Telescopio spaziale Hubble

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Summer
In rilievo

Summer

Telescopio spaziale Hubble

La scheda: Telescopio spaziale Hubble

Riflettore Ritchey-Chrétien ? 2,4 m Lunghezza focale 57,6 m
? 2,4 m
Lunghezza focale 57,6 m
Il telescopio spaziale Hubble (in lingua inglese Hubble Space Telescope, in sigla HST) è un telescopio spaziale in orbita terrestre bassa (circa 560 km di quota). Lanciato il 24 aprile 1990 con lo Space Shuttle Discovery come progetto comune della NASA e dell'Agenzia Spaziale Europea (ESA), è così chiamato in onore di Edwin Hubble, astronomo statunitense.
L'osservazione astronomica dall'esterno dall'atmosfera terrestre comporta numerosi vantaggi, perché l'atmosfera distorce le immagini e filtra la radiazione elettromagnetica a certe lunghezze d'onda, in particolare nell'ultravioletto. Al contrario, dall'orbita di Hubble è possibile scattare immagini a risoluzione estremamente alta e con un inquinamento luminoso trascurabile. Hubble ha scattato alcune tra le più dettagliate immagini di sempre nello spettro visibile, cambiando il modo di vedere l'Universo e permettendo importanti scoperte in astrofisica, come una precisa determinazione della velocità di espansione dell'Universo.
Hubble non è il primo telescopio spaziale, ma il più grande e versatile, e costituisce una risorsa vitale per la ricerca astronomica contemporanea. Il progetto è stato finanziato negli anni settanta, con il lancio previsto per il 1983, ma le difficoltà tecniche (tra le ultime, anche il disastro del Challenger) hanno causato continui ritardi ed aumenti dei costi. Lanciato finalmente nel 1990, il telescopio ha inizialmente risentito di un difetto nella costruzione dello specchio primario, che non ha permesso di raggiungere la messa a fuoco prevista, il quale è stato risolto con l'aggiunta di un'ottica correttiva nella missione di servizio STS-61 del 1993. Hubble è infatti l'unico telescopio oggetto di missioni di servizio umane in orbita: dopo il lancio, è stato oggetto di attività di manutenzione in cinque missioni dello Space Shuttle, nel corso delle quali sono state operate riparazioni ed espansioni, ed ogni singola componente è stata sostituita almeno una volta.
Il telescopio è ancora operativo al 2016 e si stima possa continuare ad operare fino al 2020, mentre il rientro naturale in atmosfera è previsto tra il 2030 e il 2040. Il suo successore nel campo dell'infrarosso sarà il Telescopio spaziale James Webb (JWST), il cui lancio è previsto nel 2018, mentre per il visibile e l'ultravioletto è stato recentemente ipotizzato l'High Definition Space Telescope.



Telescopio Hubble:
Immagine del veicolo:
Il telescopio spaziale Hubble visto dallo Space Shuttle Discovery durante la seconda missione di servizio, STS-82
Dati della missione:
Operatore: NASA ed ESA
Numero di catalogazione: 1990-037B
SCN: 20580
Destinazione: Orbita geocentrica
Satellite di: Terra
Esito: In corso
Vettore: Space Shuttle Discovery
Luogo lancio: Complesso di lancio 39
Lancio: 24 aprile 1990
Durata: ~26 anni
Orbita: circolare
Periodo orbitale: 96-97 minuti
Altezza orbita: 560 km
Eccentricità orbitale: nulla
Massa: 11 t
Strumentazione: Riflettore Ritchey-Chrétien ? 2,4 m Lunghezza focale 57,6 m
Lunghezza d'onda coperta: Ottico, ultravioletto, vicino infrarosso
Velocità orbitale: 7 500 m/s (27 000 km/h)
Accelerazione di gravità: 8,169 m/s²
Momento angolare: 5,28 × 1010 m²/s

Spazio, Hubble fotografa il quasar più brillante dell'universo

Spazio, Hubble fotografa il quasar più brillante dell'universo

Milano (askanews) - Il nome è impronunciabile ma la sua unicità è degna di nota; parliamo dell'oggetto celeste più luminoso mai fotografato dalla Terra nell'universo conosciuto, con una luce emessa 500mila miliardi di volte maggiore di quella del nostro Sole. Si tratta di un quasar, cioé il nucleo di una lontanissima galassia dove risiedeva un buco nero intento ad ingoiare la materia che lo circondava. È stato scoperto grazie al telescopio orbitante [...]

Addio alla 'mamma' del telescopio Hubble

Addio alla 'mamma' del telescopio Hubble

(ANSA) – ROMA, 31 DIC – La comunità scientifica celebra l’eredità di Nancy Grace Roman, scomparsa mercoledì a 93 anni: prima donna a ricoprire una carica esecutiva alla Nasa, l’agenzia spaziale statunitense, era nota come la ‘Madre di Hubble’, per aver partecipato alla progettazione del primo telescopio spaziale, chiamato appunto Hubble. Iniziò a frequentare un club di astronomia all’età di 11 anni, portando con sé questa passione per [...]

UN NUOVO TELESCOPIO SPAZIALE PER SCOPRIRE L'ORIGINE DEL COSMO

UN NUOVO TELESCOPIO SPAZIALE PER SCOPRIRE L'ORIGINE DEL COSMO

Da dove si è originato il Cosmo? C'è vita in altri pianeti? Un nuovo telescopio spaziale potrebbe dare una risposta a queste domande. Leggi articolo 

Hubble 'colora' il più celebre catalogo astronomico

Hubble 'colora' il più celebre catalogo astronomico

Il telescopio spaziale Hubble ‘colora’ il più celebre catalogo di galassie, nebulose e ammassi di stelle compilato due secoli e mezzo fa dall’astronomo francese Charles Messier e da allora punto di riferimento di generazioni di astronomi. Tra le 93 immagini scattate da Hubble e diffuse oggi dalla Nasa, una delle più spettacolari è quella dei pilastri della vita, le strutture della Nebulosa dell’Aquila fotografate da Hubble in diverse lunghezze [...]

Sensazioni cosmiche

All’inizio fu la vista, con i telescopi ottici del grande Galileo sviluppatisi poi nel secolo scorso anche nelle frequenze invisibili della luce, dalle onde radio, agli infrarossi, agli ultravioletti ai raggi X e gamma; poi vennero i moderni interferometri laser, l’equivalente dell’ udito, in grado di captare le onde gravitazionali che modificano in maniera impercettibile la struttura dello spazio tempo, facendola letteralmente scricchiolare; il tutto [...]

Inizia l'età dell'oro per l'osservazione del nostro Universo

Per la prima volta nella storia dell’osservazione dell’universo, è stata rilevata un’onda gravitazionale prodotta dalla fusione di due stelle di neutroni e captata, dalle onde radio fino ai raggi gamma, la radiazione elettromagnetica associata alla poderosa esplosione avvenuta durante il fenomeno. È la prima volta che un evento cosmico viene osservato sia nelle onde gravitazionali che elettromagnetiche, avviando così l’era dell’astronomia [...]

DA HUBBLE............

DA HUBBLE............

Galassia dalla forma inedita scoperta da HubbleScoperta, grazie ad Hubble, una galassia dalla forma irregolare da sempre considerata come una nebulosa.ASTRONOMIA Angelo Petrone 0 15:18 25 gennaio 2016Una galassia dalla forma davvero unica è stata scoperta dal telescopio Hubble. Si tratta di una formazione del tutto speciale che, per anni, è stata considerata come una vera e propria nebulosa. Non a spirale e nemmeno ellittica, la forma dellagalassia NGC [...]

Trovata acqua su sette pianeti extrasolari

Trovata acqua su sette pianeti extrasolari

C’è acqua su sette pianeti extrasolari. La straordinaria scoperta è stata effettuata da un team di astronomi guidato da Vincent Bourrier, professore dell’Observatoire de l’Université de Genève. Gli studiosi sono riusciti ad individuare nell’atmosfera di alcuni pianeti esterni al Sistema Solare, la presenza di acqua. La ricerca è stata possibile grazie all’utilizzo del telescopio spaziale Hubble che ha consentito di raccogliere dati utili per [...]

Mondi oceanici nel mirino del Webb

Due corpi celesti classificati come ‘mondi oceanici’, caratterizzati da un dinamismo geologico che li ha posti al centro dell’attenzione degli studiosi e li ha resi un obiettivo di grande rilievo per la futura missione del ‘successore’ di Hubble, il James Webb Space Telescope (JWST). I due mondi in questione sono Europa, luna di Giove, ed Encelado, che fa parte della grande ‘famiglia’ dei satelliti naturali di Saturno. Ambedue gli oggetti celesti [...]

Interazioni galattiche per Hubble

Si trovano nella costellazione australe dell’Orologio, a circa 30 milioni di anni luce dalla Terra, e sono impegnate in una ‘danza’ gravitazionale. La coppia di ‘ballerine’ cosmiche è costituita da due galassie, la ‘giunonica’ NGC 1512 e la minuscola NGC 1510, protagoniste della nuova immagine realizzata da Hubble.Lo sguardo acuto del telescopio NASA-ESA ha colto una serie di particolari che evidenziano le interazioni gravitazionali tra i due [...]

FOTO: Telescopio spaziale Hubble

Saturno

Saturno

La Nebulosa Occhio di Gatto

La Nebulosa Occhio di Gatto

L'Hubble agganciato allo Shuttle per manutenzione

L'Hubble agganciato allo Shuttle per manutenzione

Disegno della NASA che evidenzia l'evoluzione dei telescopi, da quelli terrestri ad Hubble, fino al previsto JWST

Disegno della NASA che evidenzia l'evoluzione dei telescopi, da quelli terrestri ad Hubble, fino al previsto JWST

Galassie fallite

Hanno una densità estremamente bassa e le loro stelle sono molto difficili da scorgere. Sono le galassie ultra diffuse, (o UDG, dall’inglese ultra diffuse galaxy), scoperte per la prima volta nell’ammasso di galassie della Vergine circa trent’anni fa. Negli ultimi anni, i moderni telescopi hanno rilevato la presenza di svariati oggetti simili, suggerendo l’ipotesi che si tratti di un fenomeno più diffuso di quanto si pensasse in precedenza. Tuttavia, le [...]

Una galassia ‘dimessa’ per Hubble

E’ situata ad una distanza di circa 30 milioni di anni luce dalla Terra e si cela nella piccola costellazione settentrionale dei Canes Venatici (Cani da Caccia): si tratta della galassia classificata con la sigla alfanumerica NGC 4242, avvistata per la prima volta da William Herschel nel 1788. La galassia è protagonista dell’ultima ‘fatica’ fotografica del telescopio spaziale Hubble, che l’ha immortalata con lo strumento WFC3 (Wide Field Camera 3); [...]

Un book per Phobos il ‘velocista’

E’ una delle lune più piccole nel Sistema Solare, il suo 'volto' è profondamente segnato da crateri da impatto e compie il suo 'girotondo' intorno al proprio pianeta di riferimento più velocemente della rotazione di quest'ultimo. E’ questo l'identikit di Phobos, il maggiore dei due satelliti naturali di Marte, protagonista di un recente servizio fotografico realizzato da Hubble. Lo storico telescopio NASA-ESA, infatti, mentre era impegnato ad immortalare il [...]

Cittadini scienziati a caccia di nane brune

Terapista di giorno, scienziata la sera. Rosa Castro, appassionata di astronomia, presta il suo tempo libero alla scienza. Ha deciso di prender parte a uno dei progetti della NASA per i cittadini scienziati, Backyard Worlds: Planet 9. È così che, insieme ad altri tre scienziati non professionisti, riesce a scoprire un corpo celeste a metà strada tra un pianeta e una stella: una nana bruna. Battezzata WISEA J110125.95+540052.8, si tratta di una stella mancata. [...]

Hubble sguardo da Lince

Si trova a circa 30 milioni di anni luce dalla Terra, nella costellazione della Lince. È stata scoperta circa 200 anni fa dall’astronomo William Herschel. Gli scienziati hanno adesso notato che la galassia denominata NGC 2500, ha una struttura sfuggita prima alla loro vista. Una struttura comune ad altre galassie. Una barra nella sua parte centrale. È l’ultima osservazione di Hubble, l’ormai celebre telescopio spaziale ESA/NASA, con alle spalle più di un [...]

La galassia nascosta

Si cela nei pressi dell’equatore del disco galattico della Via Lattea. Polveri, gas cosmici e stelle la nascondono alla vista degli astronomi. Nonostante la sua luminosità. Ma gli astronomi sono ugualmente riusciti a penetrare la fitta coltre di materiale della nostra galassia, e ad affondare lo sguardo su IC 342, e sulla sua intricata struttura a spirale. Per riuscire nell’impresa di spiare la “galassia nascosta”, com’è stata definita IC 342, gli [...]

Occhi puntati su 2014 MU69

2014 MU69, non sarà raggiunto da New Horizons prima del 2019, ma sta già destando l’attenzione degli scienziati. In particolare, i membri del team della sonda sono in attesa dei dati relativi all’occultazione stellare dello scorso 3 giugno, registrata in Argentina: ovvero il rapido passaggio di 2014 MU69 davanti a una stella.Molti astronomi torneranno nel paese sudamericano il prossimo 17 luglio, in occasione della terza e ultima occultazione stellare di [...]

Una galassia distante per Hubble

Ha un nome molto complesso, si presenta come un arco di colore azzurro e si trova a tal punto nelle pieghe dello spazio profondo che, nell’immagine di Hubble, è possibile vederla come si presentava 11 miliardi di anni fa, vale a dire solo 2,7 miliardi di anni dopo il Big Bang: la protagonista della nuova ‘impresa fotografica’ del telescopio NASA-ESA è SGAS J111020.0+645950.8, una galassia distante che è possibile vedere ingrandita grazie all’effetto [...]

Indigestione da buco nero

Un pasto indigesto per un buco nero supermassiccio. È lo scenario in cui si è imbattuto un team di astronomi inglesi del Jodrell Bank Centre for Astrophysics dell’University of Manchester, studiando la collisione tra due galassie. I dettagli, in corso di pubblicazione sui Monthly Notices of the Royal Astronomical Society, sono stati presentati al National Astronomy Meeting 2017.Le galassie protagoniste sono la cosiddetta galassia Vortice (NGC 5194) e la più [...]

Una ‘password’ galattica

Si trova a circa 400 milioni di anni luce di distanza dalla Terra, nella costellazione della Vergine, e al suo aspetto leggiadro non è abbinato un appellativo poetico o un nickname facile da ricordare, ma un intricato sistema di numeri e lettere: si tratta della protagonista del nuovo scatto realizzato dal telescopio Hubble, ovvero 2XMM J143450.5+033843, la galassia 'battezzata' con un nome in codice che sembra la password di un computer (qui la foto ad alta [...]

&id=HPN_Telescopio+spaziale+Hubble_http{{{}}}dbpedia*org{}resource{}Hubble{{}}Space{{}}Telescope" alt="" style="display:none;"/> ?>