Marina Abramovich

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Shakira
In rilievo

Shakira

Marina Abramovic

La scheda: Marina Abramovic

Marina Abramović (in serbo Марина Абрамовић, Belgrado, 30 novembre 1946) è un'artista serba naturalizzata statunitense. Attiva fin dagli anni Sessanta del XX secolo, si è autodefinita come la «nonna della performance art»: il suo lavoro esplora le relazioni tra l'artista e il pubblico, ed il contrasto tra i limiti del corpo e le possibilità della mente.


deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

EVENTI: Marina Abramovic

Dal 1965 al 1972 studia presso l'Accademia di Belle Arti di Belgrado.

Dal 1965 al 1972 studia presso l'Accademia di Belle Arti di Belgrado.

Dal 1965 al 1972 studia presso l'Accademia di Belle Arti di Belgrado.

Dal 1965 al 1972 studia presso l'Accademia di Belle Arti di Belgrado.

Nel 1976 lascia la Jugoslavia per trasferirsi ad Amsterdam.

Nel 1976 lascia la Jugoslavia per trasferirsi ad Amsterdam.

Nel 1976 lascia la Jugoslavia per trasferirsi ad Amsterdam.

Nel 1976 lascia la Jugoslavia per trasferirsi ad Amsterdam.

Dal 1973 al 1975 ha insegnato presso l'Accademia di Belle Arti di Novi Sad, mentre creava le sue prime performance.

Dal 1973 al 1975 ha insegnato presso l'Accademia di Belle Arti di Novi Sad, mentre creava le sue prime performance.

Dal 1973 al 1975 ha insegnato presso l'Accademia di Belle Arti di Novi Sad, mentre creava le sue prime performance.

Dal 1973 al 1975 ha insegnato presso l'Accademia di Belle Arti di Novi Sad, mentre creava le sue prime performance.

Nel 1997 vince il Leone d'Oro alla Biennale di Venezia con l'esecuzione, Balkan Baroque.

Nel 1997 vince il Leone d'Oro alla Biennale di Venezia con l'esecuzione, Balkan Baroque.

Nel 1997 vince il Leone d'Oro alla Biennale di Venezia con l'esecuzione, Balkan Baroque.

Nel 1997 vince il Leone d'Oro alla Biennale di Venezia con l'esecuzione, Balkan Baroque.

Nel 1974 viene conosciuta anche in Italia, dove presenta la sua performance, Rhytm 4, esposta a Milano, nella Galleria Diagramma di Luciano Inga Pin.

Nel 1974 viene conosciuta anche in Italia, dove presenta la sua performance, Rhytm 4, esposta a Milano, nella Galleria Diagramma di Luciano Inga Pin.

Nel 1974 viene conosciuta anche in Italia, dove presenta la sua performance, Rhytm 4, esposta a Milano, nella Galleria Diagramma di Luciano Inga Pin.

Nel 1974 viene conosciuta anche in Italia, dove presenta la sua performance, Rhytm 4, esposta a Milano, nella Galleria Diagramma di Luciano Inga Pin.

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

Lady Gaga nuda per il metodo di Marina Abramovich

Lady Gaga nuda per il metodo di Marina Abramovich

Continua la promozione e l'autopromozione di Lady Gaga che, prima di approdare agli MTV Video Music Awards con “Applause”, il primo singolo di Artpop, ha deciso di spogliarsi per la campagna Kickstarter dell'artista serba Marina Abramovich.La Abramovich desidera fondare un istituto dedicato a presentare e preservare il lavoro artistico durevole, la danza, il teatro, la cinematografia, l'opera, la musica ed altre forme sviluppabili in futuro, e il suo metodo, [...]

marina abramovich

È nata a Belgrado, Repubblica di Jugoslavia nel 1946 ed ha studiato all'Accademia di Belle Arti di Belgrado. Nel 1976 iniziano la relazione e la collaborazione con un altro artista, Ulay, nato peraltro nel suo stesso giorno. Dopo dodici anni di relazione, hanno deciso di interrompere il loro rapporto con una camminata lungo la Grande Muraglia Cinese. Lui ha iniziato dal deserto di Gobi, Marina dal Mar Giallo. Dopo una camminata di duemila e cinquecento chilometri [...]

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

FOTO: Marina Abramovic

Marina Abramović durante i Peabody Awards nel 2013

Marina Abramović durante i Peabody Awards nel 2013

Marina Abramović durante i Peabody Awards nel 2013

Marina Abramović durante i Peabody Awards nel 2013

Marina Abramović durante i Peabody Awards nel 2013

Marina Abramović durante i Peabody Awards nel 2013

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

Gina Pane e io

Gina Pane e io

 Sono così lontana dalla vita comune da non provare più né gioia né dolore, ma fastidio sì, e tanto; certo, resto consapevole che ogni giorno aggiunge o toglie qualcosa, tuttavia il computo delle aspettative si assottiglia e il carpe diem di Orazio mi sembra una bestialità in tempi di deplorevole arrendevolezza. Ho pure pensato di emulare la performance di Gina Pane come se ignorassi che conficcarsi le spine nella carne funziona solo con quegli egocentrici [...]

Al via a Bologna il grande progetto espositivo dedicato a Christian Boltanski..

Al via a Bologna il grande progetto espositivo dedicato a Christian Boltanski..

Tutte le Anime di Christian Boltanski a Bologna. Grande retrospettiva, dal MAMbo alle periferie...Definire Anime. Di luogo in luogo un’ampia retrospettiva è estremamente riduttivo. È lo stesso Danilo Eccher, curatore del progetto, a mettere subito in chiaro questo passaggio. “Si tratta di un disegno espositivo complesso”, spiega Eccher ad Artribune, “che non coinvolge solamente il MAMbo, ma anche l’Università, l’Accademia di Belle Arti e l’intera [...]

Marina Abramovic and Brasil. The Space In Between

Il Progetto La Grande Arte al Cinema incomincia la nuova Stagione 2016/2017 con il documentario Marina Abramovic and Brasil. The Space In Between (Nella Foto). Proiettato in data 3-4-5 Ottobre. Immergersi nei quadri, identificare la composizione dei pigmenti, conoscere le vite degli artisti, girare in lungo e in largo per le sale dei musei più famosi del mondo, di fronte alle opere e alle performance più sorprendenti, originali ed emozionanti. Una delle più [...]

deleted

deleted

Laurie Anderson: il mio haiku sulla morte

Laurie Anderson: il mio haiku sulla morte

Andrea Guglielmino09/09/2015E' senza dubbio una delle principali animatrici della scena d'avanguardia newyorchese. I suoi lavori spaziano dalla musica alle performance multimediali passando per il teatro, le installazioni museali e la spoken poetry. Non è nuova dunque al racconto per immagini, a cui torna con poetica potenza in Heart of a dog, in concorso a Venezia 72. Il film, una serie di sequenze di varia origine (da immagini di taglio documentaristico a [...]

Venezia 72 fa posto a Heart of a Dog di Laurie Anderson e 11 minut (11 Minutes) di Jerzy Skolimowski

Venezia 72 fa posto a Heart of a Dog di Laurie Anderson e 11 minut (11 Minutes) di Jerzy Skolimowski

JCR per RED||Carpet A Venezia prosegue la 72.a Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica. L'ottavo giorno dell'evento è caratterizzato da Heart of a Dog dell'eclettica Laurie Anderson, la vedova di Lou Reed, e 11 minut (11 Minutes) del polacco Jerzy Skolimowski. Entrambi sono in concorso. Come sempre in prima visione assoluta, Heart of a Dog e uno dei due film che mercoledì 9 settembre vengono proposti nella sezione principale del festival del cinema che si [...]

deleted

deleted

L'arte di Shimamoto: la danza dei colori, mettendo a fuoco l'infinito

Se avete idea di venire a Milano per vedere  "Pollock e gli Irascibili" a Palazzo Reale, non mancate di passare anche alla galleria  Studio GianGaleazzo Visconti in Corso Monforte, 23 che ha allestito in questo periodo la mostra sull'artista Shozo Shimamoto, uno degli esponenti del gruppo d'arte giapponese Gutai. Seppur indipendente dalla prima, la mostra evidenzia come, anche dall'altra parte dell'oceano, nello stesso periodo storico (il 2' dopoguerra) si [...]

Prato: Sol LeWitt

In collaborazione con il Centro per l'arte contemporanea Luigi Pecci, Prato in occasione delventennale di realizzazione del Wall Drawing#736SOL LEWITT di Chris Teerink, Paesi Bassi, 2012, 72'Nella prima delle sue Sentences on Conceptual Art (1969), Sol LeWitt affermava: "Conceptualartists are mystics rather than rationalists. They leap to conclusions that logic cannot reach".Lo stesso concetto risuona nelle parole di un'intervista all'artista americano del 1974, [...]

Prato: Sol LeWitt

Nell’ambito della sesta edizione de “Lo Schermo dell’Arte Film Festival” mercoledì 13, giovedì 14 e venerdì 15 novembre alle ore 17.00 avrà luogo nell’auditorium del Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato la proiezione del film SOL LEWITT di Chris Teerink, (Paesi Bassi, 2012, 72’) in occasione del ventennale di realizzazione del Wall Drawing #736 per il museo pratese.Il film è un tributo al più mistico degli artisti concettuali [...]

Mostra Shozo Shimamoto a Milano

Mostra Shozo Shimamoto a Milano

Lo Studio Giangaleazzo Visconti rende omaggio all'artista giapponese.. Insieme a Jackson Pollock, John Cage e Lucio Fontana, è considerato uno degli artisti più significativi del secondo dopoguerra: si tratta di Shozo Shimamoto, l'eclettico autore giapponese che lo Studio Giangaleazzo Visconti celebra dal fino al 31 gennaio.   Si inizia con Hole, che anticipa di qualche anno i famosi buchi di Fontana, per arrivare a entrambe le versioni di Please, walk on it (la [...]

&id=HPN_Marina+Abramovich_http{{{}}}it*dbpedia*org{}resource{}Marina{{}}Abromovic" alt="" style="display:none;"/> ?>