Radiazione gravitazionale

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Katy Perry
In rilievo

Katy Perry

Storia della relatività generale

La scheda: Storia della relatività generale

La teoria della relatività generale, elaborata da Albert Einstein e pubblicata nel 1916, è l'attuale teoria fisica della gravitazione.
Essa descrive l'interazione gravitazionale non più come azione a distanza fra corpi massivi, come nella teoria newtoniana, ma come effetto di una legge fisica che lega la geometria (più specificamente la curvatura) dello spazio-tempo con la distribuzione e il flusso in esso di massa, energia e impulso. In particolare la geometria dello spazio-tempo identifica i sistemi di riferimento inerziali con le coordinate relative agli osservatori in caduta libera, che si muovono lungo traiettorie geodetiche. La forza peso risulta in questo modo una forza apparente osservata nei riferimenti non inerziali. La relatività generale è alla base dei moderni modelli cosmologici della struttura a grande scala dell'universo e della sua evoluzione.
Come disse lo stesso Einstein, fu il lavoro più difficile della sua carriera a causa delle difficoltà matematiche, poiché si trattava di far convergere concetti di geometria euclidea in uno spaziotempo curvo, che, in accordo con la relatività ristretta, doveva essere dotato di una struttura metrica di tipo lorentziano anziché euclideo. Egli trovò il linguaggio e gli strumenti matematici necessari nei lavori di geometria differenziale di Luigi Bianchi, Gregorio Ricci-Curbastro e Tullio Levi-Civita, che avevano approfondito nei decenni precedenti i concetti di curvatura introdotti da Carl Friedrich Gauss e Bernhard Riemann.


Onde gravitazionali, da oggi in ascolto dell'universo

Onde gravitazionali, da oggi in ascolto dell'universo

Dopo la pausa tecnica si riaccendono i rivelatori Ligo e Virgo

Con le onde gravitazionali si misura l'espansione universo

Con le onde gravitazionali si misura l'espansione universo

Si prepara la misura più vasta e affidabile dell’espansione dell’universo: potrebbe arrivare entro i prossimi dieci anni grazie alle onde gravitazionali emesse da 50 ‘sirene’ cosmiche, ossia dalle collisioni di coppie di stelle di neutroni che ruotano una intorno all’altra, nelle quali la materia raggiunge una densità estrema. Pubblicata sulla rivista Physical Review Letters, la ricerca nasce dalla collaborazione tra il britannico University College [...]

EVENTI: Storia della relatività generale

Nel 1908 Einstein enuncia un principio di equivalenza che darà successivamente un forte impulso allo sviluppo della teoria.

Nel 1908 Einstein enuncia un principio di equivalenza che darà successivamente un forte impulso allo sviluppo della teoria.

Nel 1908 Einstein enuncia un principio di equivalenza che darà successivamente un forte impulso allo sviluppo della teoria.

Nel 1908 Einstein enuncia un principio di equivalenza che darà successivamente un forte impulso allo sviluppo della teoria.

Nel 1908 Einstein enuncia un principio di equivalenza che darà successivamente un forte impulso allo sviluppo della teoria.

Nel 1919 Arthur Eddington organizza una spedizione in occasione di un'eclissi di Sole all'isola di Príncipe che verifica una delle conseguenze della teoria, la flessione dei raggi luminosi di una stella in presenza del forte campo gravitazionale del sole.

Nel 1919 Arthur Eddington organizza una spedizione in occasione di un'eclissi di Sole all'isola di Príncipe che verifica una delle conseguenze della teoria, la flessione dei raggi luminosi di una stella in presenza del forte campo gravitazionale del sole.

Nel 1919 Arthur Eddington organizza una spedizione in occasione di un'eclissi di Sole all'isola di Príncipe che verifica una delle conseguenze della teoria, la flessione dei raggi luminosi di una stella in presenza del forte campo gravitazionale del sole.

Nel 1919 Arthur Eddington organizza una spedizione in occasione di un'eclissi di Sole all'isola di Príncipe che verifica una delle conseguenze della teoria, la flessione dei raggi luminosi di una stella in presenza del forte campo gravitazionale del sole.

Nel 1919 Arthur Eddington organizza una spedizione in occasione di un'eclissi di Sole all'isola di Príncipe che verifica una delle conseguenze della teoria, la flessione dei raggi luminosi di una stella in presenza del forte campo gravitazionale del sole.

Nel 1929 gli studi di Edwin Hubble mostrano però che l'universo è in espansione e il modello statico di Einstein viene abbandonato.

Nel 1929 gli studi di Edwin Hubble mostrano però che l'universo è in espansione e il modello statico di Einstein viene abbandonato.

Nel 1929 gli studi di Edwin Hubble mostrano però che l'universo è in espansione e il modello statico di Einstein viene abbandonato.

Nel 1929 gli studi di Edwin Hubble mostrano però che l'universo è in espansione e il modello statico di Einstein viene abbandonato.

Nel 1929 gli studi di Edwin Hubble mostrano però che l'universo è in espansione e il modello statico di Einstein viene abbandonato.

Nel 1998, l'osservazione dello spostamento verso il rosso di supernove lontane, ha costretto gli astronomi a impiegare una costante cosmologica positiva per spiegare l'accelerazione dell'espansione dell'Universo.

Nel 1998, l'osservazione dello spostamento verso il rosso di supernove lontane, ha costretto gli astronomi a impiegare una costante cosmologica positiva per spiegare l'accelerazione dell'espansione dell'Universo.

Nel 1998, l'osservazione dello spostamento verso il rosso di supernove lontane, ha costretto gli astronomi a impiegare una costante cosmologica positiva per spiegare l'accelerazione dell'espansione dell'Universo.

Nel 1998, l'osservazione dello spostamento verso il rosso di supernove lontane, ha costretto gli astronomi a impiegare una costante cosmologica positiva per spiegare l'accelerazione dell'espansione dell'Universo.

Nel 1998, l'osservazione dello spostamento verso il rosso di supernove lontane, ha costretto gli astronomi a impiegare una costante cosmologica positiva per spiegare l'accelerazione dell'espansione dell'Universo.

Nel 1967 John Wheeler conia il termine buco nero.

Nel 1967 John Wheeler conia il termine buco nero.

Nel 1967 John Wheeler conia il termine buco nero.

Nel 1967 John Wheeler conia il termine buco nero.

Nel 1967 John Wheeler conia il termine buco nero.

Nel 1905 Albert Einstein risolve le contraddizioni presenti tra le equazioni di Maxwell dell'elettromagnetismo e la relatività galileiana pubblicando in un articolo la teoria della relatività ristretta.

Nel 1905 Albert Einstein risolve le contraddizioni presenti tra le equazioni di Maxwell dell'elettromagnetismo e la relatività galileiana pubblicando in un articolo la teoria della relatività ristretta.

Nel 1905 Albert Einstein risolve le contraddizioni presenti tra le equazioni di Maxwell dell'elettromagnetismo e la relatività galileiana pubblicando in un articolo la teoria della relatività ristretta.

Nel 1905 Albert Einstein risolve le contraddizioni presenti tra le equazioni di Maxwell dell'elettromagnetismo e la relatività galileiana pubblicando in un articolo la teoria della relatività ristretta.

Nel 1905 Albert Einstein risolve le contraddizioni presenti tra le equazioni di Maxwell dell'elettromagnetismo e la relatività galileiana pubblicando in un articolo la teoria della relatività ristretta.

Nel 2034 è previsto il lancio dei tre satelliti della missione eLISA (Evolved Laser Interferometer Space Antenna), derivata da LISA (Laser Interferometer Space Antenna) in seguito a tagli di budget.

Nel 2034 è previsto il lancio dei tre satelliti della missione eLISA (Evolved Laser Interferometer Space Antenna), derivata da LISA (Laser Interferometer Space Antenna) in seguito a tagli di budget.

Nel 2034 è previsto il lancio dei tre satelliti della missione eLISA (Evolved Laser Interferometer Space Antenna), derivata da LISA (Laser Interferometer Space Antenna) in seguito a tagli di budget.

L'11 febbraio 2016 è stata confermata, in una conferenza stampa congiunta con LIGO e VIRGO, l'esistenza delle onde gravitazionali, grazie allo studio sulla fusione di due buchi neri distanti circa 1 miliardo e 300 milioni di anni luce .

L'11 febbraio 2016 è stata confermata, in una conferenza stampa congiunta con LIGO e VIRGO, l'esistenza delle onde gravitazionali, grazie allo studio sulla fusione di due buchi neri distanti circa 1 miliardo e 300 milioni di anni luce .

L'11 febbraio 2016 è stata confermata, in una conferenza stampa congiunta con LIGO e VIRGO, l'esistenza delle onde gravitazionali, grazie allo studio sulla fusione di due buchi neri distanti circa 1 miliardo e 300 milioni di anni luce .

Nel 2016 sono osservate per la prima volta le onde gravitazionali, una delle previsioni più significative della teoria.

Nel 2016 sono osservate per la prima volta le onde gravitazionali, una delle previsioni più significative della teoria.

Nel 2016 sono osservate per la prima volta le onde gravitazionali, una delle previsioni più significative della teoria.

Nel 2016 sono osservate per la prima volta le onde gravitazionali, una delle previsioni più significative della teoria.

Nel 2016 sono osservate per la prima volta le onde gravitazionali, una delle previsioni più significative della teoria.

ONDE GRAVITAZIONALI, DIMOSTRAZIONE DIRETTA ESISTENZA E CARATTERISTICHE, waves of gravity direct demonstration

E-MAIL: Le onde gravitazionali sono perciò una realtà elettromagnetica ormai dimostrata. Il presente studio pubblicato la prima volta e in forma sintetica nel febbraio del 1989 dimostra in modo diretto la loro esistenza, la loro velocità e la loro natura in linea con le previsioni storiche della fisica relativistica e quantistica. Una conferma, seppure in forma indiretta, dell'emissione di onde gravitazionali è venuta dall'osservazione nel 1974 di un sistema di [...]

Onde gravitazionali, da collisioni un bozzolo di detriti

Onde gravitazionali, da collisioni un bozzolo di detriti

Nuova scoperta dell'astronomia multimessaggero

Onde gravitazionali, inizio 2019 nuova presa dati Virgo e Ligo

Onde gravitazionali, inizio 2019 nuova presa dati Virgo e Ligo

Roma, (askanews) - "All'inizio del 2019 Virgo e Ligo ricominceranno a prendere dati con una sensibilità migliorata rispetto a quella che avevano nell'agosto 2017. Ci aspettiamo di continuare a scoprire cose straordinarie in questo Universo oscuro che abbiamo cominciato ad osservare attraverso le onde gravitazionali. Non possiamo prevedere esattamente cosa però ci aspettiamo di vedere ancora coalescenze di stelle di neutroni e buchi neri e poi, chissà, magari [...]

Bosone e onde gravitazionali, parlano le protagoniste-Diretta

Dal bosone di Higgs alle onde gravitazionali, le scoperte che hanno fatto la storia della fisica contemporanea sono raccontate al pubblico dalle stesse protagoniste: l’appuntamento, che trasmettiamo in diretta streaming su ANSA Scienza e Tecnica dalle 20,45. Organizzata da Università di Bologna e Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn)  in occasione del convegno internazionale sull’acceleratore più grande del mondo, il Large Hadron Collider (Lhc) del [...]

Onde gravitazionali, corsa al futuro osservatorio - LIVE

Onde gravitazionali, corsa al futuro osservatorio - LIVE

E’ partita la corsa per il futuro della ricerca sulle onde gravitazionali e l’Italia si è già proposta per ospitare il nuovo rivelatore, chiamato Einstein Telescope. Ne parla un seminario online organizzato a partire dalle 15,00 presso la Scuola Normale Superiore di Pisa, è Giovanni Losurdo, dell’Istituto nazionale di Fisica Nucleare (Infn) e coordinatore del progetto Advanced Virgo, la versione potenziata del rivelatore di onde gravitazionali che si [...]

Workshop Onde Gravitazionali - ASI- 4 Dicembre

“Il workshop Onde gravitazionali, neutrini e fotoni: l’inizio dell’Astronomia multi-messaggero dallo spazio e dalla Terra si terrà in ASI il 4 dicembre 2017 per celebrare il connubio tra Spazio e Terra che ha portato all’incredibile scoperta della controparte elettromagnetica dell’evento gravitazionale rivelato il 17 agosto 2017 da LIGO-Virgo.”

Nobel Fisica a Thorne, Barish e Weiss per le onde gravitazionali

Nobel Fisica a Thorne, Barish e Weiss per le onde gravitazionali

l Nobel per la Fisica 2017 è stato assegnato alla scoperta delle onde gravitazionali. Il Nobel è stato assegnato a Kip Thorne, Barry Barish e Rainer Weiss. Sono state menzionate le collaborazioni internazionali Ligo e Virgo. Una metà del premio va a Rainer Weiss, mentre l’altra metà è stata assegnata congiuntamente a Barry C. Barish e Kip S. Thorne “per il contributo decisivo al rivelatore Ligo e all’osservazione delle onde gravitazionali”. Per [...]

Breve guida alle onde gravitazionali

Breve guida alle onde gravitazionali

Sono le 'vibrazioni' dello spazio-tempo provocate dai fenomeni piu' violenti dell'universo

FOTO: Storia della relatività generale

Secondo la teoria della relatività, la curvatura e la distorsione dello spaziotempo sono legate alla distribuzione delle masse e dell'energia.

Secondo la teoria della relatività, la curvatura e la distorsione dello spaziotempo sono legate alla distribuzione delle masse e dell'energia.

Secondo la teoria della relatività, la curvatura e la distorsione dello spaziotempo sono legate alla distribuzione delle masse e dell'energia.

Secondo la teoria della relatività, la curvatura e la distorsione dello spaziotempo sono legate alla distribuzione delle masse e dell'energia.

Onde di gravità a sud dello Stretto di Messina.

Onde di gravità a sud dello Stretto di Messina.

Andamento del potenziale efficace in funzione della distanza

Andamento del potenziale efficace in funzione della distanza

Andamento del potenziale efficace in funzione della distanza

Andamento del potenziale efficace in funzione della distanza

Albert Einstein nel 1921.

Albert Einstein nel 1921.

Albert Einstein nel 1921.

Albert Einstein nel 1921.

Nobel fisica 2017 agli scopritori delle onde gravitazionali

Nobel fisica 2017 agli scopritori delle onde gravitazionali

Stoccolma (askanews) - Il Premio Nobel per la fisica 2017 è stato assegnato a Barry Barish e Kip S. Thorne, entrambi della Caltech e a Rainer Weiss del Mit, per il loro ruolo nella scoperta delle onde gravitazionali. A Weiss andrà metà del premio di 940mila euro. Thorne e Barish divideranno l'altra metà. I tre sono promotori e fondatori degli strumenti di Ligo, l'interferometro americano grazie al quale è stata realizzata, il 14 settembre 2015, la prima [...]

Ecco il suono delle onde gravitazionali, la scoperta da Nobel

Ecco il suono delle onde gravitazionali, la scoperta da Nobel

Milano (askanews) - In questa animazione si può ascoltare la conversione in suono delle onde gravitazionali emesse dalla collisione di due buchi neri, così come sono state captate per la prima volta, il 14 settembre 2015, alle 10:50:45 ora italiana, dai due strumenti gemelli Laser Interferometer Gravitational-wave Observatory (Ligo), negli Stati Uniti. La scoperta, annunciata l'11 febbraio 2016 dalle collaborazioni scientifiche Ligo e Virgo nel corso di due [...]

Il Nobel alla scoperta delle onde gravitazionali. Ecco cosa sono

Il Nobel alla scoperta delle onde gravitazionali. Ecco cosa sono

Roma, 3 ott. (askanews) – Cosa sono le onde gravitazionali per la cui scoperta è stata annunciata oggi l’assegnazione del Premio Nobel per la fisica 2017 agli scienziati Barry Barish, Kip S. Thorne, e Rainer Weiss? Le onde gravitazionali sono increspature Spazio-Temporali, previste con la teoria della Relatività generale da Albert Einstein nel 1916, che in pratica espandono e contraggono lo Spazio-Tempo. Un corpo nello Spazio, a causa della gravità, [...]

I vincitori del Nobel per la Fisica per le onde gravitazionali

I vincitori del Nobel per la Fisica per le onde gravitazionali

I vincitori del Nobel per la Fisica per le onde gravitazionali

I vincitori del Nobel per la Fisica per le onde gravitazionali

Assegnati a Kip Thorne, Barry Barish e Rainer Weiss

Onde gravitazionali, l'annuncio dell'Infn al G7 Scienza di Torino

Onde gravitazionali, l'annuncio dell'Infn al G7 Scienza di Torino

Torino (askanews) - "Abbiamo realizzato questo esperimento con l'obiettivo principale: consentire con i nostri partner di Ligo di iniziare la nuova avventura dell'astronomia multimessaggera che ci consentirà di capire molte più cose sull'Universo in cui viviamo". A parlare è Giovanni Losurdo, fisico dell'Infn e project leader dell'intrerferometro franco-italiano Advanced Virgo che, intervenendo al G7 Scienza di Torino ha annunciato la nuova scoperta di onde [...]

Onde gravitazionali, prima rilevazione "a tre" per Virgo e Ligo

Onde gravitazionali, prima rilevazione "a tre" per Virgo e Ligo

Torino (askanews) - Per la prima volta gli interferometri Virgo e Ligo, in Italia e Stati Uniti hanno effettuato una misura congiunta a tre di onde gravitazionali, le increspature nello Spazio-tempo teorizzate da Albert Einstein nel 1916. L'annuncio è stato dato al G7 Scienza di Torino, dov'era presente anche il ministro dell'Istruzione, Valeria Fedeli. Questo risultato - hanno spiegato i ricercatori dell'Infn, l'Istituto nazionale di Fisica nucleare - dimostra [...]

Anche l'antenna italiana Virgo cattura le onde gravitazionali

Anche l'antenna italiana Virgo cattura le onde gravitazionali

Roma, 27 set. (askanews) – E’ stata effettuata la prima misura congiunta di onde gravitazionali da parte di tutti e tre i rivelatori delle collaborazioni scientifiche VIRGO e LIGO. L’annuncio è stato dato da Torino, nell’ambito del G7 della Scienza. Questo risultato – spiega una nota dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare – dimostra il potenziale scientifico della rete globale di rivelatori di onde gravitazionali, che consente una migliore [...]

Al Vinitaly il vino delle onde gravitazionali: e' 'Lignum vitis'

Al Vinitaly il vino delle onde gravitazionali: e' 'Lignum vitis'

Roma, 10 apr. (askanews) - C'erano anche gli scienziati delle Onde Gravitazionali, del gruppo Virgo di Padova, domenica al debutto della prima bottiglia di vino che si fa veicolo della scienza: presso lo stand gallery di Enoitalia e' stato presentato 'Lignum Vitis', un concept wine ispirato all'importante scoperta scientifica. Le onde gravitazionali sono rappresentate da un design simbolico scelto dall'azienda veronese per tradurre una forza cosmica non [...]

Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo

Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo

Pisa (askanews) - E' stato inaugurato allo European Gravitational Observatory di Cascina, in provincia di Pisa, Advanced Virgo, l'interferometro di seconda generazione, di cui l'Italia con l'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (infn) e' tra i fondatori, pronto ad andare alla ricerca nello Spazio delle onde gravitazionali, la cui esistenza e' stata scoperta il 14 settembre 2015 dai due interferometri statunitensi LIGO, con il contruibuto dei laboratori italiani. [...]

&id=HPN_Radiazione+gravitazionale_http{{{}}}dbpedia*org{}resource{}Gravity{{}}wave" alt="" style="display:none;"/> ?>