Morti da enfisema

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Gerry Scotti
In rilievo

Gerry Scotti

In questa categoria: Robert Mitchum

Robert Charles Durman Mitchum (Bridgeport, 6 agosto 1917 – Santa Barbara, 1º luglio 1997) è stat...

Walter Brennan

Walter Brennan, nome completo Walter Andrew Brennan (Swampscott, 25 luglio 1894 – Oxnard, 21 sette...

John Huston

John Huston, nato John Marcellus Huston, (Nevada, 5 agosto 1906 – Middletown, 28 agosto 1987), è ...

Vincent Price

Vincent Leonard Price Jr. (St. Louis, 27 maggio 1911 – Los Angeles, 25 ottobre 1993) è stato un a...

Barbara Stanwyck

Barbara Stanwyck, nome d'arte di Ruby Catherine Stevens, (New York, 16 luglio 1907 – Santa Monica,...

Dean Martin

Dino Paul Crocetti, noto come Dean Martin (Steubenville, 7 giugno 1917 – Beverly Hills, 25 dicembr...

Dostoevskij

Dostoevskij

TRAMA: Delitto e castigo è il primo dei grandi romanzi che resero celebre Dostoevskij e forse il più popolare. Lo svolgimento dei fatti è incentrato quasi tutto a Pietroburgo, nel corso di un'afosa estate. La vicenda ruota intorno a un giovane studente, Raskol'nikov, che per ragioni economiche è costretto ad abbandonare l'università. Animato da un forte risentimento, ma anche da considerazioni politiche di palingenesi sociale, il giovane progetta e realizza [...]

Beckett sempre.

Beckett sempre.

Siamo contenti. E che facciamo, ora che siamo contenti? Aspettiamo Godot.

Da Dostoevskij a Sturzo

2017, Tempi Febbraio 28,  Gennaro Sangiuliano Populismo. Da Dostoevskij a Sturzo, da Ortega y Gasset a Del Noce. La gente chiede legami, non formule. Lezioni di emergenza per democrazie scricchiolanti. Nel delineare le ragioni del nichilismo europeo Martin Heidegger fa ricorso a due giganti russi, in particolare riprende il discorso di Dostoevskij su Pusˇkin del 1880, laddove lo scrittore cita il poeta nell’analisi del rapporto fra élite oligarchica e popolo. [...]

Boris Karloff, una faccia, un mito (4)

... Karloff è avviato alla fine della sua carriera ma questo, come abbiamo avuto modo di vedere, non gli impedisce di accettare ancora qualche ruolo. Se si eccettua la misera parte (un cadavere!) ne Il castello delle donne maledette (The ghost in the invisible bikini, di Don Weis) del 1966, una strana mistura tra donne in costume ed elementi blandamente orrorifici, è nel rapporto con Luis Enrique Vergara che si concentra il suo ultimo periodo attoriale. Pur se [...]

Boris Karloff, una faccia, un mito (3)

... La maschera di Boris Karloff si arricchisce di nuovi personaggi con il tempo, contando sull'innegabile charme che lo stesso attore sprigiona a prescindere dal ruolo svolto. Nel 1963 il Nostro presta il fianco a collaborazioni che toccano ancora l'horror ma borgeggiando anche la commedia: I maghi del terrore (The Raven, di Roger Corman) vede Karloff nei panni di un terribile stregone, capace di trasformare in corvaccio un antagonista prima di dover fronteggiare [...]

Tutti amano Dean

In queste ultime settimane mi sono imbattutto più volte in... Dean Martin. Solo pochi giorni fa ho pubblicato una sua canzone sentita cantare da Elio nella trasmissione di Roberto Bolle. Ieri sera invece ho visto la puntata di venerdì scorso di Edicola Fiore, forse il miglior programma in onda in questo periodo in TV. Fiorello è davvero troppo bravo e sa circondarsi di collaboratori altrettanto bravi come la sua nuova spalla Stefano Meloccaro giornalista di Sky [...]

Boris Karloff, una faccia, un mito (2)

...     Il suo personaggio, come spesso accade a chi riesce ad entrare nella parte in modo perfetto, lo insegue (forse anche opprime) continuamente e Karloff si ritrova ad accettare nuovamente di partecipare ad un progetto che avesse a che fare con le pagine terrifiche di Mary Shelley. In Frankenstein 70 (Howard W. Koch, 1958), però, i ruoli si scambiano e lui non è più creatura ma creatore. Discendente del famoso Barone Victor Frankenstein vuole proseguire [...]

Boris Karloff, una faccia, un mito (1).

Buon autunno cari amici di questo blog. Con questo post si vuole dedicare l'attenzione ad un grande attore che spesso si è incontrato nel genere di tazzine che si è soliti gustare da queste parti. Chi scrive fa parte di quella nutrita cerchia di amanti della Settima Arte che è cresciuta con i film della Universal, magari fruiti le prime volte attraverso le immagini imperfette di una televisione in bianco e nero, nell'intimità della propria cameretta. E [...]

Dostoevskij alla Galleria Borghese

"La bellezza salverà il mondo" faceva dire Dostoevkij al suo Idiota. La volgarità lo distruggerà, si potrebbe dedurre; e allora ci si sta avvicinando. Apprendo con schifo e raccapriccio che Anna Coliva non soltanto è tra i 20 prescelti, ma in un certo senso è la più quotata, dato che è l'unica esponente del Mibact tra i prescelti. Il direttore degli Uffizi è stato cacciato e sostituito da un giovane tedesco. La signora Anna Coliva, che ha sputtanato [...]

Dostoevskij, l'Idiota e l'epilessia

Dostoevskij, l'Idiota e l'epilessia

Come di consueto posto il link all'articolo della serie "i farmaci nella letteratura", realizzata in collaborazione con Deliri Progressivi: questa volta tocca all'"Idiota" di Dostoevskij e all'epilessia. Per leggere l'articolo: http://www.deliriprogressivi.com/pensatoio/lepilessia-e-dostoevskij-la-farmacia-depoca-di-giulia-bovone Ps. Fateci un giro perchè la confezione pediatrica del Luminale Bayer ad alta risoluzione merita davvero!

Le opere di Norman Rockwell a Roma

Le opere di Norman Rockwell a Roma Dall'11 novembre 2014 all'8 febbraio 2015 Presso il Museo di Palazzo Sciarra a Roma  

Le opere di Norman Rockwell a Roma

Le opere di Norman Rockwell a Roma Dall'11 novembre 2014 all'8 febbraio 2015 Presso il Museo di Palazzo Sciarra a Roma

Dostoevskij: I demoni/Se Dio non c'è allora IO sono Dio

Se Dio non c'è tutta la volontà è mia. E per affermare tale volontà, l'unica via è il suicidio. Chi vive convinto che Dio non c'è e non si suicida è un codardo, Se tutto è assurdo, una beffa, allora perché vivere se sei un uomo? L'argomento di Kirillov non fa una piega

Dostoevskij /I fratelli Karamazov/Rai

Se Dio non c'è, il male sarebbe? Perché c'è il Bene il male è tale, altrimenti non sarebbe

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

Incredibile Dostoevskij

La genialità inaudita di Dostoevskij si spinge addirittura, ne "I Demoni", a profetizzare con allucinante esattezza le conseguenze del nichilismo socialista in Russia : "...e di formare dei gruppi con l'unico scopo di una distru...zione universale, con la scusa che, per quanto si possa curare il mondo, non si arriverà mai a guarirlo tutto, mentre, tagliando radicalmente CENTO MILIONI DI TESTE, ed essendosi così alleggeriti, si può con sicurezza saltare il [...]

Frase di Fedor Dostoevskij

Con questo post propongo un pensiero scritto da Fedor DostoevskijIl grado di civilizzazione di una società si misura dalle sue prigioni.di Fedor DostoevskijCommenta questa e altre frasi di Fedor Dostoevskij

&id=HPN_Morti+da+enfisema_http{{{}}}dbpedia*org{}resource{}Category:Deaths{{}}from{{}}emphysema" alt="" style="display:none;"/> ?>