Stefano Rodot

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Risultati relativi a Stefano Rodot . Cerca invece Stefano Rodotà.

Vedi anche

Max Biaggi
In rilievo

Max Biaggi

Stefano Rodotà

La scheda: Stefano Rodotà

Componente della I commissione affari costituzionali
Componente della commissione parlamentare d'inchiesta sulla strage di via Fani, sul sequestro e l'assassino di Aldo Moro e sul terrorismo in Italia
IX legislatura:
Componente della I commissione affari costituzionali
Componente della commissione parlamentare per le riforme istituzionali
Membro dell'assemblea parlamentare del consiglio d'Europa
X legislatura:
Componente della I commissione affari costituzionali
Componente della delegazione parlamentare italiana presso le assemblee del consiglio d'europa e della ueo
XI legislatura:
Vicepresidente della Camera dei Deputati
Componente della I commissione affari costituzionali
Componente della commissione parlamentare per le riforme istituzionali
Componente della delegazione parlamentare italiana presso le assemblee del consiglio d'europa e della ueo
Stefano Rodotà (Cosenza, 30 maggio 1933 – Roma, 23 giugno 2017) è stato un giurista, politico e accademico italiano di etnia arbëreshe.


Stefano Rodotà:
Stefano Rodotà al Festival dell'economia di Trento 2013
Vicepresidente della Camera dei deputati:
Durata mandato: 30 aprile 1992 – 4 giugno 1992
Presidente: Oscar Luigi Scalfaro
Presidente dell'Autorità garante per la protezione dei dati personali:
Durata mandato: 1997 – 2005
Predecessore: autorità non istituita
Successore: Francesco Pizzetti
Presidente del Partito Democratico della Sinistra:
Durata mandato: 1991 – 1992
Successore: Giglia Tedesco Tatò
Deputato della Repubblica Italiana:
Legislature: VIII, IX, X, XI
Gruppo parlamentare: Misto (1979-1983), Sinistra indipendente (1983-1992), Comunista-PDS (1992-1994)
Collegio: Catanzaro (1979-1992), Firenze (1992-1994)
Incarichi parlamentari:
VIII legislatura: Componente della I commissione affari costituzionali Componente della commissione parlamentare d'inchiesta sulla strage di via Fani, sul sequestro e l'assassino di Aldo Moro e sul terrorismo in Italia IX legislatura: Componente della I commissione affari costituzionali Componente della commissione parlamentare per le riforme istituzionali Membro dell'assemblea parlamentare del consiglio d'Europa X legislatura: Componente della I commissione affari costituzionali Componente della delegazione parlamentare italiana presso le assemblee del consiglio d'europa e della ueo XI legislatura: Vicepresidente della Camera dei Deputati Componente della I commissione affari costituzionali Componente della commissione parlamentare per le riforme istituzionali Componente della delegazione parlamentare italiana presso le assemblee del consiglio d'europa e della ueo
Dati generali:
Partito politico: PR (1976-1979) Ind. nel PCI (1979-1991) PDS (1991-1994)
Titolo di studio: laurea in giurisprudenza
Professione: docente universitario
Dopo essere stato iscritto al Partito Radicale di Mario Pannunzio, rifiuta nel 1976 e nel 1979 la candidatura nel Partito Radicale di Marco Pannella. È eletto deputato nel 1979 come indipendente nelle liste del Partito Comunista Italiano, diventando membro della Commissione Affari Costituzionali. Nel 1983 viene rieletto e diventa presidente del gruppo parlamentare della Sinistra Indipendente.
Deputato per la terza volta nel 1987, viene confermato nella commissione Affari Costituzionali e fa parte della prima Commissione bicamerale per le riforme istituzionali. Nel 1989 è nominato Ministro della Giustizia nel governo ombra creato dal PCI di Achille Occhetto e successivamente, dopo il XX Congresso del partito comunista e la svolta della Bolognina, aderisce al Partito Democratico della Sinistra, del quale sarà il primo presidente del Consiglio nazionale, carica che ricoprirà fino al 1992.
Nell'aprile del 1992 torna alla Camera dei deputati tra le file del PDS, viene eletto vicepresidente e fa parte della nuova Commissione Bicamerale.
Nel maggio del 1992 in qualità di vicepresidente della Camera sostituisce il presidente Oscar Luigi Scalfaro alla presidenza del Parlamento convocato in seduta comune per l'elezione del presidente della Repubblica: Scalfaro, che prevedeva l'elezione al Quirinale, aveva infatti preferito lasciare lo scranno della presidenza. Nel 1994, al termine della legislatura durata solo due anni, Rodotà decide però di non ricandidarsi, preferendo tornare all'insegnamento universitario.
Nel 2007 partecipa a una Commissione Ministeriale istituita al fine di dettare una nuova più moderna normativa del Codice Civile in materia di beni pubblici. Questa commissione voluta da Mastella e presieduta dallo stesso Rodotà ha presentato un disegno di legge delega che non è mai stato discusso.
Nello stesso anno viene nominato dal Governo Prodi e dall'allora Ministro dell'Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio Presidente della Commissione VIA (Valutazione di Impatto Ambientale) del Ministero dell'Ambiente, rinnovandone profondamente il modello e riavviandone i burocratici meccanismi di valutazione ed approvazione dei grandi progetti. Incarico che, tuttavia, lascia nei primi mesi del 2008.

Giusto un anno fa, il 23 giugno dl 2017, ci lasciava Stefano Rodotà. La sua eredità intellettuale in 10 citazioni...

Giusto un anno fa, il 23 giugno dl 2017, ci lasciava Stefano Rodotà. La sua eredità intellettuale in 10 citazioni...

    . . SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti . .   Giusto un anno fa, il 23 giugno dl 2017, ci lasciava Stefano Rodotà. La sua eredità intellettuale in 10 citazioni...   Stefano Rodotà si è spento, giusto un anno fa, il 23 giugno del 2017. Da sempre innovatore e attento ai diritti dei più deboli, Stefano Rodotà ha attraversato gli anni migliori e peggiori dell’Italia. Nelle sue battaglie i temi vanno dalla laicità dello Stato (che [...]

Quanto ci manca Stefano Rodotà - Il 23 giugno 2017 se ne andava un gigante. Di cui abbiamo il dovere di raccogliere l'eredità!

Quanto ci manca Stefano Rodotà - Il 23 giugno 2017 se ne andava un gigante. Di cui abbiamo il dovere di raccogliere l'eredità!

    . . SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti . .   Quanto ci manca Stefano Rodotà - Il 23 giugno 2017 se ne andava un gigante. Di cui abbiamo il dovere di raccogliere l'eredità! Quanto ci manca 
Stefano Rodotà, maestro e militante Solidarietà, sinistra e "diritto di avere diritti". Il 23 giugno 2017 se ne andava un gigante. Di cui abbiamo il dovere di raccogliere l'eredità Accade raramente che un “militante politico” (definizione [...]

EVENTI: Stefano Rodotà

Il 29 novembre 2010 ha presentato all'Internet Governance Forum una proposta per portare in Commissione Affari Costituzionali l'adozione dell'articolo 21-bis, che recitava: "Tutti hanno eguale diritto di accedere alla rete internet, in condizione di parità, con modalità tecnologicamente adeguate e che rimuovano ogni ostacolo di ordine economico e sociale".

Nel 1989 è nominato Ministro della Giustizia nel governo ombra creato dal PCI di Achille Occhetto e successivamente, dopo il XX Congresso del partito comunista e la svolta della Bolognina, aderisce al Partito Democratico della Sinistra, del quale sarà il primo presidente del Consiglio nazionale, carica che ricoprirà fino al 1992.

Nel maggio del 1992 in qualità di vicepresidente della Camera sostituisce il presidente Oscar Luigi Scalfaro alla presidenza del Parlamento convocato in seduta comune per l'elezione del presidente della Repubblica: Scalfaro, che prevedeva l'elezione al Quirinale, aveva infatti preferito lasciare lo scranno della presidenza.

Nel 2008 gli è stata conferita la cittadinanza onoraria dalla città di Rossano.

Dal 1997 al 2005 è stato il primo Garante per la protezione dei dati personali, dal 2000 al 2004 ha presieduto il "Gruppo Europeo sulla Protezione dei Dati" e inoltre la commissione scientifica dell'Agenzia europea dei diritti fondamentali (2007).

Dal 2013 era titolare del corso di Bioetica presso la Scuola di studi superiori dell'Università degli Studi di Torino.

Nel 2007 partecipa a una Commissione Ministeriale istituita al fine di dettare una nuova più moderna normativa del Codice Civile in materia di beni pubblici.

Nel 1983 viene rieletto e diventa presidente del gruppo parlamentare della Sinistra Indipendente.

Dal 1983 al 1994 è stato membro dell'Assemblea Parlamentare del Consiglio d'Europa.

Nel 1994, al termine della legislatura durata solo due anni, Rodotà decide però di non ricandidarsi, preferendo tornare all'insegnamento universitario.

Oggi avrebbe compiuto 85 anni. Un ricordo in una intervista di Fanpage, in forma di ritratto, a Stefano Rodotà, un uomo in difesa della Costituzione.

Oggi avrebbe compiuto 85 anni. Un ricordo in una intervista di Fanpage, in forma di ritratto, a Stefano Rodotà, un uomo in difesa della Costituzione.

    . SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti . .   Oggi avrebbe compiuto 85 anni. Un ricordo in una intervista di Fanpage, in forma di ritratto, a Stefano Rodotà, un uomo in difesa della Costituzione. Intervista, in forma di ritratto, a Stefano Rodotà, illustre giurista e politico, da anni impegnato tra l'insegnamento, la ricerca e la grande passione politica. Rodotà, più volte proposto tra i nomi papabili alla Presidenza della Repubblica, ecco [...]

Berlusconi ribadisce il suo concetto: chi non vota per me è un coglione... Noi preferiamo ribadire quello di Stefano Rodotà: “se si dimentica chi è Silvio Berlusconi siamo alla deriva etica”…!

Berlusconi ribadisce il suo concetto: chi non vota per me è un coglione... Noi preferiamo ribadire quello di Stefano Rodotà: “se si dimentica chi è Silvio Berlusconi siamo alla deriva etica”…!

  . . SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti . .   Berlusconi ribadisce il suo concetto: chi non vota per me è un coglione... Noi preferiamo ribadire quello di Stefano Rodotà: “se si dimentica chi è Silvio Berlusconi siamo alla deriva etica”…! Il concetto lo aveva già espresso tempo fa, nel 2006 quando se ne uscì con: "Ho troppa stima nell'intelligenza degli italiani per pensare che ci siano così tanti coglioni che possano votare contro [...]

Per rinfrescarVi la memoria – Stefano Rodotà: “se si dimentica chi è Silvio Berlusconi siamo alla deriva etica” !!

Per rinfrescarVi la memoria – Stefano Rodotà: “se si dimentica chi è Silvio Berlusconi siamo alla deriva etica” !!

    . SEGUICI SULLA PAGINA FACEBOOK Banda Bassotti . .   Per rinfrescarVi la memoria – Stefano Rodotà: “se si dimentica chi è Silvio Berlusconi siamo alla deriva etica” !!   Parla di deriva etica e si rammarica per la perdita della memoria. Stefano Rodotà è tanto felpato nei toni quanto duro nella sostanza quando, ospite di Fabio Fazio a Che tempo che fa, stronca l’incontro Renzi-Berlusconi. “Sento grandi inni al realismo da chi dice che [...]

Stefano Rodot� lo predisse: "Con la scusa del terrorismo ci leveranno democrazia e ...

da antidiplomatico Sulla deriva autoritaria in Europa... Quello che è accaduto negli Stati Uniti dopo l'11 settembre è noto. Con le rivelazioni sulla “sorveglianza di massa” della NSA da parte di Edward Snowden sappiamo come quel paese si sia trasformato in uno dei regimi più oppressivi conosciuti in termini di libertà.Dopo il 13 novembre parigino, l'Unione Europea si appresta a fare lo stesso, iniziando una guerra generale e indistinta a sacrificio di [...]

Stefano Rodotà lo predisse: "Con la scusa del terrorismo ci leveranno democrazia e diritti"

Stefano Rodotà lo predisse: "Con la scusa del terrorismo ci leveranno democrazia e diritti"

da antidiplomatico Sulla deriva autoritaria in Europa... Quello che è accaduto negli Stati Uniti dopo l'11 settembre è noto. Con le rivelazioni sulla “sorveglianza di massa” della NSA da parte di Edward Snowden sappiamo come quel paese si sia trasformato in uno dei regimi più oppressivi conosciuti in termini di libertà.Dopo il 13 novembre parigino, l'Unione Europea si appresta a fare lo stesso, iniziando una guerra generale e indistinta a sacrificio di [...]

� morto Stefano Rodot�, aveva 84 anni da lastampa

Giurista, politico e accademico. La camera ardente nella sala Aldo Moro della CameraLAPRESSELa camera ardente di Stefano Rodotà è stata aperta nella sala Aldo Moro della Camera. Raffinato giurista e appassionato politico, una vita spesa per difendere i diritti e la legalità, Rodotà è morto venerdì a 84 anni. Intellettuale di sinistra, si è contraddistinto per la sua libertà, dalla militanza radicale alla presidenza del Pds. Primo Garante della Privacy, nel [...]

È morto Stefano Rodotà, aveva 84 anni da lastampa

È morto Stefano Rodotà, aveva 84 anni da lastampa

Giurista, politico e accademico. La camera ardente nella sala Aldo Moro della CameraLAPRESSELa camera ardente di Stefano Rodotà è stata aperta nella sala Aldo Moro della Camera. Raffinato giurista e appassionato politico, una vita spesa per difendere i diritti e la legalità, Rodotà è morto venerdì a 84 anni. Intellettuale di sinistra, si è contraddistinto per la sua libertà, dalla militanza radicale alla presidenza del Pds. Primo Garante della Privacy, nel [...]

Cordoglio per la scomparsa di Stefano Rodot�

 “Addio a Stefano Rodotà. Ci mancherà l’uomo, prima ancora del grande giurista”Il cordoglio del Presidente della Provincia per la scomparsa di un cosentino illustre, ma soprattutto di un uomo dalla grande umanità  ----------------- comunicato stampa ------------- “Con la morte di Stefano Rodotà, Cosenza e la Calabria perdono una delle parti migliori di sé. È scomparso un grande maestro, un grande cosentino, un grande calabrese. Ci ha lasciati un [...]

FOTO: Stefano Rodotà

Giorgio Napolitano e Stefano Rodotà alla manifestazione per il disarmo a Roma 25 ottobre 1986

Giorgio Napolitano e Stefano Rodotà alla manifestazione per il disarmo a Roma 25 ottobre 1986

Cordoglio per la scomparsa di Stefano Rodotà

 “Addio a Stefano Rodotà. Ci mancherà l’uomo, prima ancora del grande giurista”Il cordoglio del Presidente della Provincia per la scomparsa di un cosentino illustre, ma soprattutto di un uomo dalla grande umanità  ----------------- comunicato stampa ------------- “Con la morte di Stefano Rodotà, Cosenza e la Calabria perdono una delle parti migliori di sé. È scomparso un grande maestro, un grande cosentino, un grande calabrese. Ci ha lasciati un [...]

Autodeterminazione e responsabilit� (STEFANO RODOT�)

28/02/2017 di triskel182LE cronache ci mostrano quasi ogni giorno come vi sia una intensa richiesta di autodeterminazione, che davvero investe l’intero arco della vita.CASI come quello di Fabiano Antonini, il dj Fabo, individuano il punto più intenso della libertà esistenziale, perché pongono non solo la questione di chi abbia il potere di scrivere il “palinsesto della vita”, di individuarne il perimetro, ma soprattutto fanno divenire ineludibile il [...]

Autodeterminazione e responsabilità (STEFANO RODOTÀ)

28/02/2017 di triskel182LE cronache ci mostrano quasi ogni giorno come vi sia una intensa richiesta di autodeterminazione, che davvero investe l’intero arco della vita.CASI come quello di Fabiano Antonini, il dj Fabo, individuano il punto più intenso della libertà esistenziale, perché pongono non solo la questione di chi abbia il potere di scrivere il “palinsesto della vita”, di individuarne il perimetro, ma soprattutto fanno divenire ineludibile il [...]

LA BATTAGLIA DELL’ACQUA (Stefano Rodotà)

17/03/2016 di triskel182 QUASI cinque anni fa, nel giugno 2011, ventisei milioni di italiani votarono sì in un referendum con il quale si stabiliva che l’acqua deve essere pubblica. Oggi, ma non è la prima volta, si cerca di cancellare quel risultato importantissimo, approvando norme che sostanzialmente consegnano ai privati la gestione dei servizi idrici. Non è una questione secondaria, perché si tratta di un bene della vita e perché viene messa in [...]

Stefano Rodotà apre il cantiere della Cosa Rossa

Fonte: Campagnano R@P a 15:11 In un'intervista al Quotidiano Nazionale, il giurista sottolinea che "ci sto già lavorando con Sel, Fiom, Cgil, don Ciotti di Libera". Serve soprattutto un progetto, ma si cerca anche un leader, ci cerca lo Tsipras italiano. "Io non ho l'età - spiega Rodotà, che ha 81 anni - E il modello greco non si basa su un consenso ideologico, ma su un legame solido tra politica e società. Rigenerare la sinistra con un trapianto è molto [...]

Stefano Rodotà sta con Civati

Stefano Rodotà sta con Civati

"La politica del coraggio e dello sguardo sul futuro", il costituzionalista si schiera per le primarie del Partito Democratico. Le Primarie Pd non porteranno grandi sorprese, visto che stando ai sondaggi il vincitore sarà Matteo Renzi. E però, un nome che nelle ultime settimane ha preso sempre più a circolare è quello di Pippo Civati; alternativa valida soprattutto per quell’area che non vede di buon occhio Renzi ma nemmeno un esponente della tradizione [...]

Stefano Rodotà sulla grazia a B.

[...] Stefano Rodotà, intervistato da Radio Capital, commenta la nota che il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha diramato la sera del 14 agosto per prendere posizione sulla possibilità di concedere la grazia a Silvio Berlusconi, condannato dalla Cassazione a quattro anni per frode fiscale l’1 agosto scorso “Napolitano ha escluso che la grazia arrivi motu proprio – ha spiegato il giurista – E poi per la grazia sono fissate condizioni [...]

Verso il Domani: Stefano Rodotà la coscienza più lucida del ns tempo.

Verso il Domani: Stefano Rodotà la coscienza più lucida del ns tempo.

Se si guarda agl'anni si può ormai forse dirlo - ma con ciò che gl'americani chiamano "Revenge" e scrivendolo con la maiuscola - un uomo venuto da lontano. Ma molti che rientrano in questa categoria, basti guardare Giorgio Napolitano, dimostrano con i fatti che ciò è, semmai, una marcia in più, e che chi viene da lontano forse proprio per questo è in grado di risolvere questioni assai delicate e gravide cui gl'altri non sono atti. Sono tante le cose che [...]

Stefano Rodotà e Europa

Ha ragione Stefano Rodotà a Che tempo che fà del 28 aprile. L'Europa non puo essere solo regole sui mercati economici. L'Unione europea si basa e deve attribuire nuovi diritti a tutti i suoi cittadini. La Commissione, il Parlamento europeo e il Consiglio dell'UE in questi ultimi anni sono stati deludenti. Hanno fatto pochissimo, rendendosi colpevoli di questo sentimento anti-europeo che monta in ogni Stato (vedi recente Eurobarometro). E' soprattutto [...]

Stefano Rodotà Presidente. Ma perchè no?

< Ha insegnato nelle università di Macerata, Genova e Roma, dove è stato professore ordinario di diritto civile e dove gli è stato conferito il titolo di professore emerito. Ha insegnato in molte università europee, negli Stati Uniti d'America, in America Latina, Canada, Australia e India. È stato professore invitato presso l'All Souls College di Oxford e la Stanford School of Law. Ha insegnato presso la facoltà di giurisprudenza dell'Università Paris 1 [...]

&id=HPN_Stefano+Rodotà_http{{{}}}dbpedia*org{}resource{}Stefano{{}}Rodotà" alt="" style="display:none;"/> ?>