Lev Ivanovich Yashin

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Cristina Parodi
In rilievo

Cristina Parodi

Lev Ivanovič Jašin

La scheda: Lev Ivanovič Jašin

Lev Ivanovič Jašin (in russo Лев Ива́нович Я́шин, Mosca, 22 ottobre 1929 – Mosca, 20 marzo 1990) è stato un calciatore e hockeista su ghiaccio sovietico, di ruolo portiere.
Soprannominato Ragno nero per via dell'uniforme scura che era solito indossare, è ritenuto da molti il miglior portiere della storia del calcio. Unico nel proprio ruolo a vincere il Pallone d'oro, nella classifica della International Federation of Football History and Statistics è stato votato come miglior portiere del XX secolo. Inoltre occupa l'11ª posizione nella speciale classifica dei migliori calciatori del XX secolo pubblicata dalla rivista World Soccer.
Nell'arco della propria carriera calcistica, Jašin ha sempre militato nella Dinamo Mosca, con cui ha conquistato cinque campionati sovietici e tre Coppe dell'URSS. Conta 74 presenze nella nazionale sovietica, con la quale ha vinto una medaglia d'oro ai Giochi olimpici del 1956 e un campionato europeo nel 1960. Nel 1964 ha nuovamente raggiunto la finale del torneo continentale, perdendola contro la Spagna.
Da calciatore ha disputato 812 incontri ufficiali, mantenendo la porta inviolata in 207 occasioni (270 secondo altre fonti).
Nel 1953, prima di dedicarsi al calcio, ha vinto una coppa sovietica di hockey su ghiaccio, sempre come portiere della Dinamo Mosca.
Per i meriti sportivi acquisiti nel corso della carriera e per il lustro dato all'URSS, Jašin fu insignito nel 1967 dell'Ordine di Lenin, la massima onorificenza sovietica in tempo di pace, la seconda in assoluto per importanza.


deleted

deleted

deleted

deleted

EVENTI: Lev Ivanovič Jašin

Nel 1966 partecipò al Mondiale, ancora da titolare, portando la compagine sovietica alla conquista del quarto posto, il miglior piazzamento assoluto della selezione sovietica.

Nel 1966 partecipò al Mondiale, ancora da titolare, portando la compagine sovietica alla conquista del quarto posto, il miglior piazzamento assoluto della selezione sovietica.

Nel 1966 partecipò al Mondiale, ancora da titolare, portando la compagine sovietica alla conquista del quarto posto, il miglior piazzamento assoluto della selezione sovietica.

Nel 1966 partecipò al Mondiale, ancora da titolare, portando la compagine sovietica alla conquista del quarto posto, il miglior piazzamento assoluto della selezione sovietica.

Nel 1966 partecipò al Mondiale, ancora da titolare, portando la compagine sovietica alla conquista del quarto posto, il miglior piazzamento assoluto della selezione sovietica.

Nel 1966 partecipò al Mondiale, ancora da titolare, portando la compagine sovietica alla conquista del quarto posto, il miglior piazzamento assoluto della selezione sovietica.

Nel 1966 partecipò al Mondiale, ancora da titolare, portando la compagine sovietica alla conquista del quarto posto, il miglior piazzamento assoluto della selezione sovietica.

Nel 1966 partecipò al Mondiale, ancora da titolare, portando la compagine sovietica alla conquista del quarto posto, il miglior piazzamento assoluto della selezione sovietica.

Nel 1966 partecipò al Mondiale, ancora da titolare, portando la compagine sovietica alla conquista del quarto posto, il miglior piazzamento assoluto della selezione sovietica.

Nel 1966 partecipò al Mondiale, ancora da titolare, portando la compagine sovietica alla conquista del quarto posto, il miglior piazzamento assoluto della selezione sovietica.

Nel 1966 partecipò al Mondiale, ancora da titolare, portando la compagine sovietica alla conquista del quarto posto, il miglior piazzamento assoluto della selezione sovietica.

Nel 1966 partecipò al Mondiale, ancora da titolare, portando la compagine sovietica alla conquista del quarto posto, il miglior piazzamento assoluto della selezione sovietica.

Nel 1966 partecipò al Mondiale, ancora da titolare, portando la compagine sovietica alla conquista del quarto posto, il miglior piazzamento assoluto della selezione sovietica.

Nel 1988, dando prova di grande carattere nonostante la menomazione, accettò di accompagnare la selezione sovietica di calcio alle Olimpiadi di Seul, dove l'URSS vinse, per la seconda e ultima volta, la medaglia d'oro nel torneo di calcio.

Nel 1988, dando prova di grande carattere nonostante la menomazione, accettò di accompagnare la selezione sovietica di calcio alle Olimpiadi di Seul, dove l'URSS vinse, per la seconda e ultima volta, la medaglia d'oro nel torneo di calcio.

Nel 1988, dando prova di grande carattere nonostante la menomazione, accettò di accompagnare la selezione sovietica di calcio alle Olimpiadi di Seul, dove l'URSS vinse, per la seconda e ultima volta, la medaglia d'oro nel torneo di calcio.

Nel 1988, dando prova di grande carattere nonostante la menomazione, accettò di accompagnare la selezione sovietica di calcio alle Olimpiadi di Seul, dove l'URSS vinse, per la seconda e ultima volta, la medaglia d'oro nel torneo di calcio.

Nel 1988, dando prova di grande carattere nonostante la menomazione, accettò di accompagnare la selezione sovietica di calcio alle Olimpiadi di Seul, dove l'URSS vinse, per la seconda e ultima volta, la medaglia d'oro nel torneo di calcio.

Nel 1988, dando prova di grande carattere nonostante la menomazione, accettò di accompagnare la selezione sovietica di calcio alle Olimpiadi di Seul, dove l'URSS vinse, per la seconda e ultima volta, la medaglia d'oro nel torneo di calcio.

Nel 1988, dando prova di grande carattere nonostante la menomazione, accettò di accompagnare la selezione sovietica di calcio alle Olimpiadi di Seul, dove l'URSS vinse, per la seconda e ultima volta, la medaglia d'oro nel torneo di calcio.

Nel 1988, dando prova di grande carattere nonostante la menomazione, accettò di accompagnare la selezione sovietica di calcio alle Olimpiadi di Seul, dove l'URSS vinse, per la seconda e ultima volta, la medaglia d'oro nel torneo di calcio.

Nel 1988, dando prova di grande carattere nonostante la menomazione, accettò di accompagnare la selezione sovietica di calcio alle Olimpiadi di Seul, dove l'URSS vinse, per la seconda e ultima volta, la medaglia d'oro nel torneo di calcio.

Nel 1988, dando prova di grande carattere nonostante la menomazione, accettò di accompagnare la selezione sovietica di calcio alle Olimpiadi di Seul, dove l'URSS vinse, per la seconda e ultima volta, la medaglia d'oro nel torneo di calcio.

Nel 1988, dando prova di grande carattere nonostante la menomazione, accettò di accompagnare la selezione sovietica di calcio alle Olimpiadi di Seul, dove l'URSS vinse, per la seconda e ultima volta, la medaglia d'oro nel torneo di calcio.

Nel 1988, dando prova di grande carattere nonostante la menomazione, accettò di accompagnare la selezione sovietica di calcio alle Olimpiadi di Seul, dove l'URSS vinse, per la seconda e ultima volta, la medaglia d'oro nel torneo di calcio.

Nel 1988, dando prova di grande carattere nonostante la menomazione, accettò di accompagnare la selezione sovietica di calcio alle Olimpiadi di Seul, dove l'URSS vinse, per la seconda e ultima volta, la medaglia d'oro nel torneo di calcio.

Nel 1958 arrivò ai quarti di finale nel Mondiale svedese, uscendo proprio contro i padroni di casa.

Nel 1958 arrivò ai quarti di finale nel Mondiale svedese, uscendo proprio contro i padroni di casa.

Nel 1958 arrivò ai quarti di finale nel Mondiale svedese, uscendo proprio contro i padroni di casa.

Nel 1958 arrivò ai quarti di finale nel Mondiale svedese, uscendo proprio contro i padroni di casa.

Nel 1958 arrivò ai quarti di finale nel Mondiale svedese, uscendo proprio contro i padroni di casa.

Nel 1958 arrivò ai quarti di finale nel Mondiale svedese, uscendo proprio contro i padroni di casa.

Nel 1958 arrivò ai quarti di finale nel Mondiale svedese, uscendo proprio contro i padroni di casa.

Nel 1958 arrivò ai quarti di finale nel Mondiale svedese, uscendo proprio contro i padroni di casa.

Nel 1958 arrivò ai quarti di finale nel Mondiale svedese, uscendo proprio contro i padroni di casa.

Nel 1958 arrivò ai quarti di finale nel Mondiale svedese, uscendo proprio contro i padroni di casa.

Nel 1958 arrivò ai quarti di finale nel Mondiale svedese, uscendo proprio contro i padroni di casa.

Nel 1958 arrivò ai quarti di finale nel Mondiale svedese, uscendo proprio contro i padroni di casa.

Nel 1958 arrivò ai quarti di finale nel Mondiale svedese, uscendo proprio contro i padroni di casa.

Nel 1960 Jašin vinse la prima edizione degli Europei di calcio, subendo anche in questo caso solo due reti (complice anche il ritiro della squadra spagnola nei quarti).

Nel 1960 Jašin vinse la prima edizione degli Europei di calcio, subendo anche in questo caso solo due reti (complice anche il ritiro della squadra spagnola nei quarti).

Nel 1960 Jašin vinse la prima edizione degli Europei di calcio, subendo anche in questo caso solo due reti (complice anche il ritiro della squadra spagnola nei quarti).

Nel 1960 Jašin vinse la prima edizione degli Europei di calcio, subendo anche in questo caso solo due reti (complice anche il ritiro della squadra spagnola nei quarti).

Nel 1960 Jašin vinse la prima edizione degli Europei di calcio, subendo anche in questo caso solo due reti (complice anche il ritiro della squadra spagnola nei quarti).

Nel 1960 Jašin vinse la prima edizione degli Europei di calcio, subendo anche in questo caso solo due reti (complice anche il ritiro della squadra spagnola nei quarti).

Nel 1960 Jašin vinse la prima edizione degli Europei di calcio, subendo anche in questo caso solo due reti (complice anche il ritiro della squadra spagnola nei quarti).

Nel 1960 Jašin vinse la prima edizione degli Europei di calcio, subendo anche in questo caso solo due reti (complice anche il ritiro della squadra spagnola nei quarti).

Nel 1960 Jašin vinse la prima edizione degli Europei di calcio, subendo anche in questo caso solo due reti (complice anche il ritiro della squadra spagnola nei quarti).

Nel 1960 Jašin vinse la prima edizione degli Europei di calcio, subendo anche in questo caso solo due reti (complice anche il ritiro della squadra spagnola nei quarti).

Nel 1960 Jašin vinse la prima edizione degli Europei di calcio, subendo anche in questo caso solo due reti (complice anche il ritiro della squadra spagnola nei quarti).

Nel 1960 Jašin vinse la prima edizione degli Europei di calcio, subendo anche in questo caso solo due reti (complice anche il ritiro della squadra spagnola nei quarti).

Nel 1960 Jašin vinse la prima edizione degli Europei di calcio, subendo anche in questo caso solo due reti (complice anche il ritiro della squadra spagnola nei quarti).

Nel 1953, prima di dedicarsi al calcio, ha vinto una coppa sovietica di hockey su ghiaccio, sempre come portiere della Dinamo Mosca.

Nel 1953, prima di dedicarsi al calcio, ha vinto una coppa sovietica di hockey su ghiaccio, sempre come portiere della Dinamo Mosca.

Nel 1953, prima di dedicarsi al calcio, ha vinto una coppa sovietica di hockey su ghiaccio, sempre come portiere della Dinamo Mosca.

Nel 1953, prima di dedicarsi al calcio, ha vinto una coppa sovietica di hockey su ghiaccio, sempre come portiere della Dinamo Mosca.

Nel 1953, prima di dedicarsi al calcio, ha vinto una coppa sovietica di hockey su ghiaccio, sempre come portiere della Dinamo Mosca.

Nel 1953, prima di dedicarsi al calcio, ha vinto una coppa sovietica di hockey su ghiaccio, sempre come portiere della Dinamo Mosca.

Nel 1953, prima di dedicarsi al calcio, ha vinto una coppa sovietica di hockey su ghiaccio, sempre come portiere della Dinamo Mosca.

Nel 1953, prima di dedicarsi al calcio, ha vinto una coppa sovietica di hockey su ghiaccio, sempre come portiere della Dinamo Mosca.

Nel 1953, prima di dedicarsi al calcio, ha vinto una coppa sovietica di hockey su ghiaccio, sempre come portiere della Dinamo Mosca.

Nel 1953, prima di dedicarsi al calcio, ha vinto una coppa sovietica di hockey su ghiaccio, sempre come portiere della Dinamo Mosca.

Nel 1953, prima di dedicarsi al calcio, ha vinto una coppa sovietica di hockey su ghiaccio, sempre come portiere della Dinamo Mosca.

Nel 1953, prima di dedicarsi al calcio, ha vinto una coppa sovietica di hockey su ghiaccio, sempre come portiere della Dinamo Mosca.

Nel 1953, prima di dedicarsi al calcio, ha vinto una coppa sovietica di hockey su ghiaccio, sempre come portiere della Dinamo Mosca.

Nel 1964 ha nuovamente raggiunto la finale del torneo continentale, perdendola contro la Spagna.

Nel 1964 ha nuovamente raggiunto la finale del torneo continentale, perdendola contro la Spagna.

Nel 1964 ha nuovamente raggiunto la finale del torneo continentale, perdendola contro la Spagna.

Nel 1964 ha nuovamente raggiunto la finale del torneo continentale, perdendola contro la Spagna.

Nel 1964 ha nuovamente raggiunto la finale del torneo continentale, perdendola contro la Spagna.

Nel 1964 ha nuovamente raggiunto la finale del torneo continentale, perdendola contro la Spagna.

Nel 1964 ha nuovamente raggiunto la finale del torneo continentale, perdendola contro la Spagna.

Nel 1964 ha nuovamente raggiunto la finale del torneo continentale, perdendola contro la Spagna.

Nel 1964 ha nuovamente raggiunto la finale del torneo continentale, perdendola contro la Spagna.

Nel 1964 ha nuovamente raggiunto la finale del torneo continentale, perdendola contro la Spagna.

Nel 1964 ha nuovamente raggiunto la finale del torneo continentale, perdendola contro la Spagna.

Nel 1964 ha nuovamente raggiunto la finale del torneo continentale, perdendola contro la Spagna.

Nel 1964 ha nuovamente raggiunto la finale del torneo continentale, perdendola contro la Spagna.

Nel 1963 si svolse un'amichevole, per celebrare il centenario della Football Association, tra Inghilterra e Resto del Mondo, terminata 2-1 per gli inglesi.

Nel 1963 si svolse un'amichevole, per celebrare il centenario della Football Association, tra Inghilterra e Resto del Mondo, terminata 2-1 per gli inglesi.

Nel 1963 si svolse un'amichevole, per celebrare il centenario della Football Association, tra Inghilterra e Resto del Mondo, terminata 2-1 per gli inglesi.

Nel 1963 si svolse un'amichevole, per celebrare il centenario della Football Association, tra Inghilterra e Resto del Mondo, terminata 2-1 per gli inglesi.

Nel 1963 si svolse un'amichevole, per celebrare il centenario della Football Association, tra Inghilterra e Resto del Mondo, terminata 2-1 per gli inglesi.

Nel 1963 si svolse un'amichevole, per celebrare il centenario della Football Association, tra Inghilterra e Resto del Mondo, terminata 2-1 per gli inglesi.

Nel 1963 si svolse un'amichevole, per celebrare il centenario della Football Association, tra Inghilterra e Resto del Mondo, terminata 2-1 per gli inglesi.

Nel 1963 si svolse un'amichevole, per celebrare il centenario della Football Association, tra Inghilterra e Resto del Mondo, terminata 2-1 per gli inglesi.

Nel 1963 si svolse un'amichevole, per celebrare il centenario della Football Association, tra Inghilterra e Resto del Mondo, terminata 2-1 per gli inglesi.

Nel 1963 si svolse un'amichevole, per celebrare il centenario della Football Association, tra Inghilterra e Resto del Mondo, terminata 2-1 per gli inglesi.

Nel 1963 si svolse un'amichevole, per celebrare il centenario della Football Association, tra Inghilterra e Resto del Mondo, terminata 2-1 per gli inglesi.

Nel 1963 si svolse un'amichevole, per celebrare il centenario della Football Association, tra Inghilterra e Resto del Mondo, terminata 2-1 per gli inglesi.

Nel 1963 si svolse un'amichevole, per celebrare il centenario della Football Association, tra Inghilterra e Resto del Mondo, terminata 2-1 per gli inglesi.

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

LAV: VITTORIA PER GLI IBIS!

LAV: VITTORIA PER GLI IBIS!

VITTORIA PER GLI IBIS! Gli Ibis eremiti sono uccelli rarissimi, ne esistono in tutto il mondo solo 300 e ogni giorno rischiano l'estinzione. Nel 2012 un cacciatore ha abbattuto due ibis che facevano parte di un programma di ripopolamento in Europa. Un ignobile atto che si è finalmente concluso nel Tribunale di Livorno, dopo anni in cui il nostro ufficio legale ha lavorato senza mollare, con la condanna del cacciatore e la revoca della sua licenza di caccia. Un [...]

LAV, la Ricerca senza animali.

LAV, la Ricerca senza animali.

AIUTALI A USCIRNE Sai che in Italia il fumo, l’alcol e le droghe sono sostanze testate ancora sugli animali? Noi vogliamo chiedere al Ministro della Salute Beatrice Lorenzin che rispetti il divieto per legge che deve entrare in vigore il 1 gennaio 2017.   firma la nostra petizione.  Questa tortura deve finire e insieme possiamo farcela.  la Ricerca senza animali.

LAV: fai un regalo che fa battere il cuore!

LAV: fai un regalo che fa battere il cuore!

 fai un regalo che fa battere il cuore! Regala un’Adozione a distanza Cucciolo Amico alla tua dolce metà: le racconterai del tuo amore per lei e per Asia, Gigino o Cappuccino e insieme costruirete il loro futuro! Continua a leggere...»

GIORNATE LAV

oggi e domani la LAV sarà nelle piazze italiane per una raccolta firme affinchè anche il coniglio diventi un animale da affezione e come tale ne venga impedita la macellazione . Chiedo a tutti i miei amici virtuali di cercare i nomi delle piazze per andare a firmare   

FOTO: Lev Ivanovič Jašin

Lew_Jaschin

Lew_Jaschin

Lav_Jasin

Lav_Jasin

Lev_Yashin

Lev_Yashin

Lev_Yashine

Lev_Yashine

Lev_Jašin

Lev_Jašin

Lev_Ivanovich_Yashin

Lev_Ivanovich_Yashin

Lav_Jašin

Lav_Jašin

Pasqua cruelty free: il goloso menu LAV per risparmiare gli agnelli

da  http://www.greenme.it/ Mancano ormai pochi giorni alla Pasqua. Una festa per tutti ma non per alcuni animali, agnelli in testa, che in questo periodo dell’anno vengono macellati in maggiori quantità. Per questo,  la Lav ha invitato ancora una volta tutti a festeggiare una Pasqua di solidarietà con il Pianeta e i suoi abitanti. Sono circa 400 mila gli agnelli e i capretti che vengono uccisi ogni anno. Tuttavia, negli ultimi cinque anni si è [...]

LAV: Processo Green Hill in attesa della sentenza

LAV: Processo Green Hill in attesa della sentenza

  15 gennaio 2015 CONDIVIDI LA NEWSLETTER Processo Green Hill: 23 gennaio la sentenza Dopo la feste natalizie il 12 gennaio siamo tornati in aula al Tribunale di Brescia per l’udienza del Processo a Green Hill. Per i 4 imputati sono stati chiesti in totale 10 anni e 6 mesi per maltrattamenti e uccisione di animali ed è stato inoltrecontestata la falsa testimonianza a 5 dipendenti Green Hill. Il nostro avvocato ha dichiarato durante la sua arringa che “a [...]

LAV

LAV

  12 settembre 2014 CONDIVIDI LA NEWSLETTER Nuova vita per Antares e MadibaPuoi immaginare due animali maestosi come un leone e una tigre ridotti a stare in una gabbia fermi per anni?Le immagini del video che vedrai parlano più di mille parole. La libertà e una vita lunga, sarà il nostro impegno per Antares e Madiba, ma anche per gli altri 2000 animali ancora rinchiusi.  realizza insieme a noi il sogno di una nuova vita con una donazione, noi daremo loro [...]

LAV, FERMIAMO IL TRAFFICO DI ANIMALI ESOTICI

LAV, FERMIAMO IL TRAFFICO DI ANIMALI ESOTICI

 WWW.LAV.IT  22 luglio 2014 CONDIVIDI LA NEWSLETTER In viaggio per la libertà -   WWW.LAV.IT  mi chiamo Angela, e quando avevo pochi mesi sono stata catturata e portata illegalmente in Italia. Mi hanno rinchiuso in una gabbia, la mia destinazione finale non l'ho mai saputa, per fortuna. Sono stata salvata e oggi ad appena un anno, inizio il mio viaggio verso la libertà.  Grazie a te il mio sogno è diventato realtà, guarda il video, scopri cosa ha [...]

LAV: VIVISECTION E ALTRO

LAV: VIVISECTION E ALTRO

Il piccolo Pedro ha bisogno di te. Pedro era chiuso in un barattolo di plastica molto piccolo quando è stato trovato, era estenuato e denutrito. In viaggio da chissà quante ore dall’Est Europa, per finire probabilmente nella gabbia di un negozio. Il nostro intervento ha garantito il sequestro e oggi fa parte della nostra famiglia.Ora la piccola scimmia uistitì è libera di giocare, arrampicarsi tra gli alberi del Parco Abatino, dove vivrà insieme a tanti [...]

09/05/2014 -- Proposte ai candidati a sindaco dalla LAV

09/05/2014 -- Proposte ai candidati a sindaco dalla LAV

      In vista delle prossime elezioni comunali, e sempre nell’ottica di trasversalità che la contraddistingue, la LAV Onlus da anni impegnata per la tutela ed il benessere degli animali presenti sul territorio e nella difesa dei loro diritti, ha elaborato un programma di impegni che ha sottoposto ai candidati a Sindaco dei comuni di Pachino e Portopalo di Capo Passero.Le proposte: L'approvazione del Regolamento Comunale sul benessere e la tutela degli [...]

Lav Grosseto: Zorro non sarà soppresso

Lav Grosseto: Zorro non sarà soppresso

Salvezza per Zorro. L’ha decretata il sindaco di Massa Marittima, Lidia Bai, affermando oggi sulla stampa che non è sua competenza la soppressione del dogo, non trovandosi il cane sul territorio comunale. Una soluzione poco elegante e tardiva, ma comunque determinante per la vita di Zorro, che al momento non si trova già più sul territorio maremmano, essendo stato trasferito dai proprietari in un centro idoneo come annunciato formalmente da tempo. “E’ ben [...]

VIDEO CONCORSO LAV

VIDEO CONCORSO LAV

 VIDEO-CONCORSO NAZIONALE "VIVA LA VITA!" PER STUDENTI DELLE SCUOLE SECONDARIE E ISTITUTI DI CINEMATOGRAFIA, INDETTO DALLA LAV CON IL PATROCINIO DELLA SCUOLA DI CINEMA DI NAPOLI. ANIMALI, CACCIA E ALIMENTAZIONE RESPONSABILE I TEMI IN GARA  Giovani appassionati di cinema e multimedia, con una predilezione per gli animali, possono esprimere la loro fantasia partecipando al concorso “VIDEO LAV, VIVA LA VITA!” indetto dalla LAV, con il patrocinio [...]

LA LAV DENUNCIA IL FILM "L'ARBITRO"

LA LAV DENUNCIA IL FILM "L'ARBITRO"

PECORA CROCIFISSA, AGNELLI SGOZZATI, CANI IMPICCATI. LAV DENUNCIA IL FILM “L’ARBITRO”Una pecora crocifissa, un agnello decapitato, cani impiccati. Nel film uscito nelle sale da pochi giorni, “L’arbitro” di Paolo Zucca (http://bit.ly/16JFJ8L), interpretato da Stefano Accorsi, la Sardegna è raccontata anche così. Poiché la casa di produzione Lucky Red non ha risposto alle richieste di chiarimento riguardo alla provenienza degli animali utilizzati, e [...]

150 ANIMALI SALVATI DALLA LAV

150 ANIMALI SALVATI DALLA LAV

CENTOCINQUANTA ANIMALI SALVATI IN ESTATE DALLA LAV“Un lavoro senza distinzioni di specie e per la dignità di ogni vivente” Sono stati oltre centocinquanta gli animali accolti dalla LAV Grosseto nel corso dell’estate appena conclusa per essere inviati al Crasm di Semproniano con consegna diretta o tramite i pullman Tiemme: caprioli, volpi, ricci, scoiattoli, taccole, rondoni, rondini, balestrucci, tortore, civette, cardellini, passeri, verdoni, poiane, [...]

&id=HPN_Lev+Ivanovich+Yashin_http{{{}}}it*dbpedia*org{}resource{}Lew{{}}Jashin" alt="" style="display:none;"/> ?>