Poeti in dialetto romanesco

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Località
In rilievo

Località

In questa categoria: Aldo Fabrizi

Aldo Fabrizi (Roma, 1º novembre 1905 – Roma, 2 aprile 1990) è stato un attore, regista, sceneggiatore, produttore e poeta italiano.
Attore versatile, dotato di grande espressività, nel corso della sua carriera ha avuto modo di misurarsi sia in ruoli comici che drammatici. È stato inoltre, insieme ad Alberto Sordi e Anna Ma...

Giuseppe Gioachino Belli

Giuseppe Francesco Antonio Maria Gioachino Raimondo Belli (Roma, 7 settembre 1791 – Roma, 21 dicembre 1863) è stato un poeta italiano. Nei suoi 2279 Sonetti romaneschi, composti in vernacolo romanesco raccolse la voce del popolo della Roma del XIX secolo.

.- Epigramma di Trilussa

.- Epigramma di Trilussa

   .- Epigramma di Trilussa: "La lumachella della vanagloria, ch'era strisciata sopra l'obelisco, guardò la bava e disse già capisco che lascerò un'impronta nella storia". Le maniere improvvisate come Saliva a Bavatra i simili buon suonosU:* 

Trilussa

  Carità cristiana   Er Chirichetto d’una sacrestia sfasciò l’ombrello su la groppa a un gatto pe’ castigallo d’una porcheria. – Che fai? – je strillò er Prete ner vedelllo – Ce vò un coraccio nero come er tuo pe’ menaje in quer modo… Poverello!… – Che? – fece er Chirichetto – er gatto è suo? – Er Prete disse: – No… ma è mio l’ombrello!-  

Er monumento a Trilussa

Er monumento a Trilussa

Er monumento a TrilussaPover'amico mio, chi t'ha stroppiato?Tu che vivo parevi un monumento,ner monumento pari un disgrazziato;tu ch'eri tanto bello, fai spavento.Io me ce sento rabbia, me ce sento,de nun poté conosce st'ammazzatoche prima t'ha scorpito a tradimento,poi mette in mostra er corpo der reato.Tutto pe sbieco, mezz'a pecoronelui po' ringrazzià Dio che nun te vediarinnicchiato accanto ar fontanone.Se te vedessi, Tri, nun ciabbozzavie benché t'abbia [...]

Trilussa, dieci fantastiche poesie brevi e fulminanti

Trilussa, dieci fantastiche poesie brevi e fulminanti

    . . seguiteci sulla pagina Facebook Curiosity  . .   Trilussa, dieci fantastiche poesie brevi e fulminanti   l 26 ottobre del 1871 nasceva a Roma il poeta e scrittore Trilussa, pseudonimo anagrammatico di Carlo Alberto Salustri (salustri – trilussa), celebre per i suoi versi in dialetto romanesco e per lo stile satirico e dissacrante degli usi e dei costumi della borghesia e della piccola borghesia della sua epoca. Le prime pubblicazioni [...]

Visita a Trilussa

Visita a Trilussa

Visita a TrilussaLa prima vorta ce rimasi malede vedello restà sur ballatoio,intorcinato nell' accappatoio,fermo de pezza a capo de le scale.Perché me salutò, gran "tu per tu" ...però me lasciò sotto; e lui, lassù.- Come? Co' quello straccio de staturache già lo fa guardà dall'alt'in bassopuro er palco ce vo'? Che stonatura!E er peggio è poi che lui manco pe' gnente!Che sia 'na stonatura, nun lo sente.No perché se dà l' arie. E te lo provache quanno ce [...]

Trilussa - Felicità

Trilussa - Felicità

...la felicità? è una piccola cosa.... siamo abituati a pensare che la felicità sia legata a qualcosa di immensamente grande, ma anche nei piccoli gesti quotidiani si nasconde: basta cercarla. Ne siamo capaci?   C'è un'ape che se posa su un bottone de rosa:   lo succhia e se ne va...  Tutto sommato, la felicità  è una piccola cosa   (Trilussa)

La tartaruga...Trilussa

La tartaruga...Trilussa

Mentre, una notte, se n'annava a spasso, la vecchia tartaruga fece er passo più lungo della gamba e cascò giù co' la casa vortata sottinsù. Un rospo je strillò:- Scema che sei! Queste so' scappatelle Che costeno la pelle... Lo so- rispose lei- Ma, prima de morì vedo le stelle. Lady Maria.

Le statistiche der sor Trilussa: questa è l'Italia

“Se io magno du polli e te nisuno, ne magnamo uno per uno”: così recita la più famosa definizione della scienza statistica della storia, e ne è l’autore il più sagace dei poeti romani, Alberto Salustri, detto Trilussa. Infatti è e sarà sempre così: mentre all’Aria Che Tira, la matrona giuliva di tutti i talk show di regime, Myrta Merlino, si compiaceva del calo statistico del M5S, grazie alle porcate e alle menzogne diffuse anche dalla sua [...]

Giuseppe Gioacchino Belli

Gli uomini di questo mondo sono come i chicchi di caffé, uno prima, uno dopo e un altro ancora, hanno tutti la stessa sorte Giuseppe Gioacchino Belli dal Er caffettiere filosofo - I Sonetti

Trilussa..

    Ner modo de pensà c'è un gran divario: mi' padre è democratico cristiano, e, siccome è impiegato ar Vaticano, tutte le sere recita er rosario; de tre fratelli, Giggi ch'er più anziano è socialista rivoluzzionario; io invece so' monarchico, ar contrario de Ludovico ch'è repubbricano. Prima de cena liticamo spesso pe' via de 'sti principî benedetti: chi vò qua, chi vò là... Pare un congresso! Famo l'ira de Dio! Ma appena mamma ce dice che so' cotti [...]

Trilussa

C'è un'Ape che se posasu un bottone de rosalo succhia e se ne va...Tutto sommato, la felicitàè una piccola cosa.ConsiderazioniLa struggente ricerca della felicità si scontra con la quotidianità dei gesti e delle parole...

Peppe er pollarolo ...

Peppe er pollarolo ar sor Dimenico Cianca Piano, sor è, come sarebbe a dine sta chiacchierata d’er Castèr dell’Ova? Sarebbe gniente mai pe ffà ’na prova s’avemo vojja de crompà galline? Sí! è propio tempo mo, cuesto che cquine, d’annasse a ciafrujjà marcanzia nova! Manco a buttà la vecchia nun se trova! Ma chi commanna n’ha da vede er fine. Duncue, sor coso, fateve capace che a Roma pe sto giro nun è loco da fà boni negozzi; e annate in pace. [...]

Belli: 5 sonetti in italiano

Nel primo volume degli inediti di Belli, curato dal figlio nel 1865, sono 30 i sonetti. I cinque che seguono completano tale novero. I precedenti 25 sonetti sono reperibili sotto il tag "Poesie inedite" o sotto quelli dedicati a Belli. Molte scale e poco cerino Le disgrazie stan sempre apparecchiate Come appunto la tavola dell'oste. Dissi all'amico: se Cristian voi foste Mi dareste un cerino. Oh lo mi date? Ma le scale eran troppe e mal disposte, E il moccolo non [...]

Sindici: Glossario Malagrotta (1)

Sindici: Glossario Malagrotta (1) Abbi = Abbia (Sindici, Malagrotta 1: "Nun te dico co questo che ir Toscano / nun c'abbi er core e la su nobbirtà!..."). Annaveno = Andavano (Sindici, Malagrotta 6: "E uscirno fora quattro trommettieri / co li Fedeli, pe dì a li Cristiani / cosa annaveno a fà queli guerrieri..."). Aritrattato = Ritratto (Sindici, Malagrotta 2: "E tu poi vede er fatto aritrattato / a Maccarese, pe l'appunto in chiesa."). Armeno = Almeno [...]

Belli: 5 sonetti in italiano

Il bibliagoraste Se mai, ti guardi il ciel, tu fossi attratto Ne' piedi, o peggio, in amendue le mani, E il tuo spendendo in archibusi e cani Spirassi caccia in ogni voce e ogni atto, Non merteresti tu che da' cristiani Ti si largisse il titolo di matto? Ebben, qual nome a te credi più adatto Sprecando in libri, e libri oltramontani? Senza sentor di lingua anche vulgare, Con un cervel da disgradarne un bue, Libro non v'è che sia per te, compare. Cangia in [...]

5 sonetti in italiano del Belli

Il mio barbiere Il mio barbiere è un uom che in mente serra Dell'universo intier tutti gli affari Attalché se morissero i diarî Porriane ei solo consolar la terra. E sì ben ve ne spiega i corollarî Quando pel naso o per lo crin vi afferra, Che gli orator di Francia o d'Inghilterra Si direbbono in ciarla i suoi scolari. Lieto inoltre e civil co' suoi clienti Serve ciascuno come più gli garba Colmandoli d'inchini e complimenti. Eppur, chiedendo egli oggi a un [...]

3 sonetti in italiano del Belli

Pot-pourri e frasi raccozzate per via Della quale è fratello. Aveano avuto ... Dunque venite spesso. E non mi tocchi. Cinquantasette scudi e tre baiocchi. Noi non siano peraltro ... E lo statuto? Qualche cosa accadrà. Di Cassi e Bruto. Stalla, rimessa ... Gliela fa sugli occhi. Indigesti poi no, perché nei gnocchi ... Vero assassinio! Aiutati e t'aiuto. Ma, i turchi ... Niente: io voglio cose chiare. Era finito o no? Quanta albagia! Cambio o censo. Si sa, [...]

UNA POESIA DI TRILUSSA

A chi tanto e a chi gnente! Trilussa Da quanno che dà segni de pazzia, povero Meo! fa pena! E' diventato pallido, secco secco, allampanato, robba che se lo vedi scappi via!    Er dottore m'ha detto: - E' 'na mania che nun se pô guarì: lui s'è affissato d'esse un poeta, d'esse un letterato, ch'è la cosa più peggio che ce sia! - Dice ch'er gran talento è stato quello che j'ha scombussolato un po' la mente pe' via de lo sviluppo der cervello... Povero [...]

Opera omnia di Trilussa

Stelle de Roma, versi romaneschi di Trilussa, con pref. e glossario di Francesco Sabatini, Roma, Cerroni e Solaro, 1889. Er mago de Bborgo, lunario pe' 'r 1890, scritturato in der parlà romanesco da Padron Checco [Francesco Sabatini] e Trilussa, co' li pupazzi der sor Silhouette, (accidemmoni che nome indificile!), Ner castelluccio de Roma, a la stamperia der Cicerone, 1890. Er mago de Bborgo, lunario romanesco pe' 'r 1891, scritturato da Trilussa e illustrato da [...]

allegra gioia..Trilussa

allegra gioia..Trilussa

                          DEDICATA.. L'ingiustizzie der monno Quanno che senti di' "cleptomania" è segno ch'è un signore ch'ha rubbato: er ladro ricco è sempre un ammalato e er furto che commette è una pazzia. Ma se domani è un povero affamato che rubba una pagnotta e scappa via pe' lui nun c'è nessuna malatia che j'impedisca d'esse condannato! Così va er monno! L'antra settimana che Yeta se n'agnede cór sartore1 tutta la gente disse: - È [...]

&id=HPN_Poeti+in+dialetto+romanesco_http{{{}}}it*dbpedia*org{}resource{}Categoria:Poeti{{}}in{{}}dialetto{{}}romanesco" alt="" style="display:none;"/> ?>