Storia della cucina

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Tina Cipollari
In rilievo

Tina Cipollari

Storia della cucina

La scheda: Storia della cucina

La primitiva forma di cucina fu la semplice cottura del cibo, praticata fin dai tempi dell'uomo di Neanderthal, già mezzo milione di anni fa: essa poteva rendere commestibili numerosi alimenti altrimenti indigeribili accrescendone il valore nutritivo (anche se di questo, quasi certamente, l'uomo neandertaliano non era consapevole).
Dapprima, quindi, si arrostì la carne sulla fiamma viva, poi sulla brace (che garantiva una cottura più uniforme e una minore perdita di peso degli alimenti), infine si scoprì la cottura in buche, dove la carne e le radici, avvolte in foglie, subivano una specie di cottura a vapore.
I cibi lessati in pietre concave, grosse conchiglie e stomaci di animali sono molto più recenti, i recipienti di ceramica furono introdotti non prima del VI millennio a.C. Le polente di cereali tostati e macinati grossolanamente, il pane non lievitato e i primi stufati di cereali e carne risalgono al Neolitico inferiore.
Nel corso di questa età si scoprì anche il fenomeno della fermentazione, che permetterà sia la produzione di pane lievitato (originario dell'Egitto) che quella delle bevande alcoliche (la birra, originaria della Mesopotamia, il vino e l'idromele).
Se gli archivi sumerici e babilonesi consentono di farci un quadro di massima dell'alimentazione delle popolazioni mesopotamiche, non molto sappiamo, invece, dei loro gusti e delle loro tecniche di cucina. È nota la loro avversione per la carne suina (condivisa dagli Egizi) e la loro predilezione per la carne ovina: l'una e l'altra saranno ereditate dagli Ebrei e dagli Arabi. Una varietà di pecora di cui, a detta di Erodoto, andavano particolarmente ghiotte era quella «dalla coda grassa», un'appendice, pregiatissima, che poteva toccare i cinque chilogrammi di peso.
La lievitazione del pane fu scoperta in Egitto. Anche se si continuò a lungo a far uso di pane azimo, le caste superiori potevano scegliere fra un quarantina di tipi di pane lievitato e di dolci a base di uova, latte e miele. Erodoto ci informa che le medesime caste prediligevano i volatili (anatre, piccioni, quaglie, coturnici, gazze).
Gli uccelli più piccoli, oltre che stufati, si gustavano crudi in salamoia. I canali e le paludi del Nilo erano ricchi di anguille, carpe, muggini e pesci persici, che si consumavano anche salati ed essiccati.
La cucina greca è sufficientemente documentata. Le carni preferite erano quelle del maiale, della lepre e degli uccelli. La selvaggina da pelo veniva prima lessata, poi arrostita allo spiedo e infine accompagnata da salse «dolci e grasse». Erano molto apprezzati anche le frattaglie e i sanguinacci (ne era attribuita la creazione al cuoco Aftonita).
Si faceva largo consumo di pesce: fritto, arrostito sulla brace, cotto al forno e in zuppa, Archestrato di Gela (IV secolo a.C.) ha tramandato succinte ricette di piatti di pesce: triglie condite con olio, formaggio e cumino, saraghi all'aceto e cacio, anguille cotte in foglia di bietola. La considerazione in cui era tenuta in Grecia l'arte della cucina è testimoniata dai numerosi nomi di cuochi che ci sono giunti: Egi di Rodi per le fritture di pesce, Nereo di Chio per le minestre, Eutimio per le lenticchie, Lampria per il suo celebrato ragù nero, eccetera.
In contrasto con la frugale e rudimentale cucina dell'età repubblicana, la cucina romana dell'età imperiale mostrò una singolare e quasi morbosa attrazione per il raro, l'esotico e lo stravagante: l'imperatore Vitellio (narra Svetonio) arrivò a spendere 25.000 scudi per un piatto a base di fegati di scaro, lattigini di murena, cervella di fagiano e di pavone e lingue di fenicottero.
Quand'anche si trascurino tali eccessi, su cui pure le testimonianze abbondano, l'impressione che si trae dal De re coquinaria, la raccolta di ricette attribuita ad Apicio, e dalle altre fonti storiche e letterarie, è quella di una cucina votata all'esuberanza e all'artificio. Manzo e agnello, maiale e cinghiale, cervo e lepre, tonno e sgombro, uova e lenticchie sono trattati tutti allo stesso modo: sommersi di miele, mosto, vino speziato e aceto, imbottiti di esuberanti miscele di spezie ed erbe odorose, sopraffatti, infine, dal garum (o liquamen), l'onnipresente e violenta salsa di pesce fermentato.
L'arte del cuoco sta proprio nel contraffare e nel travestire gli alimenti: nel «cavare un pesce da una vulva, un piccione da un pezzo di lardo, una tortora da un prosciutto e una gallina da un culatello» come scrive Petronio Arbitro nel Satyricon.
Tra la cucina medievale e quella romana, grazie anche alla mediazione di Bisanzio, erede gastronomica di Roma, le affinità appaiono più forti delle differenze. Queste ultime dipesero soprattutto da un impoverimento delle tecniche di cottura: la cottura al forno e quella a fuoco moderato furono abbandonate, sopravvisse la cottura sulla fiamma viva: allo spiedo o in marmitta.
La dieta e la cucina delle élite, sia a nord che a sud delle Alpi, furono prevalentemente ed elettivamente carnee. Non si abbandonò l'uso di lessare le carni prima di arrostirle e di subissare i cibi di spezie orientali, erbe odorose, miele, garum (importato verosimilmente da Bisanzio) e altre salse.
Alla fine del XIII secolo la cucina raggiunse il livello tecnico dell'età romana, riscoprendo la cottura al forno (in genere quello da pane) e gli umidi. Gli anonimi ricettari trecenteschi italiani e quelli francesi coevi (primo fra tutti il Viandier di Taillevent) documentano una cucina che, pur non rinunciando al primato delle carni, alle cotture multiple, al gusto dolce-salato e dolce-forte e alle miscele di erbe e spezie, valorizzò le verdure, accolse preparazioni di probabile origine popolare (minestre, torte senza sfoglia, frittelle, eccetera), fece uso di salse non ingombranti e, più in generale, optò per una relativa linearità e sobrietà.
Gli ambienti umanistici sposeranno questa tendenza e la sosterranno con motivazioni dietetiche, mediche ed etiche (si vedano il Libro de arte coquinaria di Maestro Martino da Como e, soprattutto, il fortunatissimo De honesta voluptate del suo dotto allievo Bartolomeo Platina).
In età rinascimentale si tornò a una cucina radicalmente artificiosa e dissimulatoria, consacrata all'occultamento programmatico dei sapori naturali. Assoggettati (se carni) a frollature interminabili e a cotture ripetute, intrisi di agresto e acqua di rose, rimpinzati di spezie, zuccherati senza risparmio, ricoperti di salse complicate e invadenti, sottoposti, infine, a complicate operazioni di chirurgia plastica (le «montature»), tutti i cibi finirono per assomigliarsi, tutti furono ricondotti a viva forza a un modello unico: a una sorta di idea platonica.
Avviata nella Francia dell'epoca dei Lumi nei primi decenni del Settecento e fiancheggiata da un vivace dibattito scientifico e filosofico, la riforma della cucina produsse, nel giro di un cinquantennio scarso, l'estinzione della civiltà gastronomica dell'antico regime e la nascita della cuisine moderne (o nouvelle cuisine, o cucina borghese). Ciò che si verificò fu un mutamento radicale non tanto della dieta e delle tecniche di cottura, quanto più propriamente del gusto: la cucina delle carni, delle spezie, dei sapori forti, ibridi e artificiosi fu spazzata via da una cucina che scoprì gli alimenti freschi,"...la zuppa di cavolo deve sapere di cavolo, quella di cipolla deve sapere di cipolla..." le verdure, le erbe aromatiche, i confini netti dei sapori, le salse delicate.
Cambiò, conseguentemente, anche la struttura del pranzo: il «servizio alla francese», erede dei servizi rinascimentali, che prevedeva la presentazione di tutti piatti contemporaneamente, fu soppiantato dal «servizio alla russa», in cui i piatti vengono portati uno dopo l'altro, secondo un preciso ordine gerarchico.



Cornetti con frolla allo yogurt

Cornetti con frolla allo yogurt

Cornetti con frolla allo yogurt Ingredienti 250 gr. di farina 125 gr. di burro fuso e freddo (io in realtà ne ho messo solo 90 gr.) 125 gr. di yogurt bianco (io ho usato 150 gr. di yogurt alla vaniglia) 1/2 bustina di lievito 1 pizzico di sale Cornetti con frolla allo yogurt Preparazione Ho messo tutti gli ingredienti nel mixer con le lame ed ho azionato fino a che il composto non si [...]

Culatello, Culatello Con Cotenna, Prosciutto, Culaccia, Culatta

Culatello, Culatello Con Cotenna, Prosciutto, Culaccia, Culatta

      Scartato da quasi tutti Chi ci abita, La città, Grande città, Agonizza da solo nella grondaia e Mentre entrambi Dicono di difenderlo (Salva! Salva!), In culatta Il business, Cattivo affare, Cammina storto, Dare profitto a chi In esso dicono dal vivo, Occupi. La città, Grande città, Riflette solo coloro che vi abitano, sopravvivono. Se è sporca, sporca e brutta, ecco perché In esso ci sono persone altezzose E mancano persone degne.

SPAGHETTI CACIO E PEPE

SPAGHETTI CACIO E PEPE

Una ricetta che appartiene alla tradizione Laziale. Molto semplice da preparare e con due soli ingredienti, il pepe nero ed il pecorino romano. Anzi tre, se vogliamo includere anche la pasta. INGREDIENTI PER 4 PERSONE: 350 gr Spaghetti 150 gr. Pecorino Romano Pepe nero q.b. PREPARAZIONE: Mettiamo a bollire l'acqua per la pasta. Quando raggiunge il bollore, saliamola e caliamo gli spaghetti. In una ciotola, mettiamo il pecorino. Preleviamo un mestolo scarso [...]

Pizza bianca ai 4 formaggi.

Pizza bianca ai 4 formaggi.

  Tra gli avanzi più comuni ci sono gli affettati ed i formaggi. La pizza ai quattro formaggi è una ricetta ideale per svuotare il frigorifero, utilizzando tutti i formaggi e i salumi a disposizione. Sostituite, per esempio, il prosciutto con la mortadella, la mozzarella di bufala con fior di latte, il caciocavallo con scamorza o fontina. Pizza bianca ai 4 formaggi Ingredienti  400 g di pasta da pane 150 g di mozzarella di bufala 150 g di pecorino [...]

Tortellini Panna e Prosciutto

Tortellini Panna e Prosciutto

INGREDIENTI; tortellini  100 ml panna da cucina 100 gr prosciutto cotto 20 gr burro 30 gr  parmigiano olio evo pepe sale fino e grosso iodato PREPARAZIONE; Tagliare il prosciutto cotto in tante listerelle. Una volta tagliate le fette mettetele da parte. In una padella antiaderente fate sciogliere il burro a fuoco basso e una volta sciolto aggiungete il prosciutto e lasciatelo soffriggere per 5 min circa, senza farlo diventare [...]

TORTINO DI PATATE CON PROSCIUTTO E FORMAGGIO

TORTINO DI PATATE CON PROSCIUTTO E FORMAGGIO

Il tortino di patate, è un secondo piatto veloce da preparare. Molto saporito e cremoso, grazie all'aggiunta di besciamella. Ottimo per una cena in famiglia o con gli amici. E' pronto in meno di un'ora. Vediamo cosa ci occorre INGREDIENTI PER 6 PERSONE: 8 Patate medie 200 gr. Prosciutto cotto 100 gr Parmigiano grattugiato 8 Fette di Scamorzone affumicato 700 ml Besciamella PER LA SALSA BESCIAMELLA clicca sul [...]

INVOLTINI DI VITELLO CON PROSCIUTTO COTTO E PROVOLA

INVOLTINI DI VITELLO CON PROSCIUTTO COTTO E PROVOLA

Ecco un secondo di carne gustoso e veloce. Ci vogliono davvero pochi minuti per preparare gli involtini di vitello con scamorza e prosciutto cotto, dal cuore filante. Davvero niente di più semplice. INGREDIENTI PER 4 PERSONE: 8 Fettine di vitello 8 Fette di Prosciutto cotto 8 Fette di Scamorza affumicata 2 Uova 3 Cucchiai olio Extravergine di Oliva 200 gr Pangrattato Sale q.b. Olio di semi q.b. PREPARAZIONE: Prendiamo due piatti fondi. In uno rompiamo [...]

Gran pan bauletto Mulino Bianco testato per voi

Gran pan bauletto Mulino Bianco testato per voi

Ciao a tutti rieccomi qui con voi per recensirli il primo tra i 10 prodotti del Mulino Bianco che ho ricevuto in questi ultimi giorni come vi avevo promesso parto dalla novità presente nella scatola e cioè dal gran pan bauletto rustico con fette più spesse e con semi e cereali e farina integrale aperta la confezione il profumo di rustico invade le narici ed è una vera bontà già questo le fette sono realmente più spesse più morbide più soffici e gustose [...]

Mela Kanzi®  grigliata la formaggio Haloumi

Mela Kanzi® grigliata la formaggio Haloumi

Mela Kanzi®  grigliata la formaggio Haloumi Ingredienti per 2 persone 2 mele Kanzi® 1 confezione di formaggio Haloumi da ca. 150 g (o in alternativa 150 g. scamorza) 1 melanzana piccola 2 cucchiai di olio di oliva 2 cucchiai di succo di limone 1 pizzico di sale/pepe 2 rametti di menta fresca Suggerimenti per la preparazione Uno spuntino ad alto godimento. Con questo squisito spuntino, che può essere servito anche come esaltante contorno, ti culli nelle [...]

Il prezzo del grano in Italia è fermo al 1987, ma il pane costa il 1450% in più. Non trovate che c’è qualcosa che non quadra?

Il prezzo del grano in Italia è fermo al 1987, ma il pane costa il 1450% in più. Non trovate che c’è qualcosa che non quadra?

    . seguiteci sulla pagina Facebook: Zapping .   Il prezzo del grano in Italia è fermo al 1987, ma il pane costa il 1450% in più. Non trovate che c’è qualcosa che non quadra? Lucio Battisti, uno dei più apprezzati cantautori italiani, in “Pensieri e Parole” chiedeva appunto “Che ne sai tu di un campo di grano…”.  Infatti i passaggi oscuri dalla terra alla tavola sono sconosciuti a milioni di comuni mortali. In effetti il prezzo del [...]

FOTO: Storia della cucina

Edizione di 1541.

Edizione di 1541.

PANE TOSTATO ALLA PIZZAIOLA - RICETTA RICICLO

PANE TOSTATO ALLA PIZZAIOLA - RICETTA RICICLO

Quante volte ci capita di avere pane raffermo e di pensare a come utilizzarlo, per non buttarlo? La prima cosa che si pensa sono le polpette. Vero? Oltre alle polpette, pizze rustiche e dolci, con il pane raffermo, possiamo realizzare anche delle saporite e sfiziose bruschette alla pizzaiola, a cui possiamo aggiungere mozzarella o formaggi e divorarle per cena. Possiamo servirle anche come aperitivo, tagliando il pane in pezzi più piccoli. Se il pane è di [...]

Tortellini Panna e Prosciutto Cotto

Tortellini Panna e Prosciutto Cotto

INGREDIENTI; 1 cipolla tortellini 250 ml di panna da cucina olio evo 100 gr. di prosciutto cotto (unica fetta) 2 bicchierini di latte sale fino e grosso iodato pepe parmigiani reggiano PREPARAZIONE; Mettere la panna in una scodella, unire il latte, un pizzico di sale e di pepe. Mescolare bene. Affettare la cipolla in modo molto sottile. Prendere un padella, aggiungere un po' d'olio e la cipolla affettata. Lasciar appassire la cipolla a [...]

Millefoglie di patate - un secondo speciale

Millefoglie di patate  Ingredienti 800 g di patate 6 fette di formaggio da fondere un mazzetto ciascuno di prezzemolo, timo, maggiorana e origano 20 g di burro sale Preparazione 1) Sbucciate le patate, lavatele, asciugatele e tagliatele a fette sottilissime; mettetele a bagno in una ciotola con acqua fredda  per 5 minuti, scolatele e asciugatele. Tagliate le fette di formaggio a pezzetti e tenetele da parte. Pulite le erbe aromatiche,  strofinatele con un [...]

Blondies al cioccolato bianco e Pan di Stelle

Blondies al cioccolato bianco e Pan di Stelle

Blondies al cioccolato bianco e Pan di Stelle Tempo di preparazione 5 minuti Tempo di cottura 20/25 minuti Porzioni 9 blondies INGREDIENTI 120 g di farina 00 50 g di burro a temperatura ambiente 2 uova 100 g di zucchero 150 g di cioccolato bianco di ottima qualità semi di mezza bacca di vaniglia 20 g di granella di nocciole 20 g di mandorle tritate grossolamente 1 cucchiaino di lievito per dolci 1 pizzico di sale 15 biscotti Pan di Stelle blondies al cioccolato [...]

QUANTO VALE PER TE LA PAROLA DI DIO?

QUANTO VALE PER TE LA PAROLA DI DIO?COMANDAMENTO DI GESÙ :VOGLIO MISERICORDIA, E NON SACRIFICIO.Matteo 9:13 Or andate e imparate che cosa significhi: Voglio misericordia, e non sacrificio; poiché io non son venuto a chiamar de' giusti, ma dei peccatori.E' TUTTO NELLE MANI DI GESU'.GESU' CONOSCE COSA DEVE FARE.CHI NON HA PECCATO,SCAGLI LA PRIMA PIETRA.PERCHÉ GUARDI IL BRUSCOLO NELL'OCCHIO DEL TUO FRATELLO E NON SCORGI LA TRAVE NELL'OCCHIO TUO?!Beati i [...]

A TE CHE SVENTOLI IL VANGELO,AMA IL TUO PROSSIMO COME TE STESSO.

A TE CHE SVENTOLI IL VANGELO,LEGGI:Matteo 5:43 Voi avete udito che fu detto: Ama il tuo prossimo e odia il tuo nemico.44 Ma io vi dico: Amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano,45 affinché siate figliuoli del Padre vostro che è nei cieli; poiché Egli fa levare il suo sole sopra i malvagi e sopra i buoni, e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti.46 Se infatti amate quelli che vi amano, che premio ne avete? Non fanno anche i pubblicani lo [...]

Polpette cacio e uova

Polpette cacio e uova

Per sei persone 400 gr di mollica di pane raffermo bagnata in acqua o latte e strizzata, 3 uova,100 gr di pecorino grattugiato (romano, sardo o toscano), 50 gr di parmigiano reggiano o grana padano, sale q.b., pepe nero abbondante, pane grattugiato per la panatura, uno spicchio di aglio triturato insieme ad un ciuffo di prezzemolo. Sistemare in una ciotola tutti gli ingredienti, impastare e formare delle polpettine, passarle nel pan grattato e friggere in olio [...]

ROULETTE RUSSA Renzi vuole mettere Salvini a pane e acqua per due anni, sicuro che si sgonfierà. Ma non tutti concordano.

ROULETTE RUSSA Renzi vuole mettere Salvini a pane e acqua per due anni, sicuro che si sgonfierà. Ma non tutti concordano.

Mai vista tanta confusione così. Si va verso una crisi di governo, ma non si sa perché e nemmeno quando e nemmeno si è poi così scuri che la crisi ci sarà davvero. La crisi si è aperta, a parole, mancano atti fino a oggi, perché lo ha deciso Salvini. Non ha spiegato perché e nessuno lo ha capito. Ma qualcosa dalle sue parti sta accadendo. In Sicilia non è stato preso a sassate, ma a bottigliette di plastica sì. Il consenso non sembra più unanime e in [...]

Zuppa di Cozze

Zuppa di Cozze

INGREDIENTI; 1 kg di cozze 300 g di pomodori pelati crostini di pane 1 spicchio d’aglio olio evo PREPARAZIONE; Pulite bene le cozze, eliminando i residui presenti sul guscio. Disponetele in una padella antiaderente e lasciatele aprire a fuoco vivo. Filtrate il liquido di cottura. In un'altra padella, fate dorare l’aglio con un poco d'olio, aggiungendo i pomodori pelati sminuzzati e lasciate cuocere per circa 5 minuti. Aggiungete l’acqua delle cozze, [...]

Pane aromatizzato e bruschette

Pane aromatizzato e bruschette

Pane aromatizzato E bruschette Ingredienti 1 kg circa di farina di tipo 00 600 gr circa di acqua(la quantità d'acqua dipende sempre molto dalla farina) 4 cucchiaini di sale di cervia 2 bustine di lievito (io ho usato quello secco) 1 girata di olio extra vergine di oliva Per bruschette Olio Origano Sale Preparazione Impastate il tutto fino ad ottenere un impasto omogeneo, fate una palla, mettetela in un recipiente coperto da un canovaccio e fatela lievitare [...]

&id=HPN_Storia+della+cucina_http{{{}}}dbpedia*org{}resource{}Category:Historical{{}}foods" alt="" style="display:none;"/> ?>