Sparizione di Emanuela Orlandi

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Cristina Parodi
In rilievo

Cristina Parodi

Sparizione di Emanuela Orlandi

La scheda: Sparizione di Emanuela Orlandi

La sparizione di Emanuela Orlandi, una ragazza di 15 anni figlia di un commesso della Prefettura della casa pontificia, è avvenuta a Roma il 22 giugno 1983.
Quello che all'inizio poteva sembrare un comune allontanamento volontario da casa di un'adolescente, divenne presto uno dei casi più oscuri della storia italiana e vaticana, che coinvolse lo stesso Stato Vaticano, lo Stato Italiano, l'Istituto per le opere di religione, la Banda della Magliana, il Banco Ambrosiano e i servizi segreti di diversi Paesi. La reale natura dell'evento non è mai stata definita.
Alla scomparsa di Emanuela fu collegata la quasi contemporanea sparizione di un'altra adolescente romana, Mirella Gregori, scomparsa il 7 maggio 1983 e mai più ritrovata.


Emanuela Orlandi, Ali Agca: è viva e sta bene, non c'entra il Vaticano ma la Cia

Emanuela Orlandi, Ali Agca: è viva e sta bene, non c'entra il Vaticano ma la Cia

Ali Agca in una lettera aperta alla stampa internazionale torna sul caso Emanuela Orlandi, sostenendo che la ragazza scomparsa il 22 giugno 1983, all'età di 15 anni, «è viva e sta bene da 36 anni». Secondo Agca Emanuela «non fu mai sequestrata nel senso classico del termine», ma «fu vittima di un intrigo internazionale per motivi religiosi-politici collegati anche con il TERZO SEGRETO di Fatima»: un intrigo della cui organizzazione «il governo vaticano non [...]

Emanuela Orlandi, trovate migliaia di ossa al Cimitero Teutonico: «Non tutte di adulti»

Emanuela Orlandi, trovate migliaia di ossa al Cimitero Teutonico: «Non tutte di adulti»

"Sono state ritrovate migliaia di ossa, lunghe piccole e frammentate". A dirlo è stato il genetista della famiglia Orlandi Giorgio Portera, parlando dei primi esami e della repertazione dei materiali ossei, contenuti nei due ossari individuati sotto la pavimentazione di un'aerea all'interno del Pontificio Collegio Teutonico. Servirà una diagnosi strumentale per capire se si tratta di ossa che risalgono a decine di anni o centinaia di anni fa. Sono molte [...]

EVENTI: Sparizione di Emanuela Orlandi

Il 24 luglio 2011 Antonio Mancini, in un'intervista a La Stampa, dichiara che effettivamente la Orlandi fu rapita dalla Banda della Magliana per ottenere la restituzione del denaro investito nello IOR attraverso il Banco Ambrosiano, come ipotizzato dal giudice Rosario Priore.

Il 24 luglio 2011 Antonio Mancini, in un'intervista a La Stampa, dichiara che effettivamente la Orlandi fu rapita dalla Banda della Magliana per ottenere la restituzione del denaro investito nello IOR attraverso il Banco Ambrosiano, come ipotizzato dal giudice Rosario Priore.

Nel 2010 Pietro Orlandi, fratello di Emanuela, ebbe un colloquio con Mehmet Ali Ağca, nel quale l'ex terrorista confermò l'ipotesi del rapimento per conto del Vaticano, già menzionata nella telefonata del 5 luglio 1983 e fece il nome di un cardinale, Giovanni Battista Re, ritenendolo persona informata sui fatti.

Il 2 febbraio 2010 Pietro Orlandi, fratello di Emanuela, ha incontrato Alì Aǧca, dal quale ha ricevuto rassicurazioni sul fatto che «Emanuela è viva e ritornerà presto a casa».

Il 10 marzo 2010 è stata resa nota l'esistenza di un nuovo indagato, Sergio Virtù, indicato da Sabrina Minardi come l'autista di fiducia di "Renatino", il quale avrebbe avuto un ruolo operativo nel sequestro della ragazza.

Nel 2010 Pietro Orlandi, fratello di Emanuela, ebbe un colloquio con Mehmet Ali Ağca, nel quale l'ex terrorista confermò l'ipotesi del rapimento per conto del Vaticano, già menzionata nella telefonata del 5 luglio 1983 e fece il nome di un cardinale, Giovanni Battista Re, ritenendolo persona informata sui fatti.

Il 2 febbraio 2010 Pietro Orlandi, fratello di Emanuela, ha incontrato Alì Aǧca, dal quale ha ricevuto rassicurazioni sul fatto che «Emanuela è viva e ritornerà presto a casa».

Il 10 marzo 2010 è stata resa nota l'esistenza di un nuovo indagato, Sergio Virtù, indicato da Sabrina Minardi come l'autista di fiducia di "Renatino", il quale avrebbe avuto un ruolo operativo nel sequestro della ragazza.

Il 19 novembre 2009 Sabrina Minardi, interrogata presso la Procura della Repubblica di Roma dal procuratore aggiunto Giancarlo Capaldo e dal pubblico ministero Simona Maisto, sembrerebbe aver riconosciuto l'identità di "Mario", ossia l'uomo che nei giorni immediatamente successivi alla scomparsa di Emanuela Orlandi telefonò ripetutamente alla famiglia.

Il 19 novembre 2009 Sabrina Minardi, interrogata presso la Procura della Repubblica di Roma dal procuratore aggiunto Giancarlo Capaldo e dal pubblico ministero Simona Maisto, sembrerebbe aver riconosciuto l'identità di "Mario", ossia l'uomo che nei giorni immediatamente successivi alla scomparsa di Emanuela Orlandi telefonò ripetutamente alla famiglia.

Il 14 maggio 2012 finalmente viene aperta la tomba di De Pedis, ma al suo interno è presente unicamente la salma del defunto, che, per espresso desiderio dei familiari, viene cremata.

Il 14 maggio 2012 finalmente viene aperta la tomba di De Pedis, ma al suo interno è presente unicamente la salma del defunto, che, per espresso desiderio dei familiari, viene cremata.

Nel 2006 la giornalista Raffaella Notariale raccolse un'intervista di Sabrina Minardi, ex-moglie del calciatore della Lazio Bruno Giordano, che tra la primavera del 1982 e il novembre del 1984 ebbe una relazione con Enrico De Pedis.

Nel 2006 la giornalista Raffaella Notariale raccolse un'intervista di Sabrina Minardi, ex-moglie del calciatore della Lazio Bruno Giordano, che tra la primavera del 1982 e il novembre del 1984 ebbe una relazione con Enrico De Pedis.

L'8 luglio 1983 un uomo con inflessione mediorientale telefonò a una compagna di conservatorio di Emanuela, dicendo che la ragazza era nelle loro mani, che avevano 20 giorni di tempo per fare lo scambio con Ali Ağca, e chiedendo una linea telefonica diretta con il Cardinale Segretario di Stato Agostino Casaroli.

L'8 luglio 1983 un uomo con inflessione mediorientale telefonò a una compagna di conservatorio di Emanuela, dicendo che la ragazza era nelle loro mani, che avevano 20 giorni di tempo per fare lo scambio con Ali Ağca, e chiedendo una linea telefonica diretta con il Cardinale Segretario di Stato Agostino Casaroli.

Caso Orlandi, la svolta: trovate ossa in una botola del cimitero Teutonico. Saranno analizzate

Caso Orlandi, la svolta: trovate ossa in una botola del cimitero Teutonico. Saranno analizzate

Caso Orlandi, la svolta: trovate ossa in una botola del cimitero Teutonico. Saranno analizzate Nuovi risvolti nel caso Orlandi. Dopo la prima perlustrazione, che aveva dato esiti negativi, è stata scoperta una botola segreta all’interno del cimitero Teutonico. Ecco tutti i dettagli della vicenda. Rinvenute alcune ossa in una botola segreta Il caso Orlandi sembrava aver ricevuto un ulteriore delusione dopo che lo scorso 11 luglio, le due tombe, indicate come [...]

Emanuela Orlandi, le tombe in Vaticano sono vuote. Sparite pure le ossa di due principesse. Il fratello Pietro: «Incredibile»

Emanuela Orlandi, le tombe in Vaticano sono vuote. Sparite pure le ossa di due principesse. Il fratello Pietro: «Incredibile»

Non c'era assolutamente nulla nelle due tombe all'interno delle mura vaticane, nel cimitero teutonico. Non sono stati trovati «né resti umani, né urne funerarie». Eppure sono state aperte per tentare di far luce sul caso di Emanuela Orlandi, la ragazza di cui si sono perse le tracce da 36 anni. Un mistero che continua a restare tale, solo che dopo lo stupore scuscitato dall'ultimo nulla di fatto, la vicenda si arricchisce di particolari che suscitano nuovi [...]

Emanuela Orlandi, le due tombe in Vaticano trovate vuote. Il legale: «Incredibile»

Emanuela Orlandi, le due tombe in Vaticano trovate vuote. Il legale: «Incredibile»

Sembra non finire mai il giallo di Emanuela Orlandi, la giovane scomparsa a Roma 36 anni fa: uno dei più intricati misteri italiani. Stamattina alle 8.15, dopo una preghiera davanti ai due sepolcri guidata dal Rettore del Collegio Teutonico, sono iniziate le operazioni al Campo Santo Teutonico: «Le tombe aperte questa mattina sono risultate vuote», ha riferito Pietro Orlandi, fratello di Emanuela. Le operazioni si sono concluse alle 11.15: «Le ricerche hanno [...]

Emanuela Orlandi, le due tombe in Vaticano trovate vuote. Il legale: «Incredibile»

Emanuela Orlandi, le due tombe in Vaticano trovate vuote. Il legale: «Incredibile»

Sembra non finire mai il giallo di Emanuela Orlandi, la giovane scomparsa a Roma 36 anni fa: uno dei più intricati misteri italiani. Stamattina alle 8.15, dopo una preghiera davanti ai due sepolcri guidata dal Rettore del Collegio Teutonico, sono iniziate le operazioni al Campo Santo Teutonico: «Le tombe aperte questa mattina sono risultate vuote», ha riferito Pietro Orlandi, fratello di Emanuela. Le operazioni si sono concluse alle 11.15: «Le ricerche hanno [...]

Emanuela Orlandi, le due tombe in Vaticano trovate vuote. Il legale: «Incredibile»

Emanuela Orlandi, le due tombe in Vaticano trovate vuote. Il legale: «Incredibile»

Sembra non finire mai il giallo di Emanuela Orlandi, la giovane scomparsa a Roma 36 anni fa: uno dei più intricati misteri italiani. Stamattina alle 8.15, dopo una preghiera davanti ai due sepolcri guidata dal Rettore del Collegio Teutonico, sono iniziate le operazioni al Campo Santo Teutonico: «Le tombe aperte questa mattina sono risultate vuote», ha riferito Pietro Orlandi, fratello di Emanuela. Le operazioni si sono concluse alle 11.15: «Le ricerche hanno [...]

Emanuela Orlandi, le due tombe in Vaticano trovate vuote. Il legale: «Incredibile»

Emanuela Orlandi, le due tombe in Vaticano trovate vuote. Il legale: «Incredibile»

Sembra non finire mai il giallo di Emanuela Orlandi, la giovane scomparsa a Roma 36 anni fa: uno dei più intricati misteri italiani. Stamattina alle 8.15, dopo una preghiera davanti ai due sepolcri guidata dal Rettore del Collegio Teutonico, sono iniziate le operazioni al Campo Santo Teutonico: «Le tombe aperte questa mattina sono risultate vuote», ha riferito Pietro Orlandi, fratello di Emanuela. Le operazioni si sono concluse alle 11.15: «Le ricerche hanno [...]

Emanuela Orlandi, le due tombe in Vaticano trovate vuote. Il legale: «Incredibile»

Emanuela Orlandi, le due tombe in Vaticano trovate vuote. Il legale: «Incredibile»

Sembra non finire mai il giallo di Emanuela Orlandi, la giovane scomparsa a Roma 36 anni fa: uno dei più intricati misteri italiani. Stamattina alle 8.15, dopo una preghiera davanti ai due sepolcri guidata dal Rettore del Collegio Teutonico, sono iniziate le operazioni al Campo Santo Teutonico: «Le tombe aperte questa mattina sono risultate vuote», ha riferito Pietro Orlandi, fratello di Emanuela. Le operazioni si sono concluse alle 11.15: «Le ricerche hanno [...]

Emanuela Orlandi, le due tombe in Vaticano trovate vuote. Il legale: «Incredibile»

Emanuela Orlandi, le due tombe in Vaticano trovate vuote. Il legale: «Incredibile»

Sembra non finire mai il giallo di Emanuela Orlandi, la giovane scomparsa a Roma 36 anni fa: uno dei più intricati misteri italiani. Stamattina alle 8.15, dopo una preghiera davanti ai due sepolcri guidata dal Rettore del Collegio Teutonico, sono iniziate le operazioni al Campo Santo Teutonico: «Le tombe aperte questa mattina sono risultate vuote», ha riferito Pietro Orlandi, fratello di Emanuela. Le operazioni si sono concluse alle 11.15: «Le ricerche hanno [...]

FOTO: Sparizione di Emanuela Orlandi

Il manifesto affisso nel 1983 per le strade di Roma

Il manifesto affisso nel 1983 per le strade di Roma

Emanuela Orlandi, le due tombe in Vaticano trovate vuote. Il legale: «Incredibile»

Emanuela Orlandi, le due tombe in Vaticano trovate vuote. Il legale: «Incredibile»

Sembra non finire mai il giallo di Emanuela Orlandi, la giovane scomparsa a Roma 36 anni fa: uno dei più intricati misteri italiani. Stamattina alle 8.15, dopo una preghiera davanti ai due sepolcri guidata dal Rettore del Collegio Teutonico, sono iniziate le operazioni al Campo Santo Teutonico: «Le tombe aperte questa mattina sono risultate vuote», ha riferito Pietro Orlandi, fratello di Emanuela. Le operazioni si sono concluse alle 11.15: «Le ricerche hanno [...]

22 giugno 1983, Emanuela Orlandi - L'enigma della ragazza con la fascetta sparita nel nulla. Il fratello Pietro: "Mia sorella aveva una sola colpa, quella di essere cittadina vaticana"

22 giugno 1983, Emanuela Orlandi - L'enigma della ragazza con la fascetta sparita nel nulla. Il fratello Pietro: "Mia sorella aveva una sola colpa, quella di essere cittadina vaticana"

      . seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping . .     22 giugno 1983, Emanuela Orlandi - L'enigma della ragazza con la fascetta sparita nel nulla. Il fratello Pietro: "Mia sorella aveva una sola colpa, quella di essere cittadina vaticana"   Pietro Orlandi: “Vi racconto cosa c’è dietro la scomparsa di mia sorella Emanuela” "Mia sorella aveva una sola colpa, quella di essere cittadina vaticana" è l'amara verità di Pietro Orlandi fratello [...]

Emanuela Orlandi, parla il fratello Pietro: “Il Vaticano ha avuto un ruolo centrale”

Emanuela Orlandi, parla il fratello Pietro: “Il Vaticano ha avuto un ruolo centrale”

Emanuela Orlandi, parla il fratello Pietro: “Il Vaticano ha avuto un ruolo centrale” Sono 36 anni che Emanuela Orlandi è scomparsa. E’ svanita nel nulla a Roma il 22 giugno del 1983. Ora, suo fratello Pietro Orlandi riflette sui possibili rapitori della sorella. “Sono sicuro al 100% che le persone del Vaticano hanno avuto un ruolo centrale. Quella malavita mi ricorda la banda della Magliana“. Dunque tra le tante ipotesi su uno dei misteri italiani più [...]

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

&id=HPN_Sparizione+di+Emanuela+Orlandi_http{{{}}}dbpedia*org{}resource{}Disappearance{{}}of{{}}Emanuela{{}}Orlandi" alt="" style="display:none;"/> ?>