Sindrome da deficit di attenzione e iperattivit

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Risultati relativi a Sindrome da deficit di attenzione e iperattivit . Cerca invece Sindrome da deficit di attenzione e iperattività.

Vedi anche

Katy Perry
In rilievo

Katy Perry

Sindrome da deficit di attenzione e iperattività

La scheda: Sindrome da deficit di attenzione e iperattività

ADHD (Attention-Deficit/Hyperactivity Disorder), sigla per sindrome da deficit di attenzione e iperattività, è un disturbo del comportamento caratterizzato da inattenzione, impulsività e iperattività motoria che rende difficoltoso e in alcuni casi impedisce il normale sviluppo e integrazione/adattamento sociale dei bambini.
Si tratta di un disturbo eterogeneo e complesso, multifattoriale che nel 70-80% dei casi coesiste con uno o più altri disturbi (fenomeno definito comorbilità), aggravandone la sintomatologia e rendendo complessa sia la diagnosi sia la terapia. Quelli più frequentemente associati sono il disturbo oppositivo-provocatorio e i disturbi della condotta, i disturbi specifici dell'apprendimento (dislessia, disgrafia, ecc.), i disturbi d'ansia e, con minore frequenza, la depressione, il disturbo ossessivo-compulsivo, il disturbo da tic, il disturbo bipolare.
Per la normalizzazione del comportamento di alcuni pazienti iperattivi e con deficit d'attenzione si sono rivelati efficaci, unitamente a terapie comportamentali, a cambiamenti dello stile di vita e ad interventi psicoterapeutici anche trattamenti con psicofarmaci contenenti metilfenidato o atomoxetina, sebbene varie critiche sono state mosse sull'uso di questi medicinali.
L'8 marzo 2007 l'Agenzia Italiana del Farmaco ha autorizzato l'uso di tali presidi terapeutici anche in Italia. I farmaci devono rientrare nell’ambito di un programma di terapia multimodale monitorato dal Registro nazionale tenuto dall'Istituto Superiore di Sanità..
In Italia gli adolescenti e i bambini in cura, all'aprile 2010, sono circa 1600 (dato cumulativo).



Sindrome da deficit di attenzione e iperattività:
Un bambino con ADHD trova maggior difficoltà nel concentrarsi e nel completare i propri compiti scolastici.
Codici di classificazione:
ICD-9-CM: (EN) 314.00, 314.01
ICD-10: (EN) F90

deleted

deleted

deleted

deleted

Sindrome da deficit di attenzione e iperattività

ADHD (Attention-Deficit/Hyperactivity Disorder), è la sigla della sindrome da deficit di attenzione e iperattività. Il Disturbo da deficit d'attenzione ed iperattività (ADHD) è un disturbo del comportamento caratterizzato da inattenzione, impulsività e iperattività motoria che rende difficoltoso e in alcuni casi impedisce il normale sviluppo e integrazione sociale dei bambini. Si tratta di un disturbo eterogeneo e complesso, multifattoriale che nel 70-80% dei [...]

Sindrome da deficit di attenzione e iperattività

Sindrome da deficit di attenzione e iperattività

Si sa, i bambini, per definizione, sono vi­vaci. Qualcuno più degli altri. Ma in questi ultimi anni è emerso un vero e proprio disturbo comporta­mentale che va sotto il nome di ADHD (Attention-Deficit/Hyperac­tivity Disorder), o più semplice­mente ADD (Attention Deficit Disorder), acronimo che sta per “sindrome da deficit di attenzione e iperattività’‘. Molti genitori non fanno che la­mentarsi e preoccuparsi per l’energia apparentemente [...]

Attenzione Attenzione! La puzza di frittura diventa reato..

Attenzione Attenzione! La puzza di frittura diventa reato..

Come curare facilmente l’eiaculazione precoce

In diversi periodi della vita gli uomini possono soffrire di eiaculazione precoce, disturbo che in alcuni casi è passeggero ed è causato da alcuni stati emotivi, mentre in altre situazioni può diventare un problema permanente, che peggiora la qualità della vita dei soggetti affetti. Generalmente, se questo disturbo si verifica in tenera età è dovuto soprattutto alla poca esperienza, all’insicurezza ed all’ansia da prestazione, ma tende a risolversi [...]

Nainggolan, la moglie Claudia Lai ha il cancro: «Un incubo, oggi inizio la chemio»

Nainggolan, la moglie Claudia Lai ha il cancro: «Un incubo, oggi inizio la chemio»

Claudia Lai, moglie di Radja Nainggolan in lotta contro il cancro: «Da un mese mi sveglio con la consapevolezza di vivere un incubo e da oggi inizio la chemio». La ragazza sarda, in un post su Instagram, si è lasciata andare ad uno sfogo condiviso con i follower. «Ogni giorno, da un mese a questa parte, mi sveglio la mattina sperando che sia solo un incubo, ma poi mi rendo conto che quest'incubo lo sto vivendo», ha scritto Claudia Lai, annunciando che oggi [...]

Nainggolan, la moglie Claudia Lai ha il cancro: «Un incubo, oggi inizio la chemio»

Nainggolan, la moglie Claudia Lai ha il cancro: «Un incubo, oggi inizio la chemio»

Nainggolan, la moglie Claudia Lai ha il cancro: «Un incubo, oggi inizio la chemio» La moglie di Radja Nainggolan in lotta contro il cancro. Claudia Lai, in un post su Instagram, si è lasciata andare ad uno sfogo condiviso con i follower: «Ogni giorno, da un mese a questa parte, mi sveglio la mattina sperando che sia solo un incubo, ma poi mi rendo conto che quest'incubo lo sto vivendo». Oggi, come spiega la diretta interessata, Claudia Lai inizierà il [...]

Salario minimo per chi? SERVE LAVORO E ADEGUARSI AL LAVORO OFFERTO NON SALARIO MINIMO.IL SALARIO MINIMO E GIÀ NEI CONTRATTI NAZIONALI E AZIENDALI,DISCUTIAMO SU QUELLO,SENZA BUTTARE BOMBE FUMOGENE PER DISTRARRE L'ATTENZIONE DALLO SGONERNO ITALICO

Salario minimo per chi? SERVE LAVORO E ADEGUARSI AL LAVORO OFFERTO NON SALARIO MINIMO.IL SALARIO MINIMO E GIÀ NEI CONTRATTI NAZIONALI E AZIENDALI,DISCUTIAMO SU QUELLO,SENZA BUTTARE BOMBE FUMOGENE PER DISTRARRE L'ATTENZIONE DALLO SGONERNO ITALICO

Si seguita a motivare l’esigenza di un intervento legislativo con la tesi che un 15% dei lavoratori italiani sarebbe privi di un Contratto Nazionale di Lavoro. In una riunione del 2 luglio scorso ho sentito sparare perfino 20%. Ho cercato di indagare e a parte i soliti Rider tuttavia coperti dal Contratto logistica che i padroni evidentemente non rispettano, ho trovato una sola categoria per la quale non esiste un Contratto Nazionale di Lavoro. Si tratta dei [...]

Pappagalli per stimolare l'attenzione degli anziani: esperimenti in Veneto

Pappagalli per stimolare l'attenzione degli anziani: esperimenti in Veneto

Tre pappagalli per interagire con le persone anziane. E' l'iniziativa di "pet therapy" adottata dal centro servizi "Villa delle Magnolie", di Monastier nel Trevigiano , che ha introdotto l'impiego dei particolari volatili nelle iniziative finalizzate a stimolare l'attenzione degli ospiti con difficoltà di comunicazione. «Durante le pet therapy con i pappagalli - hanno rilevato gli esperti - si è riscontrato un miglioramento nelle capacità dell'attenzione e [...]

Pappagalli per stimolare l'attenzione degli anziani: esperimenti in Veneto

Pappagalli per stimolare l'attenzione degli anziani: esperimenti in Veneto

Tre pappagalli per interagire con le persone anziane. E' l'iniziativa di "pet therapy" adottata dal centro servizi "Villa delle Magnolie", di Monastier nel Trevigiano , che ha introdotto l'impiego dei particolari volatili nelle iniziative finalizzate a stimolare l'attenzione degli ospiti con difficoltà di comunicazione. «Durante le pet therapy con i pappagalli - hanno rilevato gli esperti - si è riscontrato un miglioramento nelle capacità dell'attenzione e un [...]

Attenzione ad utilizzare Facebook sul posto di lavoro...

Attenzione ad utilizzare Facebook sul posto di lavoro...

FOTO: Sindrome da deficit di attenzione e iperattività

Diagramma di un cervello umano.

Diagramma di un cervello umano.

Rappresentazione tridimensionale di una molecola di dopamina.

Rappresentazione tridimensionale di una molecola di dopamina.

Nel 1990 Zametkin condusse uno studio sul metabolismo del glucosio nel cervello di pazienti adulti affetti da ADHD e confrontandolo con quello di individui sani. La scansione PET mostra il consumo di glucosio cerebrale in una determinata attività, a sinistra in una persona senza ADHD e a destra in una con. Lo studio è stato il primo grande studio di neuroimaging funzionale nell'ADHD e ha costituito la base per molti altri studi. I risultati specifici tuttavia sono stati riprodotti solo solo parzialmente riprodotte.[62][63]

Nel 1990 Zametkin condusse uno studio sul metabolismo del glucosio nel cervello di pazienti adulti affetti da ADHD e confrontandolo con quello di individui sani. La scansione PET mostra il consumo di glucosio cerebrale in una determinata attività, a sinistra in una persona senza ADHD e a destra in una con. Lo studio è stato il primo grande studio di neuroimaging funzionale nell'ADHD e ha costituito la base per molti altri studi. I risultati specifici tuttavia sono stati riprodotti solo solo parzialmente riprodotte.[62][63]

Una confezione di Ritalin.

Una confezione di Ritalin.

Cameron Boyce, star della Disney, morto nel sonno a 20 anni. Aveva recitato anche in Descendants

Cameron Boyce, star della Disney, morto nel sonno a 20 anni. Aveva recitato anche in Descendants

Cameron Boyce, star di Disney Channel, è morto nel sonno a soli 20 anni. L'attore, che deve il suo successo alla serie Jessie e The Descendants, avrebbe avuto un attacco dovuto a una patologia di cui era affetto, secondo i media americani una crisi epilettica. Ipotesi che però non è stata confermata. «Con il cuore in mano vi dobbiamo annunciare che questa mattina abbiamo perso Cameron - ha dichiarato un portavoce dei Boyce - Il mondo ha perso una delle sue [...]

Cameron Boyce, star della Disney, morto nel sonno a 20 anni. Aveva recitato anche in Descendants

Cameron Boyce, star della Disney, morto nel sonno a 20 anni. Aveva recitato anche in Descendants

Cameron Boyce, star di Disney Channel, è morto nel sonno a soli 20 anni. L'attore, che deve il suo successo alla serie Jessie e The Descendants, avrebbe avuto un attacco dovuto a una patologia di cui era affetto, secondo i media americani una crisi epilettica. Ipotesi che però non è stata confermata. «Con il cuore in mano vi dobbiamo annunciare che questa mattina abbiamo perso Cameron - ha dichiarato un portavoce dei Boyce - Il mondo ha perso una delle sue [...]

Cameron Boyce, star della Disney, morto nel sonno a 20 anni. Aveva recitato anche in Descendants

Cameron Boyce, star della Disney, morto nel sonno a 20 anni. Aveva recitato anche in Descendants

Cameron Boyce, star di Disney Channel, è morto nel sonno a soli 20 anni. L'attore, che deve il suo successo alla serie Jessie e The Descendants, avrebbe avuto un attacco dovuto a una patologia di cui era affetto, secondo i media americani una crisi epilettica. Ipotesi che però non è stata confermata. «Con il cuore in mano vi dobbiamo annunciare che questa mattina abbiamo perso Cameron - ha dichiarato un portavoce dei Boyce - Il mondo ha perso una delle sue [...]

LA FAMIGLIA E GLI ASPETTI GENETICI DELL’AUTISMO

OGGI I DATI SULLA GENETICA DELL’AUTISMO SEMBRANO OFFRIRE UNA CONFERMA ALL’IDEA CHE I FATTORI BIOLOGICI E GENETICI POSSANO TRASMETTERE UNA PREDISPOSIZIONE ALL’AUTISMO.

LA FAMIGLIA E GLI ASPETTI GENETICI DELL’AUTISMO

GLI STUDI IN QUESTO AMBITO SUGGERISCONO UNA PREDISPOSIZIONE GENETICA DI ALCUNE PERSONE ALL’AUTISMO. UNO STUDIO DI FOLSTEIN E RUTTER (1978), CONDOTTO SU 21 COPPIE DI GEMELLI (11 MONOZIGOTI E 10 ETEROZIGOTI) DI CUI UNO AFFETTO DA AUTISMO, HA CONFERMATO L’IMPORTANZA DEI FATTORI GENETICI NELLA DETERMINAZIONE DELL’AUTISMO.   

AMMAZZON CHE CURIOSITA'

AMMAZZON CHE CURIOSITA'

  UN PO' DI POLEMICHE ... LE LAME DI SCORTA DEL MIO NUOVO RASOIO LE HO COMPERATEE ME LO DICE ANCHE LA PUBBLICITA' ... QUI VADO A COMPERARE 1 EURO DI CAFFE' IN UNA TAZZA(... lei lo sa' che non voglio lo scontrino ... ma la pubblicita' non lo dice ...NIENTE QUESTA NON CENTRA ) POI PASSO AL MERCATINO DELL'USATO A COMPERAREQUALCHE COSA CHE NON USERO' MAI ... MA NON E' DETTO I LIBRI SONO GRATIS ... NON LI VUOLE PIU' NESSUNOMA IN ITALIA SCRIVONO TUTTI ... ALMENO [...]

LO STUDIO DELLA FAMIGLIA DI SOGGETTI AFFETTI DA AUTISMO

I RISULTATI DEGLI STUDI SULL’ARGOMENTO SONO CONTRADDITTORI E I RICERCATORI TENDONO A CONSIDERARE I FATTORI RELATIVI ALLA COMUNICAZIONE FAMIGLIARE NON SIGNIFICATIVI PER LA GENESI DELLA SINDROME AUTISTICA (CANTWELL & BAKER, 1984). 

LO STUDIO DELLA FAMIGLIA DI SOGGETTI AFFETTI DA AUTISMO

SIA ASPETTI PARTICOLARI DELLA COMUNICAZIONE, COME LA MANCANZA DI RISPOSTE ALLE VERBALIZZAZIONI DEL BAMBINO, UNA QUANTITÀ INADEGUATA DI COMUNICAZIONE, DEFICIT SEMANTICI O SINTATTICI, ECC.

Come Aiutare un Tossicodipendente che Non Vuole Essere Aiutato

Come Aiutare un Tossicodipendente che Non Vuole Essere Aiutato

A chiedersi come aiutare un tossicodipendente che non vuole essere aiutato sono tutti coloro che non sanno più sa fare per convincerlo a smettere di usare droga. Spesso, quando si vuole aiutare un tossicodipendente, s'incontrano delle difficoltà in quanto lui non è disposto ad affrontare l'argomento e, quindi, fa di tutto per sminuire la gravità della situazione in cui si trova. Pertanto, in casi come questi, la cosa migliore da fare è quella di rivolgersi a [...]

Come Uscire dalla Tossicodipendenza

Come Uscire dalla Tossicodipendenza

Ci sono sempre più persone che si chiedono come uscire dalla tossicodipendenza perchè vogliono sapere qual'è la strada corretta da seguire per aiutarlo a smettere di usare droga. Un tossicodipendente, spesso, pensa erroneamente che per smettere di usare droga sia sufficiente interromperne l'assunzione ed attendere che il desiderio di tornare a farne uso svanisca. In questo modo, però, si pone l'attenzione solo sull'aspetto prettamente fisico del problema [...]

non riesco ad avere amici

salve ragazzi scrivo qui perchè non saprei in quale altro modo sfogarmi ,penso di avere un piccolo problemino con me stessa , ma anche con gli altri ... beh il mio problema è quello di non riuescire ad avere amici , io sono casertana ..non so perchè prima avevo molti amici ..ma dopo aver 2 ricoveri in psichiatria e 1 in un centro di disturbi del comportamento alimentare ,non resco più ad avere un senso di socializzazione ..nessuno mi cerca, non ho nessuno con [...]

Rispondi

LO STUDIO DELLA FAMIGLIA DI SOGGETTI AFFETTI DA AUTISMO

FOLSTEIN & RUTTER, 1978) E CHE LA PATOLOGIA GENITORIALE NON GIOCA ALCUN RUOLO NELL’EZIOPATOGENESI DELL’AUTISMO (COX ET AL, 1975; MCADOO W.G. & DEMYER M.K., 1978).

&id=HPN_Sindrome+da+deficit+di+attenzione+e+iperattività_http{{{}}}dbpedia*org{}resource{}Attention{{}}deficit{{}}hyperactivity{{}}disorder" alt="" style="display:none;"/> ?>