Sigismund Schlomo

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Theresa May
In rilievo

Theresa May

Sigmund Freud

La scheda: Sigmund Freud

Sigismund Schlomo Freud, noto come Sigmund Freud, (Freiberg, 6 maggio 1856 – Hampstead, 23 settembre 1939) è stato un neurologo, psicoanalista e filosofo austriaco, fondatore della psicoanalisi, sicuramente la più famosa tra le correnti teoriche e pratiche della psicologia.
Freud è noto per aver elaborato una teoria scientifica e filosofica, secondo la quale i processi psichici inconsci esercitano influssi determinanti sul pensiero, sul comportamento umano e sulle interazioni tra individui. Di formazione medica, tentò di stabilire correlazioni tra la visione dell'inconscio, rappresentazione simbolica di processi reali, e delle sue componenti con le strutture fisiche della mente e del corpo umano, teorie che hanno trovato parziale conferma anche nella moderna neurologia e psichiatria.
Nella psicoanalisi l'impulso sessuale infantile e le sue relazioni con il rimosso sono alla base dei processi interpretativi. Molti dissensi dalle teorie di Freud, e quindi indirizzi di pensiero alternativi (Adler, Jung e altri) nascono dalla contestazione del ruolo, ritenuto eccessivo, riconosciuto da Freud alla sessualità.
In un primo momento si dedicò allo studio dell'ipnosi e dei suoi effetti nella cura di pazienti psichiatrici, influenzato dagli studi di Joseph Breuer sull'isteria, in particolare dal caso Anna O. (ossia Bertha Pappenheim, futura fondatrice dei movimenti di assistenza sociale e di emancipazione femminile), al quale s'interessò sulla base delle considerazioni di Charcot, che individuava nell'isteria un disturbo della psiche e non una simulazione, come ritenuto fino ad allora. Dalle difficoltà incontrate da Breuer nel caso, Freud costruì progressivamente alcuni principi basilari della psicoanalisi relativi alle relazioni medico-paziente: la resistenza e il transfert.
Di questo periodo furono le intuizioni che formano il nucleo della psicoanalisi: il metodo d'indagine mediante l'analisi di associazioni libere, lapsus (da cui il lapsus freudiano), atti involontari, atti mancati e l'interpretazione dei sogni, e concetti come la pulsione (Eros e Thanatos), il Complesso di Edipo, la libido, le fasi dello sviluppo psicosessuale e le componenti dell'inconscio e della coscienza: Es, Io, Super-Io, in sintesi: Es è il subconscio istintivo, primordiale, derivante dalla natura umana e spinto dalle pulsioni sessuali, Io rappresenta la parte emersa, cosciente (secondo Freud situato nella corteccia cerebrale), Super-Io una super-coscienza maturata dalla “civilizzazione” dell'uomo, il codice di comportamento (questa suddivisione richiama certe teorie neuroscientifiche come il Triune Brain).
Le idee e le teorie di Freud - viste con diffidenza negli ambienti della Vienna del XIX secolo - sono ancor'oggi dibattute, non solo in ambito medico-scientifico, ma anche accademico, letterario, filosofico e culturale. Molti hanno messo in discussione l'efficacia terapeutica della psicoanalisi. Di questo fatto, lo stesso Freud era probabilmente consapevole, affermando che la psicoanalisi era una valida terapia, ma sarebbe poi stata superata da altre teorie della mente più raffinate ed evolute:
«L'avvenire forse ci insegnerà ad influenzare direttamente, con speciali sostanze chimiche, le quantità d'energia e la loro distribuzione nell'apparato psichico (...) probabilmente il futuro stabilirà che l'importanza della psicoanalisi come scienza dell'inconscio oltrepassa di gran lunga la sua importanza terapeutica.»


Cosa resta di Freud a ottant'anni dalla sua morte

Cosa resta di Freud a ottant'anni dalla sua morte

Questa è la notizia: nell'ottantennio della morte del suo inventore, la psicanalisi è viva e, possiamo dirlo dati alla mano, in molte forme utile. Attenzione però. Ho detto in molte forme, spesso meglio rubricate come psicoterapie psicodinamiche. Se invece qualcuno vi dice: "Si stenda sul lettino, sogni, associ, negli anni vedremo che verrà fuori, il nostro è un viaggio imprevedibile", ecco, come dire, buona fortuna.Giancarlo DimaggioPosto che tra [...]

IL GOVERNO CADRA'? IL PUNTO DI VISTA DI FREUD

Il governo cadrà o durerà? I motivi per l’uno o per l’altro esito sono numerosi e consistenti. E val la pena di indicarne almeno alcuni. I motivi per la rottura sono i più evidenti. I due partiti della coalizione sono diversi in tutto: programmi, ideali, storia politica (i “grillini” non ne hanno alcuna), e per giunta devono fronteggiare una situazione economica di cui non sono colpevoli, ma che hanno contribuito ad aggravare. Le prospettive hanno [...]

EVENTI: Sigmund Freud

Nel 1890, quando ancora non si parlava di psicoanalisi, William James, nel suo monumentale trattato di psicologia, esaminava il modo in cui Schopenhauer, Eduard von Hartmann, Pierre Janet, Alfred Binet e altri avevano utilizzato i termini "inconscio" e "subconscio".

Nel 1890, quando ancora non si parlava di psicoanalisi, William James, nel suo monumentale trattato di psicologia, esaminava il modo in cui Schopenhauer, Eduard von Hartmann, Pierre Janet, Alfred Binet e altri avevano utilizzato i termini "inconscio" e "subconscio".

Nel 1933 infine, a richiesta della Società delle Nazioni, venne pubblicata una discussione con Einstein sul tema: "Perché la guerra?".

Nel 1933 infine, a richiesta della Società delle Nazioni, venne pubblicata una discussione con Einstein sul tema: "Perché la guerra?".

Nel 1877, a 21 anni, Sigismund abbreviò il suo nome in Sigmund, con il quale sarà conosciuto d'ora in poi.

Nel 1877, a 21 anni, Sigismund abbreviò il suo nome in Sigmund, con il quale sarà conosciuto d'ora in poi.

Nel 1910, il Congresso di Norimberga (30 e 31 marzo) istituì un'organizzazione internazionale per coordinare le associazioni psicoanalitiche nazionali.

Nel 1910 ci fu un'altra novità, il primo tentativo di biografia psicoanalitica, quel Un ricordo infantile di Leonardo da Vinci che costituisce, come confessò Freud, "la sola cosa piacevole che io abbia mai scritto".

Nel 1910, in una conferenza all'università di Clark, Freud spiegò la sua nuova concezione del funzionamento della mente umana e raccontò il rifiuto dei suoi lavori da parte dei suoi colleghi e del pubblico:.

Nel 1910, il Congresso di Norimberga (30 e 31 marzo) istituì un'organizzazione internazionale per coordinare le associazioni psicoanalitiche nazionali.

Nel 1910 ci fu un'altra novità, il primo tentativo di biografia psicoanalitica, quel Un ricordo infantile di Leonardo da Vinci che costituisce, come confessò Freud, "la sola cosa piacevole che io abbia mai scritto".

Nel 1910, in una conferenza all'università di Clark, Freud spiegò la sua nuova concezione del funzionamento della mente umana e raccontò il rifiuto dei suoi lavori da parte dei suoi colleghi e del pubblico:.

Nel 1912 Jung pubblicò il suo testo fondamentale Trasformazioni e simboli della libido, dove erano presenti i primi disaccordi teorici con Freud assieme al primo abbozzo di una concezione finalistica della psiche.

Nel 1912 Jung pubblicò il suo testo fondamentale Trasformazioni e simboli della libido, dove erano presenti i primi disaccordi teorici con Freud assieme al primo abbozzo di una concezione finalistica della psiche.

Nel 1926 Freud, che per ragioni di salute fu costretto a ridurre a tre il numero dei pazienti che trattava ogni giorno, compì settant'anni e per il suo compleanno giunsero al 19 della Berggasse telegrammi e lettere di felicitazioni da ogni parte del mondo, tra cui quello di Albert Einstein.

Nel 1926 Freud, che per ragioni di salute fu costretto a ridurre a tre il numero dei pazienti che trattava ogni giorno, compì settant'anni e per il suo compleanno giunsero al 19 della Berggasse telegrammi e lettere di felicitazioni da ogni parte del mondo, tra cui quello di Albert Einstein.

Nel 1939, un anno dopo essere giunto a Londra e aver subito l'ultima operazione e la radioterapia, il cancro era in fase terminale, e venne dichiarato inoperabile.

Nel 1939, un anno dopo essere giunto a Londra e aver subito l'ultima operazione e la radioterapia, il cancro era in fase terminale, e venne dichiarato inoperabile.

Nel 1885 ottenne la libera docenza e ciò gli assicurò facilitazioni nell'esercizio della professione medica.

Nel 1885 ottenne la libera docenza e ciò gli assicurò facilitazioni nell'esercizio della professione medica.

Nel 1873 si iscrive alla facoltà di medicina dell'Università di Vienna rettore Karl von Rokitansky .

Nel 1873 si iscrive alla facoltà di medicina dell'Università di Vienna rettore Karl von Rokitansky .

Nel 1886 iniziò l'attività privata aprendo uno studio a Vienna, utilizzò le tecniche allora in uso, quali le cure termali, l'elettroterapia, l'idroterapia e, tecnica in uso dal 1700 ritenuta in grado di agire sul sistema nervoso, ma priva di risultati apprezzabili, la magnetoterapia.

Nel 1886 iniziò l'attività privata aprendo uno studio a Vienna, utilizzò le tecniche allora in uso, quali le cure termali, l'elettroterapia, l'idroterapia e, tecnica in uso dal 1700 ritenuta in grado di agire sul sistema nervoso, ma priva di risultati apprezzabili, la magnetoterapia.

Il 23 settembre 1897 venne iniziato nella Loggia Massonica dei Figli dell'Alleanza B'nai B'rith (associazione filantropica ebraica) di Vienna, un anno dopo la fondazione.

Il 23 settembre 1897 venne iniziato nella Loggia Massonica dei Figli dell'Alleanza B'nai B'rith (associazione filantropica ebraica) di Vienna, un anno dopo la fondazione.

Una delle chiavi di lettura sull'atroce stupro di Viterbo la troviamo nelle teorie dello psicologo, allievo di Freud, Wilhelm Reich: gli uomini diventano fascisti perché repressi sessualmente!

Una delle chiavi di lettura sull'atroce stupro di Viterbo la troviamo nelle teorie dello psicologo, allievo di Freud, Wilhelm Reich: gli uomini diventano fascisti perché repressi sessualmente!

        . .   seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping   .     Una delle chiavi di lettura sull'atroce stupro di Viterbo la troviamo nelle teorie dello psicologo, allievo di Freud, Wilhelm Reich: gli uomini diventano fascisti perché repressi sessualmente!   Una domanda che sorge spontanea ripensando alla storia recente è quella che riguarda i totalitarismi del Novecento e la reazione delle masse. Perché, a un certo punto, la maggioranza del [...]

Il dramma della psicoanalisi: da Freud a Nagarjuna

Il dramma della psicoanalisi: da Freud a Nagarjuna

Il dramma della Psicoanalisi’ – da Freud a N?g?rjuna 20 Dic 2018 Blog archetypica.com - Lucilla Sperati (prefazione scritta a luglio 2018 per il libro 'Il drammma della psicoanalisi' di Federico Divino, censurata e rimossa, ed ora qui la pubblico) Nulla è realmente duraturo, tutto è già passato o sta passando. La vita non è statica, è dinamica, è formata da tanti momenti, da tante condizioni, e dagli stadi intermedi fra l’una e l’altra” – Libro [...]

20 giugno - Giornata Mondiale del Rifugiato - Senza migranti staremmo veramente meglio? Per esempio, saremmo stati meglio senza gente come Einstein e Freud? E senza il rifugiato Abdul Fattah Jandali? Suo figlio, Steve Jobs, ha creato l'iPhone!

20 giugno - Giornata Mondiale del Rifugiato - Senza migranti staremmo veramente meglio? Per esempio, saremmo stati meglio senza gente come Einstein e Freud? E senza il rifugiato Abdul Fattah Jandali? Suo figlio, Steve Jobs, ha creato l'iPhone!

      . seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping .   20 giugno - Giornata Mondiale del Rifugiato - Senza migranti staremmo veramente meglio? Per esempio, saremmo stati meglio senza gente come Einstein e Freud? E senza il rifugiato Abdul Fattah Jandali? Suo figlio, Steve Jobs, ha creato l'iPhone!   Giornata Mondiale del Rifugiato: iPhone, psicoanalisi e relatività, senza migranti il mondo sarebbe un posto peggiore Ogni anno il 20 giugno è indicato [...]

Carteggio Einstein-Freud con commenti scurrili di Nereo

  CARTEGGIO EINSTEIN-FREUD SULLA GUERRA con commenti scurrili di Nereo (a proposito di zombie) (fonte: http://www.iisf.it/discorsi/einstein/carteggio.htm) Note a cura di Nereo Villa Ai pochi ai quali interesserà questo carteggio, chiedo venia per il linguaggio scurrile nelle mie note   Lettera di Einstein a Freud Gaputh (Potsdam), 30 luglio 1932   Caro signor Freud, La proposta, fattami dalla Società delle Nazioni e dal suo “Istituto internazionale di [...]

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

FOTO: Sigmund Freud

Sigmund Freud fotografato da Max Halberstadt (1922) per il New York Times, immagine dall'archivio della rivista Life.

Sigmund Freud fotografato da Max Halberstadt (1922) per il New York Times, immagine dall'archivio della rivista Life.

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

Cominciare da Sigmund Freud

Cominciare da Freud L'opera letteraria di Sigmund Freud: saggi epistolari, lezioni,costituiscono una sorta di autoanalisi attraverso il mito, la storia, la cultura dell'intera umanità. Inoltrandosi nella lettura delle sue opere, sembra di avere di fronte uno scrittore storico ed un letterato che cerca di indossare l'abito dello scienziato, e forse proprio questa sorta di perenne ambiguità che serpeggia nei suoi scritti ne costituisce la sua grandezza come [...]

Libro. Le città di Freud. Autore Giancarlo Ricci

Libro. Le città di Freud. Autore Giancarlo Ricci

Cliccare sul link, sotto, per vedere il libro: http://www.amazon.it/dp/8816403675/ref=cm_sw_r_fa_dp_fN6kwb00APS2Z

SIGMUND FREUD:OPERE ED EPISTOLARI

SIGMUND FREUD:OPERE ED EPISTOLARI

Home Authors Poems Photo Sigmund Freud Epistolari di Sigmund Freud   Scritti su Sigmund Freud         Psicoterapia e Scienze Umane  3/2000  I welcome your qestions and comments. Send e-mail to:         

Ipnosi ed emozioni

E' vero che si può "accedere" al centro delle emozioni tramite l'ipnosi? Sto ristudiando le teorie di Freud e guardando in rete ho trovato qualche articolo a proposito con nuove ricerche scientifiche sull'argomento, ma continuo a essere un po' scettica. Voi cosa ne pensate? "Ciao Landolina, dipende cosa intendi con "centro delle emozioni", ma sicuramente, come hanno dimostrato gli studi di Milton Erickson, uno dei principali ipnoterapeuti del novecento, grazie [...]

Rispondi

Considerazioni sulla lezione n° 16, "Psicanalisi e Psichiatria", di Sigmund Freud, a cura di Biagio Giordano

Considerazioni sulla lezione n° 16, "Psicanalisi e Psichiatria", di Sigmund Freud, a cura di Biagio Giordano

Università di Vienna, ottobre 1916 Freud nell’ottobre del 1916 dà inizio al secondo anno dei corsi di psicanalisi presso l’università di Vienna, le  lezioni che si accinge a svolgere appartengono all’ultima  serie  delle tre  con cui era diviso il biennio accademico accordatogli ed ha come argomento La teoria generale delle nevrosi, forse la parte più difficile da un punto di vista espositivo. Il suo lavoro  dura  ormai, senza soste, da circa 25 [...]

Freud o jung?

Freud e Jung. Uno dei momenti più topici nella storia della psicanalisi è stata la separazione fra Freud padre della psicoloolgia moderna e Jung che dissentiva su certi argomenti. Tutt'oggi secondo voi prevale la tesi di Freud o quella di Jung? "La psicoanalisi è in continua evoluzione e il dissidio tra Freud e Jung fa parte della storia, da allora si sono sviluppati movimenti e teorie diverse, con modelli applicativi diversi. Se come tesi intende quella sulla [...]

Rispondi

Jung e Freud-

Qual è la differenza tra la teoria Jungiana e Freudiana? "Ciao, ti consiglio questo interessante saggio a riguardo. Inoltre, leggi in Wikipedia dei conflitti tra i due più grandi psicoanalisti del 1900. Ti invio inoltre un'altra spiegazione che potrebbe risultarti utile. Ciao!!"

Rispondi

&id=HPN_Sigismund+Schlomo_http{{{}}}it*dbpedia*org{}resource{}Freud" alt="" style="display:none;"/> ?>