Shirdi Sai Baba

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Francesca Cipriani
In rilievo

Francesca Cipriani

Shirdi Sai Baba

La scheda: Shirdi Sai Baba

Sai Baba di Shirdi (28 settembre 1838 – Shirdi, 15 ottobre 1918) è stato un mistico indiano.
Della nascita di Sai Baba di Shirdi non si sa nulla.
È oggi una delle figure più venerate in India, sia dalla componente musulmana che da quella induista ed è considerato come un'incarnazione dell'Amore.
Secondo una leggenda, sarebbe nato nello Stato di Nazim da una famiglia di bramini. Si suppone che essendo stato abbandonato dalla sua famiglia, sia stato poi allevato da un fachiro e, in seguito alla morte del fachiro sia stato preso dallo zamindar (raccoglitore di tasse) di Selu che lo allevò insegnandogli i principi della sua religione. Come già detto però non vi è alcuna conferma storica di tale origine e lo stesso Sai Baba non ne fece mai cenno.
L'unico dato certo è che, all'apparente età di 16 anni, fece la sua prima comparsa a Shirdi (piccolo villaggio nello Stato del Maharastra, India) al seguito di un corteo matrimoniale.
Rimase a Shirdi per quattro anni, poi sparì per un anno circa e quindi, nel 1858, ritornò a Shirdi dove rimase ininterrottamente per sessanta anni sino alla sua morte avvenuta nel 1918. Tale Baghat Mhalsapati quando lo vide tornare la seconda volta lo chiamò "Sai Baba", cioè "Santo padre". Prese residenza presso una vecchia e fatiscente moschea, dove visse una vita solitaria sopravvivendo di elemosina e ricevendo visitatori itineranti di religione Indù o Musulmana. Nella moschea ha mantenuto un fuoco sacro che viene indicato come dhuni, da cui egli dava sacre ceneri ( "Udhi") per i suoi ospiti prima di andarsene. Si credeva che la cenere avesse poteri curativi e apotropaici. Sai Baba infatti usava l'applicazione di cenere per trattare i malati.
Di carattere gioviale, amava parlare e scherzare con i suoi numerosi fedeli. Nessuno seppe mai se fu induista o musulmano. Ottimo conoscitore di entrambe le religioni, partecipava senza preferenze alle feste dell'una o dell'altra. Anche se il suo vestito ricordava l'usanza musulmana, lui si diceva contemporaneamente fachiro e bramino, e, aveva una notevole conoscenza delle pratiche yoga. Per lui il Dio degli induisti e il Dio dei musulmani erano la stessa ed unica Divinità.
Il suo insegnamento orale avveniva generalmente tramite parabole, ma l'insegnamento più profondo, quello che attirò su di lui la profonda devozione dell'intero Paese, avvenne tramite l'esempio della sua vita.
Sebbene nel corso degli anni somme sempre più ingenti di denaro e offerte arrivassero alla sua residenza, egli visse sempre nella più assoluta povertà, andando ogni mattina personalmente a mendicare il cibo per la giornata. Non ebbe mai un guardaroba, ma usava sempre lo stesso straccio di cui egli stesso rammendava e rattoppava i buchi sin tanto che qualche discepolo lo obbligava a sostituirlo con uno nuovo. Tutto quello che arrivava, veniva immediatamente regalato a chi ne aveva bisogno. Non predicò mai la povertà ai suoi discepoli e non chiese a nessuno di seguire il suo stile di vita. Non pose nemmeno divieti sul cibo che ciascuno poteva mangiare, anzi, a volte sforzò qualche bigotto a mangiare ciò che la sua religione gli vietava.
Era sempre raggiungibile da chiunque, 24 ore al giorno sempre pronto a rispondere a qualsiasi domanda. Era solito chiedere ogni giorno ai discepoli più ricchi dalle 4 alle 100 rupie, che immediatamente ridistribuiva tra i discepoli più poveri. Quando gli richiesero perché lo facesse, rispose che chiedeva solo a coloro che gli venivano indicati dal Fakir (Dio), ma che in cambio del denaro ricevuto lui era obbligato a donare qualcosa di valore dieci volte superiore.
Il suo insegnamento fu essenzialmente l'Amore. Diceva che il giorno che il discepolo avesse realizzato cos'era veramente, avrebbe automaticamente ottenuto la rivelazione. Insisteva sempre sul fatto che se si riusciva a vedere Dio in tutto il creato, sarebbe risultato assurdo il litigio e l'odio, divenendo di fatto impossibile provare risentimento verso qualcuno. La strada per raggiungere tutto ciò veniva da lui indicata come l'assoluto arrendersi a Dio. Con lui quindi ebbe grande impulso la via tradizionale indiana della Bhakti (la via della devozione e dell'amore).


Sathya Sai Baba - lui è "Amore puro"

24 Aprile 2011Ha lasciato il corpo... Sai Baba, l'uomo che voleva portare "Amore" fra la gente, fra i popoli. Era stato mandato a noi per portare una parola di Amore, affinchè tutti placassero la cattiveria, l'odio e la morte... A noi ha lasciato comunque questa sensazione di Amore, e quindi di nn violenza!!!! Io lo ricordo ancora oggi, ogni giorno...e questo video mi porta tanta commozione, guardo i suoi occhi buoni e non posso non provare questo sentimento di [...]

deleted

deleted

HALLOWEENIGHT > PRESENZE > LE SÈTTE > SAI BABA > LE ACCUSE

HALLOWEENIGHT > PRESENZE > LE SÈTTE > SAI BABA > LE ACCUSE

"Mi hanno chiamato folle; ma non è ancora chiaro se la follia sia o meno il grado più elevato dell’intelletto, se la maggior parte di ciò che è glorioso, se tutto ciò che è profondo non nasca da una malattia della mente, da stati di esaltazione della mente a spese dell’intelletto in generale..." (E.A.Poe, Eleonora) "Non c’è in natura una passione più diabolicamente impaziente di quella di colui che, tremando sull’orlo di un precipizio, medita di [...]

HALLOWEENIGHT > PRESENZE > LE SÈTTE > SAI BABA

HALLOWEENIGHT > PRESENZE > LE SÈTTE > SAI BABA

"...quando una notte attraverso lo spazio curvo sentì l'invitante flauto degli abissi aldilà." (H.P. Lovecraft, Fungi From Yuggoth, XXXII) "Nel vuoto insensato il demone mi portò oltre i grappoli luminosi dello spazio finito, finché davanti a me non ci furono né il tempo né la materia ma solo caos, senza forma o luogo." (H.P. Lovecraft, Fungi From Yuggoth, XXXII) "Scruto i tuoi tratti, calmi e bianchi alla luce del cero: le tue palpebre dalle scure ciglia, [...]

Uomini ... pensiero di Sathya Sai Baba

Uomini ... pensiero di Sathya Sai Baba

L'UOMO CHE PRATICA CIO' CHE PREDICA NON E' UN UOMO ORDINARIO, BENSI' UN MAHATMA, UN GRAND'UOMO L'UOMO CHE PARLA IN UN MODO E AGISCE IN UN ALTRO E' SOLO UNA BESTIA, NON UN ESSERE UMANO.                                                                           SATHYA SAI BABA (Tratto dal mensile "Crescere insieme" supplemento al Mother Sai)

Le lacrime di Sri Sathya Sai Baba

In questo video recente, del 2011 e quindi ormai  prossimo alla morte del corpo, Swami piange mentre il devoto parla, peccato non sapere il significato delle parole del devoto, si percepisce solo che lo sta nominando più volte.  Mi piacerebbe molto sapere il significato di  queste parole.        ...Sempre con te SWAMI e sempre nel mio cuore.                                                                               [...]

*Passaggio in India....Ai piedi di Sai Baba, Il primo viaggio*-di marziabel

*Passaggio in India....Ai piedi di Sai Baba, Il primo viaggio*-di marziabel

      Era l'anno 1978 a Torino avevo sentito dire che venivano dei seguaci di Sathia Sai Baba il giovedi' sera, non vedevo l'ora di andare a quell'incontro, ma non sapevo come fare a dirglielo a mio marito, perchè mia figlia era troppo piccola  e lui faceva sempre la notte o il pomeriggio e non mi andava di portarla dietro, era troppo piccola  e magari si spaventava, cosi una domenica pomeriggio invitai la mia amica e una parola tira l'altra finimmo nel [...]

Sai Baba è morto, l'illusione continua

Sai Baba è morto, l'illusione continua

di Massimo Introvigne, 26.4.11 http://www.labussolaquotidiana.it/ita/articoli-sai-baba--mortolillusione-continua-1677.htm La morte di Sathya Sai Baba, forse il più popolare guru indiano della seconda metà del secolo XX, induce a qualche riflessione sul successo che ha avuto in Occidente e in particolare in Italia, dove ha trovato seguaci fra ex-sessantottini affascinati dall'Oriente, professionisti - fra cui diversi medici, che hanno scelto di andare a lavorare [...]

Ricordo di Sathya Sai Baba di Simona Vignali

Utile questo video per capire chi era il "maestro" Sai Baba, per chi non lo conosceva... Lei lo incontrò negli anni 80'.... (Vignali Simona esperta naturopata e nutrizionista.)

SAI BABA E' MORTO, L'ILLUSIONE CONTINUA

La morte di Sathya Sai Baba, forse il più popolare guru indiano della seconda metà del secolo XX, induce a qualche riflessione sul successo che ha avuto in Occidente e in particolare in Italia, dove ha trovato seguaci fra ex-sessantottini affascinati dall'Oriente, professionisti - fra cui diversi medici, che hanno scelto di andare a lavorare nell'ospedale da lui fondato in India - e perfino un sacerdote lombardo, don Mario Mazzoleni (1945-2001), che la scelta [...]

SATYA SAI BABA

Dolci angeli miei, anime mie sante, sono sempre con voi, nulla è cambiato, se non nella forma e nell' aspetto, tutto è e sarà meravigliosamente splendido e lucente. Figli del cosmo, la mia dipartita è stata meravigliosamente tranquilla e serena, senza traumi alcuni per il corpo e per l' anima, ed è stata per così dire, pianificata secondo il disegno divino del destino intrapreso, quando scelsi di portare luce e amore su gaia. Fratelli dal cuore immensamente [...]

Tensioni e tafferugli in India per Sai Baba

Da: tg3 | Creato il: 25/apr/2011 Momenti di tensione e tafferugli in India davanti all'ashram di Puttaparti, nell'India meridionale, dove centinaia di migliaia di pellegrini affluiscono per rendere omaggio alla salma del guru Sai Baba,morto ieri  servizio di Vito Maria Accardo GUARDA TUTTI I SERVIZI DEL TG3 SU http://www.tg3.rai.it  

È morto Sai Baba, il guru che stregò l'Italia

È morto Sai Baba, il guru che stregò l'Italia

Migliaia di persone confluite nella cittadina dell'Andhra Pradesh. La salma esposta per due giorni nell'ashram di Puttaparthi. Si prega nei centri fondati in tutto il mondoPUTTAPARTHI - È morto il religioso indiano Sathya Sai Baba, considerato da milioni di fedeli una divinità vivente. Lo rende noto il dottor A.N. Safaya, secondo cui il religioso, nato nel novembre del 1926, si è spento dopo che da oltre una settimana non respirava più autonomamente ed era [...]

SAI BABA E LA FELICITA'

SAI BABA E LA FELICITA'

Satyanaryan Raji o Sathya Narayena Raju nasce nel 1926 a Karnatakka-Nagepalle in India meridionale,  ufficialmente a Puttaparthi per costruirne la profezia che vorrebbe Satyanaryan (= Sathya) reincarnazione dell'asceta musulmano Shridi Sai Baba morto nel 1918 e venerato anche in India come santo.  Di casta brahminica a 14 anni, nel 1940, il comportamento di Sathya diviene patologico, "urlava, cantava inni sacri e all'improvviso si irrigidiva", sintomi [...]

SAI BABA -LA MORTE DI UN FALSO PROFETA

SAI BABA -LA MORTE DI UN FALSO PROFETA

Satyanaryan Raji o Sathya Narayena Raju nasce nel 1926 a Karnatakka-Nagepalle in India meridionale,  ufficialmente a Puttaparthi per costruirne la profezia che vorrebbe Satyanaryan (= Sathya) reincarnazione dell'asceta musulmano Shridi Sai Baba morto nel 1918 e venerato anche in India come santo.  Di casta brahminica a 14 anni, nel 1940, il comportamento di Sathya diviene patologico, "urlava, cantava inni sacri e all'improvviso si irrigidiva", sintomi [...]

SAI BABA E LA RELIGIONE DELL'AMORE

Sathya Sai Baba, nato Sathya Narayana Raju Ratnakaram (Puttaparthi, 23 novembre 1926), è un religioso e oratore indiano. Nato in un piccolo villaggio nell'Andra Pradesh (India del sud), all'età di 14 anni affermò di essere la reincarnazione di Sai Baba di Shirdi (e la seconda incarnazione di Kalki, l'avatar del Kali Yuga), prendendo quindi il suo nome. Ha milioni di devoti, a livello mondiale, molti dei quali facenti parte dell'Organizzazione Sathya Sai. Dal [...]

Bhagavan Sri Sathya Sai Baba

    Desidero condividere un pensiero rivolto a Colui che nel maggio del 1993, in un periodo critico della mia esistenza, è entrato nella mia vita e, come vento impetuoso ha spazzato via i miei problemi, come pioggia d'estate ha lavato via il dolore dalla mia anima. Nel dicembre dello stesso anno "circostanze" non cercate mi hanno condotta ai Suoi piedi sulla sabbia del mandir di Prashanti Nilayam. Egli è la Madre che mi ha dato la vita una seconda volta, Egli [...]

Un vacanza a Skiathos, Skopelos e Alonissos (Isole Sporadi) - Le isole di "Mamma mia"

Premessa Prima di raccontare la mia esperienza a Skiathos direi che è giusto fare qualche piccola precisazione iniziale. Innanzitutto le mie vacanze sono state fatte in Giugno (2019) quindi alcune informazioni in termini di costi, luoghi affollati o quant’altro potrebbero essere non attendibili in mesi più caldi e confusionari tipo Luglio e Agosto. Un’altra informazione importante da fornire è che Skiathos NON è un’isola economica. Se pensate a vacanze [...]

CYRANO DE BERGERAC di Edmond ROSTAND

Palazzo di Borgogna La sala del palazzo di Borgogna nel 1640. Una tettoia allestita ed addobbata per gli spettacoli. Un lungo quadrato con la scena che si vede di scorcio. Si due lati della scena ci sono panchine lungo le quinte. Il sipario è formato da due tele che si possono aprire. Due file sovrapposte di gallerie laterali, quella superiore divisa in palchi. Niente sedie in platea, che è la scena stessa del teatro. "UN BACIO, DOPO TUTTO COS'È? UN GIURAMENTO [...]

Creta - Laboratorio Attivamente

Creta - Laboratorio Attivamente

Il nostro Laboratorio "Attivamente" realizza oggetti in creta, su ordinazione, per ricorrenze (bomboniere, battesimi, comunioni,...) Per informazioni chiamare il numero 377 1678477.  

Larissa Iapichino stupisce ancora, record italiano nei 300 ostacoli allieve

Larissa Iapichino stupisce ancora, record italiano nei 300 ostacoli allieve

Oggi a La Spezia Larissa Iapichino realizza  un’altra migliore prestazione italiana allieve. La portacolori dell’Atletica Firenze Marathon ha battuto il limite nazionale U18 dei 300hs con il tempo di 41.96, superando il 42.22 di Valeria Paccagnella il 26 giugno 2017 a Nancy. E anche tra le juniores nessuna aveva mai corso così veloce. Per la saltatrice in lungo e ostacolista figlia d’arte (mamma Fiona May, papà Gianni Iapichino) è la terza MPI di [...]

“Sera bagnata”: la meravigliosa poesia di Egon Schiele

“Sera bagnata”: la meravigliosa poesia di Egon Schiele

Note di un pittore è una raccolta di poesie che Schiele pubblicò sulla rivista “Aktion”. Questi componimenti mettono in evidenza la capacità di Egon di essere anche pittore con le parole. Attimi di vita si colorano intensamente, vengono pennellati con straordinaria incisività, non soltanto sulla tela di un quadro, ma anche nei versi di una poesia.Schiele tenta di dare una veste cromatica alle sue parole, svelando la sua anima di uomo e di artista, [...]

Sathya Sai Baba - lui è "Amore puro"

24 Aprile 2011Ha lasciato il corpo... Sai Baba, l'uomo che voleva portare "Amore" fra la gente, fra i popoli. Era stato mandato a noi per portare una parola di Amore, affinchè tutti placassero la cattiveria, l'odio e la morte... A noi ha lasciato comunque questa sensazione di Amore, e quindi di nn violenza!!!! Io lo ricordo ancora oggi, ogni giorno...e questo video mi porta tanta commozione, guardo i suoi occhi buoni e non posso non provare questo sentimento di [...]

Perché Dio svolgeva la Sua opera in Giudea durante l’Età della Grazia?

Dio dice:”La prima volta che venni in mezzo agli uomini fu durante l’Età della Redenzione. Ovviamente nacqui in una famiglia ebrea, pertanto il primo popolo a vedere Dio venire sulla terra fu quello ebraico. Il motivo per cui ho svolto questa opera di persona era perché volevo usare la Mia carne incarnata come offerta per il peccato nella Mia opera di redenzione. Pertanto i primi a vederMi furono gli ebrei dell’Età della Grazia. Quella fu la prima volta [...]

Perché Dio operò in Giudea durante l’Età della Grazia?

Perché Dio operò in Giudea durante l’Età della Grazia?

Perché Dio operò in Giudea durante l’Età della Grazia? La prima volta che venni in mezzo agli uomini fu durante l’Età della Redenzione. Ovviamente nacqui in una famiglia ebrea, pertanto il primo popolo a vedere Dio venire sulla terra fu quello ebraico. Il motivo per cui ho svolto questa opera di persona era perché volevo usare la Mia carne incarnata come offerta per il peccato nella Mia opera di redenzione. Pertanto i primi a vederMi furono gli ebrei [...]

VOCE ‘E SIRENA, IL GRIDO DI RABBIA DI SANDRO DIONISIO AL CINEMA SOFIA DI POZZUOLI

VOCE ‘E SIRENA, IL GRIDO DI RABBIA DI SANDRO DIONISIO AL CINEMA SOFIA DI POZZUOLI

Di seguito l'intervista integrale pubblicata su comunicaresenzafrontiere.it La sera del 4 marzo 2013 un incendio doloso distrusse quattro dei sei capannoni che componevano Città della Scienza uno dei luoghi simbolo della cultura napoletana. Da quel tragico evento il regista Sandro Dionisio trasse spunto per il suo film VOCE ‘E SIRENA che sarà proiettato lunedì 4 marzo al cinema Sofia di Pozzuoli nel sesto anniversario dell’incendio. Per l’occasione lo [...]

I migliori casinò dal vivo: 888, William Hill ed Unibet

Per tutti gli amanti del tavolo verde, in senso tradizionale, i casinò dal vivo con dealer e croupier in diretta, sono sicuramente la migliore alternativa possibile ai cosiddetti casinò terrestri, ovvero quelli reali in cui ci si deve recare di persona, magari vestiti di tutto punto. Il gioco dal vivo rappresenta quindi la versione più realistica del gioco d'azzardo online, quella che maggiormente si avvicina all'esperienza di gioco reale, e se al momento della [...]

Federica Nargi incinta all'ottavo mese: «Sarà una bambina, il nome lo decide Sofia. E le nozze con Matri...»

Federica Nargi incinta all'ottavo mese: «Sarà una bambina, il nome lo decide Sofia. E le nozze con Matri...»

“Mancano due mesi, sono appena entrata all’ottavo mese”, Federica Nargi come riportato da Leggo.it è incinta e a breve diventerà mamma di un’altra femminuccia dopo la primogenita Sofia: “Non ho ancora preparato niente. Sarà una bambina, regaleremo una sorellina a Sofia”. Ospite il 19 gennaio nel salotto pomeridiano di “Verissimo”, condotto da Silvia Toffanin, l’ex velina e compagna del calciatore Alessandro Matri ha confessato di non aver [...]

Federica Nargi incinta all'ottavo mese: «Sarà una bambina, il nome lo decide Sofia. E le nozze con Matri...»

Federica Nargi incinta all'ottavo mese: «Sarà una bambina, il nome lo decide Sofia. E le nozze con Matri...»

“Mancano due mesi, sono appena entrata all’ottavo mese”, Federica Nargi è incinta e a breve diventerà mamma di un’altra femminuccia dopo la primogenita Sofia: “Non ho ancora preparato niente. Sarà una bambina, regaleremo una sorellina a Sofia”. Ospite il 19 gennaio nel salotto pomeridiano di “Verissimo”, condotto da Silvia Toffanin, l’ex velina e compagna del calciatore Alessandro Matri ha confessato di non aver ancora scelto il nome per la [...]

Il gesso e la creta

Il gesso e la creta

Bozzetti scolastici di  di mia figlia, sono ricordi  molto belli dopo 20 anni  sono ancora ben conservati. Ciao Renzo

Piovono soldi dal grattacielo, arrestato il guru dei bitcoin: «Sono come Robin Hood»

Piovono soldi dal grattacielo, arrestato il guru dei bitcoin: «Sono come Robin Hood»

Nei suoi piani, il gesto doveva essere un'opera di bene, di altruismo e di esempio. Purtroppo, però, un giovane esperto di bitcoin è stato arrestato dopo aver lanciato centinaia di banconote dal punto più alto di un grattacielo, creando così un pericoloso affollamento in strada. Siamo a Hong Kong, in uno dei quartieri più poveri di tutto il paese, quello di Sham Shui Po. Il giovane Wong Ching-kit, che in questi ultimi anni ha fatto la fortuna grazie alle [...]

Stampe su tela Gustav Klimt quadri famosi

Stampe su tela Gustav Klimt quadri famosi

Ti piacciono i quadri di Gustav Klimt ? guarda che effetto cosa aspetti ad acquistarlo Acquistalo Qui

Perché Dio operò in Giudea durante l’Età della Grazia?

Perché Dio operò in Giudea durante l’Età della Grazia?

Perché Dio operò in Giudea durante l’Età della Grazia? La prima volta che venni in mezzo agli uomini fu durante l’Età della Redenzione. Ovviamente nacqui in una famiglia ebrea, pertanto il primo popolo a vedere Dio venire sulla terra fu quello ebraico. Il motivo per cui ho svolto questa opera di persona era perché volevo usare la Mia carne incarnata come offerta per il peccato nella Mia opera di redenzione. Pertanto i primi a vederMi furono gli ebrei [...]

Perché Dio operò in Giudea durante l’Età della Grazia?

Perché Dio operò in Giudea durante l’Età della Grazia?

Perché Dio operò in Giudea durante l’Età della Grazia? La prima volta che venni in mezzo agli uomini fu durante l’Età della Redenzione. Ovviamente nacqui in una famiglia ebrea, pertanto il primo popolo a vedere Dio venire sulla terra fu quello ebraico. Il motivo per cui ho svolto questa opera di persona era perché volevo usare la Mia carne incarnata come offerta per il peccato nella Mia opera di redenzione. Pertanto i primi a vederMi furono gli ebrei [...]

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

&id=HPN_Shirdi+Sai+Baba_http{{{}}}dbpedia*org{}resource{}Sai{{}}Baba{{}}of{{}}Shirdi" alt="" style="display:none;"/> ?>