Regno d Italia

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Sistema elettorale
In rilievo

Sistema elettorale

Regno d'Italia (1861-1946)

La scheda: Regno d'Italia (1861-1946)

Marcia Reale (1861-1943 e 1944-1946)
La canzone del Piave (1943-1944)
Torino (1861-1865)
Firenze (1865-1871)
Sedi provvisorie del governo
Brindisi (1943-1944)
Salerno (1944)
Impero coloniale italiano (1882-1946)
Regno d'Albania (1939-1943)
Stato Indipendente di Croazia (1941-1943)
Regno del Montenegro (1941-1943)
Stato ellenico (1941-1943)
Stato liberale (1861-1925 e 1943-1946)
Stato fascista autoritario corporativo (1925-1943)
Vittorio Emanuele II di Savoia (1861-1878)
Umberto I di Savoia (1878-1900)
Vittorio Emanuele III di Savoia (1900-1946)
Umberto II di Savoia (1946)
Italia
Possedimenti coloniali italiani
Territori coloniali provvisori d'Italia durante la seconda guerra mondiale
Il Regno d'Italia fu lo Stato italiano proclamato il 17 marzo 1861 con l'Unità d'Italia, durante il Risorgimento italiano, in seguito alla seconda guerra d'indipendenza combattuta dal Regno di Sardegna per conseguire l'unificazione nazionale italiana, unificazione poi proseguita con la Terza guerra d'indipendenza italiana nel 1866 e l'annessione dello Stato Pontificio, con la conseguente presa di Roma, nel 1870.
Il completamento del territorio nazionale avvenne tuttavia solo al termine della prima guerra mondiale, considerata come la quarta guerra d'indipendenza italiana, il 4 novembre 1918 (giorno della diramazione del Bollettino della Vittoria che annunciava che l'Impero austro-ungarico si arrendeva all'Italia) in base all'armistizio firmato a Villa Giusti, nei pressi di Padova. Con il successivo trattato di Saint-Germain-en-Laye, nel 1919, l'Italia completò l'unità nazionale con l'annessione di Trento, Trieste, l'Istria e parte della Dalmazia.
Dal 1861 al 1946 fu una monarchia costituzionale basata sullo Statuto Albertino, concesso nel 1848 da Carlo Alberto di Savoia ai suoi sudditi del Regno di Sardegna, prima di abdicare l'anno successivo. Al vertice dello Stato vi era il re, il quale riassumeva in sé i tre poteri legislativo, esecutivo e giudiziario seppur esercitati non in maniera assoluta. Tale forma di governo fu avversata dalle frange repubblicane (oltreché internazionaliste e anarchiche) e si concretizzò soprattutto in due note vicende: la fucilazione di Pietro Barsanti (considerato il primo martire della Repubblica Italiana) e l'attentato di Giovanni Passannante, di fede anarchica.
Solo nel 1946 l'Italia divenne una repubblica e nello stesso anno fu dotata di un'Assemblea Costituente al fine di redigere una costituzione avente valore di legge suprema dello Stato repubblicano, onde sostituire lo Statuto Albertino sino ad allora vigente. Nel periodo del Regno d'Italia fu a più riprese intrapresa la costituzione di possedimenti coloniali che compresero domini in Africa orientale, in Libia e nel Mediterraneo, e una concessione a Tientsin, in Cina. Il Regno d'Italia prese parte alla terza guerra d'indipendenza, a diverse guerre coloniali e a due conflitti mondiali.
La trasformazione nell'attuale assetto istituzionale avvenne in seguito a un referendum tenutosi il 2 e 3 giugno, che sancì la nascita della Repubblica Italiana, che il 1º gennaio 1948 si dotò di nuova Costituzione.


Marcia Reale (1861-1943 e 1944-1946)
La canzone del Piave (1943-1944)
Torino (1861-1865)
Firenze (1865-1871)
Sedi provvisorie del governo
Brindisi (1943-1944)
Salerno (1944)
Impero coloniale italiano (1882-1946)
Regno d'Albania (1939-1943)
Stato Indipendente di Croazia (1941-1943)
Regno del Montenegro (1941-1943)
Stato ellenico (1941-1943)
Stato liberale (1861-1925 e 1943-1946)
Stato fascista autoritario corporativo (1925-1943)
Vittorio Emanuele II di Savoia (1861-1878)
Umberto I di Savoia (1878-1900)
Vittorio Emanuele III di Savoia (1900-1946)
Umberto II di Savoia (1946)
Italia
Possedimenti coloniali italiani
Territori coloniali provvisori d'Italia durante la seconda guerra mondiale
Il Regno d'Italia fu lo Stato italiano proclamato il 17 marzo 1861 con l'Unità d'Italia, durante il Risorgimento italiano, in seguito alla seconda guerra d'indipendenza combattuta dal Regno di Sardegna per conseguire l'unificazione nazionale italiana, unificazione poi proseguita con la Terza guerra d'indipendenza italiana nel 1866 e l'annessione dello Stato Pontificio, con la conseguente presa di Roma, nel 1870.
Il completamento del territorio nazionale avvenne tuttavia solo al termine della prima guerra mondiale, considerata come la quarta guerra d'indipendenza italiana, il 4 novembre 1918 (giorno della diramazione del Bollettino della Vittoria che annunciava che l'Impero austro-ungarico si arrendeva all'Italia) in base all'armistizio firmato a Villa Giusti, nei pressi di Padova. Con il successivo trattato di Saint-Germain-en-Laye, nel 1919, l'Italia completò l'unità nazionale con l'annessione di Trento, Trieste, l'Istria e parte della Dalmazia.
Dal 1861 al 1946 fu una monarchia costituzionale basata sullo Statuto Albertino, concesso nel 1848 da Carlo Alberto di Savoia ai suoi sudditi del Regno di Sardegna, prima di abdicare l'anno successivo. Al vertice dello Stato vi era il re, il quale riassumeva in sé i tre poteri legislativo, esecutivo e giudiziario seppur esercitati non in maniera assoluta. Tale forma di governo fu avversata dalle frange repubblicane (oltreché internazionaliste e anarchiche) e si concretizzò soprattutto in due note vicende: la fucilazione di Pietro Barsanti (considerato il primo martire della Repubblica Italiana) e l'attentato di Giovanni Passannante, di fede anarchica.
Solo nel 1946 l'Italia divenne una repubblica e nello stesso anno fu dotata di un'Assemblea Costituente al fine di redigere una costituzione avente valore di legge suprema dello Stato repubblicano, onde sostituire lo Statuto Albertino sino ad allora vigente. Nel periodo del Regno d'Italia fu a più riprese intrapresa la costituzione di possedimenti coloniali che compresero domini in Africa orientale, in Libia e nel Mediterraneo, e una concessione a Tientsin, in Cina. Il Regno d'Italia prese parte alla terza guerra d'indipendenza, a diverse guerre coloniali e a due conflitti mondiali.
La trasformazione nell'attuale assetto istituzionale avvenne in seguito a un referendum tenutosi il 2 e 3 giugno, che sancì la nascita della Repubblica Italiana, che il 1º gennaio 1948 si dotò di nuova Costituzione.

Marcia Reale (1861-1943 e 1944-1946)
La canzone del Piave (1943-1944)
Torino (1861-1865)
Firenze (1865-1871)
Sedi provvisorie del governo
Brindisi (1943-1944)
Salerno (1944)
Impero coloniale italiano (1882-1946)
Regno d'Albania (1939-1943)
Stato Indipendente di Croazia (1941-1943)
Regno del Montenegro (1941-1943)
Stato ellenico (1941-1943)
Stato liberale (1861-1925 e 1943-1946)
Stato fascista autoritario corporativo (1925-1943)
Vittorio Emanuele II di Savoia (1861-1878)
Umberto I di Savoia (1878-1900)
Vittorio Emanuele III di Savoia (1900-1946)
Umberto II di Savoia (1946)
Italia
Possedimenti coloniali italiani
Territori coloniali provvisori d'Italia durante la seconda guerra mondiale
Il Regno d'Italia fu lo Stato italiano proclamato il 17 marzo 1861 con l'Unità d'Italia, durante il Risorgimento italiano, in seguito alla seconda guerra d'indipendenza combattuta dal Regno di Sardegna per conseguire l'unificazione nazionale italiana, unificazione poi proseguita con la Terza guerra d'indipendenza italiana nel 1866 e l'annessione dello Stato Pontificio, con la conseguente presa di Roma, nel 1870.
Il completamento del territorio nazionale avvenne tuttavia solo al termine della prima guerra mondiale, considerata come la quarta guerra d'indipendenza italiana, il 4 novembre 1918 (giorno della diramazione del Bollettino della Vittoria che annunciava che l'Impero austro-ungarico si arrendeva all'Italia) in base all'armistizio firmato a Villa Giusti, nei pressi di Padova. Con il successivo trattato di Saint-Germain-en-Laye, nel 1919, l'Italia completò l'unità nazionale con l'annessione di Trento, Trieste, l'Istria e parte della Dalmazia.
Dal 1861 al 1946 fu una monarchia costituzionale basata sullo Statuto Albertino, concesso nel 1848 da Carlo Alberto di Savoia ai suoi sudditi del Regno di Sardegna, prima di abdicare l'anno successivo. Al vertice dello Stato vi era il re, il quale riassumeva in sé i tre poteri legislativo, esecutivo e giudiziario seppur esercitati non in maniera assoluta. Tale forma di governo fu avversata dalle frange repubblicane (oltreché internazionaliste e anarchiche) e si concretizzò soprattutto in due note vicende: la fucilazione di Pietro Barsanti (considerato il primo martire della Repubblica Italiana) e l'attentato di Giovanni Passannante, di fede anarchica.
Solo nel 1946 l'Italia divenne una repubblica e nello stesso anno fu dotata di un'Assemblea Costituente al fine di redigere una costituzione avente valore di legge suprema dello Stato repubblicano, onde sostituire lo Statuto Albertino sino ad allora vigente. Nel periodo del Regno d'Italia fu a più riprese intrapresa la costituzione di possedimenti coloniali che compresero domini in Africa orientale, in Libia e nel Mediterraneo, e una concessione a Tientsin, in Cina. Il Regno d'Italia prese parte alla terza guerra d'indipendenza, a diverse guerre coloniali e a due conflitti mondiali.
La trasformazione nell'attuale assetto istituzionale avvenne in seguito a un referendum tenutosi il 2 e 3 giugno, che sancì la nascita della Repubblica Italiana, che il 1º gennaio 1948 si dotò di nuova Costituzione.

Così é nato "IL REGNO D'ITALIA"

Così é nato "IL REGNO D'ITALIA" Noi abbiamo sanzionato e promulghiamo quanto segue: Articolo unico: Il Re Vittorio Emanuele II assume per sé e suoi Successori il titolo di Re d'Italia. Ordiniamo che la presente, munita del Sigillo dello Stato, sia inserita nella raccolta degli atti del Governo, e inviata  a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge dello Stato. Da Torino addì 17 marzo 1861". Sono le parole che si possono leggere nel [...]

Circoscrizioni militari del Regno d'Italia 1912

Circoscrizioni militari del Regno d'Italia 1912

Questa mappa su tela setata misura cm 65x60. Circoscrizioni militari del Regno d'Italia anno 1912, sono segnate con cura tutte le stemme delle citta Italiane e i loro reggimenti... e disloccamenti militari. Ci tengo a precisare che questa cartina è di mia proprietà. Una copia si trova nel museo della grande guerra a Rovereto. Ciaooo un caro saluto ____Renzo 

EVENTI: Regno d'Italia (1861-1946)

Nel 1890, per volere di Umberto I, lo stemma venne arricchito e come segno di potere venne inserita al centro la corona ferrea.

Nel 1890, per volere di Umberto I, lo stemma venne arricchito e come segno di potere venne inserita al centro la corona ferrea.

Nel 1878 l'equilibrio europeo concordato a Vienna rischiò di essere sconvolto dagli esiti della guerra russo-turca e dai successivi accordi di pace che fecero crescere la sfera di influenza russa nella penisola balcanica.

Nel 1878 l'equilibrio europeo concordato a Vienna rischiò di essere sconvolto dagli esiti della guerra russo-turca e dai successivi accordi di pace che fecero crescere la sfera di influenza russa nella penisola balcanica.

Nel 1912 una legge per finanziare le pensioni di invalidità e di vecchiaia per i lavoratori inaugurava la moderna legislazione sociale in Italia.

Nel 1912 una legge per finanziare le pensioni di invalidità e di vecchiaia per i lavoratori inaugurava la moderna legislazione sociale in Italia.

Nel 1915, Vittorio Emanuele III si dimostrò ancora una volta favorevole all'entrata in guerra a fianco di Gran Bretagna, Francia e Russia.

Nel 1915, Vittorio Emanuele III si dimostrò ancora una volta favorevole all'entrata in guerra a fianco di Gran Bretagna, Francia e Russia.

Nel 1870, con la breccia di Porta Pia, Roma venne conquistata da un gruppo di bersaglieri e divenne capitale d'Italia l'anno seguente.

Nel 1870, con la presa di Roma, al regno viene annesso il Lazio, sottraendolo definitivamente allo Stato della Chiesa.

Nel 1870, per volere di Vittorio Emanuele II, venne modificato l'emblema nazionale, nel quale venne inserito lo Stellone d'Italia.

Nel 1870, con la breccia di Porta Pia, Roma venne conquistata da un gruppo di bersaglieri e divenne capitale d'Italia l'anno seguente.

Nel 1870, con la presa di Roma, al regno viene annesso il Lazio, sottraendolo definitivamente allo Stato della Chiesa.

Nel 1870, per volere di Vittorio Emanuele II, venne modificato l'emblema nazionale, nel quale venne inserito lo Stellone d'Italia.

Nel 1892 fu fondato a Genova da Filippo Turati il Partito Socialista Italiano, principale referente del movimento operaio fino all'avvento del fascismo.

Nel 1892 fu fondato a Genova da Filippo Turati il Partito Socialista Italiano, principale referente del movimento operaio fino all'avvento del fascismo.

Nel 1896 sposò Elena di Montenegro e salì al trono nel 1900, quando il padre venne assassinato.

Nel 1896 sposò Elena di Montenegro e salì al trono nel 1900, quando il padre venne assassinato.

Nel 1876 venne conseguito il pareggio del bilancio dello Stato, ma gravi problemi rimanevano sul tappeto: il divario fra popolazione ed istituzioni, l'arretratezza economica e sociale, gli squilibri territoriali.

Nel 1876, la Sinistra si presentò alle elezioni con un programma protezionista.

Nel 1876 venne conseguito il pareggio del bilancio dello Stato, ma gravi problemi rimanevano sul tappeto: il divario fra popolazione ed istituzioni, l'arretratezza economica e sociale, gli squilibri territoriali.

Nel 1876, la Sinistra si presentò alle elezioni con un programma protezionista.

Nel 1919 fu fondato dal sacerdote Luigi Sturzo il Partito Popolare Italiano, sotto gli auspici della Chiesa.

Nel 1919 fu fondato dal sacerdote Luigi Sturzo il Partito Popolare Italiano, sotto gli auspici della Chiesa.

Il 9 agosto 1918 la Camera votò a scrutinio segreto la nuova legge elettorale con 224 voti a favore e 63 contrari.

Il 9 agosto 1918 la Camera votò a scrutinio segreto la nuova legge elettorale con 224 voti a favore e 63 contrari.

Nel gennaio del 1944 la sede provvisoria del governo fu trasferita a Salerno, fu in questa città che nell'aprile 1944 si formò il primo governo di unità nazionale e fu emesso il primo decreto con il quale Salerno, nell'attesa della liberazione di Roma, divenne la nuova capitale d'Italia.

Nel gennaio del 1944 la sede provvisoria del governo fu trasferita a Salerno, fu in questa città che nell'aprile 1944 si formò il primo governo di unità nazionale e fu emesso il primo decreto con il quale Salerno, nell'attesa della liberazione di Roma, divenne la nuova capitale d'Italia.

Nel 1866, a seguito della terza guerra di indipendenza, vengono annessi al regno il Veneto (che allora comprendeva anche la Provincia del Friuli) e Mantova sottratti all'Impero austriaco.

Nel 1866, a seguito della terza guerra di indipendenza, vengono annessi al regno il Veneto (che allora comprendeva anche la Provincia del Friuli) e Mantova sottratti all'Impero austriaco.

Nel 1921 a Livorno da una scissione in seno al partito socialista nacque il Partito Comunista d'Italia: Antonio Gramsci ne era il leader teorico.

Nel 1921 a Livorno da una scissione in seno al partito socialista nacque il Partito Comunista d'Italia: Antonio Gramsci ne era il leader teorico.

Nel 1943 la guerra volse al peggio per l'Asse, dunque il Re, pressato dalle gerarchie militari, destituì Mussolini, sostituendolo con il maresciallo Pietro Badoglio, in seguito al pronunciamento del Gran Consiglio del Fascismo del 25 luglio 1943.

Nel 1943 la guerra volse al peggio per l'Asse, dunque il Re, pressato dalle gerarchie militari, destituì Mussolini, sostituendolo con il maresciallo Pietro Badoglio, in seguito al pronunciamento del Gran Consiglio del Fascismo del 25 luglio 1943.

Il 2 giugno 1946 si tenne il referendum per scegliere fra monarchia e repubblica, referendum voluto dai partiti politici e decretato dallo stesso Umberto II.

Il 2 giugno 1946 si tenne il referendum per scegliere fra monarchia e repubblica, referendum voluto dai partiti politici e decretato dallo stesso Umberto II.

Nel 1923 il trattato di Losanna assegnava ufficialmente il Dodecaneso e Rodi all'Italia, sarebbero rimaste sue colonie fino al 1945.

Nel 1923 il trattato di Losanna assegnava ufficialmente il Dodecaneso e Rodi all'Italia, sarebbero rimaste sue colonie fino al 1945.

Nel 1849 tramontò il progetto di confederazione tra gli Stati della penisola (come volevano moltissime personalità di spicco della politica italiana dell'epoca, dal piemontese Massimo d'Azeglio al toscano Bettino Ricasoli e al federalista lombardo Carlo Cattaneo) per il ritiro delle truppe pontificie e successivamente borboniche, nel sostegno a Carlo Alberto durante la prima guerra d'indipendenza.

Nel 1849 tramontò il progetto di confederazione tra gli Stati della penisola (come volevano moltissime personalità di spicco della politica italiana dell'epoca, dal piemontese Massimo d'Azeglio al toscano Bettino Ricasoli e al federalista lombardo Carlo Cattaneo) per il ritiro delle truppe pontificie e successivamente borboniche, nel sostegno a Carlo Alberto durante la prima guerra d'indipendenza.

Nel 1928, il disegno di legge sulla riforma della rappresentanza politica presentato dal ministro della giustizia Alfredo Rocco introdusse un nuovo sistema elettorale che, negando la sovranità popolare e liquidando l'esperienza parlamentare, contribuiva alla realizzazione di un regime autoritario basato sulla figura del Capo del Governo.

Nel 1928, il disegno di legge sulla riforma della rappresentanza politica presentato dal ministro della giustizia Alfredo Rocco introdusse un nuovo sistema elettorale che, negando la sovranità popolare e liquidando l'esperienza parlamentare, contribuiva alla realizzazione di un regime autoritario basato sulla figura del Capo del Governo.

Dal 1861 al 1946 fu una monarchia costituzionale basata sullo Statuto Albertino, concesso nel 1848 da Carlo Alberto di Savoia ai suoi sudditi del Regno di Sardegna, prima di abdicare l'anno successivo.

Il 21 febbraio 1861 la nuova Camera dei deputati approvò un disegno di legge con il quale Vittorio Emanuele II assunse il titolo di Re d'Italia, assumendone il titolo per sé e per i suoi successori.

Il 27 gennaio 1861 si tennero le elezioni politiche per la prima Camera unitaria (il Senato era di nomina regia: composto da membri di età superiore ai quaranta anni e nominati a vita dal re, la camera era composta da deputati eletti nei collegi elettorali).

Dal 1861 al 1946 fu una monarchia costituzionale basata sullo Statuto Albertino, concesso nel 1848 da Carlo Alberto di Savoia ai suoi sudditi del Regno di Sardegna, prima di abdicare l'anno successivo.

Il 21 febbraio 1861 la nuova Camera dei deputati approvò un disegno di legge con il quale Vittorio Emanuele II assunse il titolo di Re d'Italia, assumendone il titolo per sé e per i suoi successori.

Il 27 gennaio 1861 si tennero le elezioni politiche per la prima Camera unitaria (il Senato era di nomina regia: composto da membri di età superiore ai quaranta anni e nominati a vita dal re, la camera era composta da deputati eletti nei collegi elettorali).

Il 20 maggio 1882 si concluse il primo trattato della Triplice Alleanza, un accordo di natura difensiva di valore quinquennale che fu rinnovato una prima volta il 20 febbraio 1887, anche se furono siglati due distinti accordi bilaterali Italia-Austria e Italia-Germania che stabilivano l'impegno dei firmatari a mantenere lo "status quo" nei Balcani.

Il 20 maggio 1882 si concluse il primo trattato della Triplice Alleanza, un accordo di natura difensiva di valore quinquennale che fu rinnovato una prima volta il 20 febbraio 1887, anche se furono siglati due distinti accordi bilaterali Italia-Austria e Italia-Germania che stabilivano l'impegno dei firmatari a mantenere lo "status quo" nei Balcani.

Nel 1940, Vittorio Emanuele III, anche se personalmente contrario all'entrata in guerra al fianco della Germania nazista, non si oppose alla scelta di Mussolini.

Nel 1940, Vittorio Emanuele III, anche se personalmente contrario all'entrata in guerra al fianco della Germania nazista, non si oppose alla scelta di Mussolini.

Nel giugno del 1920 fece ritorno alla presidenza del consiglio Giolitti, che per esperienza e prestigio si pensava potesse comporre i contrasti politici.

Nel giugno del 1920 fece ritorno alla presidenza del consiglio Giolitti, che per esperienza e prestigio si pensava potesse comporre i contrasti politici.

Nel 1864 venne stipulata con la Francia la Convenzione di settembre, che imponeva all'Italia il trasferimento della capitale da Torino ad un'altra città, la scelta cadde su Firenze, suscitando l'opposizione dei Torinesi.

Nel 1864 venne stipulata con la Francia la Convenzione di settembre, che imponeva all'Italia il trasferimento della capitale da Torino ad un'altra città, la scelta cadde su Firenze, suscitando l'opposizione dei Torinesi.

Moda bimbi a Pechino

Moda bimbi a Pechino

Una sfilata dedicata interamente all’abbigliamento per bimbi è quella che si è svolta a Pechino in occasione della Mercedes Benz China Fashion Week (25 ottobre / 2 novembre). A sfilare il brand FEIHExBBC. (foto per gentile concessione ufficio stampa Mercedes Benz China Fashion Week) Attilio Runello

Laos - Fotogallery

Per vedere la fotogallery del mio viaggio in Laos cliccare sul link sottohttps://www.flickr.com/photos/marcodileo/sets/72157647901095843/Posti visitati: Don Sao

Sogni infranti di ieri e di oggi

Il sogno infranto di due legislature dell'Imbonitore Fiorentino. Ieri accadeva. 26 ottobre 2015Si dice del grande Mao Tse Dong che fosse arci convinto che: 'Grande è la confusione sotto al cielo. La situazione è, quindi, eccellente.' Detto da un grande rivoluzionario, forse il massimo del secolo appena scorso, c'è da credergli perché la 'confusione' sociale è (di ogni rivoluzionario) il suo brodo primordiale e colturale, l'acqua del suo essere pesce sempre [...]

LA CIOCCA CU LI PUDDICINA

                      LA CIOCCA E  LI PUDDICINASeguendo la legge della natura, la gallina diventa “ciocca” (chioccia) in media una volta l'anno, con una temperatura corporea che si alza sensibilmente; nel lontano passato, il padrone ne approfittava per farle covare le uova. A tale scopo metteva in una "cartedda" (gerla) della paglia con sopra una ventina di "ova di addu" (fecondate dal gallo), sopra  vi sistemava la chioccia.  Il [...]

Dalla Cina la terrificante App sta spiando 100 milioni di utenti Android

Dalla Cina la terrificante App sta spiando 100 milioni di utenti Android

ANDROID  23/10/2019 Dalla Cina la terrificante App sta spiando 100 milioni di utenti Android Dalla Cina la terrificante App sta spiando 100 milioni di utenti…

Un angolo di Cina...

        Scorci di agglomerati urbani, che mi hanno lasciata basita. Questi sono i luoghi della vita quotidiana di milioni di Cinesi, che vivono l'evoluzione del Capitalismo di Stato, una contraddizione in se, che tuttavia ha creato quei pochi supermiliardari, che hanno messo in crisi l'economia  mondiale, senza regalare alla sua gente non molto di più della famosa ciotola di riso a tutti, dei tempi di Mao.

Marco Borriello a Ibiza con Sofia progetta il futuro

Marco Borriello a Ibiza con Sofia progetta il futuro

Tace sui social lui, non resiste alla tentazione di un bikini mozzafiato in pieno ottobre al mare di Ibiza lei. Marco Borriello, 37 anni, e Sofia Resing, 28, sono stati pizzicati dal settimanale Chi a bordo dell'imbarcazione lussuosa dell'ex calciatore tra coccole e passione travolgente. Lei, fisico irresistibile e abituata a calcare le passerelle, appena può si rifugia a Ibiza, dove lui è di casa per godersi sole, mare e tanto amore. L'estate insomma non è [...]

Marco Borriello a Ibiza con Sofia progetta il futuro

Marco Borriello a Ibiza con Sofia progetta il futuro

Tace sui social lui, non resiste alla tentazione di un bikini mozzafiato in pieno ottobre al mare di Ibiza lei. Marco Borriello, 37 anni, e Sofia Resing, 28, sono stati pizzicati dal settimanale Chi a bordo dell'imbarcazione lussuosa dell'ex calciatore tra coccole e passione travolgente. Lei, fisico irresistibile e abituata a calcare le passerelle, appena può si rifugia a Ibiza, dove lui è di casa per godersi sole, mare e tanto amore. L'estate insomma non è [...]

Ermitage. Il Potere dell'Arte

 Arriva Lunedì 21 Ottobre in alcune Sale Italiane il nuovo Docu-Film Ermitage. Il Potere dell'Arte (Italia 2019. 90'. Nella Foto). Diretto da Michele Mally su soggetto di Didi Gnocchi. Con la partecipazione straordinaria di Toni Servillo. Per “La Grande Arte al Cinema”. «San Pietroburgo. La città e al suo Museo Statale Ermitage. Le tante anime che da secoli abitano questi luoghi tra arte, letteratura, musica e poesia. La storia dalla fondazione di Pietro I [...]

FOTO: Regno d'Italia (1861-1946)

Regno_d'Italia_(1861-1946)

Regno_d'Italia_(1861-1946)

Vittorio Emanuele II di Savoia, il primo re d'Italia di casa Savoia

Vittorio Emanuele II di Savoia, il primo re d'Italia di casa Savoia

Vittorio Emanuele II di Savoia, il primo re d'Italia di casa Savoia

Vittorio Emanuele II di Savoia, il primo re d'Italia di casa Savoia

Bellezze che abbattono i muri

Bellezze che abbattono i muri

La pubblicità di Calvin Klein: "Abbattiamo i muri, le civiltà e i piselli degli uomini".  

Moncler apre boutique nell’areoporto di Pechino

Moncler apre boutique nell’areoporto di Pechino

Moncler rafforza la propria presenza a Pechino aprendo un negozio monomarca all’interno dell’aeroporto. A Pechino, metropoli di venti milioni di abitanti, con diverse aree della moda è già presente con altre cinque boutique. Continua nella strategia di essere presente in questi grandi luoghi di passaggio che sono gli aereoporti. Di recente ha aperto un negozio monomarca nell’aeroporto di Parigi è in quello di Hong Kong. (foto da internet) Attilio Runello

La scomparsa di mia madre

La scomparsa di mia madre( La scomparsa di mia madre )Regista: Beniamino BarreseGenere: DocumentarioAnno: 2019Paese: ItaliaDurata: 94 minData di uscita: 10 ottobre 2019Distribuzione: Reading Bloom e RodaggioLa scomparsa di mia madre è un film di genere documentario del 2019, diretto da Beniamino Barrese, con Benedetta Barzini. Uscita al cinema il 10 ottobre 2019. Durata 94 minuti. Distribuito da Reading Bloom e Rodaggio.Data di uscita:10 ottobre [...]

Lhasa - "La Llorona" (Audiogram, 1997).

Lhasa - "La Llorona" (Audiogram, 1997).

Gente stanca torna dal lavoro, stanca e pensierosa, ma speranzosa, la festa è vicina, il futuro è vicino, lo puoi toccare, è quasi notte, la luna illumina la campagna, un grande fuoco indica la strada, i musicisti accordano gli strumenti, odore di rum e sangria, il triste silenzio farà spazio alla musica, l'amore farà sognare, l'ebrezza porterà il piacere, la malinconia porterà il sogno ed il sogno rivelerà la vita, siamo dentro ogni realtà. "La Llorona" [...]

Perché il Partito Comunista Cinese costringe i cristiani a aderire alla Chiesa delle Tre Autonomie?

Perché il Partito Comunista Cinese costringe i cristiani a aderire alla Chiesa delle Tre Autonomie?

Una serie di video e articoli, ti fanno conoscere completamente la persecuzione dei cristiani da parte del PCC. Immagine della Chiesa di Dio Onnipotente Perché il Partito Comunista Cinese costringe i cristiani a aderire alla Chiesa delle Tre Autonomie? Hou Xiangke (Il comandante dell'ufficio della pubblica sicurezza): Tu sai che il Partito Comunista è un partito ateo e che è sorto dalla [...]

DA LUX IN FABULA STA PER INIZIARE IL CORSO DI NAPOLETANO DI SALVATORE BRUNETTI

DA LUX IN FABULA STA PER INIZIARE IL CORSO DI NAPOLETANO DI SALVATORE BRUNETTI

PozzuoliLunedi 7 ottobre, presso la sede dell'associazione culturale Lux In Fabula, si è presentato il CORSO DI DIALETTO NAPOLETANO coordinato da Salvatore Brunetti.Questo appuntamento preliminare è servito a spiegare il programma, dare brevi cenni sulla storia del napoletano e svolgere una lezione propedeutica per chiarire la differenza tra il plurale napoletano maschile/femminile e il modo corretto con cui scriverli.La necessità di dar vita a un corso di [...]

DA LUX IN FABULA STA PER INIZIARE IL CORSO DI NAPOLETANO DI SALVATORE BRUNETTI

DA LUX IN FABULA STA PER INIZIARE IL CORSO DI NAPOLETANO DI SALVATORE BRUNETTI

Pozzuoli Lunedi 7 ottobre, presso la sede dell’associazione culturale Lux In Fabula, si è presentato il CORSO DI DIALETTO NAPOLETANO coordinato da Salvatore Brunetti. Questo appuntamento preliminare è servito a spiegare il programma in cui il corso si articolerà, a dare brevi cenni sulla storia del napoletano e a svolgere una lezione propedeutica per chiarire la differenza tra i plurali napoletani maschili e femminili e il modo corretto con cui [...]

Il documentario della Chiesa di Dio Onnipotente – "Cronache della persecuzione religiosa in Cina"

https://www.youtube.com/watch?v=pFOJ54vFfrw Il documentario della Chiesa di Dio Onnipotente - "Cronache della persecuzione religiosa in Cina" Il documentario "Cronache della persecuzione religiosa in Cina" racconta principalmente le storie vere di due cristiani della Cina continentale, entrambi condannati a morte, per la loro fede, dal governo del PCC. È un'accurata e obiettiva rappresentazione delle esperienze di persecuzione di cristiani cinesi per mano del [...]

Una breve introduzione sui retroscena dell’apparizione e dell’opera di Cristo degli ultimi giorni in Cina

La Chiesa di Dio Onnipotente chi sono: vuoi sapere chi ha creato la Chiesa di Dio Onnipotente? Ti preghiamo di aprire questa pagina, ti spiegherà in dettaglio della nascita e dello sviluppo della Chiesa di Dio Onnipotente. Una breve introduzione sui retroscena dell’apparizione e dell’opera di Cristo degli ultimi giorni in Cina La Cina è la terra in cui risiede il gran dragone rosso ed è il luogo che in maniera più grave ha resistito e condannato Dio nel [...]

Economia Giurisprudenza Preparazione Contenuto Digitale

Economia Giurisprudenza Preparazione Contenuto Digitale

Economia giurisprudenza preparazione Contenuto digitale sommesso - Vuoi avere la possibilità di cercare un scarso gioco Economia giurisprudenza preparazione Contenuto digitale? In questi giorni sembra come la maggior parte dei nuovi attività che possono essere in fase di sviluppo impiegano un grande prezzo attaccato per loro e è difficile avere la capacità di ottenere il bello sconti che una volta era era precedentemente capace per [...]

Bookcity Milano 2019

Bookcity Milano 2019

Mercoledì 9 ottobre alle ore 11.00 presso il Teatro Franco Parenti si terrà la conferenza stampa di BookCity Milano 2019. L'AIMC delle Province di Milano e Monza e la Cooperativa Ecogeses saranno presenti con due eventi: Venerdì 15 novembre, ore 10:00                              Dalla lettura alla scrittura creativa, con Emanuele Verdura [...]

&id=HPN_Regno+d'Italia_http{{{}}}it*dbpedia*org{}resource{}Regno{{}}d'Italia{{}}(1861–1946)" alt="" style="display:none;"/> ?>