Moby Prince

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Guendalina Tavassi
In rilievo

Guendalina Tavassi

Moby Prince

La scheda: Moby Prince

Il Moby Prince è stato un traghetto di proprietà della famiglia di armatori Onorato tra il 1986 e il 1991, in servizio per la compagnia di navigazione privata Nav.Ar.Ma.


Moby Prince:
Descrizione generale:
Tipo: Traghetto
Proprietà: dal 1985 Nav.Ar.Ma S.p.A. (Navigazione Arcipelago Maddalenino)
Costruttori: Cammel Laird & Co Ltd
Cantiere: Birkenhead, Regno Unito
Varo: 2 febbraio 1968
Entrata in servizio: 14 ottobre 1968 come Koningin Juliana[1]
Nomi precedenti: Koningin Juliana
Destino finale: Distrutto da un incendio (1991), affondata in porto (1998), trainata ad Aliağa nel 1998
Caratteristiche generali:
Stazza lorda: 6.682 tsl
Lunghezza: 131,02 m
Larghezza: 20,48 m
Pescaggio: 5,1 m
Propulsione: 4 Motori 9-cyl M.A.N. Augsburg diesel 14.592 kW
Velocità: 19 nodi (35 km/h)
Capacità di carico: 360 auto
Passeggeri: 1.490
voci di navi passeggeri presenti su Wikipedia

10 aprile 1991: la tragedia del Moby Prince e la rimozione della memoria

10 aprile 1991: la tragedia del Moby Prince e la rimozione della memoria

    . seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping . .   10 aprile 1991: la tragedia del Moby Prince e la rimozione della memoria Se dobbiamo dare un'esempio di rimozione della memoria, e quindi anche della verità, quello del Moby Prince è forse uno dei casi più emblematici. Da quel lontano 1991 ad oggi, infatti, ben poco è venuto fuori per individuare omissioni, responsabilità e coperture. Proviamo a contare con le dita di una mano. Dal 10 aprile 1991 [...]

deleted

deleted

PECORARO: Il disastro Moby Prince rimane un mistero

PECORARO: Il disastro Moby Prince rimane un mistero

Spuntano due nuovi testimoni ed emerge il mistero della nafta nella tragedia del Moby Prince.

PECORARO: Anticipazione del servizio sul Mistero della Moby Prince

PECORARO: Anticipazione del servizio sul Mistero della Moby Prince

Angelo Chessa, figlio del comandante morto sul traghetto, racconta i soccorsi che non c'erano.

PECORARO: Moby Prince: 140 da salvare

PECORARO: Moby Prince: 140 da salvare

L’incidente della Moby Prince rimane ancora uno dei grandi misteri italiani.

Venticinque anni fa il disastro della Moby Prince

Venticinque anni fa il disastro della Moby Prince

di Paolo Capresi

Moby Prince

Moby Prince

Moby Prince - Oggi celebrazioni in ricordo della tragedia ''Come cittadino e come Presidente del Senato rinnovo la mia vicinanza e il mio affetto alle famiglie colpite, esprimendo il mio più profondo cordoglio per quanti persero la vita in quell'incidente. Le istituzioni e la società civile - sostiene Grasso - hanno il dovere di rimanere al fianco di chi è stato colpito da questo tragico evento facendo chiarezza su quanto avvenuto. Il ricordo di ciascuna [...]

20 ANNI DOPO - LA TRAGEDIA DEL MOBY PRINCE

20 ANNI DOPO - LA TRAGEDIA DEL MOBY PRINCE

Il traghetto Moby Prince faceva servizio di linea tra Livorno e Olbia. Alle ore 22,03 del 10 aprile 1991 mollò gli ormeggi per la traversata verso Olbia, con a bordo 140 persone, 65 uomini d'equipaggio e 75 passeggeri. Uscendo dal porto, il Moby Prince, colpì con la prua la petroliera Agip Abruzzo, alla fonda, penetrando all'interno della cisterna numero 7 che conteneva circa 2.700 tonnellate di petrolio. leggi l'articolo  

IL CASO MOBY PRINCE

IL CASO MOBY PRINCE

ALTRO TERRIBILE, SPAVENTOSO, INQUIETANTE MISTERO IN QUESTA ORRENDA ITALIA! PAOLO  Luogocomune - Il caso Moby Prince - politica italiana - Notizie www.luogocomune.net Il caso Moby Prince

Livorno: Museo multimediale del Moby Prince

In occasione del diciannovesimo anniversario della tragedia del Moby Prince, il traghetto sul quale morirono 140 persone dopo la collisione con la petroliera Agip Abruzzo nella rada del porto di Livorno, centinaia di persone hanno partecipato sabato 10 aprile, nella sede del Comune di Livorno, alla commemorazione delle vittime. Un migliaio di persone nel corteo che ha sfilato per le vie del centro, conclusosi poi al porto dove è stato deposto un cuscino di rose [...]

moby prince: un caso ancora aperto

moby prince: un caso ancora aperto

Enrico Fedrighini 12 aprile alle ore 16.46 Rispondi Le indagini sulla tragedia sono ripartite, su istanza dei figli del comandante Chessa, in seguito e sulla base di quanto emerso dalla pubblicazione del libro-inchiesta "Moby Prince: un caso ancora aperto", che ho scritto dopo un lungo lavoro di ricerca e studio delle carte processuali e pubblicato nel 2005. "Moby Prince: un caso ancora aperto": indagini quasi chiuse Gli amici di Livorno mi hanno girato questa Ansa [...]

Livorno: Ricorda con rabbia il Moby Prince ed i suoi 140 morti

Ugo Bertini  per costaovest In occasione del 19esimo anniversario della tragedia del Moby Prince, il traghetto sul quale morirono 140 persone a seguito della collisione dello stesso traghetto con la petroliera Agip Abruzzo, centinaia di uomini e di donne hanno partecipato, oggi, alla commemorazione delle vittime avvenuta presso il Comune di Livorno. Quella del Moby Prince, avvenuta nel mare livornese la sera del 10 aprile 1991, è considerata la più grande [...]

Moby Prince

Moby Prince

Domani sono 19 anni che 140 persone sono morte a pochissimi metri dal porto di Livorno in un incidente che ha dell'incredibile. E domani sono 19 anni che i parenti e gli amici delle vittime, e l'Italia intera, attendono verità e giustizia su quella notte maledetta. Dopo 19 anni ancora nessun colpevole. Diversi processi si sono chiusi con assoluzioni e prescrizioni. Al di là della punizione dei responsabili la cosa più grave è che dopo 19 anni non si sia [...]

Moby Prince

Non devo tirare tardi la sera , che poi alla mattina sono spacciato... Ieri sera sono rimasto incollato alla tv a guardare Minoli su rai2 che parlava della moby-prince. Mi piace il modo di fare inchiesta di Minoli (anche se questo e' un giudizio soggettivo e puo' non essere condiviso..). Quello che mi ha catturato della puntata del programma (peccato che vada in onda in 2a serata) e' stato l'intreccio delle "cose" successe a livorno. Pensavo che l'incidente [...]

Ancora su Oetzi....

Ancora su Oetzi....

Fonte: Le ScienzeEra un patchwork di pelli di cinque animalidiversi - vitello, capra, pecora, orso e capriolo- a comporre gli indumenti di Ötzti, l'uomovissuto 5300 anni fa i cui resti congelati sonostati scoperti 25 anni fa in seguito al ritiro delghiacciaio del Similaun.A stabilirlo è stata l'analisi del DNA mitocondrialedi minuscoli campioni dei diversi capi di vestiariocondotta da un gruppo di ricercatori dell'Eurac(European Academy of Bozen/Bolzano) di [...]

10 aprile 1991: la tragedia del Moby Prince e la rimozione della memoria

10 aprile 1991: la tragedia del Moby Prince e la rimozione della memoria

    . seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping . .   10 aprile 1991: la tragedia del Moby Prince e la rimozione della memoria Se dobbiamo dare un'esempio di rimozione della memoria, e quindi anche della verità, quello del Moby Prince è forse uno dei casi più emblematici. Da quel lontano 1991 ad oggi, infatti, ben poco è venuto fuori per individuare omissioni, responsabilità e coperture. Proviamo a contare con le dita di una mano. Dal 10 aprile 1991 [...]

La corazzata Roma

La corazzata Roma

Nella nostra rubrica di storia oggi parliamo della corazzata Roma.

FOTO: Moby Prince

La Koningin Juliana

La Koningin Juliana

Passeggiata a Marechiaro

Passeggiata a Marechiaro

In un caldo pomeriggio settembrino, per concedersi un momento di pausa dalle loro prove musicali, la coppia dei due artisti,il soprano Olga De Maio ed il tenore Luca Lupoli, si sono dedicati ad una passeggiata presso uno dei siti più magici della città di Partenope: il Borgo di Marechiaro. E qui, complici la lieve brezza marina e l’incanto del paesaggio, carico di memorie poetiche e musicali, non hanno potuto resistere dall’intonare in diretta,live [...]

deleted

deleted

Schettino in Europa "Violati miei diritti"

Schettino in Europa "Violati miei diritti"

La Corte Europea dei diritti dell'uomo ritiene ammissibile il ricorso di Francesco Schettino

Le delizie di Marechiaro

Le delizie di Marechiaro

Siamo in uno dei più bei borghi della costiera partenopea, tra bellezze e piatti deliziosi.

La mummia natalizia

La mummia natalizia

È Natale anche in studio...

nella roccia un sorriso, tra i flutti il dolore che svanisce e schiarisce il viso

nella roccia un sorriso, tra i flutti il dolore che svanisce e schiarisce il viso

un sogno che prende per mano , ogni qualvolta il cuore ci sussurra nel battito , un fiore nasce dalla roccia mentre l'acqua scorre allontanando il dolore , nella secca rimarranno le lacrime amare e tra le onde fluttuanti prenderanno il largo i sorrisi , quelli veri dalle emozioni profonde donadam68 http://blog.libero.it/LEMIEEMOZIONI201/view.php?nocache=1452621884 Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non [...]

Caduti Corazzata Roma

Caduti Corazzata Roma

Ai  caduti  sul mare di Cefalù lapide dedicata sul  Lungomare di Cefalù -   foto del Socio A.N.M.I.  Giuseppe Sardo           Il motto dell'A.N.M.I.  :  Una volta marinaio......marinaio per sempre 

Caduti Corazzata Roma

Caduti Corazzata Roma

Ai  caduti  della Corazzata Roma monumento a La Maddalena               Il motto dell'A.N.M.I.  :  Una volta marinaio......marinaio per sempre 

GOLIA: “Schettino e l’Isola dei Famosi” continua…

GOLIA: “Schettino e l’Isola dei Famosi” continua…

Abbiamo invitato Schettino a partecipare come concorrente dell’Isola dei Famosi.

Concordia, condanna a Schettino: parla il giudice

Concordia, condanna a Schettino: parla il giudice

SCHETTINO E I POLITICI

Vittorio Feltri, su “Libero”, reputa ingiusto che un comandante come Schettino vada in galera per aver fatto naufragare una grande nave da crociera, mentre non sono minimamente sanzionati coloro che hanno governato l’Italia per decenni. E dire che il disastro da loro provocato è più grande di quello della “Concordia”. Il discorso è suggestivo, ma è fondato su un errore: la confusione fra tecnica e politica. Un chirurgo è un chirurgo perché si è [...]

Schettino è a Rebibbia condanna confermata

Schettino è a Rebibbia condanna confermata

Prima notte in cella a Rebibbia per Francesco Schettino: la Cassazione conferma la condanna a 16 anni.

Concordia, nel paese di Schettino dopo la sentenza

Concordia, nel paese di Schettino dopo la sentenza

di Anna Maria Chiariello

Concordia: la Cassazione conferma, Schettino va in cella

Concordia: la Cassazione conferma, Schettino va in cella

di Emanuele Iacusso

Condanna confermata, Schettino a Rebibbia

Condanna confermata, Schettino a Rebibbia

Francesco Schettino è stato condannato ed è entrato nel carcere di Rebibbia dove si è costituito.

Per rinfrescarVi la memoria - SIGNORI E SIGNORE SIAMO IN ITALIA – L’amaro sfogo del Capitano Gregorio De Falco: “Schettino in cattedra e io declassato dietro a una scrivania” !!!

Per rinfrescarVi la memoria - SIGNORI E SIGNORE SIAMO IN ITALIA – L’amaro sfogo del Capitano Gregorio De Falco: “Schettino in cattedra e io declassato dietro a una scrivania” !!!

  . SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti . . Per rinfrescarVi la memoria Vi riproponiamo questo articolo del dicembre 2014 Per rinfrescarVi la memoria - SIGNORI E SIGNORE SIAMO IN ITALIA – L’amaro sfogo del Capitano Gregorio De Falco: “Schettino in cattedra e io declassato dietro a una scrivania” !!! Trasferito all’ufficio amministrativo Gregorio de Falco, il capitano di fregata che urlò a Schettino “Salga a bordo, c…”. “Sto pagando [...]

Vada a bordo, Francesco Schettino!

Vada a bordo, Francesco Schettino!

L'incresciosa conversazione dell'ex comandante con la capitaneria di porto, durante il naufragio della Concordia.

&id=HPN_Moby+Prince_http{{{}}}dbpedia*org{}resource{}MS{{}}Moby{{}}Prince" alt="" style="display:none;"/> ?>