Rivoluzione d'ottobre

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Località
In rilievo

Località

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

Invito al Convegno a Pisa su Cento anni della Rivoluzione bolscevica

Invito al Convegno a Pisa su Cento anni della Rivoluzione bolscevica

            Sezioni comuniste Gramsci-Berlinguer per la ricostruzione del P.C.I. LE RAGIONI UMANE E POLITICHE PER PARTECIPARE ALL’INIZIATIVA SULLA RIVOLUZIONE BOLCEVICA IL 14 OTTOBRE 2017 A PISA Ogni essere umano, se pur giovane, privato del suo bagaglio di memoria e di esperienza avrebbe serie difficoltà a comprendere il presente quotidiano e conseguentemente a districarsi in esso. Uguale cosa accade, in forma più generale, quando lo stesso [...]

1917 - 2017 - La Rivoluzione d'Ottobre tra mito e realtà

  Me r c o l e d ì   2 5  o t t o b r e - o r e 1 7 . 0 0 presso Sala Conferenze Istituto di Storia Contemporanea Vicolo Santo Spirito, 11 – FERRARA   1917 – 2017  La Rivoluzione d’Ottobre tra mito e realtà  Rivoluzione d’Ottobre cento anni dopo: note e riflessioni per un bilancio storico-critico   Andrea BARAVELLI - Università di Ferrara Fiorenzo BARATELLI - Istituto Gramsci Ferrara Gli incontri hanno valore di corso di [...]

Rosa Luxemburgh

www.resistenze.org - cultura e memoria resistenti - storia - 22-01-17 - n. 617Rosa Luxemburg, la rosa rossa del socialismo.. Josefina L. Martìnez (*) | lahaine.org Traduzione da ciptagarelli.jimdo.com 17/01/2017 Mehring disse una volta che la Luxemburg era "la più geniale discepola di Karl Marx". Brillante teorica marxista e acuta polemista, come agitatrice di massa riusciva a commuovere le grandi masse operaie.  Una delle sue [...]

«Il fardello dell’uomo comunista»

«Il fardello dell’uomo comunista»

    Lucio Magri: «il fardello dell'uomo comunista» - Terza parte La Rivoluzione russa non ci sarebbe stata, né avrebbe retto, senza Lenin, il Partito bolscevico, il suo insediamento nella pur minoritaria ma concentrata classe operaia, il livello e la saldezza del suo gruppo dirigente, non diviso ma allargato dalla confluenza del gruppo trosckista e dal rientro di tanti esuli già formati in vari angoli dell'Europa. Ma ancor meno ci sarebbe stata senza la [...]

Antonio Gramsci

Studente a Torino                               «Partii per Torino come se fossi in stato di sonnambulismo. Avevo 55 lire in tasca; avevo speso 45 lire per il viaggio in terza classe delle 100 avute da casa». Il 27 ottobre 1911 conclude gli esami: li supera classificandosi nono; al secondo posto è uno studente genovese venuto da Sassari, Palmiro Togliatti. Si iscrive alla Facoltà di Lettere, ma le 70 lire al mese non bastano nemmeno per le [...]

Rivoluzione d'Ottobre

Per parlare della Rivoluzione d'Ottobre bisogna parlare della Rivoluzione russa la quale ebbe inizio il 12 marzo 1917 e trasformò radicalmente la struttura politica e sociale dell'ex Russia, dando così vita durante il 1922 all'URSS ovvero all'Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche che, in cirillico, era detta CCCP. Durante la Prima Guerra Mondiale, precisamente a circa due anni di distanza dall'inizio dello scoppio della Prima Guerra Mondiale, la [...]

Isola della Rivoluzione d'Ottobre

Curiosità di geografia che ha anche a che fare con la storia, sì perché oggi parliamo della Rivoluzione d'Ottobre, anzi dell'Isola della Rivoluzione d'Ottobre che si trova bagnata dal Mare Glaciale Artico; l'arcipelago di cui fa parte, insieme ad altre 3 isole maggiori e qualche altra minore, è quello che possedeva il nome di 'Terra di Nicola II' e che attualmente prende il nome di Severnaja Zemja. Ovviamente l'Isola della Rivoluzione d'Ottobre, che fa parte - [...]

LA RIVOLUZIONE RUSSA

PER I RAGAZZI DI III B...... IN QUESTO POST TROVERETE LA SINTESI SULLA RIVOLUZIONE BOLSCEVICA RUSSA. PER LEGGERLO APRITE L'ALLEGATO!!!!LA RIVOLUZIONE BOLSCEVICA RUSSA.doc INOLTRE CLICCA SU MAPPA PER VISUALIZZARE LA MAPPA SULLA RIVOLUZIONE RUSSA

La rivoluzione bolscevica russa

La rivoluzione bolscevica russa

La Russia ormai stremata si ritira dalla guerra, cade la dinastia dei Romanov e si inaugura un nuovo percorso storico che porterà alla rivoluzione di ottobre capeggiata da Lenin e alla nascita di un nuovo stato: l'URSS,Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche:

Marxismo,  fondamentalismo e guerre (5)

Marxismo, fondamentalismo e guerre (5)

 Da Angelo Ruggeri 9. Il pensiero negativo antidialettico e nichilista da dopo gli anni '70 è stato ed è considerato vincente rispetto a quello di Marx. Lo si ritiene “vincente” (sic!) anzitutto nella civiltà occidentale del pensiero unico, che non crede ci possa essere una dialettica teorica e sociale alternativa all’ideologia e alla forma sociale capitalistica dominate, e dove si considera – lo ritengono anche tutti gli ex, post e anti comunisti -, [...]

Lenin: Per il quarto anniversario della rivoluzione d'ottobre.

Lenin: Per il quarto anniversario della rivoluzione d'ottobre.

14 ottobre 1921Pravda, n. 234, 18 ottobre 1921.Si avvicina il quarto anniversario del 25 ottobre (7 novembre).Quanto più ci allontaniamo da questo grande giorno, tanto più chiaro diviene il significato della rivoluzione proletaria in Russia e tanto più profondamente riflettiamo anche sull'esperienza pratica del nostro lavoro, considerato nel suo complesso.In un abbozzo brevissimo — e lungi, naturalmente, dall'esser completo e preciso — questo significato [...]

L'eurocomunismo e' anticomunismo-Enver Hoxha

L'eurocomunismo e' anticomunismo-Enver Hoxha

Preso dal blog "paginerosse"-primo capitolo e inizio del secondo TIRANA-1980 Al 9° Congresso del Partito Comunista Spagnolo, tenutosi nell’aprile del 1978, i revisionisti di Carrillo hanno dichiarato che il loro partito non è più marxista-leninista, ma un «partito marxista democratico e rivoluzionario». «Considerare il leninismo come il marxismo del nostro tempo, ha dichiarato Carrillo, non è ammissibile». I dirigenti revisionisti francesi, nel corso del [...]

MAURO LIKAR  VOX VICTIS

MAURO LIKAR VOX VICTIS

Mauro Likar VOX VICTIS Dodici modeste Requisitorie in difesa d’una Germania Hitleriana sconfitta e denigrata. Prima Arringa. La Corte di Giustizia Internazionale, assisa a Norimberga ha gettato l’intera responsabilità del secondo conflitto mondiale sul popolo tedesco e sul suo capo: Adolf Hitler. Essa ha innovato, in materia di diritto internazionale, istituzionalizzando il cosiddetto “Crimine di Guerra”, il che ha permesso, ai vincitori, di impiccare [...]

&id=HPN_Rivoluzione+d'ottobre_" alt="" style="display:none;"/> ?>