Lazzaretto

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Katy Perry
In rilievo

Katy Perry

Lazzaretto

La scheda: Lazzaretto

Il lazzaretto (o lazzeretto) era un luogo di confinamento e d'isolamento per portatori di malattie contagiose, in particolar modo di lebbra e di peste.
Nelle città di mare era anche un luogo chiuso in cui merci e persone provenienti da paesi di possibile contagio dovevano trascorrere un soggiorno di determinata durata, spesso di quaranta giorni, da cui il termine quarantena.
Sull'origine del nome "lazzaretto" ci sono due ipotesi: la prima viene ricondotta a quella del lebbroso Lazzaro - protagonista della parabola evangelica - venerato come protettore delle persone affette da lebbra, la seconda invece richiama il primo lazzaretto, quello di Santa Maria di Nazareth a Venezia, il cui appellativo, per successive distorsioni fonetiche, si è trasformato da Nazareth a nazaretto a lazzaretto. La loro fama deriva però dal fatto di essere stati così chiamati gli ospedali temporanei che venivano allestiti per evitare un'epidemia di peste.
Nel lazzaretto, che nelle città più grandi potevano essere anche più di uno, venivano tenuti in quarantena i malati. Durante epidemie con un alto tasso di mortalità, nei periodi di parossismo del contagio, essi si riempivano di ammalati che, con alta probabilità, morivano nel giro di pochi giorni. Le condizioni igieniche precarie dei lazzeretti a volte invece che arginare un contagio, lo favorivano, con il sovraffollamento, la promiscuità con il personale medico, che facilmente si ammalava a sua volta, e la mancanza di alcune condizioni igieniche che per ragioni di indigenza non potevano essere rispettate. Per esempio si sapeva bene che quando un malato appestato moriva si sarebbero dovute bruciare tutte le sue cose, come gli abiti e il giaciglio: ma in condizioni di estrema urgenza, come durante un'epidemia, era impossibile procurarsi anche solo la paglia fresca giornaliera dove far stendere i malati.



La forma originale della parola è Lazzeretto

Nel 1733 Luigi Vanvitelli arrivò ad Ancona, papa Clemente XII lo aveva incaricato di adattare il porto alle esigenze dell'epoca. Vanvitelli realizzò all'interno dello scalo adriatico un'isola artificiale di forma pentagonale, sulla quale fece erigere una colossale struttura costituita da pentagoni concentrici allo scopo di farne il nuovo lazzaretto della città, ma destinata anche a diventare un grande magazzino per le merci ed una fortezza. Uno degli angoli del pentagono è rinforzato infatti da un rivellino militare. All'interno dell'isola c'è un grande cortile con un tempietto al centro dedicato a San Rocco, protettore degli appestati. Il lazzaretto di Ancona è un monumento notevole dal punto di vista architettonico, in quanto edificio di transizione tra neoclassicismo e barocco, è interessante anche per i suoi aspetti tecnologici (a partire dalla sua costruzione in un luogo ove era solo mare), prova della formazione illuministica del suo progettista. Ciò che rende questo lazzaretto suggestivo è però la sua posizione insulare e la forma geometrica perfetta, il cui significato va ricercato nella scienza della numerologia.

Risalente probabilmente al 1400, il lazzaretto di Cagliari nacque per isolare le persone malatte gravemente e per evitare il contagio della parte sana della popolazione. Carlo Alberto di Savoia nel 1835 ne ordina la costruzione del secondo piano riservato ai nobili. Dalla vicina Torre del Lazzaretto (nota anche come Torre de su perdusemini) si vigiliava affinché nessun malato tentasse la fuga: la pena prevista era infatti la fucilazione. Nel 1879 ospitò numerosi bambini affetti da scrofolosi. Abbandonato dopo il secondo conflitto mondiale, solamente nel 1997 il comune ne ha intrapreso il restauro per renderlo un innovativo spazio culturale, nell'antico borgo di Sant'Elia.

Il primo lazzaretto di Livorno fu costruito sotto il granduca Francesco I de' Medici nell'area dell'antico faro del porto. Nel 1590, Ferdinando I avviò la realizzazione di una struttura più grande, il Lazzeretto di San Rocco, che mantenne la propria funzione fino alla metà dell'Ottocento, questo era collegato, mediante un lungo canale, ad altri due lazzaretti, intitolati a San Jacopo e a San Leopoldo, costruiti rispettivamente intorno alla metà del Seicento e nell'ultimo scorcio del XVIII secolo nelle aree a sud della città. Nell'agosto del 1839, un gruppo di 149 pellegrini algerini di ritorno dalla Mecca,sospettati di essere affetti da una malattia pestilenziale, trascorsero 47 giorni sotto lo sguardo attento di Carlo Toccafondi, tenente del lazzeretto, che raccolse poi le sue osservazioni in un prezioso manoscritto, ritrovato presso la Biblioteca Labronica. Intorno agli anni sessanta del XIX secolo quello di San Rocco fu riconvertito in cantiere navale, funzione che ha mantenuto sino ai tempi attuali sotto la direzione della società Azimut-Benetti, i lazzaretti più a sud invece furono integrati, sul finire dell'Ottocento, nelle strutture dell'Accademia Navale e, dopo i bombardamenti aerei della seconda guerra mondiale, persero gran parte del loro impianto originario.

Il primo nucleo per l’edificazione del Lazzaretto di Messina fu istituito dalla Corporazione dei portuali intorno al 1371 su un’isoletta poco distante dal porto. Fu edificato nel 1575.

Il caso più celebre è quello del Lazzaretto di Milano, protagonista del capitolo XXXI dei Promessi sposi. Nel romanzo manzoniano il protagonista Renzo Tramaglino, recandosi proprio al Lazzaretto, riuscirà a ricongiungersi con l'amata Lucia Mondella.
Il lazzaretto di Milano, insieme al castello sforzesco, rappresentava una delle maggiori strutture esterne alla città: costituito da una vasta area non edificata circondata da uno splendido porticato, venne demolito nella seconda metà del XIX secolo, con l'aumento della richiesta di lotti edificabili in città e a causa della miopia dell'amministrazione comunale, che già ne aveva consentito uno sventramento con il nuovo tracciato ferroviario.
L'unico vestigio palese è la chiesa di San Carlo al Lazzaretto, situata sull'attuale viale Tunisia di fronte allo sbocco di via Lecco. La chiesa, un tempo isolata al centro del grande quadrilatero del Lazzaretto, si trova oggi in un piccolo slargo erboso e seminascosta tra alti edifici urbani, rendendone difficile la lettura per come si presentava in origine.

Edificio medievale noto come Rocca di San Lazzaro. L'edificio, restaurato, si trova nell'omonimo quartiere di San Lazzaro (già paese) al confine orientale della città. Non si hanno notizie sulla sua storia e attualmente è sede di abitazioni private ed esercizi commerciali.

Il Lazzaretto di Trapani venne edificato nel 1838 sull’isolotto di Sant’Antonio (oggi unito alla terraferma) in prossimità del porto di Trapani.

Venezia fu probabilmente la prima città ad allestire un lazzaretto, sull'isola lagunare detta appunto Lazzaretto Vecchio. Lo stesso termine deriverebbe da (Santa Maria di) Nazareth, nome del monastero ivi esistente, con sovrapposizione del nome del patrono degli appestati, San Lazzaro. Dal 1468 si utilizzò un efficiente sistema per la prevenzione dei contagi, esportato poi in tutto il mondo: su un'altra isola, Lazzaretto Nuovo, fu fondata una struttura con compiti di prevenzione che ospitava i magazzini dove erano raccolte ed esaminate le merci sospettate di essere infettate dal morbo della peste. Con la peste del 1576 una sorte simile toccò anche agli individui che erano a rischio di contagio e, se la visita diagnosticava la malattia, essi venivano trasferiti presso l'ospedale di Lazzaretto Vecchio. Funzioni simili ebbe l'isola di San Lazzaro, in seguito divenuta un noto centro della cultura armena.

La costruzione del lazzaretto di Verona iniziò nel gennaio 1549 presso San Pancrazio, luogo vicino l'Adige ma ad una adeguata distanza da Verona, ed utilizzato per isolare i malati contagiosi. Il lazzaretto fu progettato, secondo il Vasari, dall'architetto Michele Sanmicheli, anche se secondo altri storici fu opera di Giangiacomo Sanguinetto, il quale nel giugno 1548 presentò alle autorità cittadine un modello per il Lazzaretto. Il nuovo lazzaretto venne completato solamente nel 1628, ma in tempo per la peste del 1630, che fece a Verona 33.000 vittime.

Si hanno notizie storiche sull'istituzione nella Roma altomedioevale del X secolo di una serie di luoghi in cui venivano confinati i lebbrosi espulsi dall'Urbe come ad esempio: a nord sulla via Francigena della Chiesa di San Lazzaro da cui i pellegrini ammalati di lebbra venivano inviati verso quello che viene descritto come il più grande "lazzaretto" d'Europa che sorgeva ai piedi del Mons Gaudii (Monte Mario), fuori dalle mura, sull'attuale area del Tribunale di Roma (Cfr. L. Lotti, San Lazzaro sulla via Trionfale e l’annesso Lazzaretto, in Alma Roma), a sud ai margini dell'ager nei pressi dell'antica rocca di Ardea (all'epoca abbandonata) e al limite con le paludi pontine (limite per eccellenza fra la vita e la morte) di un'area il cui nome è ancora oggi Casalazzara, e ad est forse nei pressi di Palombara Sabina già in età tardo antica. In quell'epoca infatti erano notoriamente messe in atto misure contro il contagio basate sul paradigma dell'esclusione: i lebbrosi dovevano indossare sonagli e abiti vistosi, venivano allontanati da qualsiasi forma di vita sociale e confinati nei lazzaretti. Si è parlato per questo di espulsione della lebbra e altre malattie ai margini della comunità, fuori dalle porte delle città, dove si moltiplicarono le "città maledette" dei lazzaretti e lebbrosari su tutto il territorio europeo fino a raggiungere, al termine dell'epoca delle crociate, circa le 19.000 unità (M. Foucault, "Storia della follia nell'età classica", BUR, p. 11).
A partire dal XIII secolo, invece, si assiste nella Roma bassomedioevale all'abbandono di tali luoghi dell'esclusione e alla proliferazione di ospizi di ricovero e di carità dei malati vicino ai luoghi di culto e dunque all'interno del territorio urbano. Un movimento che culmina nel XV secolo con la fondazione degli ospedali di S. Spirito in Borgo e S. Salvatore in Monti e di circa una trentina di altri ospedali-ospizi rionali (A. Esposito "Le strutture assistenziali romane nel tardo medioevo tra iniziativa laicale e politica pontificia", in P. Delogu a cura di, "Roma Medioevale", Ediz. all'Insegna del Giglio, Firenze 1998, p. 298). Nello stato pontificio furono istituiti dei lazzaretti come luoghi di quarantena nei principali porti di Civitavecchia e Ancona.
Nell'ottica del passaggio epistemico avvenuto nel XVI secolo che portò all'internamento dei folli si colloca invece l'apertura dell'ospizio di S. Maria della Pietà nel 1548, sotto il pontificato di Paolo III, adibito a manicomio e dell'ospedale Fatebenefratelli sull'Isola tiberina. Nel 1656, durante l'ultima gravissima pestilenza che colpì Roma, si stabilì di riservare l’ospedale Fatebenefratelli agli ammalati di peste sfruttando il naturale isolamento garantito dall’isola stessa nel centro della città, ma isolata da due bracci di fiume. Nell'ottica della cura degli ammalati e del controllo del territorio urbano per delimitare la diffusione del morbo della peste tipica di quest'epoca, l’intera isola fu sgomberata e adibita a lazzaretto per gli appestati prendendo così il nome di "Lazzaretto Brutto".

Epidemie e lazzaretti.

Epidemie e lazzaretti.

Famiglia Lazzaretti

Carlo Lazzaretti                                 Zio Carlo - Fratello di nonno Roberto Pasqua Feliziani                                 Zi’ Pasqua - Sorella del papà di nonna Felicetta Vittorio                                                Zi’ Vittorio - Marito di Zia Pasqua Antonio [...]

Lazzaretto

Lazzaretto

  Cathleen Rehfeld, Study for Six Cups   Ho cominciato io: una di quelle influenze sorde, senza febbre (o quasi), che ha portato l'inevitabile conseguenza (per me succede così, da un po' di anni) della perdita totale della voce.  Con grande gioia di marito, figli e gatti. Ovviamente Un'afonia quasi ridicola, a momenti: soprattutto nei rapporti telefonici con coloro che, ignari, insistevano  a chiamarmi. Le (cosiddette) conversazioni erano surreali. Di solito [...]

Il Cristo dell'Amiata: Davide Lazzaretti

Il Cristo dell'Amiata: Davide Lazzaretti

HOME STORIA BIOGRAFIE IMMAGINI MEZZI UNIFORMI SCRIVI   IL CRISTO  DELL'AMIATA    Io vado avanti nel nome della legge del Diritto di Cristo Giudice. Se volete la pace, vi porto la pace, se volete la misericordia avrete la misericordia. Se volete il sangue, eccomi.   E così cadde con tre compagni, sulla strada di Arcidosso, Davide Lazzaretti il Cristo dell'Amiata. Chi dice colpito dai carabinieri della stazione, chi da un bersagliere (forse un bersagliere come [...]

“IL LAZZARETTO VECCHIO ? … FUNZIONA ANCORA …”

“IL LAZZARETTO VECCHIO ? … FUNZIONA ANCORA …”

“Una curiosità veneziana per volta” – n° 71. “IL LAZZARETTO VECCHIO ? … FUNZIONA ANCORA …” Cappuccio in testa e passo lesto mi muovo dentro e sotto le ultime ombre lunghe della notte. Osservo un mondo tutto capovolto e traslucido dentro alle larghe pozzanghere dell’acqua di ieri. E’ domenica, tutto è immobile, non c’è nessuno in giro … solo un’automobile passa lenta, sembra pigra. Nella mia fantasia qualcuno la sta spingendo [...]

“LAZZARETTO NUOVO … DOMENICA.”

“LAZZARETTO NUOVO … DOMENICA.”

“Una curiosità veneziana per volta.” n°55. “LAZZARETTO NUOVO … DOMENICA.”   Sarà un po’ per il fatto che Ebola sta bussando in giro per il mondo … o forse di più perché Venezia nella sua storia ha sempre avuto a che fare con pestilenze e dintorni … Ebbene, son tornato volentieri a rivisitare l’isola del Lazzaretto Nuovo adagiata nel cuore della laguna Veneziana. Redentore, Salute, Santa Maria del Pianto, San Rocco, San Sebastiano, San Cosmo [...]

Arcidosso (GR): I luoghi di David Lazzaretti

In alto la torre giurisdavidica di Davide Lazzaretti (il Santo dell'Amiata). In basso a destra l'ingresso della grotta dove il religioso si isolava in ritiro spirituale.

Esiste ancora il Lazzaretto?

Il lazzaretto dei Promessi Sposi esiste ancora a Milano? Dove si trova? "Ne esiste solo una piccolissima parte in via San Gregorio, che è una traversa di Corso Buenos Aires. Il resto è stato abbattuto a metà '800."

Rispondi

SBADIDIETRO!! LAZZARETTO RISORGE E NE FA 4

Domenica nera per il Moonlight. Sul campo del Lazzaretto, dove i bianco-blu nella scorsa stagione si laurearono campioni di Coppa Plus, scendono in campo Sbringa, Paul, Vasco, Liuk, Marco, Vito e il Cap. A disposizione: Cuchu, Found, Stefanino, Stefaninho, Peppe e il Palazz. Assente scivolino Canni e Ale. Partenza di gran carriera per i ragazzi che prendono in mano il gioco e iniziano a fraseggiare come solo il Moonlight sa fare. Bastano pochi minuti e il [...]

DIRETTA. Lipari, il consiglio boccia l'area di Canneto Dentro per il depuratore e propone il Lazzaretto a Pignataro. Ma il commissario Luigi Pelaggi terrà conto? Tra poco le interviste

DIRETTA. Lipari, il consiglio boccia l'area di Canneto Dentro per il depuratore e propone il Lazzaretto a Pignataro. Ma il commissario Luigi Pelaggi terrà conto? Tra poco le interviste

Lipari - Consiglio comunale straordinario sul depuratore contestato di Canneto Dentro. Presenti anche il difensore civico Francesco Rizzo, una ventina di abitanti di Pirrera e dintorni e il rappresentante del Codacons Paolo Intelisano. Il presidente Pino Longo ha ribadito che il consiglio non è stato coinvolto e che la localizzazione del depuratore dovrà essere concordata con la comunità. Il consigliere Gianfranco Guarino, ex An, ha proposto di approvare una [...]

IL CUORE MOONLIGHT RALLENTA LA CAPOLISTA: 4-4 CON IL LAZZARETTO

Mercoledì 10 Novembre va in scena il recupero di campionato tanto atteso! La capolista Lazzaretto fa visita ai ragazzi di Negrelli. Ancora molti infortuni: ad Ale, Pappo, Stefanino, Stefaninho e Cuchu si aggiunge anche il Ninho. Squalificato 2 giornate lo Sbringa nazionale per i disordini nel dopo partita contro il Desiano! Ultima giornata di squalifica per Mister Negrelli. Così in campo: Poldo, chiamato nuovamente tra i pali viste le assenze dei 2 portieroni, è [...]

(M)ambiguity  - Francesco De Molfetta - Marta Fumagalli  - Omar Hassan - Dario Lazzaretto -  a cura di Fiordalice Sette

(M)ambiguity - Francesco De Molfetta - Marta Fumagalli - Omar Hassan - Dario Lazzaretto - a cura di Fiordalice Sette

  è un termine giapponese che identifica un’entità “sospesa”. Un vuoto che viene percepito, a differenza della cultura occidentale, come parte integrante di un senso di armonia cosmica. Una plenitudo vacui, dunque, che valorizza l’importanza delle pause, degli intervalli, dei silenzi, degli allontanamenti che possono intercorrere in qualsiasi situazione della vita quotidiana, ma anche durante esperienze artistiche, letterarie e musicali. Una prospettiva [...]

Da lazzaretto a monastero armeno: l’isola di San Lazzaro a Venezia

Da lazzaretto a monastero armeno: l’isola di San Lazzaro a Venezia

L’isola di San Lazzaro nella laguna di Venezia, a ovest del Lido, è occupata da un monastero dell'ordine armeno dei Mekhitaristi. Nel ‘700 infatti il Senato della Serenissima concesse all'Abate Mechita di Sebaste, fondatore a Istanbul della comunità mekhitarista, di installarsi con i suoi monaci sull’isola: le strutture diroccata già presenti (una chiesa e un monastero), che nel tempo erano state occupate da padri benedettini e poi trasformate in ospedale [...]

Report della clinic di Maurizio Dei Lazzaretti del 28/03/10 presso la dBMusic by DAVIDE FERRANTE (docente di batteria alla dBMusic)

Report della clinic di Maurizio Dei Lazzaretti del 28/03/10 presso la dBMusic by DAVIDE FERRANTE (docente di batteria alla dBMusic)

Straordinaria, sotto tutti i punti di vista, la Clinic che il Maestro Maurizio dei Lazzaretti ha tenuto lo scorso 28 marzo presso la dBMusic. Il grande Maestro ha incantato la platea sia sotto il profilo squisitamente didattico, che su quello esecutivo, fino a spingersi persino su un livello interessantissimo di pura “filosofia batteristica”. Sotto il profilo didattico, l’incontro è cominciato con dei preziosi consigli sull’accordatura; il fulcro [...]

PASSO FALSO MOONLIGHT: LAZZARETTO VINCE 5-3

Serata da dimenticare per il Moonlight... l’anno nuovo si apre con una sconfitta! Il Lazzaretto s’impone per 5-3 al termine di una gara che non ha mai visto i bianco-blu in partita! Assenti per influenza Paul, Luchino e Peppe; indisponibile El Nino Water. Esordio dal primo minuto per il neo-acquisto Cristian "Canni".   Mister Negrelli sfodera il suo 2-3-1 con Luca tra i pali, Vasco e Canni in difesa, Found Liuk e Ale a centrocampo e il Cap in attacco. A [...]

IL LAZZARETTO DI BERGAMO: PESTE, SANITA' E ISTITUZIONI DAL 1485 AL 1630

Facciamo dono, ai nostri amici di Conca Fiorita e di Bergamo, di alcuni documenti storici ed immagini sul complesso architettonico del Lazzaretto tratte dalla tesi di laurea di Anna Berta (A.A. 2004-05). Sfoglia l'album fotografico cliccando nell'angolo in basso a destra (avanti) e a sinistra (indietro) dell'immagine. Per ulteriori informazioni scrivere a ilmosaico.bergamo@alice.it

Moonlight senza ostacoli: 6-2 al Lazzaretto!!

Domenica 18/10, onomastico di Luca Z., Luchino e Liuk, ore 11.45, è in scena, all'Ariald Stadium, la terza gara di campionato: avversario di giornata il temuto Lazzaretto. Alla vigilia della gara, l'infermeria del Moonlight si riempie improvvisamente: 3 assenti per attacco febbrile, Peppone Andy Water e 1 per guaio muscolare, Simoncino, dove ahimè si prospettano diversi giorni di assenza. La squadra locale, con gli uomini contati, si presenta così: Luca in [...]

(CRSP/10/0420) – Salernitana 1919: Soligo terzino ed inserimento di Carcuro nella formazione contro il Cesena – In allegato il videoclip tra Sport e Spettacolo: I Promessi Sposi (Parte 28) – Rincontro nel lazzaretto

(CRSP/10/0420) – Salernitana 1919: Soligo terzino ed inserimento di Carcuro nella formazione contro il Cesena – In allegato il videoclip tra Sport e Spettacolo: I Promessi Sposi (Parte 28) – Rincontro nel lazzaretto

         Ippocampo Salernitana 1919 È giunto il momento di recuperare il tempo perduto e ritornare ad essere la Salernitana!!! – Prove di formazione per mister Cari, in vista della non agevole trasferta di Cesena, contro una compagine che è tra le più in forma del campionato ed a cui mister Bisoli ha dato grande sicurezza dei propri mezzi, ma soprattutto un gioco spumeggiante e redditizio, non a caso con i suoi 12 punti occupa un meritatissimo, ma [...]

(CRSP/10/0418) – Salernitana 1919: Assenze importanti nella formazione anti – Cesena – In allegato il videoclip tra Sport e Spettacolo: I Promessi Sposi (Parte 27) – Confessione nel lazzaretto

(CRSP/10/0418) – Salernitana 1919: Assenze importanti nella formazione anti – Cesena – In allegato il videoclip tra Sport e Spettacolo: I Promessi Sposi (Parte 27) – Confessione nel lazzaretto

         Ippocampo Salernitana 1919 È giunto il momento di recuperare il tempo perduto e ritornare ad essere la Salernitana!!!–Una delle tante qualità che si possono apprezzare di mister Cari, sebbene il brevissimo lasso di tempo che è a Salerno, è di non piangersi addosso, anzi cerca sempre di reagire alle avversità e di fare di necessità virtù. Gli infortuni di Montervino e Galasso e la squalifica di Russo, infatti, sono le ultime tegole cadute [...]

(CRSP/10/0418) – Salernitana 1919: Assenze importanti nella formazione anti – Cesena – In allegato il videoclip tra Sport e Spettacolo: I Promessi Sposi (Parte 27) – Confessione nel lazzaretto

(CRSP/10/0418) – Salernitana 1919: Assenze importanti nella formazione anti – Cesena – In allegato il videoclip tra Sport e Spettacolo: I Promessi Sposi (Parte 27) – Confessione nel lazzaretto

         Ippocampo Salernitana 1919 È giunto il momento di recuperare il tempo perduto e ritornare ad essere la Salernitana!!!–Una delle tante qualità che si possono apprezzare di mister Cari, sebbene il brevissimo lasso di tempo che è a Salerno, è di non piangersi addosso, anzi cerca sempre di reagire alle avversità e di fare di necessità virtù. Gli infortuni di Montervino e Galasso e la squalifica di Russo, infatti, sono le ultime tegole cadute [...]

&id=HPN_Lazzaretto_http{{{}}}dbpedia*org{}resource{}Lazaretto" alt="" style="display:none;"/> ?>