Nicola Cosentino

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Guendalina Tavassi
In rilievo

Guendalina Tavassi

La scheda: Nicola Cosentino

Il Popolo della Libertà (2008)
PdL-LN-MpA (2008-2010)
PdL-LN-FLI-MpA (2010)
PdL-LN-PT (2011)
VICEPRESIDENTE X COMMISSIONE (ATTIVITA' PRODUTTIVE, COMMERCIO E TURISMO) dal 21/06/2001-27/04/2006
XIV COMMISSIONE (POLITICHE DELL'UNIONE EUROPEA) dal 6/06/2006 al 28/04/2008
V COMMISSIONE (BILANCIO, TESORO E PROGRAMMAZIONE) dal 21/05/2008 al 22/07/2010
XI COMMISSIONE (LAVORO PUBBLICO E PRIVATO) dal 10/09/2010
XII COMMISSIONE (AFFARI SOCIALI) dal 22/07/2010 al 10/09/2010
Nicola Cosentino (Casal di Principe, 2 gennaio 1959) è un imprenditore italiano.
È stato eletto deputato con Forza Italia e con Il Popolo della Libertà per quattro legislature consecutive, dal 1996 al 2013.


Nicola Cosentino:
Sottosegretario di Stato del Ministero dell'Economia e delle Finanze:
Durata mandato: 12 maggio 2008 – 14 luglio 2010
Presidente: Silvio Berlusconi
Predecessore: Antonangelo Casula
Successore: Antonio Gentile
Deputato della Repubblica Italiana:
Legislature: XIII, XIV, XV, XVI
Gruppo parlamentare: Forza Italia (2001-2008) Il Popolo della Libertà (2008)
Coalizione: Casa delle Libertà (2001-2008) PdL-LN-MpA (2008-2010) PdL-LN-FLI-MpA (2010) PdL-LN-PT (2011)
Circoscrizione: XX (Campania)
Incarichi parlamentari:
Sottosegretario di Stato del Ministero dell'Economia e delle Finanze del Governo Berlusconi IV, in carica dal 12 maggio 2008 al 14 luglio 2010 VICEPRESIDENTE X COMMISSIONE (ATTIVITA' PRODUTTIVE, COMMERCIO E TURISMO) dal 21/06/2001-27/04/2006 XIV COMMISSIONE (POLITICHE DELL'UNIONE EUROPEA) dal 6/06/2006 al 28/04/2008 V COMMISSIONE (BILANCIO, TESORO E PROGRAMMAZIONE) dal 21/05/2008 al 22/07/2010 XI COMMISSIONE (LAVORO PUBBLICO E PRIVATO) dal 10/09/2010 XII COMMISSIONE (AFFARI SOCIALI) dal 22/07/2010 al 10/09/2010
Dati generali:
Partito politico: PSDI (fino al 1994) Forza Italia (1994-2009) PdL (2009-2013) Forza Italia (dal 2013)
Titolo di studio: laurea in giurisprudenza

deleted

deleted

deleted

deleted

EVENTI: Nicola Cosentino

Il 28 gennaio 2010 la Corte di Cassazione confermò le misure cautelari a carico di Cosentino.

Il 14 aprile 2010 la Giunta per le Autorizzazioni della Camera dei Deputati approva la relazione Lo Presti (Popolo della Libertà), che nega l'autorizzazione all'uso delle intercettazioni telefoniche di Cosentino.

Il 22 settembre 2010 la Camera dei deputati approva a scrutinio segreto (con 308 sì e 285 no) la relazione Lo Presti, negando quindi l'uso delle intercettazioni richieste dai pm di Napoli.

Il 25 dicembre 2010 la Procura chiede il rinvio a giudizio di Cosentino.

Il 28 gennaio 2009 la Camera dei Deputati respinge (con 138 sì, 236 no e 33 astenuti) una mozione che impegna il governo ad invitare Cosentino a rassegnare le dimissioni presentata da Partito Democratico, Italia dei Valori e Unione di Centro.

Il 25 novembre 2009 la Giunta per le Autorizzazioni della Camera dei Deputati approva (con 11 sì, 6 no e 1 astenuto) la relazione Lo Presti (Popolo della Libertà), che nega l'arresto.

Il 10 dicembre 2009 la Camera dei Deputati approva a voto segreto (con 360 sì e 226 no) la relazione Lo Presti, negando quindi l'arresto.

Il 21 gennaio 2013 si apprende che non è stato ricandidato al Parlamento per il Popolo delle Libertà nelle Elezioni politiche italiane del 2013.

Il 15 marzo 2013 si è costituito presso il carcere napoletano di Secondigliano, dichiarando di non voler partecipare alle successive udienze del processo.

Il 26 luglio 2013 Cosentino lascia il carcere di Secondigliano, il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere gli concede gli arresti domiciliari.

L'8 novembre 2013 Cosentino viene scarcerato su delibera del tribunale di Santa Maria Capua Vetere, presieduto da Orazio Rossi.

Il 7 novembre 2013 la Giunta per le Autorizzazioni della Camera dei Deputati respinge (con 3 sì e 12 no) la relazione Costa (Popolo della Libertà), che nega l'utilizzo delle intercettazioni telefoniche di Cosentino riguardanti il caso della P3.

Il 27 novembre 2013 la Camera dei Deputati approva (con 372 sì, 48 no e 2 astenuti) la relazione Ammodio, concedendo l'autorizzazione all'uso delle intercettazioni.

Il 10 gennaio 2012 la Giunta per le autorizzazioni a procedere della Camera dei deputati boccia la relazione Paniz (PdL) per negare la richiesta di custodia cautelare per Cosentino con 11 voti contrari e 10 favorevoli.

Il 15 luglio 2015 la Giunta per le Autorizzazioni della Camera dei Deputati approva (con 12 sì, 2 no e 1 astenuto) la relazione Bragantini (Gruppo Misto), che autorizza l'uso delle intercettazioni telefoniche di Cosentino nell'inchiesta in questione.

Il 27 ottobre 2015 la Camera dei Deputati approva a voto segreto (con 342 sì e 46 no) la relazione Bragantini, concedendo l'autorizzazione all'uso delle intercettazioni.

Il 29 aprile 2015 il GIP del Tribunale di Napoli emette una nuova ordinanza di arresto per Cosentino, trasferito da poco nel carcere di Terni dopo il ritrovamento di un'i-pod nella sua cella, e per il cognato Giuseppe Esposito che, tramite un agente del penitenziario anch'esso arrestato, gli avrebbe fatto recapitare cibo, abiti e altro materiale e avrebbe fatto da tramite per la comunicazione esterna e per la gestione delle vicende politiche della fazione cosentiniana.

Il 31 gennaio 2014 l'ex-parlamentare, assieme ai fratelli Giovanni e Antonio, viene indagato dalla Procura di Napoli per illecita concorrenza ed estorsione aggravata per aver agevolato il clan camorristico dei Casalesi.

Il 23 aprile 1995 è eletto consigliere regionale della Campania nella lista di Forza Italia, riportando 12.

Il 21 aprile 2017 il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere condanna Cosentino a 5 anni di reclusione per tentato reimpiego di capitali illeciti con l'aggravante mafiosa.

Il 15 marzo 2017 il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere lo condanna a 7 anni e 6 mesi di carcere al termine del processo di primo grado ("Carburanti") in cui era imputato per estorsione e illecita concorrenza, riqualificando i reati in tentata estorsione e concussione, con l'aggravante mafiosa.

Il 13 ottobre 2016 la Procura chiede la condanna di Cosentino a 16 anni di reclusione.

Il 16 novembre 2016 il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere condanna Nicola Cosentino a 9 anni di reclusione per concorso esterno in associazione camorristica in quanto ritenuto il referente del Clan dei Casalesi.

L'11 novembre 2016 la Procura chiede la condanna di Cosentino a 1 anno e 6 mesi di reclusione.

Il 22 giugno 2016 il Tribunale di Napoli condanna Cosentino a 4 anni di reclusione per l'accusa di corruzione.

Il 24 settembre 1997 è designato coordinatore di Forza Italia per la provincia di Caserta.

Il 4 giugno 2019 La Corte di Cassazione ha confermato la sentenza della Corte di Appello di Napoli, confermando la piena assoluzione per Nicola Cosentino, i fratelli Giovanni e Antonio, e gli altri imputati del processo cosiddetto "Carburanti", relativo a fatti concernenti l'azienda di famiglia dei Cosentino, l'Aversana Petroli.

Il 17 marzo 2018 il Tribunale di Roma condanna Cosentino a 10 mesi di reclusione per le accuse di diffamazione e violenza privata, il Tribunale condanna inoltre Cosentino (insieme all'ex assessore regionale Ernesto Sica) al pagamento di un risarcimento simbolico di un euro in favore dell'ex Presidente della Campania Stefano Caldoro, così come chiesto da Caldoro stesso.

Il 14 settembre 2018 la Corte d'Appello di Napoli assolve Cosentino ed i fratelli Giovanni e Antonio dalle accuse a loro rivolte.

Il 5 dicembre 2018 la moglie di Nicola Cosentino viene assolta dal reato di corruzione.

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

Nicola Cosentino prosciolto da ogni addebito!!!

Lo ricorderete, Nicola Cosentino, arrestato dai magistrati campani, ritenuto referente della Camorra. I suoi colleghi parlamentari lo avevano consegnato agli avidi PM, dopo aver studiato le carte inviate dalla Magistratura, perchè avevano ravvisato "certi" i motivi delle accuse!...Non gli hanno concesso nulla, nessuna garanzia di innocenza fino a prova contraria, colpevole certo perchè del PDL e grande amico di Berlusconi. Oggi, da due ore, è uomo libero, [...]

Nicola Cosentino prosciolto da ogni addebito!

Lo ricorderete, Nicola Cosentino, arrestato dai magistrati campani, ritenuto referente della Camorra. I suoi colleghi parlamentari lo avevano consegnato agli avidi PM, dopo aver studiato le carte inviate dalla Magistratura, perchè avevano ravvisato "certi" i motivi delle accuse!...Non gli hanno concesso nulla, nessuna garanzia di innocenza fino a prova contraria, colpevole certo perchè del PDL e grande amico di Berlusconi. Oggi, da due ore, è uomo libero, [...]

COSENTINO VERSO IL CARCERE: SECONDO I BUONTEMPONI, ANTROPOLI PIANGE COME UN VITELLO – IL PERCHÈ NEL VIDEO ALLA FINE DELL’ARTICOLO

CAPUA – Mentre il molto onorevole Nicola Cosentino si avvia per camorra verso il carcere (ed era ora), gli inguaribili buontemponi che a Capua passano il tempo facendo battute che ritengono spiritose o addirittura comiche sulla classe politica locale, in questi giorni si stanno divertendo un mondo ai danni del sindaco, dicendo di aver visto “Carmine Antropoli che sta piangendo come un vitello”. Naturalmente si sono inventati tutto, i ridanciani buontemponi [...]

CENTRALE DI SPARANISE: CRESCE L'ATTESA PER LA GRANDE RETATA – E TRA POCHI GIORNI NICOLA COSENTINO SARÀ SENZA L'OMBRELLO PARLAMENTARE

SPARANISE – Nell'Agro caleno, ma anche altrove (si guardi il video firmato da Marco Travaglio, in coda a questo articolo), cresce l’attesa per la grande retata di politici di centrodestra e di centrosinistra, camorristi, professionisti, colletti bianchi, affaristi e pubblici funzionari per lo scandalo della centrale termoelettrica di Sparanise, l'eco-mostro voluto soprattutto dal molto onorevole Nicola Cosentino (Pdl, ex Forza Italia), in combutta con il [...]

Le liste sparite dopo l'esclusione di Cosentino. Verdini e Nitto Palma inseguono il fuggiasco

Le liste sparite dopo l'esclusione di Cosentino. Verdini e Nitto Palma inseguono il fuggiasco

Missione per riavere le liste. E in due alberghi una nuova raccolta di firme. L'ex sottosegretario raggiunto a Caserta: «Fai il bravo...».// online marketingNAPOLI - «Nicola, sono Nitto Palma... porca miseria, sei impazzito?».«Mi avete fottuto, mi avete...».«Nicola, ascoltami bene: io e Denis stiamo venendo a Caserta...».«È tutta colpa di Berlusconi! Ma io adesso... mannaggia a me... faccio un macello...».«No, tu adesso fai il bravo, e ti calmi: tra [...]

deleted

deleted

Cosentino torna in pista, nuovo vertice Pdl. E Minzolini si candida in Liguria

LISTE - Nelle Marche nessun candidato locale, il coordinatore regionale lascia. Rispunta Scilipoti in Calabria, Capezzone corre in Piemonte.// online marketingSi continua a trattare in casa Pdl sulle liste elettorali. Dopo la fumata nera dal vertice notturno a Palazzo Grazioli, non è ancora sciolto il nodo Campania. Prosegue il braccio di ferro tra Silvio Berlusconi, affiancato dal segretario Angelino Alfano, e l'ex sottosegretario Nicola Cosentino. Un nuovo [...]

LE MENZOGNE DELLA COMMISSIONE PARLAMENTARE ANTIMAFIA SU PIGNATARO MAGGIORE E SPARANISE – I CASI DELLA CENTRALE DI COSENTINO, DELLA PIATTAFORMA DEI RIFIUTI E DEI BENI CONFISCATI

PIGNATARO MAGGIORE - Per capire quale sia il livello della dittatura camorristica e mafiosa nell’Agro Caleno, in particolare tra Pignataro Maggiore e Sparanise, un documento agghiacciante è rappresentato dalle notizie false pubblicate dalla Commissione parlamentare antimafia sugli eco-mostri e sulla utilizzazione dei beni confiscati alle cosche. Una volta di più vogliamo lanciare un appello ai valorosi magistrati della Direzione distrettuale antimafia di Napoli [...]

I RISULTATI DEL PATTO POLITICA-CAMORRA: LA CENTRALE DI COSENTINO PROMETTEVA TANTI POSTI DI LAVORO, MA A SPARANISE CI SI E' RIDOTTI AI PACCHI DI ALIMENTARI PER I POVERI

SPARANISE – Quando era in corso la mobilitazione popolare dei cittadini di Sparanise e dell'Agro caleno contro la centrale termoelettrica, tutti ricordano che i politici corrotti dell’epoca, i giornalisti venduti e gli scagnozzi della camorra misero in giro la voce che con il disastroso insediamento si sarebbero risolti tutti i problemi occupazionali, con la creazione di settecento posti di lavoro; si sarebbe realizzato il paradiso in terra dell'abbondanza e [...]

DA WWW.PIGNATARONUOVA.IT - ARCHIVIATA LA QUERELA DI NICOLA PAPA CONTRO IL GIORNALISTA ENZO PALMESANO: IL BOSS CONDANNATO AL PAGAMENTO DELLE SPESE PROCESSUALI

La settima sezione penale della Corte di Cassazione, a seguito di Camera di Consiglio, ha definitivamente archiviato la querela per diffamazione a mezzo stampa a suo tempo presentata dal boss Nicola Papa – reggente dell'omonima cosca di Sparanise (CE), guidata da Giuseppe Papa, attualmente detenuto, organica al “clan dei casalesi” - nei confronti del giornalista Enzo Palmesano per articoli pubblicati sul quotidiano locale “Giornale di Caserta” in [...]

Carfagna e Cosentino

Se sei interessato  a ricevere la selezione "giornaliera"di articoli invia la tua richiesta a "reterache@alice.it"   Mara addio... Silvio e l’irresistibile fascino di Nick   È dall’agosto 2008 che Berlusconi fa i conti con l’inamovibilità di Nicola Cosentino dalla carica di coordinatore campano del Pdl.   Da quando, dopo la nomina di Nick a sottosegretario, si pose il problema del doppio incarico di partito e di governo. Solo per lui, però, come per [...]

Guerra Fli-Pdl sul logo. Casini: voteremo la sfiducia Carfagna incassa la solidarietà di La Russa e Frattini

Guerra Fli-Pdl sul logo. Casini: voteremo la sfiducia Carfagna incassa la solidarietà di La Russa e Frattini

Siamo un partito d'opposizione. Voteremo la sfiducia. Ma è importante ciò che succederà il 15 dicembre». Ha detto al Tg7, diretto da Enrico Mentana, il leader dell'Udc, Pier Ferdinando Casini. «L'Udc in Campania conta e governa con il centrodestra. C'è una battaglia di potere e a molti interessa fare affari alle spalle dei cittadini. Mara Carfagna ha la mia solidarietà, perché fa una battaglia giusta, di pulizia. Io sono per dare a Caldoro, che è una [...]

Il Sindaco dorme e se ne frega del suo territorio mentre chi si batte è il Presidente della Provincia Zinzi!!!

Il Sindaco dorme e se ne frega del suo territorio mentre chi si batte è il Presidente della Provincia Zinzi!!!

  A Terzigno si battono e a San Tammaro si dorme!!! Rivolta a Terzigno, a San Tammaro i rifiuti di Napoli: Zinzi dice no. Quanto resisterà?  Già sabato, al Crowne Plaza, il presidente della Provincia aveva lanciato l'allarme, rassicurato da Paolo Romano e dalle battute di Nicola Cosentino CASERTA - "Ho ricevuto poco fa una decina di telefonate che mi allarmano": aveva detto così, Mimì Zinzi, al Crowne Plaza, intervenendo al convegno di 'Sei Caserta' promosso [...]

ESCLUSIVA - LE INTERCETTAZIONI DI COSENTINO E VALENTE

ESCLUSIVA - LE INTERCETTAZIONI DI COSENTINO E VALENTE

Pignataro Maggiore - Stanno per sciogliere alcuni Comuni per Camorra: "Non ti preoccupare, ora faccio intervenire Mario Landolfi". E' successo solo per Mondragone? Leggete cosa dichiaravano Mazzuoccolo e Magliocca: "Sì la nostra lista l'ha fatta Giuseppe Valente dell'Eco4".I magistrati napoletani avevano chiesto di usare queste intercettazioni per sostenere l'accusa contro Nicola Cosentino (coordinatore regionale del Pdl di Berlusconi ed ex sottosegretario alle [...]

MICHELE BRAMBILLA, Dopo la giornata di ieri

MICHELE BRAMBILLA, Dopo la giornata di ieri

Dopo la giornata di ieri, il governo è salvo, l'Italia no - Michele Brambilla ("La Stampa") ..... A prima vista la notizia del «no» all'utilizzo delle intercettazioni telefoniche che riguardano l'ex sottosegretario Cosentino sembra una buona notizia. Se fosse passato il «sì» il governo sarebbe entrato in agonia, per tirare le cuoia da qui ad - al massimo - un mese. Sarebbero stati ben pochi a rallegrarsene davvero. Sicuramente la Lega e Di Pietro, che alle [...]

&id=HPN_Nicola+Cosentino_http{{{}}}dbpedia*org{}resource{}Nicola{{}}Cosentino" alt="" style="display:none;"/> ?>