Senato della Repubblica Italiana

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Località
In rilievo

Località

Senato della Repubblica

La scheda: Senato della Repubblica

Maggioranza (171)      M5S (109)      Lega (58)      Misto (4)
     M5S (109)
     Lega (58)
     Misto (4)
Opposizione (149)      FI (61)      PD (52)      FdI (18)      Misto(10)      Autonomie (8)
     FI (61)
     PD (52)
     FdI (18)
     Misto(10)
     Autonomie (8)
Il Senato della Repubblica (spesso abbreviato semplicemente in Senato), nel sistema politico italiano, è un'assemblea legislativa che – unitamente alla Camera dei deputati – costituisce il Parlamento italiano. I due rami del Parlamento (o Camere) si rapportano secondo un sistema bicamerale perfetto, cioè svolgono in pari grado le stesse funzioni, anche se separatamente.
La Costituzione italiana a seguito della modifica costituzionale del 1963 che ne ridusse anche la durata a 5 anni, prevede che il Senato della Repubblica sia costituito da 315 senatori eletti, 309 su base regionale e 6 in rappresentanza degli italiani residenti all'estero. Il mandato elettorale dei senatori coincide con la legislatura e dura pertanto cinque anni, salvo scioglimento anticipato delle Camere da parte del Presidente della Repubblica, sentita l'opinione dei suoi presidenti.
In aggiunta ai 315 senatori eletti, fanno parte del Senato come senatori a vita gli ex presidenti della Repubblica, di diritto e salvo rinuncia, ed inoltre fino a cinque senatori di nomina presidenziale, ossia nominati autonomamente dai presidenti della Repubblica per altissimi meriti. Dal 19 gennaio 2018 i senatori a vita sono sei, uno di diritto e cinque di nomina presidenziale, cosicché il plenum dell'assemblea è pari a 321 membri (attualmente 320 per la presenza di un seggio vacante nella Regione Siciliana).


Maggioranza (171)      M5S (109)      Lega (58)      Misto (4)
     M5S (109)
     Lega (58)
     Misto (4)
Opposizione (149)      FI (61)      PD (52)      FdI (18)      Misto(10)      Autonomie (8)
     FI (61)
     PD (52)
     FdI (18)
     Misto(10)
     Autonomie (8)
Il Senato della Repubblica (spesso abbreviato semplicemente in Senato), nel sistema politico italiano, è un'assemblea legislativa che – unitamente alla Camera dei deputati – costituisce il Parlamento italiano. I due rami del Parlamento (o Camere) si rapportano secondo un sistema bicamerale perfetto, cioè svolgono in pari grado le stesse funzioni, anche se separatamente.
La Costituzione italiana a seguito della modifica costituzionale del 1963 che ne ridusse anche la durata a 5 anni, prevede che il Senato della Repubblica sia costituito da 315 senatori eletti, 309 su base regionale e 6 in rappresentanza degli italiani residenti all'estero. Il mandato elettorale dei senatori coincide con la legislatura e dura pertanto cinque anni, salvo scioglimento anticipato delle Camere da parte del Presidente della Repubblica, sentita l'opinione dei suoi presidenti.
In aggiunta ai 315 senatori eletti, fanno parte del Senato come senatori a vita gli ex presidenti della Repubblica, di diritto e salvo rinuncia, ed inoltre fino a cinque senatori di nomina presidenziale, ossia nominati autonomamente dai presidenti della Repubblica per altissimi meriti. Dal 19 gennaio 2018 i senatori a vita sono sei, uno di diritto e cinque di nomina presidenziale, cosicché il plenum dell'assemblea è pari a 321 membri (attualmente 320 per la presenza di un seggio vacante nella Regione Siciliana).

Maggioranza (171)      M5S (109)      Lega (58)      Misto (4)
     M5S (109)
     Lega (58)
     Misto (4)
Opposizione (149)      FI (61)      PD (52)      FdI (18)      Misto(10)      Autonomie (8)
     FI (61)
     PD (52)
     FdI (18)
     Misto(10)
     Autonomie (8)
Il Senato della Repubblica (spesso abbreviato semplicemente in Senato), nel sistema politico italiano, è un'assemblea legislativa che – unitamente alla Camera dei deputati – costituisce il Parlamento italiano. I due rami del Parlamento (o Camere) si rapportano secondo un sistema bicamerale perfetto, cioè svolgono in pari grado le stesse funzioni, anche se separatamente.
La Costituzione italiana a seguito della modifica costituzionale del 1963 che ne ridusse anche la durata a 5 anni, prevede che il Senato della Repubblica sia costituito da 315 senatori eletti, 309 su base regionale e 6 in rappresentanza degli italiani residenti all'estero. Il mandato elettorale dei senatori coincide con la legislatura e dura pertanto cinque anni, salvo scioglimento anticipato delle Camere da parte del Presidente della Repubblica, sentita l'opinione dei suoi presidenti.
In aggiunta ai 315 senatori eletti, fanno parte del Senato come senatori a vita gli ex presidenti della Repubblica, di diritto e salvo rinuncia, ed inoltre fino a cinque senatori di nomina presidenziale, ossia nominati autonomamente dai presidenti della Repubblica per altissimi meriti. Dal 19 gennaio 2018 i senatori a vita sono sei, uno di diritto e cinque di nomina presidenziale, cosicché il plenum dell'assemblea è pari a 321 membri (attualmente 320 per la presenza di un seggio vacante nella Regione Siciliana).

Usa, Senato approva legge anti shutdown

Usa, Senato approva legge anti shutdown

(ANSA) – WASHINGTON, 14 FEB – Con 83 sì e 16 no, il Senato Usa ha approvato la legge bipartisan anti shutdown, che non prevede fondi per il muro di cemento col Messico. Ora il testo passa alla Camera, prima di andare alla firma del presidente. La Casa Bianca aveva poco prima confermato quanto anticipato dal leader dei repubblicani al Senato Mitch McConnell: il presidente Donald Trump firmerà l’accordo bipartisan in votazione oggi al Congresso per evitare [...]

Decretone, al Senato pioggia di emendamenti, sono quasi 1.600

Decretone, al Senato pioggia di emendamenti, sono quasi 1.600

Se il decretone dovesse “essere convertito in questo termini”, in particolare sull’assunzione dei navigator, il ricorso alla Corte Costituzionale “è una ipotesi che prenderemmo seriamente in esame, perché non si tiene conto delle competenze” in capo alle Regioni. Lo ha detto Cristina Grieco, coordinatore degli assessori regionali al Lavoro, in audizione in commissione questioni regionali sul provvedimento che introduce reddito di cittadinanza e quota [...]

EVENTI: Senato della Repubblica

Dal 1948 al 1993 per l'elezione dei senatori è stata in vigore una legge elettorale proporzionale di collegio: ciascuna regione era ripartita in collegi uninominali, nei quali concorreva un solo candidato per lista.

Dal 1948 al 1993 per l'elezione dei senatori è stata in vigore una legge elettorale proporzionale di collegio: ciascuna regione era ripartita in collegi uninominali, nei quali concorreva un solo candidato per lista.

Dal 1948 al 1993 per l'elezione dei senatori è stata in vigore una legge elettorale proporzionale di collegio: ciascuna regione era ripartita in collegi uninominali, nei quali concorreva un solo candidato per lista.

Dal 1948 al 1993 per l'elezione dei senatori è stata in vigore una legge elettorale proporzionale di collegio: ciascuna regione era ripartita in collegi uninominali, nei quali concorreva un solo candidato per lista.

Dal 1948 al 1993 per l'elezione dei senatori è stata in vigore una legge elettorale proporzionale di collegio: ciascuna regione era ripartita in collegi uninominali, nei quali concorreva un solo candidato per lista.

Dal 1948 al 1993 per l'elezione dei senatori è stata in vigore una legge elettorale proporzionale di collegio: ciascuna regione era ripartita in collegi uninominali, nei quali concorreva un solo candidato per lista.

Dal 1993 e sino al 2005 l'elezione dei senatori è avvenuta in base a un sistema misto, regolato dalla legge Mattarella: tre quarti dei senatori erano eletti in collegi uninominali con sistema maggioritario.

Dal 1993 e sino al 2005 l'elezione dei senatori è avvenuta in base a un sistema misto, regolato dalla legge Mattarella: tre quarti dei senatori erano eletti in collegi uninominali con sistema maggioritario.

Dal 1993 e sino al 2005 l'elezione dei senatori è avvenuta in base a un sistema misto, regolato dalla legge Mattarella: tre quarti dei senatori erano eletti in collegi uninominali con sistema maggioritario.

Dal 1993 e sino al 2005 l'elezione dei senatori è avvenuta in base a un sistema misto, regolato dalla legge Mattarella: tre quarti dei senatori erano eletti in collegi uninominali con sistema maggioritario.

Dal 1993 e sino al 2005 l'elezione dei senatori è avvenuta in base a un sistema misto, regolato dalla legge Mattarella: tre quarti dei senatori erano eletti in collegi uninominali con sistema maggioritario.

Dal 1993 e sino al 2005 l'elezione dei senatori è avvenuta in base a un sistema misto, regolato dalla legge Mattarella: tre quarti dei senatori erano eletti in collegi uninominali con sistema maggioritario.

Nel 2014 fu avviato l'iter di revisione costituzionale del governo Renzi, che prevedeva una modifica all'attuale bicameralismo paritario sui poteri del Senato, sulle modalità di elezione riducendo i membri a 100, sulla riduzione a sette anni della carica a senatore a persone nominate dal Presidente della Repubblica (eccetto che per gli ex presidenti della Repubblica).

Nel 2014 fu avviato l'iter di revisione costituzionale del governo Renzi, che prevedeva una modifica all'attuale bicameralismo paritario sui poteri del Senato, sulle modalità di elezione riducendo i membri a 100, sulla riduzione a sette anni della carica a senatore a persone nominate dal Presidente della Repubblica (eccetto che per gli ex presidenti della Repubblica).

Nel 2014 fu avviato l'iter di revisione costituzionale del governo Renzi, che prevedeva una modifica all'attuale bicameralismo paritario sui poteri del Senato, sulle modalità di elezione riducendo i membri a 100, sulla riduzione a sette anni della carica a senatore a persone nominate dal Presidente della Repubblica (eccetto che per gli ex presidenti della Repubblica).

Nel 2014 fu avviato l'iter di revisione costituzionale del governo Renzi, che prevedeva una modifica all'attuale bicameralismo paritario sui poteri del Senato, sulle modalità di elezione riducendo i membri a 100, sulla riduzione a sette anni della carica a senatore a persone nominate dal Presidente della Repubblica (eccetto che per gli ex presidenti della Repubblica).

Nel 2014 fu avviato l'iter di revisione costituzionale del governo Renzi, che prevedeva una modifica all'attuale bicameralismo paritario sui poteri del Senato, sulle modalità di elezione riducendo i membri a 100, sulla riduzione a sette anni della carica a senatore a persone nominate dal Presidente della Repubblica (eccetto che per gli ex presidenti della Repubblica).

Nel 2014 fu avviato l'iter di revisione costituzionale del governo Renzi, che prevedeva una modifica all'attuale bicameralismo paritario sui poteri del Senato, sulle modalità di elezione riducendo i membri a 100, sulla riduzione a sette anni della carica a senatore a persone nominate dal Presidente della Repubblica (eccetto che per gli ex presidenti della Repubblica).

Nel 2005 la legge Calderoli ha riformato le modalità di elezione dei senatori introducendo un sistema proporzionale con premio di maggioranza.

Nel 2005 la legge Calderoli ha riformato le modalità di elezione dei senatori introducendo un sistema proporzionale con premio di maggioranza.

Nel 2005 la legge Calderoli ha riformato le modalità di elezione dei senatori introducendo un sistema proporzionale con premio di maggioranza.

Nel 2005 la legge Calderoli ha riformato le modalità di elezione dei senatori introducendo un sistema proporzionale con premio di maggioranza.

Nel 2005 la legge Calderoli ha riformato le modalità di elezione dei senatori introducendo un sistema proporzionale con premio di maggioranza.

Nel 2005 la legge Calderoli ha riformato le modalità di elezione dei senatori introducendo un sistema proporzionale con premio di maggioranza.

Dal 19 gennaio 2018 i senatori a vita sono sei, uno di diritto e cinque di nomina presidenziale, cosicché il plenum dell'assemblea è pari a 321 membri (attualmente 320 per la presenza di un seggio vacante nella Regione Siciliana).

Dal 19 gennaio 2018 i senatori a vita sono sei, uno di diritto e cinque di nomina presidenziale, cosicché il plenum dell'assemblea è pari a 321 membri (attualmente 320 per la presenza di un seggio vacante nella Regione Siciliana).

Dal 19 gennaio 2018 i senatori a vita sono sei, uno di diritto e cinque di nomina presidenziale, cosicché il plenum dell'assemblea è pari a 321 membri (attualmente 320 per la presenza di un seggio vacante nella Regione Siciliana).

Dal 19 gennaio 2018 i senatori a vita sono sei, uno di diritto e cinque di nomina presidenziale, cosicché il plenum dell'assemblea è pari a 321 membri (attualmente 320 per la presenza di un seggio vacante nella Regione Siciliana).

Dal 19 gennaio 2018 i senatori a vita sono sei, uno di diritto e cinque di nomina presidenziale, cosicché il plenum dell'assemblea è pari a 321 membri (attualmente 320 per la presenza di un seggio vacante nella Regione Siciliana).

Dal 19 gennaio 2018 i senatori a vita sono sei, uno di diritto e cinque di nomina presidenziale, cosicché il plenum dell'assemblea è pari a 321 membri (attualmente 320 per la presenza di un seggio vacante nella Regione Siciliana).

Deecretone: 1.570 emendamenti al Senato

Deecretone: 1.570 emendamenti al Senato

(ANSA) – ROMA, 12 FEB – Pioggia di emendamenti al decretone. Le proposte di modifica ai 29 articoli del dl su reddito e pensioni sono, a quanto si apprende, circa 1.570. Il testo è all’esame della Commissione Lavoro del Senato ed è atteso al momento in Aula martedì 19 febbraio.

Senato approva ddl taglio parlamentari

Senato approva ddl taglio parlamentari

(ANSA) – ROMA, 7 FEB – Il Senato ha approvato il disegno di legge della maggioranza di riforma costituzionale che taglia il numero dei deputati (da 630 a 400) e dei senatori (da 315 a 200). I si sono stati 185, i no 54, gli astenuti 4. Il testo passa ora alla Camera. Trattandosi di una riforma costituzionale il disegno di legge richiederà una doppia lettura conforme delle due Camere.

Decretone in Aula al Senato dal 19/2

Decretone in Aula al Senato dal 19/2

(ANSA) – ROMA, 6 FEB – Il cosiddetto decretone che contiene le misure sul reddito di cittadinanza e su Quota 100 dovrebbe arrivare in Aula, al Senato, martedì 19 febbraio, se concluso l’iter in commissione. Lo ha stabilito la Conferenza dei Capigruppo. Qualora non fosse terminato l’esame da parte della commissione Lavoro, il provvedimento potrebbe slittare alla settimana che va da martedì 26 febbraio. In questo caso, nella settimana dal 19 febbraio [...]

Senato Usa vota contro ritiro da Siria

Senato Usa vota contro ritiro da Siria

(ANSA) – WASHINGTON, 5 FEB – Il Senato americano, a maggioranza repubblicana, ha approvato una legge che mette in guardia l’amministrazione Trump dal ritirare in maniera precipitosa le truppe Usa dalla Siria e dall’Afghanistan. Un vero e proprio schiaffo al presidente americano a poche ore dal discorso sullo stato dell’Unione davanti al Congresso. Il provvedimento – che ora andrà alla Camera a maggioranza democratica – chiede anche che prima di [...]

Sanremo, finte mail del Senato per avere accredito: denunciato

Sanremo, finte mail del Senato per avere accredito: denunciato

Voleva ottenere un pass per accedere alla 69esima edizione del Festival di Sanremo e per questo si è spacciato per l’ex senatore Sergio Zavoli. La notizia è riportata da alcune testate, come Sky TG24. Un 43enne di Napoli è ritenuto responsabile del reato di “sostituzione di persona”. L’uomo avrebbe attivato un falso dominio denominato “senato.eu”, e quindi diverse caselle di posta elettronica, con l’obiettivo di ricevere un pass per partecipare [...]

Diciotti: Salvini,M5S? Conto nel Senato

Diciotti: Salvini,M5S? Conto nel Senato

(ANSA) – ROMA, 30 GEN – Confida nel voto del M5s in Senato? “Non solo” del M5s, ma “dell’intero Senato, perché qui non è in discussione un reato ma il fatto che un governo possa esercitare i poteri che gli italiani gli conferiscono. Lo abbiamo fatto nell’interesse pubblico, sì o no? I senatori voteranno. Salvini lo ha fatto per preminente interesse pubblico e per la difesa nazionale? La risposta mi sembra molto chiara, semplice”. Così il [...]

Legittima difesa di nuovo al Senato

Legittima difesa di nuovo al Senato

(ANSA) – ROMA, 24 GEN – Il ddl sulla legittima difesa tornerà all’esame del Senato, per la terza lettura, dopo la discussione prevista alla Camera probabilmente a febbraio. E’ la decisione che segue i rilievi della commissione Bilancio di Montecitorio sul mancato inserimento delle coperture finanziarie del provvedimento, e che sono stati ‘corretti’ oggi da un emendamento proposto dai relatori di Lega e Forza Italia. L’emendamento è stato votato [...]

Casellati, bisogna rispettare il Senato

Casellati, bisogna rispettare il Senato

(ANSA) – ROMA, 23 GEN – “Il richiamo a una maggiore regolarità dei lavori espresso oggi con forza è anche il mio richiamo per il rispetto che si deve all’istituzione del Senato e ai senatori tutti. Convoco perciò la capigruppo a cui chiedo che partecipino anche i presidenti della prima e ottava commissione”. Lo dice il presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati, prendendo la parola in Aula nel dibattito sulla richiesta di rinvio del [...]

FOTO: Senato della Repubblica

Senato_della_Repubblica_Italiana

Senato_della_Repubblica_Italiana

Senato_della_Repubblica_italiana

Senato_della_Repubblica_italiana

Senato_(Italia)

Senato_(Italia)

Senatore_della_Repubblica

Senatore_della_Repubblica

Senato_della_Repubblica

Senato_della_Repubblica

Senato del Regno d'Italia

Senato del Regno d'Italia

Senato del Regno d'Italia

Senato del Regno d'Italia

Senato dice no a informativa Moavero

Senato dice no a informativa Moavero

(ANSA) – ROMA, 22 GEN – L’Aula del Senato ha respinto la proposta avanzata dalle opposizioni di una informativa per il prossimo venerdì del ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi sui rapporti con la Francia. La maggioranza, ha detto però a nome di Lega e 5 Stelle il capogruppo M5S Stefano Patuanelli “è a disposizione” per calendarizzare l’informativa “la settimana prossima”. La prima settimana utile, ha ricordato però la presidente [...]

Spese pazze Regione Lombardia, 52 condanne. Anche capogruppo Lega al Senato, Bossi jr e Nicole Minetti

Spese pazze Regione Lombardia, 52 condanne. Anche capogruppo Lega al Senato, Bossi jr e Nicole Minetti

Due anni e sei mesi a Renzo Bossi, figlio di Umberto Bossi detto il Trota, e un anno e 8 mesi all'ex igienista dentale di Silvio Berlusconi Nicole Minetti. I due sono stati ex consiglieri della Lega e del Pdl. Stefano Maullu, attualmente europarlamentare di Forza Italia, è stato condannato a una pena di 1 anno e 6 mesi, e Alessandro Colucci, deputato del gruppo misto, a 2 anni e 2 mesi. La pena più alta di 4 anni e 8 mesi per Stefano Galli, ex capogruppo della [...]

Spese pazze Regione Lombardia, 52 condanne. Anche capogruppo Lega al Senato, Bossi jr e Nicole Minetti

Spese pazze Regione Lombardia, 52 condanne. Anche capogruppo Lega al Senato, Bossi jr e Nicole Minetti

Condannati con pene da un anno e 5 mesi fino a 4 anni e 8 mesi 52 dei 57 imputati nel processo sulla cosiddetta 'Rimborsopoli' in Regione Lombardia. Sono tutti ex consiglieri ed ex assessori in Regione Lombardia tranne uno. Brad Pitt dimentica Angelina Jolie: «Con Charlize Theron è nato l'amore» Due anni e sei mesi a Renzo Bossi, figlio di Umberto Bossi detto il Trota, e un anno e 8 mesi all'ex igienista dentale di Silvio Berlusconi Nicole Minetti. I due sono [...]

Decretone:Fico,in prima lettura a Senato

Decretone:Fico,in prima lettura a Senato

(ANSA) – ROMA, 18 GEN – “Nella giornata di ieri il Consiglio dei ministri ha approvato il decreto sul reddito di cittadinanza e quota 100. Un provvedimento che segue la manovra finanziaria dove era previsto lo stanziamento per queste due misure. Dopo la pubblicazione in Gazzetta ufficiale, toccherà al Senato esaminare in prima lettura il decreto. Subito dopo arriverà a Montecitorio”. Lo scrive su Facebook il presidente della Camera Roberto Fico.

Rimborsopoli Lombardia: condannati Bossi jr, Minetti e capogruppo Lega al Senato

Rimborsopoli Lombardia: condannati Bossi jr, Minetti e capogruppo Lega al Senato

Il Tribunale di Milano ha condannato a due anni e sei mesi Renzo Bossi, figlio di Umberto Bossi detto il Trota, e a un anno e 8 mesi l’ex igienista dentale di Silvio Berlusconi Nicole Minetti

Manovra, via libera del Senato tra le polemiche

Manovra, via libera del Senato tra le polemiche

Il Senato ha confermato la fiducia al Governo sulla Manovra economica. I voti a favore sono stati 167, 78 i contrari e tre gli astenuti, tra cui il senatore a vita Mario Monti. “Un primo passaggio è stato completato, adesso passiamo alla Camera”: è quanto si è limitato a dire il premier Giuseppe Conte, lasciando Palazzo Madama dopo il voto. “Le pensioni minime verranno alzate. Le pensioni d’oro da 10-15 mila euro al mese un piccolo contributo lo [...]

Manovra: ok del Senato, torna a Camera

Manovra: ok del Senato, torna a Camera

(ANSA) – ROMA, 23 DIC – L’Aula del Senato approva la Manovra. Il testo torna alla Camera per la terza lettura: approderà in aula a Montecitorio il 28 dicembre. I voti a favore sono stati 163, 68 i contrari e due gli astenuti. Il Cdm ha approvato un dl recante disposizioni urgenti in materia di autoservizi pubblici non di linea, che introduce una nuova regolamentazione della disciplina del servizio di noleggio con conducente (ncc).

Usa: leader gop Senato vede Pence

Usa: leader gop Senato vede Pence

(ANSA) – NEW YORK, 22 DIC – Il leader dei repubblicani in Senato, Mitch McConnell, vede il vice presidente americano Mike Pence su richiesta della Casa Bianca. Lo riporta Fox. L’incontro avviene nel mezzo dello shutdown e dopo che McConnell ha dichiarato che non ci sarà alcun voto in Senato fino a quando Donald Trump e i senatori democratici non avranno raggiunto un accordo.

Manovra:rush finale Senato,voto dalle 20

Manovra:rush finale Senato,voto dalle 20

(ANSA) – ROMA, 22 DIC – Manovra al Senato al rush finale con il maxiemendamento ufficiale atteso per oggi, dalle 14, a Palazzo Madama. In un clima di forte tensione con le opposizioni e dopo continui slittamenti del “maxi”, atteso da ieri, la maggioranza gialloverde, salvo sorprese, dovrebbe votare la fiducia alla legge di bilancio in tarda serata, con l’inizio delle votazioni dalle 20. Intanto dalla Ragioneria sarebbero arrivati rilievi di criticità di [...]

Sit-in Ncc al Senato: "Vergogna, a rischio 200mila famiglie"

Sit-in Ncc al Senato: "Vergogna, a rischio 200mila famiglie"

Roma, (askanews) - Sit-in degli Ncc, i noleggi con conducente, davanti a Palazzo Madama, a Roma. Centinaia di autisti hanno manifestato davanti al Senato al grido di "Vergogna, vergogna". "Siamo qui perché ci è stato tolto il nostro diritto al lavoro. Dal primo gennaio le nostre autorizzazioni le possiamo buttare, siamo senza lavoro", spiega questo autista. "Duecentomila famiglie sono a rischio, chiediamo a questo governo che si dia una mossa, sennò [...]

&id=HPN_Senato+della+Repubblica+Italiana_http{{{}}}dbpedia*org{}resource{}Senate{{}}of{{}}the{{}}Republic{{}}(Italy)" alt="" style="display:none;"/> ?>