Regnum Siciliae citra Pharum

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Max Biaggi
In rilievo

Max Biaggi

Vicereame di Napoli

La scheda: Vicereame di Napoli

Regno di Napoli è il nome con cui è conosciuto nella storiografia moderna l'antico Stato esistito dal XIV al XIX secolo ed esteso a tutto il meridione continentale italiano. Il suo nome ufficiale era Regnum Siciliae citra Pharum, vale a dire Regno di Sicilia al di qua del Faro (in riferimento al Faro di Messina) e si contrapponeva al contemporaneo Regnum Siciliae ultra Pharum (Regno di Sicilia al di là del Faro), che si estendeva sull'intera isola di Sicilia. Utilizzato dagli storici fu anche il nome Regno di Puglia, che trova la sua origine in età normanna, allorquando il territorio era parte integrante del Regno normanno di Sicilia. Quest'ultimo Stato fu istituito nel 1130, con il conferimento a Ruggero II d'Altavilla del titolo di Rex Siciliae dall'antipapa Anacleto II, titolo confermato nel 1139 da papa Innocenzo II. Il nuovo Stato insisteva così su tutti i territori del Mezzogiorno e della Sicilia, attestandosi come il più ampio degli antichi Stati italiani..
Alla stipula della Pace di Caltabellotta (1302) seguì la formale divisione del regno in due: Regnum Siciliae citra Pharum (noto nella storiografia moderna come Regno di Napoli) e Regnum Siciliae ultra Pharum (anche noto per un breve periodo come Regno di Trinacria e noto nella storiografia moderna come Regno di Sicilia). Pertanto questo trattato può essere considerato l'atto di fondazione convenzionale dell'entità politica oggi nota come Regno di Napoli.
Il regno, come Stato sovrano, vide una grande fioritura intellettuale, economica e civile sia sotto le varie dinastie angioine (1282-1442), sia con la riconquista aragonese di Alfonso I (1442-1458), sia sotto il governo di un ramo cadetto della casa d'Aragona (1458-1501), allora la capitale Napoli era celebre per lo splendore della sua corte e il mecenatismo dei sovrani. Nel 1504 la Spagna unita sconfisse la Francia, e il regno di Napoli fu da allora unito dinasticamente alla monarchia spagnola, insieme a quello di Sicilia, fino al 1707, ed entrambi furono governati come due vicereami distinti ma con la dicitura ultra et citra Pharum e con la conseguente distinzione storiografica e territoriale tra Regno di Napoli e Regno di Sicilia. Benché i due regni, nuovamente riuniti, ottennero l'indipendenza con Carlo di Borbone già nel 1734, l'unificazione giuridica definitiva di entrambi i regni si ebbe solo nel dicembre 1816, con la fondazione dello Stato sovrano del Regno delle Due Sicilie.
Il territorio del Regno di Napoli inizialmente corrispondeva alla somma di quelli delle attuali regioni d'Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria e in seguito Sicilia e comprendeva anche alcune aree dell'odierno Lazio meridionale ed orientale appartenenti fino al 1927 alla Campania, ovvero all'antica Provincia di Terra di Lavoro (Circondario di Gaeta e Circondario di Sora), ed all'Abruzzo (Circondario di Cittaducale e Cicolano).


Lettera al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano da parte del Partito del Sud

Lettera al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano da parte del Partito del Sud

Michelina De Cesare, torturata, violentata e fucilata dai piemontesi. la nostra eroina rappresenta il sud violentato, martoriato dai savoia Lettera aperta al Presidente della Repubblica On. Giorgio Napolitano E p.c. Presidente della Repubblica di Israele. Sig.Presidente,all'atto della cosiddetta unificazione italiana il Tesoro era in possesso di 668 milioni di lire, di cui,i due terzi, ben 443 erano dell'ex Regno delle Due Sicilie, al Piemonte appartenevano solo 27 [...]

La Lombardia era paese agricolo e poverissimo ( ma Galli della Loggia non lo sa)

La Lombardia era paese agricolo e poverissimo ( ma Galli della Loggia non lo sa)

La Lombardia era paese agricolo e poverissimo ( ma Galli della Loggia non lo sa) Di Antonio Ciano Oggi la Lombardia è la regione più ricca d'Italia, forse anche d'Europa. Ma 150 anni fa non era così, anzi, i lombardi erano ritenuti un popolo fiacco dagli austriaci, e venivano considerati i vaccari dell'Impero austro ungarico, e i suoi abitanti costretti ad una emigrazione spaventosa. A Ernesto Galli Della Loggia, amante dell'agiografia risorgimentale, non rimane [...]

Appunti di Storia Contemporanea- Dal Congresso di Vienna ai Giorni Nostri

  Il congresso di Vienna Il congresso di Vienna ebbe inizio nel novembre 1814. Lo scopo del congresso era quello di ristabilire l’ordine e la pace in Europa: ebbe così inizio l’epoca della Restaurazione. Tutti i principi della rivoluzione dovevano essere negati, al posto della sovranità popolare si auspicava il ritorno dei vecchi sovrani e all’idea di progresso doveva sostituirsi il rispetto della tradizione. La nuova Italia L’Italia rimase divisa in [...]

LA MASSONERIA IN ITALIA - ORIGINI DELLA CARBONERIA I MOTI CARBONARI DEL 1813 E DEL 1814 - ORGANIZZAZIONE E DIFFUSIONE DELLA CARBONERIA - LE SETTE MINORI

Il Congresso di Vienna aveva restaurato, in nome del legittimismo, i vecchi governi, ma non aveva saputo spegnere nella penisola lo spirito rivoluzionario portatovi da Napoleone Bonaparte; questo spirito, ora che le antiche catene sono rinsaldate, animerà l'opera dei patrioti in seno alle società segrete, che dal 1815 al 1831 rappresentano l'unica forma possibile d'opposizione degli Italiani alla dominazione straniera e all'assolutismo. Napoleone a Sant'Elena lo [...]

Storia di Valenzano / History of Valenzano

CENNI STORICI L'epoca peuceta I primi abitanti del territorio di Valenzano furono i Peucezi (o Peuceti), popolazione illirica che, a partire dal IV secolo a.C., si stanziò nel territorio della Puglia centrale, occupando un territorio che comprendeva numerosi borghi antichi, tra cui il paese di Valenzano (sorto, secondo la tradizione, sui resti dell'antico borgo di Cuti). Valenzano, come tutte le città della Peucezia, ebbe intensi contatti con la civiltà greca [...]

Il Cavallo Napolitano

Il Cavallo Napolitano

Il Cavallo Napolitano Premessa La veracità  che la nostra idea di una Nazione Napolitana e quindi di una conseguente Napolitania, si avvalora sempre più prendendo in considerazione, su vari campi, l’attendibilità che è Napolitano non solo in riferimento alla città di Napoli, ma a tutto il territorio denominato SUD e che era il Regno di Napoli.Una prova è il Cavallo Napolitano, una razza equina pregiata e ricercata sin dal medio evo, con la caratteristica [...]

Caratteristiche della Nazione Napolitana

Caratteristiche della Nazione Napolitana

Caratteristiche della Nazione Napolitana Questo articolo espone le caratteristiche della Nazione Napoletana con l’intento di far recuperare a più persone possibili l’antica identità nazionale. La parola nazione ha un etimologia latina che significa: nascita, origine. La definizione di nazione, che si può trovare in tutti i vocabolari o enciclopedie, è: “Comunanza d’individui, che abitano la stessa regione, hanno la stessa storia, parlano la stessa [...]

Caratteristiche della Nazione Napolitana

Questo articolo espone le caratteristiche della Nazione Napoletana con l’intento di far recuperare a più persone possibili l’antica identità nazionale. La parola nazione ha un etimologia latina che significa: nascita, origine. La definizione di nazione, che si può trovare in tutti i vocabolari o enciclopedie, è: “Comunanza d’individui, che abitano la stessa regione, hanno la stessa storia, parlano la stessa lingua, professano la stessa religione, hanno [...]

la   disfida

la disfida

2     la   Disfida Per comprendere l'importanza storica di questo evento, bisogna conoscere la situazione politico-culturale del 1500 in Italia, dove francesi e spagnoli si contendevano a suon di battaglie sanguinose, le terre italiche o meglio il Regno di Napoli . Nei primi anni del 500 i francesi, ben visti dai potenti italici del nord e dal Papa Luigi XII, riuscirono a conquistare vari avanposti importanti del nord Italia, fra cui Milano ma conoscendo la [...]

Legalità...come l'Araba Fenice:che vi sia ciascun lo dice dove sia nessun lo sa!

Legalità...come l'Araba Fenice:che vi sia ciascun lo dice dove sia nessun lo sa!

pubblicato su PD NetWork pubblicato su il Cannochiale 7.830 letture per questo post Prafrasando il famoso verso dell'operetta musicata da Mozart Così fan tutte ( che non è il film di Tinto Brass !) e cii verrebbe da dire che la legalità è come l'araba Fenice, che vi sia ciascun lo dice, dove sia nessun lo sa...eh sì perchè, al di là degli annunci e delle autocelebrazioni..proprio non ci accorgiamo di questa fede nella legalità o, quanto meno, nell'etica... [...]

FOTO: Vicereame di Napoli

Viceregno_di_Napoli

Viceregno_di_Napoli

Regno_di_Sicilia_Citeriore

Regno_di_Sicilia_Citeriore

Regno_di_Sicilia_citeriore

Regno_di_Sicilia_citeriore

Regno_di_Napoli

Regno_di_Napoli

Regnum_Siciliae_citra_Pharum

Regnum_Siciliae_citra_Pharum

Reame_di_Napoli

Reame_di_Napoli

Vicereame_di_Napoli

Vicereame_di_Napoli

Ma dove  e come morì Giacomo Leopardi? ecco le vicende..

Ma dove e come morì Giacomo Leopardi? ecco le vicende..

La sera del 16 luglio 1976, dai microfoni e dalle telecamere del "TG 2 stanotte", partì la strabiliante notizia secondo la quale Giacomo Leopardi non morì a Torre del Greco ma a Napoli. E chi ha detto mai che il Leopardi morì a Torre del Greco?! Da oltre un secolo una lapide, murata in Napoli alla Salita S. Teresa al Museo, sta ad indicare ai passanti la casa in cui si spense il grande poeta. Eccola: OSPITE DELLA CITTÀ DI NAPOLI NEI QUATTRO ULTIMI ANNI DI SUA [...]

Il Castello aragonese di Taranto: un modello "virtuoso" di collaborazione tra Forze armate, Istituzioni culturali, Enti locali

.. Dopo un accordo fra Marina Militare e Comune di Taranto, d'intesa con le Soprintendenze archeologica ed architettonica e con l'Ateneo barese, partirà nell'estate 2008 un campo scuola per tirocinio di laureati e laureandi in discipline archeologiche che impiegherà come formatori un certo mumero di laureati del polo universitario tarantino. Il comandante in capo del Dipartimento militare marittimo dello Jonio e Canale d'Otranto, amm. Gian Maria Faggioni, ha [...]

Il tempo è maturo

I pochi movimenti politici che si rifanno alla storia delle Due Sicilie indipendenti continuano ad usare nei loro nomi le parole “sud” e “meridionale”. Lo stesso avviene per i militanti che continuano a definirsi meridionalisti. Il tutto a dispetto di tanti anni di ricerche storiche e di recupero dell’antica identità a partire dal 1993.  E’ ora di riappropriarci dei nostri antichi nomi di nazionalità. Coloro che abitavano nella parte continentale [...]

IL PALAZZO REALE DI PORTICI Considerazioni finali

Nei paragrafi precedenti si è parlato del sito reale di Portici sotto vari aspetti: storici, architettonici e naturalistici. Da tutto ciò si deduce che l'intero complesso ha un notevole valore sia sotto il profilo storico che culturale e ambientale; purtroppo non è valorizzato come meriterebbe, tanto da poter portare ricchezza e dignità a Portici e dintorni. Si è visto per esempio come la presenza della facoltà di Agraria abbia influenzato lo sviluppo e [...]

I DIALETTI

“A voi fieri calabresi che accoglieste ospitali me straniero nelle ricerche e indagini infaticabilmente cooperando alla raccolta di questi materiali dedico questo libro che chiude nelle pagine il tesoro di vita del vostro nobile linguaggio” Gerhard Rohlfs, Dizionario dialettale della Calabria I dialetti calabresi (i parràti calabbrìsi) sono di tipo siciliano nella parte centro-meridionale della Calabria e di tipo napoletano nell'estrema parte settentrionale. [...]

IL PALAZZO REALE DI PORTICI Notizie storiche dal 1800 ad oggi

Nel 1808 salì sul trono di Napoli Giacchino Murat. Sua moglie Carolina Bonaparte preferì, nei sette anni di regno che vanno dal 1808 alla restaurazione borbonica, dimorare più a Portici che a Napoli. Finita l'occupazione francese il Regno di Napoli ritornò a Ferdinando IV che sbarcò a Portici il 7 Giugno 1815. Nel dicembre del 1816 il Regno di Napoli e quello di Sicilia venivano uniti in un solo stato denominato "Regno delle Due Sicilie", e Ferdinando, IV come [...]

Maggi di Milano

1. MAGGI DI MILANO I. A Milano abbiamo notizie di una importante famiglia nobile, tuttora attestata, di antica stirpe. Essa è divisa in tre rami, di cui uno solo non è estinto, e si suddivide nelle famiglie di Milano e nelle più recenti famiglie di Cuvio. Secondo alcuni la stirpe ha origine con Merlo, uno dei capi della fazione dei Torriani, concorrente di quella dei Visconti, chiamato in rappresentanza alla venuta dell’Imperatore Enrico VII di Lussemburgo a [...]

Le amministrazioni comunali nel Regno di Napoli

Gioacchino Murat, cognato di Napoleone Bonaparte nel luglio del 1808 divenne re di Napoli. Il regno di Murat fu contraddistinto da luci ed ombre. Il regime borghese che il nuovo re stava introducendo nel regno incontrò l’ostilità delle popolazioni, legate al vecchio regime feudale, contro i francesi. Leggi e sistemi amministrativi della Francia non sempre tenevano conto delle situazioni ambientali in cui venivano calati. Eppure diverse furono,  potremmo dire [...]

Tuteliamo la lingua Napoletana

La lingua più usata nell’arte letteraria italiana è quella Napoletana, altrettanto si può dire per la canzone Napoletana. La letteratura Napoletana è vasta; infatti hanno scritto in questa lingua, soprattutto prima dell’unità d’Italia non solo i cittadini di Napoli ma anche gli abitanti di tutto il Regno di Napoli. Proprio perché per secoli sono stati definiti Napoletani tutti gli abitanti del Sud Italia continentale non è facile tracciare la [...]

Storia di Pietrarsa

Lunedì 22 Novembre 1535 Carlo IV Re di Napoli (Carlo V per il Sacro Romano Impero e Carlo I come Re di Spagna) reduce dall’impresa di Tunisi arrivò nella zona di Pietrarsa, allora chiamata Pietrabianca, ed ebbe ospitalità nella villa di Bernandino Martirano, segretario del Regno di Napoli. Questi, cinque anni prima, aveva fatto edificare la sua villa, in riva al mare, tra i casali di Portici e San Giovanni a Teduccio, nello stesso luogo dove due secoli più [...]

&id=HPN_Regnum+Siciliae+citra+Pharum_http{{{}}}it*dbpedia*org{}resource{}Sicilia{{}}citra" alt="" style="display:none;"/> ?>