TRENTINO HM  A SIMUKEKA E HEIM  CAVALCATE PER 5800 RUNNERS  E RECORD DI STRANIERI

Risultati 17.a GARDA TRENTINO HM A SIMUKEKA E HEIM CAVALCATE PER 5800 RUNNERS E RECORD DI STRANIERI

17.a Garda Trentino Half Marathon oggi a Riva del Garda Vince il keniano Jean Baptiste Simukeka sul ruandese Myasiro e l’altro keniano Kanda Tra le donne show di Thea Heim su Karin Freitag e Francesca Giacobazzi Nel 10K affermazioni personali di Francesco Lazzaro e Silvia Weissteiner Garda Trentino Half Marathon bagnata… gara fortunata, può succedere anche alla sempre assolata mezza maratona novembrina di trovare un’edizione sotto la pioggia, leggera a [...]

FOTO: Lago di Garda

Benaco

Benaco

Benàco

Benàco

Lago_di_Garda

Lago_di_Garda

Panorama del lago di Garda visto da cima Comer (1280 m) presso Gargnano

Panorama del lago di Garda visto da cima Comer (1280 m) presso Gargnano

Panorama del lago di Garda visto da cima Comer (1280 m) presso Gargnano

Panorama del lago di Garda visto da cima Comer (1280 m) presso Gargnano

Panorama del lago di Garda visto da cima Comer (1280 m) presso Gargnano

Panorama del lago di Garda visto da cima Comer (1280 m) presso Gargnano

Panorama del lago di Garda visto da cima Comer (1280 m) presso Gargnano

Panorama del lago di Garda visto da cima Comer (1280 m) presso Gargnano

Strade chiuse GARDA TRENTINO HALF MARATHON

Strade chiuse GARDA TRENTINO HALF MARATHON

Orari di chiusura strade in vista della manifestazione domenicale Bilancio più che positivo per la Garda Trentino Half Marathon dell’11 novembre al termine delle iscrizioni online della giornata di ieri (ancora aperte, scaricando il modulo dal sito web e inviando mail all’indirizzo eventi@trentinoeventi.it allegando copia di avvenuto pagamento), la manifestazione trentina di Riva del Garda è ora pronta ad ospitare i circa 6.000 corridori provenienti da tutto [...]

GARDA TRENTINO HM DI CORSA. AD ISCRIVERSI! 10 OTTOBRE SCADENZA QUOTE AGEVOLATE

GARDA TRENTINO HM DI CORSA. AD ISCRIVERSI! 10 OTTOBRE SCADENZA QUOTE AGEVOLATE

  Garda Trentino Half Marathon l’11 novembre Superata quota 3.500 in vista dello show podistico di Riva del Garda (TN) Iscrizioni a 30 euro per la 21K e a 20 euro per la 10K Partecipando si aiuterà anche il C.O. a fare del bene Cosa chiede un appassionato ad una gara di corsa? Un palcoscenico mozzafiato, percorsi tutti da vivere, tante persone e calore umano lungo gli itinerari di gara, organizzazione competente e professionale, una sintesi riconducibile alla [...]

deleted

deleted

GUARDIE PARTICOLARI GIURATE PER PATTUGLIA NOTTURNA ZONA GARDA

GUARDIE PARTICOLARI GIURATE PER PATTUGLIA NOTTURNA ZONA GARDA

Lavoro 11 agosto 2018 GUARDIE PARTICOLARI GIURATE PER PATTUGLIA NOTTURNA ZONA GARDA Azienda: GRUPPO FIDELITAS S.p.A. Settore: Sicurezza e Vigilanza Data annuncio: 11/08/2018 Sede di lavoro: Brescia L'azienda, volta a soddisfare ogni necessità in ambito di sicurezza, offre la possibilità di costruire una solida professionalità nell'ambito di un contesto aziendale stabile e serio. L'annuncio è rivolto a lavoratori di entrambi i sessi sia con precedente [...]

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

Vita da Campeggio sul Lago di Garda

Vita da Campeggio sul Lago di Garda

foto del Lago di Garda - La vita da campeggio è meravigliosa!!!

&id=HPN_Lake+Garda_http{{{}}}dbpedia*org{}resource{}Lake{{}}Garda" alt="" style="display:none;"/> ?>