Marino Lazio

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Risultati relativi a Marino Lazio. Cerca invece Marino Lazio.

Vedi anche

Località
In rilievo

Località

Marino Laziale

La scheda: Marino Laziale

Marino (IPA: /maˈrino/, conosciuta impropriamente come Marino Laziale, Marini in dialetto marinese) è un comune italiano di 43 987 abitanti della città metropolitana di Roma Capitale, nel Lazio.
Situata a sud del capoluogo, sui Colli Albani nell'area dei Castelli Romani, la città è stata per tutto il Medioevo un importante avamposto militare sull'Agro Romano, un frequentato luogo di villeggiatura ed un importante centro commerciale grazie alla sua posizione strategica sulla via corriera tra Roma e Napoli frequentata fino alla riapertura della più rapida via Appia Nuova attorno al 1780.
Centro legato soprattutto alla viticoltura, è la patria dell'omonimo vino bianco a denominazione di origine controllata ed il suo nome è legato alla celebre Sagra dell'Uva, la manifestazione più antica in Italia nel suo genere. Ha un dialetto particolare, diverso da quello dei castelli romani, il dialetto marinese.



Marino comune:
Localizzazione:
Stato:  Italia
Regione: Lazio
Città metropolitana: Roma
Amministrazione:
Sindaco: Carlo Colizza (M5S) dal 20-6-2016
Territorio:
Coordinate: 41°46′N 12°40′E / 41.766667°N 12.666667°E41.766667, 12.666667 (Marino)Coordinate: 41°46′N 12°40′E / 41.766667°N 12.666667°E41.766667, 12.666667 (Marino)
Altitudine: 360 m s.l.m.
Superficie: 24,19 km²
Abitanti: 43 987[1] (31-3-2017)
Densità: 1 818,4 ab./km²
Frazioni: Castelluccia, Cava dei Selci, Due Santi, Fontana Sala, Frattocchie, Santa Maria delle Mole
Comuni confinanti: Castel Gandolfo, Ciampino, Grottaferrata, Rocca di Papa, Roma
Altre informazioni:
Cod. postale: 00047
Prefisso: 06
Fuso orario: UTC+1
Codice ISTAT: 058057
Cod. catastale: E958
Targa: RM
Cl. sismica: zona 3 (sismicità bassa)
Cl. climatica: zona D, 1 919 GG[2]
Nome abitanti: marinesi
Patrono: san Barnaba apostolo
Giorno festivo: 11 giugno
Cartografia:
Marino
Posizione del comune di Marino nella provincia di Roma
Modifica dati su Wikidata · Manuale

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

FOTO: Marino Laziale

I Colli Albani oggi: appaiono chiaramente nell'orografia corrente i resti del cratere vulcanico del Vulcano Laziale, che occupava una superficie di circa 1600 km².[9]

I Colli Albani oggi: appaiono chiaramente nell'orografia corrente i resti del cratere vulcanico del Vulcano Laziale, che occupava una superficie di circa 1600 km².[9]

I Castelli Romani in una foto satellitare degli anni novanta: si notano il lago Albano ed il lago di Nemi e, a nord del primo, il centro di Marino.

I Castelli Romani in una foto satellitare degli anni novanta: si notano il lago Albano ed il lago di Nemi e, a nord del primo, il centro di Marino.

Panorama di Marino

Panorama di Marino

Vegetazione cresciuta sul peperino in località Colle Licia al chilometro 5 della strada statale 217 Via dei Laghi.

Vegetazione cresciuta sul peperino in località Colle Licia al chilometro 5 della strada statale 217 Via dei Laghi.

L'ex-chiesa di Santa Lucia, sorta nel rione omonimo verso l'inizio dell'XI secolo[50] e ricostruita in architettura gotica nel Duecento forse su commissione della stessa Giacoma de Settesoli,[51] dal 2000 sede del museo civico Umberto Mastroianni.

L'ex-chiesa di Santa Lucia, sorta nel rione omonimo verso l'inizio dell'XI secolo[50] e ricostruita in architettura gotica nel Duecento forse su commissione della stessa Giacoma de Settesoli,[51] dal 2000 sede del museo civico Umberto Mastroianni.

La facciata settentrionale di palazzo Colonna: il piano urbanistico concepito da Ascanio I Colonna (probabilmente in occasione della visita di Carlo V d'Asburgo a Roma nel 1532)[66] fu probabilmente ispirato a quanto Antonio da Sangallo il Giovane aveva già realizzato a Caprarola per i Farnese.[67]

La facciata settentrionale di palazzo Colonna: il piano urbanistico concepito da Ascanio I Colonna (probabilmente in occasione della visita di Carlo V d'Asburgo a Roma nel 1532)[66] fu probabilmente ispirato a quanto Antonio da Sangallo il Giovane aveva già realizzato a Caprarola per i Farnese.[67]

Il convento del Santissimo Rosario nel quartiere Borgo Garibaldi, abitato dalla suore domenicane di stretta osservanza.

Il convento del Santissimo Rosario nel quartiere Borgo Garibaldi, abitato dalla suore domenicane di stretta osservanza.

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

&id=HPN_Marino+Lazio_http{{{}}}dbpedia*org{}resource{}Marino,{{}}Lazio" alt="" style="display:none;"/> ?>