Niccol Machiavelli

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Francesca Cipriani
In rilievo

Francesca Cipriani

Niccolò Machiavelli

La scheda: Niccolò Machiavelli

Niccolò di Bernardo dei Machiavelli (Firenze, 3 maggio 1469 – Firenze, 21 giugno 1527) è stato uno storico, filosofo, scrittore, politico e drammaturgo italiano.
Considerato, come Leonardo da Vinci, un uomo universale, nonché figura controversa nella Firenze dei Medici, è noto come il fondatore della scienza politica moderna, i cui principi base emergono dalla sua opera più famosa, Il Principe, nella quale è esposto il concetto di ragion di stato e la concezione ciclica della storia. Questa definizione – secondo molti – descrive in maniera compiuta sia l'uomo sia il letterato più del termine machiavellico, entrato peraltro nel linguaggio corrente ad indicare un'intelligenza acuta e sottile, ma anche spregiudicata e, proprio per questa connotazione negativa del termine, negli ambiti letterari viene preferito il termine "machiavelliano".



Niccolò Machiavelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Niccolò di Bernardo dei Machiavelli (Firenze, 3 maggio 1469 - Firenze, 21 giugno 1527) è stato uno storico, filosofo, scrittore, politico e drammaturgo italiano. Machiavelli (stampa primi Ottocento) Come Leonardo da Vinci, Machiavelli è considerato un tipico esempio di uomorinascimentale. Questa definizione - secondo molti - descrive in maniera compiuta sia l'uomo sia il letterato più del [...]

"Principe" di Niccolò Machiavelli

Un clic sull'immagine per tornare alla copertina Capitolo VIII De his qui per scelera ad principatum pervenere. [Di quelli che per scelleratezze sono venuti al principato] Ma perché di privato si diventa principe ancora in dua modi, il che non si può al tutto o alla fortuna o alla virtù attribuire, non mi pare da lasciarli indrieto, ancora che dell'uno si possa più diffusamente ragionare dove si trattassi delle repubbliche. Questi sono quando, o per qualche via [...]

EVENTI: Niccolò Machiavelli

Nel 1527 i Medici furono cacciati da Firenze e venne instaurata nuovamente la repubblica.

Nel 1476 Niccolò cominciò a studiare latino con un certo Matteo, l'anno dopo si dedicava allo studio della grammatica con Battista da Poppi, all'aritmetica nel 1480 e l'anno seguente affrontava le prove scritte di componimento in latino.

Nel 1525 cercò di guadagnare il favore di papa Clemente VII offrendogli le Istorie fiorentine.

Il 16 luglio 1499 si presentò a Forlì alla contessa Caterina Sforza Riario, nipote di Ludovico il Moro e madre di Ottaviano Riario, che era stato al soldo dei fiorentini, per rinnovare l'alleanza e ottenere uomini e munizioni per la guerra pisana.

Nel 1516 o 1517 si diede a frequentare gli «Orti Oricellari», latineggiamento che indica i giardini del Palazzo di Cosimo Rucellai, dove si riunivano letterati, giuristi ed eruditi come Luigi Alamanni, Jacopo da Diacceto, Jacopo Nardi, Zanobi Buondelmonti, Antonfrancesco degli Albizi, Filippo de' Nerli e Battista della Palla.

Il 22 gennaio 1504 Machiavelli era a Milano per conferire con il luogotenente Charles II d'Amboise, che non credeva in un attacco spagnolo in Lombardia e rassicurò Niccolò sull'amicizia francese per Firenze.

Nel 1787 la città di Firenze fece costruire un monumento nella basilica stessa, esso raffigura la Diplomazia assisa su un sarcofago marmoreo.

Il 22 settembre 1511 Machiavelli era ancora in Francia, ottenendo dal re soltanto un breve rinvio del concilio: dalla Francia andò a Pisa e riuscì a ottenere il trasferimento del concilio a Milano.

Il 31 agosto 1512 Pier Soderini fuggì a Siena, i Medici rientrarono a Firenze: disfatto il vecchio governo, il 7 novembre anche Machiavelli venne rimosso dal suo incarico, il successivo 10 novembre fu confinato e multato della grande somma di mille fiorini e il 17 gli fu interdetto l'ingresso a Palazzo Vecchio.

Il 6 agosto 1500 raggiunsero la corte francese a Nevers, presentando al re e al ministro, cardinale di Rouen, le rimostranze per il cattivo comportamento dei loro soldati, sapendo che Firenze non aveva al momento denari sufficienti a finanziare l'impresa, invitarono Luigi a intervenire direttamente nella guerra, al termine della quale la Repubblica avrebbe ripagato la Francia di tutte le spese.

"Principe" di Niccolò Machiavelli

Un clic sull'immagine per tornare alla copertina Capitolo XX An arces et multa alia quae cotidie a principibus fiunt utilia an inutilia sint. [Se le fortezze e molte altre cose, che ogni giorno si fanno da' principi, sono utili o no] Alcuni principi, per tenere securamente lo stato, hanno disarmato e' loro sudditi; alcuni altri hanno tenuto divise le terre subiette; alcuni hanno nutrito inimicizie contro a sé medesimi; alcuni altri si sono volti a guadagnarsi [...]

Niccolò Machiavelli

Niccolò Machiavelli nacque a Firenze nel 1469 da famiglia nobile ma decaduta economicamente. Dopo una buona educazione umanistica, a ventinove anni divenne segretario della cancelleria che si occupava dei rapporti con gli altri Stati. Da quel momento e per quindici anni occupò un osservatorio importante che gli permise di capire come andavano le vicende politiche. Della grande crisi italiana, Machiavelli colse soprattutto l'aspetto militare, suggerendo che le [...]

Ranier Polese,Niccolò Machiavelli, il principe dei videogames

Ranier Polese,Niccolò Machiavelli, il principe dei videogames

LUNEDÌ 7 GENNAIO 2013Niccolò Machiavelli, il principe dei videogamesPochi forse sanno che nell'ultimo periodo della sua vita Guy Debord si dedicò ad un attento e minuzioso studio dell'opera di Machiavelli. Anche in questo il padre del situazionismo precorreva i tempi dell'attuale società dello spettacolo.Ranier PoleseL'investigatore MachiavelliNiccolò Machiavelli (Firenze, 1469 — 1527) visse da protagonista tutte le battaglie del suo tempo. Da segretario del [...]

IL PRINCIPE" O MEGLIO "DE PRINCIPATIBUS" (1513). UN OMAGGIO A NICCOLO’ MACHIAVELLI.

IL PRINCIPE" O MEGLIO "DE PRINCIPATIBUS" (1513). UN OMAGGIO A NICCOLO’ MACHIAVELLI.

ITALIA: STORIA E POLITICA (1513-2013). MACHIAVELLI CONTRO OGNI TIRANNIA E CONTRO OGNI POPULISMO: C’E’ CAPO E "CAPO" E STATO E "STATO"!!! LA QUESTIONE DELLO STATO: "IL PRINCIPE" O MEGLIO "DE PRINCIPATIBUS" (1513). UN OMAGGIO A NICCOLO’ MACHIAVELLI. Una nota di Sergio Romano - con un saggio (pdf) di Federico La Sala Lascio al lettore decidere se fra l’epoca di Machiavelli e la nostra corra qualche analogia. Mi limito a osservare che questo Stato [...]

Niccolò Machiavelli - Il sorriso di Niccolò

Niccolò Machiavelli - Il sorriso di Niccolò

Lucio Villari Niccolò Machiavelli Ed.: Piemme, 2003 Prezzo di copertina: € 7,90   Maurizio Viroli Il sorriso di Niccolò . Storia di Machiavelli Ed.: Laterza, 1998 Prezzo di copertina: € 15,49   Come abbia potuto questo sfrenato idealista gabellarsi per cinico non si sa. Il suo ideale -anche se non teorizzato apertamente - è lo stato nazionale su base democratica. E siamo nel cinquecento, Vedete un po' se si tratta di una aspirazione "machiavellica". Ma non [...]

Il Principe - Niccolò Machiavelli

Il Principe - Niccolò Machiavelli

Nessun libro italiano è stato ed è tanto diffuso e conosciuto nel mondo quanto Il Principe. Nel momento forse più buio della storia d'Italia, mentre potenze straniere si contendevano i ricchi ma deboli Stati regionali, Machiavelli, allontanato dalla politica attiva, trasfuse il sapere acquisito in quindici anni di amministrazione dello Stato in un'opera amara e disincantata nella quale, tracciando il profilo del principe ideale, analizzò le ragioni dell'agire [...]

L'ERRORE FATALE DI RENZI Monti ha fatto un po' di austerità quando non c'era altro da fare. L'ex segretario Pd ha perso un referendum, e siamo finiti in un incubo.

L'ERRORE FATALE DI RENZI Monti ha fatto un po' di austerità quando non c'era altro da fare. L'ex segretario Pd ha perso un referendum, e siamo finiti in un incubo.

Matteo Renzi è entrato in polemica con Mario Monti. E ha sbagliato quasi tutto. E anche ingenerosamente e un po’ furbescamente. Cita infatti i dati del governo Monti (Pil e occupazione) e ha facile gioco nel sostenere che i suoi sono molto migliori. Vorrei anche vedere. Ma dimentica che Monti è stato chiamato a fare un governo che nessuno voleva fare (non era nemmeno parlamentare) per almeno due buone ragioni: il paese era a un passo dal default e lo spread [...]

IL RENZI VERO E' quello delle riforme istituzionali, quello delle origini.

IL RENZI VERO E' quello delle riforme istituzionali, quello delle origini.

Certi renziani super-doc sono tremendi. E letali. Non puoi fare un ragionamento sul loro idolo che subito danno di matto, si sprofondano in dietrologie, gli scappa l’insulto, si dicono stupiti. Allora bisogna cercare di essere chiari. Renzi, l’ottimo Renzi, è un signore che ha perso tutto quello che poteva perdere chi sta in politica: ha perso il referendum, ha perso la presidenza del Consiglio, ha perso il partito. In queste condizioni qualunque intervento [...]

L’asse Calenda-Zingaretti sta rovinando i piani a Renzi

L’asse Calenda-Zingaretti sta rovinando i piani a Renzi

Il senatore di Rignano non si fida delle rassicurazioni del segretario Pd. Ma soprattutto delle mosse dell'ex ministro partito alla conquista di quella che doveva essere la sua base. Una strategia che limita i suoi spazi di manovra.     Sempre più lontano da Roma, Matteo Renzi passa le sue giornate a Firenze riempiendo la sua agenda, tra una sessione di jogging e l’altra, di conferenze (ben remunerate) e di contatti internazionali. Ma, soprattutto, [...]

RENZI CORAGGIO! Separarsi, senza rancori, è la mossa migliore che RENZI potrebbe fare

RENZI CORAGGIO! Separarsi, senza rancori, è la mossa migliore che RENZI potrebbe fare

Ecco perché il Pd si deve sciogliere domani (e il futuro del centrosinistra è un nuovo Ulivo).Lo scandalo Csm-Lotti ha reso evidente quel che si sapeva da un po’: dal referendum perso da Renzi il Pd è un partito in guerra. L’unica soluzione? Sciogliersi. E ripresentarsi con due partiti, uno di sinistra e uno di centro, sul modello dell’Ulivo. È bastato un sassolino sulla strada, il coinvolgimento di Luca Lotti nel caso Palamara, a far deragliare di [...]

Pasolini analizza Fenoglio

Pasolini analizza Fenoglio

Sezioni comuniste Gramsci-Berlinguer per la ricostruzione del P.C.I. Guardare il mondo a 360 gradi questo deve far un comunista Quando Pierpaolo Pasolini, leggendo i testi di Beppe Fenoglio, ne criticava le incongruenze https://www.rivistastudio.com/pier-paolo-pasolini/ Beppe Fenoglio, dopo lo sbandamento seguito dell’Armistizio dell’8 settembre 1943 si unì nel 1944 alle formazioni partigiane. Inizialmente si aggregò alle socialcomuniste Brigate [...]

Non volete i RENZI bene ma al centrosinistra serve una Renziana Zingarettata. PER IL BENE DEL L'ITALIA.

Non volete i RENZI bene ma al centrosinistra serve una Renziana Zingarettata. PER IL BENE DEL L'ITALIA.

Ha ragione Cerasa, al centrosinistra serve una Renziana Zingaretta.Una leader donna sarebbe l'antidoto vero a Matteo Salvini e al suo maschilismo da fine impero. Non deve però essere una Ladylike scelta dai soliti maschi, come abbiamo visto finora, ma emergere dai movimenti e dalla società civile. Claudio Cerasa, direttore del Foglio, è convinto che per il centrosinistra ci sia bisogno di una “Zingaretta”, cioè di un leader donna, come è accaduto [...]

FOTO: Niccolò Machiavelli

Niccolò Machiavelli (stampa primi Ottocento)

Niccolò Machiavelli (stampa primi Ottocento)

Statua di Machiavelli, Galleria degli Uffizi a Firenze.

Statua di Machiavelli, Galleria degli Uffizi a Firenze.

Caterina Sforza Riario, ritratta da Lorenzo di Credi.

Caterina Sforza Riario, ritratta da Lorenzo di Credi.

Il cardinale di Rouen Georges d'Amboise

Il cardinale di Rouen Georges d'Amboise

Presunto ritratto di Cesare Borgia, di Altobello Melone.

Presunto ritratto di Cesare Borgia, di Altobello Melone.

Vitellozzo Vitelli, ritratto da Luca Signorelli.

Vitellozzo Vitelli, ritratto da Luca Signorelli.

Ingresso a Genova di Luigi XII, 1508.

Ingresso a Genova di Luigi XII, 1508.

RENZI:"Le bugie di Salvini ormai sono un genere letterario, sarà sconfitto dalla realtà"

RENZI:"Le bugie di Salvini ormai sono un genere letterario, sarà sconfitto dalla realtà"

Renzi: "La Lega avrà vinto ma l'Italia in Europa non tocca più palla" L'ex leader del Pd Matteo Renzi attacca duramente il governo su Facebook dove scrive: ""Dicevano: se vince la Lega l'Italia sarà più forte in Europa. È accaduto il contrario: la Lega ha vinto, ma l'Italia non tocca più palla, né sulle nomine, né sui dossier. Mentivano, come sempre, più di sempre". "La flat tax, le accise, i rimpatri, lo spread mangiato a colazione, il processatemi pure, [...]

Renzi. I Salvini passano, l’Italia resta

Renzi. I Salvini passano, l’Italia resta

   Matteo Renzi dice no a un partito suo – «non mi metto a rifare la Margherita» – ma dà lezioni di leadership a Nicola Zingaretti. L’ex segretario Pd, intervistato da Stefano Cappellini sul palco della Repubblica delle Idee davanti a un Salone del Podestà pieno e tifoso, oscilla tra fair play e stoccate. Da quella sferzante sulla sinistra – «A forza di dire che il Pd faceva schifo hanno regalato il Paese alla peggiore delle destre» – alla [...]

Matteo Renzi è sempre più solo (e sempre più arrabbiato).Isolato nel Pd e in rotta con Calenda

Matteo Renzi è sempre più solo (e sempre più arrabbiato).Isolato nel Pd e in rotta con Calenda

Lo spazio politico per un nuovo partito alla Macron e contrapposto al Pd per Renzi c’è sempre stato. Contava sulla crisi dei dem, che però non c’è stata. E il rapporto con Calenda è tornato ai minimi storici. Risultato: i dolori del RENZI  continueranno ancora per molto? Asserragliato, nervoso, senza un progetto per uscire dall'empasse politica in cui si è cacciato. Per Matteo Renzi è il momento più difficile da quando, giovanissimo, ha cominciato [...]

Renzi: «Ho lavorato per superare la Margherita e fare il Pd. Questa è casa mia»

Renzi: «Ho lavorato per superare la Margherita e fare il Pd. Questa è casa mia»

Renzi: «Ho lavorato per superare la Margherita e fare il Pd. Questa è casa mia» L'ex Segretario del Partito Democratico: «I veri leader del partito che sono quegli amministratori dei piccoli comuni dove magari il Pd prende ancora il 40%» Matteo Renzi esclude ancora una volta di voler fondare un suo soggetto politico, ed ospite di Repubblica delle Idee argomento il perchè: «Lo spazio politico c'è stato in almeno un paio di circostanze. La prima dopo le [...]

Renzi sfotte Landini e la Cgil.Sciopero generale.Ben svegliati.

Renzi sfotte Landini e la Cgil.Sciopero generale.Ben svegliati.

Matteo Renzi torna a far parlare di sè. E lo fa nel modo che gli è più consueto, sfottendo il sindacato e Maurizio Landini. Da sempre, l’ex premier, fautore della dottrina della disintermediazione e protagonista della  legge di riforma del mercato del lavoro della storia della Repubblica, il Jobs Act, ha usato il metodo del dileggio nel confronto con le organizzazioni sindacali. Famose le battute sul gettone nell’Iphone o le foto in bianco per dire che il [...]

Renzi carico diretto senza peli sulla lingua Alla Repubblica delle Idee l'ex premier rivela il suo vero stato d'animo e scarica veleno su tutti: Letta, Zingaretti, Mogherini e Landini, oltre a Salvini, Di Maio e Conte. Salva solo Lotti

Renzi carico diretto senza peli sulla lingua Alla Repubblica delle Idee l'ex premier rivela il suo vero stato d'animo e scarica veleno su tutti: Letta, Zingaretti, Mogherini e Landini, oltre a Salvini, Di Maio e Conte. Salva solo Lotti

Salvini e Di Maio? “Cialtroni e incapaci”. Conte? “Un cerimoniere, il premier più inesistente della storia, imbarazzante”. Il Governo? “Sembra Beautiful, e sono più brutti di Ridge”. Enrico Letta? “Molto forte nelle redazioni, non nelle cancellerie”. I sindacati? “Ben svegliati”. La politica come insulto e offesa degli avversari trova ancora una volta in Matteo Renzi uno dei suoi più validi interpreti. Dal palco di Repubblica delle Idee a [...]

Renzi: Salvini e Di Maio portano il paese alla rovina

Renzi: Salvini e Di Maio portano il paese alla rovina

Governo, Renzi: Salvini e Di Maio portano il paese alla rovina. “Matteo Salvini e Luigi Di Maio stanno portando il Paese alla rovina. Sono degli incapaci, sono dei cialtroni”. Lo ha dichiarato Matteo Renzi a La Repubblica delle Idee a Bologna. “Conte? Inesistente, potrebbe fare il vice ministro del protocollo”. Lo ha dichiarato Matteo Renzi a La Repubblica delle Idee a Bologna.FATTI SONO FATTI NON CHIACCHIERE COME NON DARLE PIENAMENTE RAGIONE.

Renzi al veleno per Letta

Renzi al veleno per Letta

Renzi al veleno per Letta: "È molto forte nelle redazioni, poco nelle cancellerie"RENZI a Repubblica delle Idee ricorda la fine del Governo. "Enrico andò a casa per i risultati devastanti" Matteo Renzi ha ancora del veleno per Enrico Letta. Ricorda le vicende che portarono alla caduta del Governo, il celebre “stai sereno” e quello che è accaduto successivamente. Anche perché il nome di Enrico Letta torna come candidabile alla presidenza del Consiglio [...]

Matteo Renzi al Pd: "M5S non è sinistra, alleanza fatela senza di me"

Matteo Renzi al Pd: "M5S non è sinistra, alleanza fatela senza di me"

Matteo Renzi al Pd: "M5S non è sinistra, alleanza fatela senza di me"A Repubblica delle Idee attacca Salvini e Di Maio "cialtroni e incapaci", Conte "inesistente e imbarazzante, un aspirante cerimoniere". Salvini e Di Maio? “Cialtroni e incapaci”. Conte? “Inesistente e imbarazzante”. Matteo Renzi attacca il Governo del cambiamento, quello che “ha bloccato il Paese e sta portando l’Italia a una stagnazione molto pericolosa”, dice l’ex premier [...]

Caro Marescotti, preferire Di Maio a Renzi le sembra sia stato un buon affare?  Non volevate l'uomo solo al comando. Adesso ne avete due

Caro Marescotti, preferire Di Maio a Renzi le sembra sia stato un buon affare? Non volevate l'uomo solo al comando. Adesso ne avete due

Marescotti: "Noi delusi dai 5S torneremo a ciò che siamo. Io voglio fermare i fascisti"L'attore, 73 anni, in passato ha sostenuto i Cinque Stelle ma alle Europee ha votato un appello per La Sinistra.  "C'è poco da fare adesso, bisogna andare a votare", dice Ivano Marescotti. L'attore - una storia di sinistra alle spalle, si candidò anche con la lista Tsipras ma l'anno scorsò votò 5 Stelle salvo poi pentirsene - è convinto che la priorità ora sia fermare [...]

Renzi agli elettori: “Peggio di Salvini e Di Maio c'è solo Conte”

Renzi agli elettori: “Peggio di Salvini e Di Maio c'è solo Conte”

Renzi a ruota libera contro l'attuale Presidente del Consiglio. E racconta agli iscritti del PD la sua esperienza al Gruppo Bilderberg. “Il teatrino tra Salvini e Di Maio continua, sulla pelle degli italiani, mentre le previsioni economiche peggiorano”. Dure le parole dell’ex premier Matteo Renzi nella newsletter diretta agli iscritti del PD. Il senatore fiorentino, riporta ANSA, non ha risparmiato critiche all’attuale Presidente del [...]

La quota novecento dei comitati di azione di Matteo Renzi

La quota novecento dei comitati di azione di Matteo Renzi

In attesa delle mosse di Calenda, le associazioni dell’ex segretario del Pd aumentano e organizzano eventi. In attesa che Carlo Calendafaccia le sue mosse, per ora soprattutto annunciate in qualche tweet, l’area moderata del centrosinistra è in fermento. D’altronde il condominio libdem è piuttosto affollato. C’è Calenda ma non solo lui. I comitati civici di Matteo Renzi sono diventati quasi novecento. Per aprirne uno servono almeno 5 persone e la [...]

Renzi e Calenda prendono un’altra strada. E’proprio giocoforza…intraprendere “UN’ALTRA STRADA” quando il logorio vince e si vive da separati in casa o forse anche peggio…nemici in casa.

Renzi e Calenda prendono un’altra strada. E’proprio giocoforza…intraprendere “UN’ALTRA STRADA” quando il logorio vince e si vive da separati in casa o forse anche peggio…nemici in casa.

Ne gioverà il sistema politico italiano che recupera una forza liberal-socialista oggi inesistente e un partito di sinistra di governo oggi equivocato. “Un’altra strada”, libro scritto, diffuso e propagandato da Renzi in tutta Italia, disegna perfettamente il suo obiettivo rispetto al Partito Democratico. Oggi come oggi, non è facile la sua convivenza all’interno di un partito che gli ha fatto la guerra più e meglio di quanto non abbiano fatto Salvini [...]

DALLA SEGRETERIA DEL PD «Oggi c'è più spirito unitario, Matteo Renzi aiuti il PD»

DALLA SEGRETERIA DEL PD «Oggi c'è più spirito unitario, Matteo Renzi aiuti il PD»

DALLA SEGRETERIA DEL PD   «Prevale preoccupazione per ciò che sta diventando il Paese. Torniamo a parlare di operai e di fabbriche» «Oggi c'è più spirito unitario e spero che Renzi non venga vissuto come un problema ma come persona che può dare una mano, molto dipende da lui». Torniamo a parlare di operai e di fabbriche.Per la segreteria «sicuramente sta prevalendo la preoccupazione per quello che sta diventando questo Paese e soprattutto l'unica cosa [...]

&id=HPN_Niccol++Machiavelli_http{{{}}}dbpedia*org{}resource{}Niccolò{{}}Machiavelli" alt="" style="display:none;"/> ?>