Nati nel 1596

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Guendalina Tavassi
In rilievo

Guendalina Tavassi

Le simpatiche osservazioni del pensatore Cartesio sul tema del Volontariato.

“E’ ben vero che per gli esperimenti, talora necessari, un uomo solo non può arrivare a tutto, ma neppure può adoperare utilmente altre mani che le sue, oppure utilmente quelle di artigiani o di gente pagata, alle quali la speranza del guadagno, ch’è il mezzo più efficace, farebbe eseguire esattamente tutto quello ch’egli prescrive. I volontari, invece, che si offrono per curiosità o per desiderio d’imparare - oltre che di solito danno più promesse [...]

Le simpatiche osservazioni del pensatore Cartesio sul tema del Volontariato.

“E’ ben vero che per gli esperimenti, talora necessari, un uomo solo non può arrivare a tutto, ma neppure può adoperare utilmente altre mani che le sue, oppure utilmente quelle di artigiani o di gente pagata, alle quali la speranza del guadagno, ch’è il mezzo più efficace, farebbe eseguire esattamente tutto quello ch’egli prescrive. I volontari, invece, che si offrono per curiosità o per desiderio d’imparare - oltre che di solito danno più promesse [...]

Le simpatiche osservazioni del pensatore Cartesio sul tema del Volontariato.

“E’ ben vero che per gli esperimenti, talora necessari, un uomo solo non può arrivare a tutto, ma neppure può adoperare utilmente altre mani che le sue, oppure utilmente quelle di artigiani o di gente pagata, alle quali la speranza del guadagno, ch’è il mezzo più efficace, farebbe eseguire esattamente tutto quello ch’egli prescrive. I volontari, invece, che si offrono per curiosità o per desiderio d’imparare - oltre che di solito danno più promesse [...]

Cartesio

Io sono un essere che pensa, che dubita, che nega, che conosce solo poche cose, che ne ignora molte, che odia, che vuole e che non vuole, che immagina, che ama e che sente. E che pur sapendo che tutte queste cose potrebbero anche non esistere, sa invece che esistono tutte dentro il suo cervello. (Cartesio)   La razionalità è indispensabile per salvarci dalle superstizioni e dalla credulità insensata. Ma lasciamo un piccolo spazio ai sentimenti, agli ideali, [...]

Cartesio parlò di intelligenza artificiale

Posso dirvi sinceramente di non aver letto tutto il Discorso sul metodo però vi assicuro che ho letto la parte su quello che sto per descrivere e quindi sono informazioni di "prima mano" infatti si può trovare facilmente legalmente e gratuitamente e in italiano sul web (ad esempio qui). Tutti conoscete Cartesio (Descartes) come matematico, qualcun altro lo conosce anche come filosofo ma pochissimi lo conoscono come un critico dell'intelligenza artificiale. [...]

Il sommergibile di Cartesio

(continua dal post 412) Qualche giorno fa mio figlio se ne viene a casa con un compito di scienze: scrivere la relazione dell'esperimento, laddove l'esperimento era, guarda un po', il nostro amato diavoletto, per l'occasione ribattezzato "sommergibile di Cartesio". Il tutto descritto sul libro con dovizia di particolari. Per un attimo mi si dipinge il terrore in volto. Ma l'avete fatto a scuola? chiedo. Sììì, mi garantisce la creatura, con mio grande sollievo. [...]

ALICE,CARTESIO e MATRIX

ALICE,CARTESIO e MATRIX

Se non fossimo che personaggi nel sogno di un tizio addormentato, le ipotesi che ci facciamo sul mondo reale potrebbero essere tutte archiviate nell'ambito dell'illusione. Cartesio, Lewis Carroll, Hilary Putnam, Curt Siodmak ci aiutano – stimolandoci a riflettere – a venire a capo di questo annoso dilemma. Se tutto quello che vediamo fosse il prodotto di un software (o di un "cervello in una vasca") il detto "Penso dunque sono" potrebbe essere invertito: "Sono [...]

René Descartes

René Descartes

  René Descartes (1596 – 1650, quindi XVII secolo), noto anche col nome italianizzato di Cartesio  filosofo, scienziato e matematico francese, considerato il fondatore della filosofia moderna.       Filosofo, matematico e fisico, sostenitore del dubbio come metodo, come mezzo per arrivare alla  conoscenza ed alla verità. Suo il motto "Cogito ergo sum" ( Penso ,  quindi sono ). Il suo pensiero esercitò una incalcolabile influenza su generazioni di [...]

IL SOGGETTO TRA DESCARTES, HUSSERL E SCHULTZ

                                          http://frame-frames.blogspot.it PHENOMENOLOGY                        Nella quinta Meditazione cartesiana, Husserl declina l’ego in molte modalità: “ l’identico io, l’universale eidos, l’ego trascendentale at large, l’ego mondano, l’ ego trascendentale, l’io - psicologico” etc. “In questo modo”, sostiene Schutz, “modifica il concetto [...]

A TOPOLOGIC MODEL OF MIND: DESCARTES, HUSSERL, PETITOT, PENROSE - M-THEORY, STRINGS and QUALIA

                                                           GIACINTO PLESCIA                               http://frame-frames.blogspot.it PHENOMENOLOGY                                                        UN MODELLO TOPOLOGICO DI MENTE:                                 TRA CHIASMA, STRINGHE, [...]

A TOPOLOGIC MODEL OF MIND: DESCARTES, HUSSERL, PETITOT, PENROSE - M-THEORY, STRINGS and QUALIA

                                                           GIACINTO PLESCIA                               http://frame-frames.blogspot.it PHENOMENOLOGY                                                        UN MODELLO TOPOLOGICO DI MENTE:                                 TRA CHIASMA, STRINGHE, [...]

Frase di Cartesio

Il testo che vi segnalo oggi è di Cartesio. Lo trovate qui di seguito: È almeno certo, tanto quanto una dimostrazione in geometria, che Dio è o esistedi Cartesio Commenta questa e altre frasi di Cartesio

Frase di Cartesio

Di seguito trovate un componimento di Cartesio, selezionato dalle raccolte di PoesieRacconti Cogito, ergo sum [Penso dunque sono]di Cartesio Commenta questa e altre frasi di Cartesio

Cartesio: la filosofia come meditazione 14

Il quadro " Il filosofo in meditazione" di Rembrandt raffigura un uomo incanutito, nell'atto di riflettere a mani giunte. Accanto, sopra una scrivania, si scorgono libri aperti ed un numero imprecisato di fogli affastellati. Lo sguardo obliquo del filosofo appare non curarsi di quanto stia accadendo nella stanza, come se non lo riguardasse. Egli, forse, come si esprime il titolo del quadro, medita. Ma su cosa medita? Quale oggetto cattura così profondamente il suo [...]

Cartesio: la filosofia come meditazione Introduzione

Alla domanda: che cos'è la filosofia? si può, forse si è costretti a rispondere in molti modi. La domanda appare peraltro destinata a risorgere dopo ogni risposta,  si creda, quest'ultima, adeguata ed esaustiva, o, viceversa, inadeguata, puramente indicativa. Ogni riformularsi è inoltre suscettibile di declinazioni inaudite, recando su di sè, come un marchio, traccia della specificità del soggetto domandante, il timbro ineliminabile del suo pensiero e del [...]

Cartesio: la filosofia come meditazione 13

    Nella mistica medievale è presente una forma di meditazione, intesa quale attività di riflessione e ricerca orientata verso la conformazione della vita all'insegnamento della scrittura e verso la contemplazione. San Bonaventura conosce sei tappe, attraverso cui ci si eleva verso la divinità, cui corrispondono sei facoltà dell'anima: senso, facoltà immaginativa, ragione, intelletto, intelligenza e quella parte più elevata della mente detta scintilla [...]

Cartesio: la filosofia come meditazione Appunti 2

Nell'ambito della "Devotio moderna" comincia ad imporsi l'associazione tra meditazione e immagine e, corrispondentemente, la funzione dell'immaginazione, in grado di trasportarci nei tempi e nei luoghi del signore, aiutandoci a prendervi parte: "Sic nam possumus nos semper ei reddere praesentes faciemque eius et sanctorum statura et figura confingere; colloquium, consilium, quaestiones secum et cum sanctis constituere... immo quasi in una domo cum Christo et Maria [...]

Cartesio: la filosofia come meditazione 3

Presso i Greci è testimoniato fin da Esiodo il valore psicagogico del discorso ( P. Hadot: " Che cos'è la filosofia antica?" ed. Einaudi, pag. 22 ): " le genti tutte guardano a lui che la giustizia amministra con retti giudizi, mentre lui parla sicuro, subito una grande contesa placa sapientemente." E' un primo accenno a quel che saranno, in una fase più matura della cultura greca, gli esercizi spirituali. Gli esercizi spirituali sono "pratiche volontarie [...]

Cartesio: la filosofia come meditazione 9

"Il termine scelto da Cartesio quale titolo della propria opera: "Meditationes de prima philosophia" non ha precedenti nella letteratura filosofica anteriore. Quella della meditazione discorsiva era una pratica ben definita nel XVII secolo. Si trattava di un esercizio nel contempo logico e retorico, per far rivivere nell'anima i principi e le regole della vita cristiana. Descartes può aver preso dal modello di Ignazio di Loyola la rappresentazione di una cura [...]

Cartesio: la filosofia come meditazione 8

La parola "meditazione" in cartesio corrisponde ad una pratica diffusa nel secolo XVII. Si trattava di un esercizio insieme logico e retorico, volto a far rivivere nell'anima i principi e le regole della vita cristiana, al fine di conformare ad essi la condotta della propria vita. le "Meditazioni metafisiche" non sono destinate ad essere lette  tutte in una volta, ma sono concepite ognuna come sforzo per raggiungere un determinato gradino del progresso spirituale. [...]

&id=HPN_Nati+nel+1596_" alt="" style="display:none;"/> ?>