Organizzazione terroristica

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Salemi
In rilievo

Salemi

Guerra al Terrorismo

La scheda: Guerra al Terrorismo

NATO
Trans-Saharan Counterterrorism Initiative
Operazioni militari principali (Afghanistan • Pakistan • Iraq • Somalia • Yemen)
Altri alleati degli Stati Uniti coinvolti in operazioni militari
L'espressione guerra al terrore o guerra globale al terrorismo (in inglese, war on terror o global war on terrorism) è uno slogan politico usato dall'amministrazione statunitense Bush e dai media occidentali per riferirsi a una serie di operazioni militari internazionali iniziate dopo gli attacchi terroristici dell'11 settembre 2001 negli Stati Uniti. Gli Stati Uniti guidarono una coalizione di Paesi NATO e non-NATO in una operazione militare diretta contro "le nazioni, organizzazioni o persone" accusate di aver "pianificato, autorizzato, commesso o aiutato" gli attentati dell'11 settembre.
Il presidente degli USA George W. Bush usò l'espressione "guerra al terrore" per la prima volta il 20 settembre 2001. Da allora, l'amministrazione Bush e i media occidentali hanno usato il termine per identificare una lotta globale di natura militare, politica, legale ed ideologica nei confronti sia di organizzazioni classificate come terroriste, sia di alcuni Stati accusati di sostenerle o percepiti come una minaccia per la sicurezza degli Stati Uniti e dei loro alleati, in particolare con riferimento al contrasto dei terroristi islamisti di al-Qāʿida e dei governi talebano in Afghanistan e baathista in Iraq.
L'espressione è stata abbandonata nel 2009 dall'amministrazione Obama, che ha preferito riferirsi all'insieme delle operazioni, anche militari, di antiterrorismo con espressioni come "operazioni d'oltremare" (in inglese, overseas contingency operations) e "contrasto all'estremismo violento" (in inglese, countering violent extremism).


Terrorismo, espulso amico Anis Amri

Terrorismo, espulso amico Anis Amri

(ANSA) – ROMA, 14 FEB – Si era radicalizzato in carcere a tal punto da rifiutare qualsiasi contatto con gli altri soggetti all’interno del penitenziario ed era diventato violento sia nei confronti dei detenuti sia verso le guardie carcerarie. Sono i motivi che hanno spinto il ministro dell’Interno Matteo Salvini a firmare un provvedimento d’espulsione nei confronti di un tunisino 33enne per motivi di sicurezza dello Stato. L’uomo, in carcere per reati [...]

"Uccisione della figlia del rabbino e' terrorismo"

"Uccisione della figlia del rabbino e' terrorismo"

La conferma di Netanyahu.Ministra Giustizia invoca pena di morte

EVENTI: Guerra al Terrorismo

Nel 2000 venne tentato un attacco all'aeroporto internazionale di Los Angeles, me nell'ottobre dello stesso anno avvenne l'attentato allo USS Cole, un cacciatorpediniere in servizio nello Yemen.

Nel 2000 venne tentato un attacco all'aeroporto internazionale di Los Angeles, me nell'ottobre dello stesso anno avvenne l'attentato allo USS Cole, un cacciatorpediniere in servizio nello Yemen.

Nel 2000 venne tentato un attacco all'aeroporto internazionale di Los Angeles, me nell'ottobre dello stesso anno avvenne l'attentato allo USS Cole, un cacciatorpediniere in servizio nello Yemen.

Il 7 febbraio 2002 il Presidente Bush dichiara che Al Qaeda e i telebani saranno da ora ritenuti con lo status di Combattenti nemici illegali , una formula nuova non contemplata nel lessico del diritto internazionale umanitario .

Nel 2002 e nel 2005 l'isola Indonesiana di Bali venne colpita da attentati suicidi e autobombe che uccisero più di 200 persone e ne ferirono più di 300.

Il 22 novembre 2002 gli stati membro dell'EAPC decise un piano di azione contro il terrorismo dove si affermava che "l'EAPC afferma di impegnarsi alla protezione e alla promozione delle libertà fondamentali e dei diritti umani, assieme al rispetto della legge, nel combattimento del terrorismo".

Nel 2002 nel Regno Unito, in Francia, Germania, Giappone, India e Russia erano presenti forti maggioranze a supporto della guerra al terrorismo guidata dagli Stati Uniti.

Il 7 febbraio 2002 il Presidente Bush dichiara che Al Qaeda e i telebani saranno da ora ritenuti con lo status di Combattenti nemici illegali , una formula nuova non contemplata nel lessico del diritto internazionale umanitario .

Nel 2002 e nel 2005 l'isola Indonesiana di Bali venne colpita da attentati suicidi e autobombe che uccisero più di 200 persone e ne ferirono più di 300.

Il 22 novembre 2002 gli stati membro dell'EAPC decise un piano di azione contro il terrorismo dove si affermava che "l'EAPC afferma di impegnarsi alla protezione e alla promozione delle libertà fondamentali e dei diritti umani, assieme al rispetto della legge, nel combattimento del terrorismo".

Nel 2002 nel Regno Unito, in Francia, Germania, Giappone, India e Russia erano presenti forti maggioranze a supporto della guerra al terrorismo guidata dagli Stati Uniti.

Il 7 febbraio 2002 il Presidente Bush dichiara che Al Qaeda e i telebani saranno da ora ritenuti con lo status di Combattenti nemici illegali , una formula nuova non contemplata nel lessico del diritto internazionale umanitario .

Nel 2002 e nel 2005 l'isola Indonesiana di Bali venne colpita da attentati suicidi e autobombe che uccisero più di 200 persone e ne ferirono più di 300.

Il 22 novembre 2002 gli stati membro dell'EAPC decise un piano di azione contro il terrorismo dove si affermava che "l'EAPC afferma di impegnarsi alla protezione e alla promozione delle libertà fondamentali e dei diritti umani, assieme al rispetto della legge, nel combattimento del terrorismo".

Nel 2002 nel Regno Unito, in Francia, Germania, Giappone, India e Russia erano presenti forti maggioranze a supporto della guerra al terrorismo guidata dagli Stati Uniti.

Nel 2013, Obama ha criticato l'espressione, affermando:.

Nel 2013, Obama ha criticato l'espressione, affermando:.

Nel 2013, Obama ha criticato l'espressione, affermando:.

Nel 2001 l'Unione europea ha emanato la posizione comune 2001/931/PESC che ha definito gli atti terroristici come atti intenzionali, previsti dalle legislazioni nazionali come reato, che data la loro natura o il contesto possono seriamente danneggiare uno Stato o un'organizzazione internazionale, e sono commessi con il proposito di:.

Nel 2001 l'Unione europea ha emanato la posizione comune 2001/931/PESC che ha definito gli atti terroristici come atti intenzionali, previsti dalle legislazioni nazionali come reato, che data la loro natura o il contesto possono seriamente danneggiare uno Stato o un'organizzazione internazionale, e sono commessi con il proposito di:.

Nel 2001 l'Unione europea ha emanato la posizione comune 2001/931/PESC che ha definito gli atti terroristici come atti intenzionali, previsti dalle legislazioni nazionali come reato, che data la loro natura o il contesto possono seriamente danneggiare uno Stato o un'organizzazione internazionale, e sono commessi con il proposito di:.

Nel 2001 l'Unione europea ha emanato la posizione comune 2001/931/PESC che ha definito gli atti terroristici come atti intenzionali, previsti dalle legislazioni nazionali come reato, che data la loro natura o il contesto possono seriamente danneggiare uno Stato o un'organizzazione internazionale, e sono commessi con il proposito di:.

Nel 2001 l'Unione europea ha emanato la posizione comune 2001/931/PESC che ha definito gli atti terroristici come atti intenzionali, previsti dalle legislazioni nazionali come reato, che data la loro natura o il contesto possono seriamente danneggiare uno Stato o un'organizzazione internazionale, e sono commessi con il proposito di:.

Nel 2001 l'Unione europea ha emanato la posizione comune 2001/931/PESC che ha definito gli atti terroristici come atti intenzionali, previsti dalle legislazioni nazionali come reato, che data la loro natura o il contesto possono seriamente danneggiare uno Stato o un'organizzazione internazionale, e sono commessi con il proposito di:.

Nel 2001 l'Unione europea ha emanato la posizione comune 2001/931/PESC che ha definito gli atti terroristici come atti intenzionali, previsti dalle legislazioni nazionali come reato, che data la loro natura o il contesto possono seriamente danneggiare uno Stato o un'organizzazione internazionale, e sono commessi con il proposito di:.

Nel 2001 l'Unione europea ha emanato la posizione comune 2001/931/PESC che ha definito gli atti terroristici come atti intenzionali, previsti dalle legislazioni nazionali come reato, che data la loro natura o il contesto possono seriamente danneggiare uno Stato o un'organizzazione internazionale, e sono commessi con il proposito di:.

Nel 2001 il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite adottò la risoluzione 1373, che obbligava tutti gli stati a criminalizzare l'assistenza alle attività terroristiche, negare il supporto finanziario e la protezione ai terroristi.

Il 7 ottobre 2001 iniziò ufficialmente l'invasione delle forze statunitensi e britanniche, che condussero bombardamenti aerei prima di iniziare la campagna terrestre.

Nel 2001 il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite adottò la risoluzione 1373, che obbligava tutti gli stati a criminalizzare l'assistenza alle attività terroristiche, negare il supporto finanziario e la protezione ai terroristi.

Il 7 ottobre 2001 iniziò ufficialmente l'invasione delle forze statunitensi e britanniche, che condussero bombardamenti aerei prima di iniziare la campagna terrestre.

Nel 2001 il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite adottò la risoluzione 1373, che obbligava tutti gli stati a criminalizzare l'assistenza alle attività terroristiche, negare il supporto finanziario e la protezione ai terroristi.

Il 7 ottobre 2001 iniziò ufficialmente l'invasione delle forze statunitensi e britanniche, che condussero bombardamenti aerei prima di iniziare la campagna terrestre.

Nel 2004 l'esercito pakistano lanciò una campagna nelle Aree tribali di Amministrazione Federale della regione del Waziristan, inviando 80 000 truppe.

Il 9 settembre 2004 un'autobomba esplose nei pressi dell'ambasciata australiana a Giacarta, uccidendo 10 indonesiani e ferendone altri 140.

Nel 2004 l'esercito pakistano lanciò una campagna nelle Aree tribali di Amministrazione Federale della regione del Waziristan, inviando 80 000 truppe.

Il 9 settembre 2004 un'autobomba esplose nei pressi dell'ambasciata australiana a Giacarta, uccidendo 10 indonesiani e ferendone altri 140.

Nel 2004 l'esercito pakistano lanciò una campagna nelle Aree tribali di Amministrazione Federale della regione del Waziristan, inviando 80 000 truppe.

Il 9 settembre 2004 un'autobomba esplose nei pressi dell'ambasciata australiana a Giacarta, uccidendo 10 indonesiani e ferendone altri 140.

Dal 2014 una nuova offensiva di matrice islamica, sotto l'egida di una pericolosissima organizzazione jihadista, l'ISIS (conosciuto anche come Stato Islamico o Daesh), proveniente dalla zona tra Siria ed Iraq, nella quale ha istituito uno pseudo-califfato, compie attacchi in varie zone del mondo, come in Tunisia, Turchia e in Europa a Parigi (7-9 gennaio 2015 e 13 novembre 2015) e Bruxelles (22 marzo 2016) scatenando un intervento militare da parte di una coalizione internazionale contro l'organizzazione terroristica.

Dal 2014 una nuova offensiva di matrice islamica, sotto l'egida di una pericolosissima organizzazione jihadista, l'ISIS (conosciuto anche come Stato Islamico o Daesh), proveniente dalla zona tra Siria ed Iraq, nella quale ha istituito uno pseudo-califfato, compie attacchi in varie zone del mondo, come in Tunisia, Turchia e in Europa a Parigi (7-9 gennaio 2015 e 13 novembre 2015) e Bruxelles (22 marzo 2016) scatenando un intervento militare da parte di una coalizione internazionale contro l'organizzazione terroristica.

Dal 2014 una nuova offensiva di matrice islamica, sotto l'egida di una pericolosissima organizzazione jihadista, l'ISIS (conosciuto anche come Stato Islamico o Daesh), proveniente dalla zona tra Siria ed Iraq, nella quale ha istituito uno pseudo-califfato, compie attacchi in varie zone del mondo, come in Tunisia, Turchia e in Europa a Parigi (7-9 gennaio 2015 e 13 novembre 2015) e Bruxelles (22 marzo 2016) scatenando un intervento militare da parte di una coalizione internazionale contro l'organizzazione terroristica.

Dal 2014 una nuova offensiva di matrice islamica, sotto l'egida di una pericolosissima organizzazione jihadista, l'ISIS (conosciuto anche come Stato Islamico o Daesh), proveniente dalla zona tra Siria ed Iraq, nella quale ha istituito uno pseudo-califfato, compie attacchi in varie zone del mondo, come in Tunisia, Turchia e in Europa a Parigi (7-9 gennaio 2015 e 13 novembre 2015) e Bruxelles (22 marzo 2016) scatenando un intervento militare da parte di una coalizione internazionale contro l'organizzazione terroristica.

Dal 2014 una nuova offensiva di matrice islamica, sotto l'egida di una pericolosissima organizzazione jihadista, l'ISIS (conosciuto anche come Stato Islamico o Daesh), proveniente dalla zona tra Siria ed Iraq, nella quale ha istituito uno pseudo-califfato, compie attacchi in varie zone del mondo, come in Tunisia, Turchia e in Europa a Parigi (7-9 gennaio 2015 e 13 novembre 2015) e Bruxelles (22 marzo 2016) scatenando un intervento militare da parte di una coalizione internazionale contro l'organizzazione terroristica.

Dal 2014 una nuova offensiva di matrice islamica, sotto l'egida di una pericolosissima organizzazione jihadista, l'ISIS (conosciuto anche come Stato Islamico o Daesh), proveniente dalla zona tra Siria ed Iraq, nella quale ha istituito uno pseudo-califfato, compie attacchi in varie zone del mondo, come in Tunisia, Turchia e in Europa a Parigi (7-9 gennaio 2015 e 13 novembre 2015) e Bruxelles (22 marzo 2016) scatenando un intervento militare da parte di una coalizione internazionale contro l'organizzazione terroristica.

Dal 2014 una nuova offensiva di matrice islamica, sotto l'egida di una pericolosissima organizzazione jihadista, l'ISIS (conosciuto anche come Stato Islamico o Daesh), proveniente dalla zona tra Siria ed Iraq, nella quale ha istituito uno pseudo-califfato, compie attacchi in varie zone del mondo, come in Tunisia, Turchia e in Europa a Parigi (7-9 gennaio 2015 e 13 novembre 2015) e Bruxelles (22 marzo 2016) scatenando un intervento militare da parte di una coalizione internazionale contro l'organizzazione terroristica.

Dal 2014 una nuova offensiva di matrice islamica, sotto l'egida di una pericolosissima organizzazione jihadista, l'ISIS (conosciuto anche come Stato Islamico o Daesh), proveniente dalla zona tra Siria ed Iraq, nella quale ha istituito uno pseudo-califfato, compie attacchi in varie zone del mondo, come in Tunisia, Turchia e in Europa a Parigi (7-9 gennaio 2015 e 13 novembre 2015) e Bruxelles (22 marzo 2016) scatenando un intervento militare da parte di una coalizione internazionale contro l'organizzazione terroristica.

Il 20 marzo 2003 venne lanciata l'invasione dell'Iraq.

Il 30 luglio 2003 l'ACLU iniziò la prima battaglia legale contro la sezione 215 del Patriot Act, affermando che permetteva all'FBI di violare i diritti del primo e del quarto emendamento e il diritto ad un processo, permettendo di compiere investigazioni senza avvertire il sospettato dell'investigazione stessa.

Nel 2003 vennero spesi 98 milioni di dollari per l'addestramento e l'equipaggiamento dell'esercito colombiano.

Il 20 marzo 2003 venne lanciata l'invasione dell'Iraq.

Il 30 luglio 2003 l'ACLU iniziò la prima battaglia legale contro la sezione 215 del Patriot Act, affermando che permetteva all'FBI di violare i diritti del primo e del quarto emendamento e il diritto ad un processo, permettendo di compiere investigazioni senza avvertire il sospettato dell'investigazione stessa.

Nel 2003 vennero spesi 98 milioni di dollari per l'addestramento e l'equipaggiamento dell'esercito colombiano.

Il 20 marzo 2003 venne lanciata l'invasione dell'Iraq.

Il 30 luglio 2003 l'ACLU iniziò la prima battaglia legale contro la sezione 215 del Patriot Act, affermando che permetteva all'FBI di violare i diritti del primo e del quarto emendamento e il diritto ad un processo, permettendo di compiere investigazioni senza avvertire il sospettato dell'investigazione stessa.

Nel 2003 vennero spesi 98 milioni di dollari per l'addestramento e l'equipaggiamento dell'esercito colombiano.

Il 4 dicembre 2006 l'assistente al Segretario di Stato statunitense Jendayi Frazer affermò che operativi appartenenti a cellule di al-Quaeda stavano controllando l'Unione delle Corti Islamiche.

Nel 2006 il Pakistan venne accusato dai comandanti della NATO di aiutare e supportare i Talebani in Afghanistan, ma successivamente la stessa NATO ammise di non possedere prove certe contro il governo pakistano.

Nel 2006, durante un rafforzamento dell'insurrezione dei Talebani, è stato annunciato che l'ISAF avrebbe sostituito le truppe statunitensi come parte dell'Operazione Enduring Freedom.

Nel 2006 il supporto alla guerra era in minoranza nel Regno Unito (49%), in Francia (43%), Germania (47%), Giappone (26%).

Il 4 dicembre 2006 l'assistente al Segretario di Stato statunitense Jendayi Frazer affermò che operativi appartenenti a cellule di al-Quaeda stavano controllando l'Unione delle Corti Islamiche.

Nel 2006 il Pakistan venne accusato dai comandanti della NATO di aiutare e supportare i Talebani in Afghanistan, ma successivamente la stessa NATO ammise di non possedere prove certe contro il governo pakistano.

Nel 2006, durante un rafforzamento dell'insurrezione dei Talebani, è stato annunciato che l'ISAF avrebbe sostituito le truppe statunitensi come parte dell'Operazione Enduring Freedom.

Nel 2006 il supporto alla guerra era in minoranza nel Regno Unito (49%), in Francia (43%), Germania (47%), Giappone (26%).

Il 4 dicembre 2006 l'assistente al Segretario di Stato statunitense Jendayi Frazer affermò che operativi appartenenti a cellule di al-Quaeda stavano controllando l'Unione delle Corti Islamiche.

Nel 2006 il Pakistan venne accusato dai comandanti della NATO di aiutare e supportare i Talebani in Afghanistan, ma successivamente la stessa NATO ammise di non possedere prove certe contro il governo pakistano.

Nel 2006, durante un rafforzamento dell'insurrezione dei Talebani, è stato annunciato che l'ISAF avrebbe sostituito le truppe statunitensi come parte dell'Operazione Enduring Freedom.

Nel 2006 il supporto alla guerra era in minoranza nel Regno Unito (49%), in Francia (43%), Germania (47%), Giappone (26%).

Nel 2017 viene compiuto un attentato dell'ISIS al concerto di Ariana Grande a Manchester.

Nel 2017 viene compiuto un attentato dell'ISIS al concerto di Ariana Grande a Manchester.

Nel 2017 viene compiuto un attentato dell'ISIS al concerto di Ariana Grande a Manchester.

Nel 2005 il Consiglio di Sicurezza approvò la risoluzione 1624, che riguardava l'istigazione al terrorismo e l'obbligo di aderire alle leggi internazionali sui diritti umani.

Il 7 luglio 2005 diversi terroristi giunsero a Londra e fecero esplodere diversi ordigni nel sistema della Metropolitana londinese uccidendo 57 persone.

Nel 2005 il Consiglio di Sicurezza approvò la risoluzione 1624, che riguardava l'istigazione al terrorismo e l'obbligo di aderire alle leggi internazionali sui diritti umani.

Il 7 luglio 2005 diversi terroristi giunsero a Londra e fecero esplodere diversi ordigni nel sistema della Metropolitana londinese uccidendo 57 persone.

Nel 2005 il Consiglio di Sicurezza approvò la risoluzione 1624, che riguardava l'istigazione al terrorismo e l'obbligo di aderire alle leggi internazionali sui diritti umani.

Il 7 luglio 2005 diversi terroristi giunsero a Londra e fecero esplodere diversi ordigni nel sistema della Metropolitana londinese uccidendo 57 persone.

Il 21 maggio 2008 venne raggiunto un accordo per terminare la faida politica che rischiò di trascinare il paese in una nuova guerra civile.

Il 19 settembre 2008 la RAND Corporation ha presentato i risultati di uno studio per "Sconfiggere i gruppi terroristici".

Il 21 maggio 2008 venne raggiunto un accordo per terminare la faida politica che rischiò di trascinare il paese in una nuova guerra civile.

Il 19 settembre 2008 la RAND Corporation ha presentato i risultati di uno studio per "Sconfiggere i gruppi terroristici".

Il 21 maggio 2008 venne raggiunto un accordo per terminare la faida politica che rischiò di trascinare il paese in una nuova guerra civile.

Il 19 settembre 2008 la RAND Corporation ha presentato i risultati di uno studio per "Sconfiggere i gruppi terroristici".

Nel 2018 il governo degli USA ha accusato l'Iran di essere "il principale Stato sponsor del terrorismo a livello globale" a seguito del suo coinvolgimento nel conflitto siriano, mentre il presidente iraniano Hassan Rouhani ha accusato il governo USA di sostenere le organizzazioni terroristiche attive in Iran.

Nel 2018 il governo degli USA ha accusato l'Iran di essere "il principale Stato sponsor del terrorismo a livello globale" a seguito del suo coinvolgimento nel conflitto siriano, mentre il presidente iraniano Hassan Rouhani ha accusato il governo USA di sostenere le organizzazioni terroristiche attive in Iran.

Nel 2018 il governo degli USA ha accusato l'Iran di essere "il principale Stato sponsor del terrorismo a livello globale" a seguito del suo coinvolgimento nel conflitto siriano, mentre il presidente iraniano Hassan Rouhani ha accusato il governo USA di sostenere le organizzazioni terroristiche attive in Iran.

Nel 2018 il governo degli USA ha accusato l'Iran di essere "il principale Stato sponsor del terrorismo a livello globale" a seguito del suo coinvolgimento nel conflitto siriano, mentre il presidente iraniano Hassan Rouhani ha accusato il governo USA di sostenere le organizzazioni terroristiche attive in Iran.

Nel 2018 il governo degli USA ha accusato l'Iran di essere "il principale Stato sponsor del terrorismo a livello globale" a seguito del suo coinvolgimento nel conflitto siriano, mentre il presidente iraniano Hassan Rouhani ha accusato il governo USA di sostenere le organizzazioni terroristiche attive in Iran.

Nel 2018 il governo degli USA ha accusato l'Iran di essere "il principale Stato sponsor del terrorismo a livello globale" a seguito del suo coinvolgimento nel conflitto siriano, mentre il presidente iraniano Hassan Rouhani ha accusato il governo USA di sostenere le organizzazioni terroristiche attive in Iran.

Nel 2018 il governo degli USA ha accusato l'Iran di essere "il principale Stato sponsor del terrorismo a livello globale" a seguito del suo coinvolgimento nel conflitto siriano, mentre il presidente iraniano Hassan Rouhani ha accusato il governo USA di sostenere le organizzazioni terroristiche attive in Iran.

Nel 2018 il governo degli USA ha accusato l'Iran di essere "il principale Stato sponsor del terrorismo a livello globale" a seguito del suo coinvolgimento nel conflitto siriano, mentre il presidente iraniano Hassan Rouhani ha accusato il governo USA di sostenere le organizzazioni terroristiche attive in Iran.

Nel 1996 fu accusato dagli Stati Uniti anche per un suo collegamento ad Oplan Bojinka, un piano per compiere attentati su una serie di aerei civili statunitensi.

Nel 1996 fu accusato dagli Stati Uniti anche per un suo collegamento ad Oplan Bojinka, un piano per compiere attentati su una serie di aerei civili statunitensi.

Nel 1996 fu accusato dagli Stati Uniti anche per un suo collegamento ad Oplan Bojinka, un piano per compiere attentati su una serie di aerei civili statunitensi.

L'8 gennaio 2007 gli Stati Uniti combatterono contro i militanti nella Battaglia di Ras Kamboni, impiegando AC-130.

Il 20 maggio 2007 iniziò un conflitto nella parte settentrionale del libano tra Fatah al-Islam, una organizzazione militante islamista e le forze armate libanesi a Nahr al-Bared, un campo profughi palestinese nei pressi di Tripoli.

Nel 2007 emerse tuttavia degli indizi dell'esistenza di taglie fino a 1 900 CDN$ per ogni membro della NATO ucciso.

L'8 gennaio 2007 gli Stati Uniti combatterono contro i militanti nella Battaglia di Ras Kamboni, impiegando AC-130.

Il 20 maggio 2007 iniziò un conflitto nella parte settentrionale del libano tra Fatah al-Islam, una organizzazione militante islamista e le forze armate libanesi a Nahr al-Bared, un campo profughi palestinese nei pressi di Tripoli.

Nel 2007 emerse tuttavia degli indizi dell'esistenza di taglie fino a 1 900 CDN$ per ogni membro della NATO ucciso.

L'8 gennaio 2007 gli Stati Uniti combatterono contro i militanti nella Battaglia di Ras Kamboni, impiegando AC-130.

Il 20 maggio 2007 iniziò un conflitto nella parte settentrionale del libano tra Fatah al-Islam, una organizzazione militante islamista e le forze armate libanesi a Nahr al-Bared, un campo profughi palestinese nei pressi di Tripoli.

Nel 2007 emerse tuttavia degli indizi dell'esistenza di taglie fino a 1 900 CDN$ per ogni membro della NATO ucciso.

I massocapitalisti veri padri del terrorismo

I massocapitalisti veri padri del terrorismo

Sezioni comuniste Gramsci-Berlinguer per la ricostruzione del P.C.I. di Andrea Montella Per i massocapitalisti internazionali e di casa nostra – banchieri, industriali, blasonati proprietari terrieri, alti prelati – il nazifascismo è sempre stato un buon sistema politico per garantire i loro interessi e tenere lontano lo spettro del Comunismo. La non democraticità dei massocapitalisti è evidente dai contributi economici e dai mezzi mediatici messi a [...]

Yemen, 1400 giorni di terrorismo saudita

Yemen, 1400 giorni di terrorismo saudita

Sono impressionanti le cifre causate dagli oltre 1400 giorni di aggressione militare saudita contro lo Yemen. Le statistiche mostrano che dall’inizio del conflitto (marzo 2015) il numero dei civili rimasti uccisi o feriti ha raggiunto quota 40546. Il Centro per i diritti e lo sviluppo Ain Al-Ensania di Sana’a ha rilasciato la scorsa settimana le ultime statistiche che includono il numero di vittime civili durante i 1400 giorni dellaggressione saudita [...]

LOTTARE CONTRO LE FAKE NEWS SUL TERRORISMO VEICOLATE DAI SERVI DELL'IMPERIALISMO USA-NATO E' UN DOVERE COSTITUZIONALE

LOTTARE CONTRO LE FAKE NEWS SUL TERRORISMO VEICOLATE DAI SERVI DELL'IMPERIALISMO USA-NATO E' UN DOVERE COSTITUZIONALE

Sezioni comuniste Gramsci-Berlinguer per la ricostruzione del P.C.I. Il nostro paese, per sfortuna geografica essendo al centro del Mediterraneo, è sempre in balia delle trame dell'imperialismo Usa-Nato e dei suoi cani da guardia, i massocapitalisti nostrani - inseriti nel sistema mediatico, nel governo, nelle istituzioni, nelle forze armate, nelle formazioni politiche sorte con la trattativa Stato-mafia - che sbraitano contro il legittimo presidente del [...]

Se la sinistra non riflette su terrorismo e massoneria non ritroverà la sua autonomia dai massocapitalisti

Se la sinistra non riflette su terrorismo e massoneria non ritroverà la sua autonomia dai massocapitalisti

Sezioni comuniste Gramsci-Berlinguer per la ricostruzione del P.C.I. di Andrea Montella Carissime compagne e compagni vi voglio segnalare la lettura di questo libro sul terrorismo in Italia e in Europa che mette a confronto storici e magistrati, uscito nel 2018 con le edizioni Padova University Press. Questo libro contiene il saggio di Giovanni Tamburino il magistrato di Padova che nel 1973 si occupò dell'organizzazione eversiva La Rosa dei Venti. Oggi [...]

Libia: Macron,con Sisi contro terrorismo

Libia: Macron,con Sisi contro terrorismo

(ANSA) – IL CAIRO, 28 GEN – La Francia sta agendo “di concerto sul terreno” con l’Egitto in Libia con il duplice obbiettivo di sostenere la lotta al terrorismo del generale Khalifa Haftar e agevolare una “riconciliazione nazionale”. “Lavoriamo insieme, da diversi mesi, sulla situazione in Libia” ha detto il presidente Emmanuel Macron nella conferenza stampa con il presidente egiziano Abdel Fattah Al Sisi al Cairo. “Il dialogo stretto ci ha [...]

Terrorismo: Mattarella, prendere chi e' in fuga

Terrorismo: Mattarella, prendere chi e' in fuga

Terrorismo, Mattarella: chi è in fuga sconti la pena

Terrorismo, Mattarella: chi è in fuga sconti la pena

Genova (askanews) - La forza della democrazia contro il terrorismo e l'appello all'impegno di tutti per "impedire che forze oscure avvertano nuovamente la tentazione di tornare all'attacco". Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha partecipato a Genova alla commemorazione per il 40esimo anniversario della morte di Guido Rossa, l'operaio e sindacalista dell'Italsider ucciso dalle Br il 24 gennaio del 1979. "Onoriamo qui, oggi, un uomo, un lavoratore, un [...]

Burkina: pm indaga per sequestro persona

Burkina: pm indaga per sequestro persona

(ANSA) – ROMA, 19 GEN -Si procede per il reato di sequestro di persona a scopo di terrorismo nel fascicolo avviato dalla Procura di Roma in relazione alla scomparsa in Burkina Faso dell’architetto padovano Luca Tacchetto. Il procedimento era stato aperto in un primo momento come modello 45, ossia senza indagati o ipotesi di reato. Il pm Sergio Colaiocco, titolare dell’indagine, ha adesso rubricato il fascicolo con quanto previsto dall’articolo 289 bis del [...]

FOTO: Guerra al Terrorismo

Attentato terroristico in Iraq

Attentato terroristico in Iraq

Attentato terroristico in Iraq

Attentato terroristico in Iraq

Attentato terroristico in Iraq

Attentato terroristico in Iraq

Attentato terroristico in Iraq

Attentato terroristico in Iraq

Attentato terroristico in Iraq

Attentato terroristico in Iraq

Attentato terroristico in Iraq

Attentato terroristico in Iraq

Attentato terroristico in Iraq

Attentato terroristico in Iraq

Più segnali su finanziamento terrorismo

Più segnali su finanziamento terrorismo

(ANSA) – ROMA, 16 GEN – Salgono ancora, nel 2018, le segnalazioni di operazioni legate al finanziamento del terrorismo che superano per la prima volta le 1000 unità a quota 1066 contro le 981 del 2017. E’ quanto si legge nella nuova newsletter della Uif, l’unità di informazione finanziaria incardinata presso la Banca d’Italia. Nel 2015 erano appena 273. Nel secondo semestre 2018, nota la Uif, c’è stato un rallentamento (409 a fronte delle 506 dei [...]

Terrorismo, Mattarella a ricordo Rossa

Terrorismo, Mattarella a ricordo Rossa

(ANSA) – GENOVA, 15 GEN – Ci sarà anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella alla cerimonia di commemorazione di Guido Rossa, il sindacalista ucciso dalle Br il 24 gennaio del 1979. Per permettere a Mattarella di essere presente al 40 anniversario dell’uccisione del sindacalista, la commemorazione è stata anticipato al 23 gennaio. Il capo dello Stato parteciperà al ricordo di Rossa all’interno dell’Ilva, fissato alle 11.30. Saranno [...]

Battisti: Moavero, estradizione rapida

Battisti: Moavero, estradizione rapida

(ANSA) – ROMA, 13 GEN – “Si tratta di un atto di giustizia nei confronti degli odiosi crimini del terrorismo, doveroso verso chi fu ucciso o ferito e verso i loro famigliari”, ora il lavoro continua affinché l’estradizione in Italia possa avvenire nei tempi più rapidi. Così il ministro degli Esteri Enzo Moavero ha commentato l’arresto in Bolivia dell’ex terrorista dei Pac Cesare Battisti.

Istigavano al terrorismo islamico: 15 fermi in tutta Italia

Istigavano al terrorismo islamico: 15 fermi in tutta Italia

Palermo (askanews) - Avrebbero istigato a commettere atti di terrorismo sul suolo italiano, favorendo anche l'arrivo nel nostro Paese d'immigrati clandestini. Per questo i carabinieri del Ros hanno fermato 15 persone tra Palermo, Trapani, Caltanissetta e Brescia, indagate dalla procura del capoluogo siciliano. L'indagine, denominata "Abiad" ha permesso di individuare un gruppo criminale transnazionale che in cambio di circa 2.500 euro offriva traversate a ristretti [...]

Terrorismo: blitz dei carabinieri, disposti 15 fermi

Terrorismo: blitz dei carabinieri, disposti 15 fermi

Terrorismo: con 2.500 euro kamikaze pronti a entrare in Italia

Terrorismo: con 2.500 euro kamikaze pronti a entrare in Italia

Duemilacinquecento euro per arrivare in Italia dalla Tunisia: tanto bastava a sospetti terroristi della “Jihad” per raggiungere le coste trapanesi a bordo di gommoni veloci. Questo il metodo usato dall’organizzazione criminale sgominata dai carabinieri del Ros che hanno effettuato 15 fermi per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e istigazione al terrorismo tra Palermo, Trapani, Caltanissetta e Brescia, indagate dalla procura del capoluogo [...]

Terrorismo, a Brescia fermato un 27enne

Terrorismo, a Brescia fermato un 27enne

(ANSA) – BRESCIA, 09 GEN – E’ un tunisino di 27 anni l’unico residente a Brescia coinvolto nell’inchiesta di antiterrorismo dei carabinieri del Ros che hanno fermato 15 persone ritenute a vario titolo responsabili di istigazione a commettere più delitti in materia di terrorismo, associazione per delinquere finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, plurimi episodi di ingresso illegale di migranti clandestini nel territorio [...]

Terrorismo e immigrazione clandestina: blitz Cc, 15 fermi

Terrorismo e immigrazione clandestina: blitz Cc, 15 fermi

Scoperti viaggi per Sicilia dalla Tunisia a bordo di gommoni veloci

L'Isis è davvero sconfitto? Ritiro Usa "a guardia alta"

L'Isis è davvero sconfitto? Ritiro Usa "a guardia alta"

Il 19 dicembre scorso, il presidente statunitense Donald Trump aveva annunciato l’inizio del ritiro delle truppe americane dalla Siria, perché “lo Stato Islamico è stato sconfitto”. Ma è davvero così? A parte sporadici (benché dagli esiti tragici) attentati condotti da “lupi solitari” o sedicenti tali, che comunque potrebbero anche significare che in effetti Daesh (acronimo arabo per Isis) non abbia più una forza d’urto tale da poter [...]

Erdogan: anche curdi in forze per Siria

Erdogan: anche curdi in forze per Siria

(ANSA) – WASHINGTON, 8 GEN – Creare “una forza di stabilizzazione con combattenti provenienti da tutta la societa’ siriana”, inclusi i curdi siriani, che non abbiamo legami con organizzazioni terroristiche come il Pyd/Ypg, la branca siriana del Pkk. E’ il “primo passo” del piano di pace per la Siria proposto dal presidente turco Recep Tayyip Erdogan, in un intervento sul New York Times. Un’altra priorita’ e’ “assicurare adeguata [...]

&id=HPN_Organizzazione+terroristica_http{{{}}}it*dbpedia*org{}resource{}Criminalità{{}}politica" alt="" style="display:none;"/> ?>