San Carlo Borromeo

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Sistema elettorale
In rilievo

Sistema elettorale

Carlo Borromeo

La scheda: Carlo Borromeo

Abate commendatario di Nonantola (1560-1564)
Amministratore apostolico di Milano (1560-1564)
Cardinale diacono dei Santi Vito e Modesto in Macello Martiri (1560)
Legato apostolico di Bologna (1560-1570)
Legato apostolico di Romagna (1560-1570)
Cardinale diacono e presbitero dei Santi Silvestro e Martino ai Monti (1560-1564)
Arcivescovo metropolita di Milano (1564-1584)
Arciprete della Basilica Liberiana di Santa Maria Maggiore (1564-1584)
Prefetto della Congregazione del Concilio (1564-1565)
Cardinale presbitero di Santa Prassede (1564-1584)
Penitenziere Maggiore (1565-1572)
Camerlengo del Collegio Cardinalizio (1575-1576)
Cardinale
Carlo Borromeo (Arona, 2 ottobre 1538 – Milano, 3 novembre 1584) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico italiano, venerato come santo dalla Chiesa cattolica. Canonizzato nel 1610 da papa Paolo V a soli 26 anni dalla sua morte, san Carlo è considerato tra i massimi riformatori della Chiesa cattolico-romana nel XVI secolo, assieme a sant'Ignazio di Loyola e san Filippo Neri, nonché anima e guida della Controriforma cattolica. Tra le riforme di maggior importanza da lui proposte e accettate dal Concilio di Trento, vi fu l'istituzione dei seminari per la formazione dei presbiteri e la loro educazione. Era nipote, per parte di madre, di papa Pio IV.


San Turibio

San Turibio

Nome: San Turibio de Mogrovejo Titolo: Vescovo Ricorrenza: 23 marzo Benedetto XIV lo paragonò a san Carlo Borromeo e lo definì «instancabile messaggero d'amore». Eppure Turibio, nacque in Spagna nel 1538, e nel 1579 era ancora un laico. Filippo II, tuttavia, sapeva che nel nuovo mondo gli Indios erano spesso sfruttati fino a morte e volle un cambiamento. Inizialmente Turibio resistette ma poi accettò e venne nominato arcivescovo di Lima. [...]

deleted

deleted

EVENTI: Carlo Borromeo

Il 13 gennaio 1560 Carlo venne nominato protonotario apostolico partecipante e referendario della corte papale.

Nel 1560 Pio IV assegnò a Federico Borromeo (nonno di Carlo Borromeo, da non confondere con suo cugino) il marchesato di Oria che passò nel 1563 a Carlo.

Il 13 gennaio 1560 Carlo venne nominato protonotario apostolico partecipante e referendario della corte papale.

Nel 1560 Pio IV assegnò a Federico Borromeo (nonno di Carlo Borromeo, da non confondere con suo cugino) il marchesato di Oria che passò nel 1563 a Carlo.

Il 13 gennaio 1560 Carlo venne nominato protonotario apostolico partecipante e referendario della corte papale.

Nel 1560 Pio IV assegnò a Federico Borromeo (nonno di Carlo Borromeo, da non confondere con suo cugino) il marchesato di Oria che passò nel 1563 a Carlo.

Il 25 dicembre 1559 lo zio materno, Giovan Angelo Medici di Marignano, venne eletto papa con il nome di Pio IV e chiamò a Roma i suoi nipoti Federico e Carlo Borromeo per renderli suoi stretti collaboratori nell'amministrazione degli affari della chiesa.

Il 25 dicembre 1559 lo zio materno, Giovan Angelo Medici di Marignano, venne eletto papa con il nome di Pio IV e chiamò a Roma i suoi nipoti Federico e Carlo Borromeo per renderli suoi stretti collaboratori nell'amministrazione degli affari della chiesa.

Il 25 dicembre 1559 lo zio materno, Giovan Angelo Medici di Marignano, venne eletto papa con il nome di Pio IV e chiamò a Roma i suoi nipoti Federico e Carlo Borromeo per renderli suoi stretti collaboratori nell'amministrazione degli affari della chiesa.

Nel 1558 morì suo padre.

Nel 1558 morì suo padre.

Nel 1558 morì suo padre.

Nel 1562 fondò l'Accademia Vaticana, di ispirazione arcadica, e dal 1º dicembre di quello stesso anno divenne governatore di Spoleto e membro del Sant'Uffizio.

Nel 1562 Federico morì improvvisamente e quindi a Carlo fu consigliato di lasciare l'ufficio ecclesiastico, di sposarsi e avere dei figli, per non estinguere la dinastia familiare, ma Carlo preferì proseguire la propria missione ecclesiastica e il 4 settembre 1563 venne ordinato sacerdote per mano del cardinale Federico Cesi nella basilica romana di Santa Maria Maggiore.

Nel 1562 fondò l'Accademia Vaticana, di ispirazione arcadica, e dal 1º dicembre di quello stesso anno divenne governatore di Spoleto e membro del Sant'Uffizio.

Nel 1562 Federico morì improvvisamente e quindi a Carlo fu consigliato di lasciare l'ufficio ecclesiastico, di sposarsi e avere dei figli, per non estinguere la dinastia familiare, ma Carlo preferì proseguire la propria missione ecclesiastica e il 4 settembre 1563 venne ordinato sacerdote per mano del cardinale Federico Cesi nella basilica romana di Santa Maria Maggiore.

Nel 1562 fondò l'Accademia Vaticana, di ispirazione arcadica, e dal 1º dicembre di quello stesso anno divenne governatore di Spoleto e membro del Sant'Uffizio.

Nel 1562 Federico morì improvvisamente e quindi a Carlo fu consigliato di lasciare l'ufficio ecclesiastico, di sposarsi e avere dei figli, per non estinguere la dinastia familiare, ma Carlo preferì proseguire la propria missione ecclesiastica e il 4 settembre 1563 venne ordinato sacerdote per mano del cardinale Federico Cesi nella basilica romana di Santa Maria Maggiore.

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

FOTO: Carlo Borromeo

S._Carlo_Borromeo

S._Carlo_Borromeo

Carlo_Borromeo

Carlo_Borromeo

Particolare del ritratto del giovane Carlo Borromeo con la madre Margherita Medici di Marignano, Palazzo Borromeo, Isola Bella.

Particolare del ritratto del giovane Carlo Borromeo con la madre Margherita Medici di Marignano, Palazzo Borromeo, Isola Bella.

Particolare del ritratto del giovane Carlo Borromeo con la madre Margherita Medici di Marignano, Palazzo Borromeo, Isola Bella.

Particolare del ritratto del giovane Carlo Borromeo con la madre Margherita Medici di Marignano, Palazzo Borromeo, Isola Bella.

Particolare del ritratto del giovane Carlo Borromeo con la madre Margherita Medici di Marignano, Palazzo Borromeo, Isola Bella.

Particolare del ritratto del giovane Carlo Borromeo con la madre Margherita Medici di Marignano, Palazzo Borromeo, Isola Bella.

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

&id=HPN_San+Carlo+Borromeo_http{{{}}}it*dbpedia*org{}resource{}San{{}}Carlo{{}}Borromeo" alt="" style="display:none;"/> ?>