The Beagle Boys

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Cristina Parodi
In rilievo

Cristina Parodi

La scheda: Banda Bassotti

Arnoldo Mondadori Editore fino al 1988
The Walt Disney Company Italia dal 1988 al 2013
Panini Comics dal 2013
Nonno Bassotto nonno
Intellettuale-176 cugino
Zero-Zero-Nulla cugino
Bass-Hot-Band, composta da 014, 015 e 016 nipoti
Mamma Bass, madre (nella serie Duck Tales)
Nel mondo Disney, la Banda Bassotti (in inglese Beagle Boys) appartiene alla schiera dei cattivi. I Bassotti sono stati creati da Carl Barks nel 1951 quando apparvero nella storia Paperino e la banda dei segugi.
Sono una banda di malviventi di Paperopoli, composta da fratelli, il cui obiettivo principale è rubare denaro a Zio Paperone e non solo. Non si conosce il loro nome, ma soltanto la loro matricola carceraria impressa sulla targhetta gialla che ciascuno di essi porta in bella evidenza sulla maglietta rossa: i numeri classici sono 176-617, 176-761, 176-176. A seconda dell'autore, la banda varia la loro composizione, i primi Bassotti, sia quelli di Barks che le creazioni italiane, erano identici tra loro. Una versione italiana introduce Nonno Bassotto, che sulla targhetta porta la scritta "grazia".
Nella versione animata "Duck Tales" i Bassotti hanno corporature diverse e sono capeggiati da Mamma Bass.
L'aspetto dei Bassotti cambia notevolmente a seconda del disegnatore. I disegnatori americani li raffigurano tarchiati, mentre alcuni loro colleghi italiani (in particolare Cavazzano) li rendono più snelli e atletici. Altri autori italiani (come Bottaro e Chierchini) li rappresentano come grassocci e con la barba di due giorni.
Nella versione a fumetti di Don Rosa, i Bassotti sono sette. Il loro numero di matricola è sempre del tipo "176-***" dove i tre asterischi indicano una permutazione delle tre cifre precedenti, come 176-176, 176-671, ecc. Tuttavia, le permutazioni delle tre cifre sono solo sei. Nelle vignette di Don Rosa, quando tutti i Bassotti compaiono in una vignetta, c'è sempre uno del gruppo la cui targhetta è in parte coperta, in modo che le ultime tre cifre non siano leggibili (vedi anche l'articolo "Matematica nel fumetto" di Marco Abate, in "Matematica e cultura 2004", Springer).
I Bassotti vivono alla periferia di Paperopoli in modeste condizioni economiche: il loro covo è una baracca di legno, nelle storie più recenti una roulotte.
Infine vi sono storie in cui i Bassotti appaiono come una vasta organizzazione criminale con ramificazioni in tutto il mondo. I membri della Banda hanno tutti il medesimo aspetto, con qualche variazione.
La Banda Bassotti è occasionalmente protagonista di alcune storie e non più semplice antagonista di Paperone, che a volte non c'è nemmeno.



Banda Bassotti gruppo:
Versione animata della Banda Bassotti
Nome orig.: The Beagle Boys
Lingua orig.: Inglese
Autore: Carl Barks
1ª app.: novembre 1951
1ª app. in: Walt Disney's Comics and Stories n. 134, Paperino e la Banda dei Segugi
Editori it.: Arnoldo Mondadori Editore fino al 1988 The Walt Disney Company Italia dal 1988 al 2013 Panini Comics dal 2013
Sesso: Maschio
Parenti: Nonno Bassotto nonno Intellettuale-176 cugino Zero-Zero-Nulla cugino Bass-Hot-Band, composta da 014, 015 e 016 nipoti Mamma Bass, madre (nella serie Duck Tales)

DAI CHE CI SIAMO Avanti con le ruspe, mi viene da dire.E MANDATE A CASA QUESTO SGOVERNO DELLA BANDA BASSOTTI.

DAI CHE CI SIAMO Avanti con le ruspe, mi viene da dire.E MANDATE A CASA QUESTO SGOVERNO DELLA BANDA BASSOTTI.

«No alla Tav o a casa», Di Maio e M5S pronti alla crisi di governo. Non si ferma il braccio di ferro nel governo tra M5S e Lega su tav Torino-Lione e processo a Salvini I pentastellati e Luigi Di Maio sono disposti anche alla crisi per mantenere la loro linea sull'opera in Piemonte «Non finisce come Tap e Ilva», avrebbe detto il vicepremier ai suoi parlamentari Non s’interrompe il braccio di ferro tra Movimento 5 Stelle e Lega sui temi più [...]

IL GOVERNO BANDA BASSOTTI Vietato dissentire, sembra Chicago anni Trenta.

IL GOVERNO BANDA BASSOTTI Vietato dissentire, sembra Chicago anni Trenta.

Persino in politica dovrebbero esistere dei limiti, ma abbiamo scoperto che non è così. Dall’opposizione facevano cagnara ogni giorno. Dal governo, dopo 40 giorni non esiste ancora il famoso decreto Genova (che secondo Toninelli già da venerdì era sulla scrivania di Mattarella…).   1- Si è scoperto che il decreto, alla fine, sarebbe stato redatto e spedito alla ragioneria: però non c’erano cifre e nessuna copertura. Le sta ancora cercando la [...]

Charles Daly King : Morirai a mezzogiorno (Obelists Fly High, 1935) - trad. Mauro Boncompagni - I Classici del Giallo Mondadori, 1995, numero 738. Altra edizione con stesso traduttore: Delitto in cielo, I Bassotti, Polillo, n°118 del 2012

Charles Daly King : Morirai a mezzogiorno (Obelists Fly High, 1935) - trad. Mauro Boncompagni - I Classici del Giallo Mondadori, 1995, numero 738. Altra edizione con stesso traduttore: Delitto in cielo, I Bassotti, Polillo, n°118 del 2012

Obelists Fly High di Charles Daly King, nell’opinione comune, è considerato il miglior romanzo dello scrittore americano. Mike Grost, uno dei critici americani più apprezzati ne parla così: Obelists Fly High (1935) is the most admired of King's six published mystery novels. It has a clever impossible crime plot, and surprises in its murder mystery that completely fooled me. So maybe I should be recommending it - or at least its plot. Il bello è che viene [...]

S.S.Van Dine : La canarina assassinata (The Canary Murder Case, 1927) - trad. Pietro Ferrari - Polillo, I Bassotti N.117, 2012

S.S.Van Dine : La canarina assassinata (The Canary Murder Case, 1927) - trad. Pietro Ferrari - Polillo, I Bassotti N.117, 2012

La Canarina assassinata è uno dei più bei Gialli dell’Età d’Oro del romanzo poliziesco. Quando lo scrisse, Wilard Huntigdon Wright, aveva già pubblicato The Benson Murder Case, 1926 “La strana morte del Signor Benson”, romanzo che aveva ottenuto un buon successo. Ma è senza dubbio proprio con The Canary Murder Case, 1927 “La Canarina assassinata” e poi con The Greene Murder Case, 1928, “La Tragedia di Casa Greene”, che si impose come il più [...]

Clifford Orr : La casa sulla scogliera (The Wailing Rock Murders, 1932) - trad. Dario Pratesi - I Bassotti, Polillo, 2017

Clifford Orr : La casa sulla scogliera (The Wailing Rock Murders, 1932) - trad. Dario Pratesi - I Bassotti, Polillo, 2017

Ricordo di averne parlato con Mauro Boncompagni forse due tre anni fa. In precedenza ne avevo accennato sul Blog Mondadori, ai tempi di Altieri: sto parlando del romanzo di Clifford Orr, The Rock Wailing Murders. Il romanzo fa parte di una nutrita schiera che Roland Lacourbe stilò a margine del suo Meeting del 2007. L’elenco è in rete, per opera di uno dei partecipanti a quel meeting, il mio buon conoscente John Pugmire: ricordo che ancora quando non lo [...]

Retrospettiva, Bibliografia completa e analisi di un racconto di Craig Rice: Gli spezzasti il cuore (His Heart Could Break, 1943) - trad. Sara Caraffini. In "Delitti Impossibili", I Bassotti N°125, Polillo Editore, 2012.

Retrospettiva, Bibliografia completa e analisi di un racconto di Craig Rice: Gli spezzasti il cuore (His Heart Could Break, 1943) - trad. Sara Caraffini. In "Delitti Impossibili", I Bassotti N°125, Polillo Editore, 2012.

All’inizio, quando anni fa la collana i Bassotti apparve sul mercato, confesso che rimasi molte volte perplesso e non del tutto convinto dell’offerta: presentava infatti, in parte, titoli che erano già stati presentati da Mondadori. Purtuttavia dopo, come testimoniano anche le interviste apprestate col dott. Polillo, la mia ammirazione e la stima sono sempre più cresciute e oggi devo dire in tutta onestà che le uniche persone del settore che io vorrei [...]

Hake Talbot - Dall'altra parte (The Other Side, postumo 1990) - senza trad. in Delitti Impossibili 1, Garden Editoriale, 1993; trad. Dario Pratesi in Delitti Impossibili, I Bassotti, Polillo, 2012

Quella raccolta di racconti di Adey pubblicata da Garden, "The Art of Impossible", ebbe il compito di far conoscere dei racconti mai pubblicati prima. E se si tien conto che soprattutto Garden non si può dire sia mai stata una diretta concorrente di Mondadori (qual è ora per es. Polillo per quanto attiene al Mystery), la cosa riempie ancor più di meraviglia. Fatto sta che il primo volumetto dei tre, conteneva tra gli altri, un pezzo eccellente, un racconto che [...]

Carter Dickson (John Dickson Carr) : Persone o cose ignote (Persons or Things Unknown, 1938) in Delitti di Natale, trad. Dario Pratesi, I Bassotti, Polillo, 2004

Carter Dickson (John Dickson Carr) : Persone o cose ignote (Persons or Things Unknown, 1938) in Delitti di Natale, trad. Dario Pratesi, I Bassotti, Polillo, 2004

A 13 anni fa risale quella che io reputo una delle migliori raccolte di racconti in assoluto, proposte da Polillo: Delitti di Natale. Fu tale il successo di questa raccolta (7 edizioni) , che qualche anno dopo fu proposto un sequel dal titolo “Altri Delitti di Natale” che ebbe anche un discreto successo (3 edizioni).  E’ una riprova – se mai ce ne fosse bisogno – del fatto che  quando qualcuno ha le capacità e ha la voglia supportata dalla passione nel [...]

Carter Dickson: Persone o cose ignote (Persons or Things Unknown, 1938) in Delitti di Natale, trad. Dario Pratesi, I Bassotti, Polillo, 2004

A 13 anni fa risale quella che io reputo una delle migliori raccolte di racconti in assoluto, proposte da Polillo: … Continua a leggere→ The post Carter Dickson: Persone o cose ignote (Persons or Things Unknown, 1938) in Delitti di Natale, trad. Dario Pratesi, I Bassotti, Polillo, 2004 appeared first on La morte sa leggere.

Ngaio Marsh: Il morto che ascoltava la radio (Death on the Air, 1938 o 39) contenuto in DELITTI DI NATALE, trad. Dario Pratesi, I Bassotti, Polillo, 2004

A 13 anni fa risale quella che io reputo una delle migliori raccolte di racconti in assoluto, proposte da Polillo: Delitti di Natale. Fu tale il successo di questa raccolta (7 edizioni) , che qualche anno dopo fu proposto un sequel dal titolo “Altri Delitti di Natale” che ebbe anche un discreto successo (3 edizioni).  E’ una riprova – se … Continua a leggere→ The post Ngaio Marsh: Il morto che ascoltava la radio (Death on the Air, 1938 o 39) contenuto [...]

La Banda Bassotti europea tira un sospiro di sollievo

L’assalto mediatico che a DI MARTEDI’ (così come era accaduto per due puntate tv della Gruber) contro il M5S, reo di aver “sputtanato” per bene i liberal-democratico-integralisti del partito europeista del belga Verhostadt (che aveva garantito l’ingresso dei parlamentari europei grillini nel gruppo, poi clamorosamente smentito dalla base, cosa che la base di Grillo, al contrario aveva accettato, pur obtorto collo!), visto che i media di regime non [...]

James Ronald: Promessa mantenuta (They Can't Hang Me, 1938) - trad. Dario Pratesi - I Bassotti N°172, Polillo, 2016

James Ronald, nonostante la cospicua produzione letteraria destinata anche a delitti impossibili e camere chiuse, non è molto conosciuto: nè nel mondo anglosassone, dove si può dire solo due romanzi figurano nelle classifiche, nè tantomeno in Italia, dove nessun suo libro, prima d'ora, era stato pubblicato. A questo ultimamente ha sopperito Polillo, pubblicando They Can't Hang Me, romanzo che, assieme a Six Were to Die , ha sfidato il tempo, finendo addirittura [...]

Commissione crac Bm, Bassotti si dimetta

Commissione crac Bm, Bassotti si dimetta

(ANSA) - JESI (ANCONA), 18 LUG - La Commissione speciale del Consiglio comunale di Jesi sul default di Banca Marche punta il dito nella sua relazione finale anche sulla gestione recente della Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi, e chiede al presidente Alfio Bassotti di dimettersi. Alla Fondazione ex comproprietaria di Bm viene imputato di aver "dilapidato il proprio patrimonio con scelte che si sono rivelate infelici": come i 15 milioni di prestito [...]

C. Daly KING : LA MALEDIZIONE DELL'ARPA (The Episode of the Vanishing Harp,1935) - trad. Dario Pratesi - I Bassotti, Polillo, N.54, 2008

C. Daly KING : LA MALEDIZIONE DELL'ARPA (The Episode of the Vanishing Harp,1935) - trad. Dario Pratesi - I Bassotti, Polillo, N.54, 2008

Quando uscì, non lo presi. Il motivo è semplice: è un racconto, seppure lungo, e 8,90 euro (in pratica 9) a parere mio non giustificavano quella spesa, tanto più che allora un Classico del Giallo costava la metà (ora non più). Tuttavia la ragione vera eraun'altra: speravo che prima o poi l'intera collezione dei Racconti di Mr. Tarrant sarebbe stata disponibile ad un prezzo inferiore, cioè nella Collana de I Classici del Giallo Mondadori, in cui allora gli [...]

Bm,Bassotti,vie legali contro Bankitalia

Bm,Bassotti,vie legali contro Bankitalia

(ANSA) - ANCONA, 19 APR - "In tre anni si è persa una cifra pari a 123 milioni di euro. Un danno enorme per tutte le Fondazioni, i risparmiatori e il territorio marchigiano, scippati di una cifra incalcolabile". Così il presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi, Alfio Bassotti, ascoltato oggi dalla Commissione d'indagine su Banca Marche. Bassotti ha anche annunciato l'intenzione di procedere per vie legali nei confronti di Bankitalia per omessa [...]

Alan Thomas - Morte in ascensore (The Death of Lawrence Vining, 1928) - trad. Dario Pratesi - I Bassotti N° 158, Polillo, 2015

Alan Thomas - Morte in ascensore (The Death of Lawrence Vining, 1928) - trad. Dario Pratesi - I Bassotti N° 158, Polillo, 2015

Che The Death of Lawrence Vining di Alan Thomas sia un capolavoro del genere “Camera Chiusa”, è un fatto indubitabile. Tuttavia è strutturato in modo singolare  e per questo desidero analizzarlo nella sua completezza. Sarebbe stato meglio non intitolarlo “Morte in ascensore”, in quanto nel suo titolo italiano, il romanzo si presta ad essere confuso con analogo romanzo di Ngaio Marsh, come da me già detto nell’annuncio del romanzo, con la ripresa delle [...]

Martin Porlock : La villa dei delitti ( Mystery at Friar’s Pardon, 1931) - trad. Dario Pratesi - I Bassotti N° 56, Polillo, 2008

Martin Porlock : La villa dei delitti ( Mystery at Friar’s Pardon, 1931) - trad. Dario Pratesi - I Bassotti N° 56, Polillo, 2008

Philip MacDonald, oltre che il suo vero nome, utilizzò vari pseudonimi per pubblicare i suoi romanzi: Anthony Lawless, Oliver Fleming e Martin Porlock. Con quest’ultimo confezionò solo tre romanzi: Mystery at Friar’s Pardon (1931), Mystery at Kensington Gore (1932) e X Vs. Rex (1933). Il primo e il terzo sono giustamente considerati dei capolavori e sono stati entrambi tradotti presso di noi, mentre il secondo  è ancora inedito, ed è l’unico su cui i [...]

Whitman Chambers : I morti non lasciano impronte digitali (Dead Men Leave no Fingerprints, 1935) - trad. Dario Pratesi - I Bassotti N°104, Polillo, 2011

Whitman Chambers : I morti non lasciano impronte digitali (Dead Men Leave no Fingerprints, 1935) - trad. Dario Pratesi - I Bassotti N°104, Polillo, 2011

Elwyn Whitman Chambers (1896-1968), nato a Stockton, in California, scrisse diciotto romanzi polizieschi ambientati nell’area di San Francisco, il primo dei quali fu ,nel 1928, The Coast of Intrigue. Fu un inizio tiepido, giacchè solo dopo l’uscita di The Navy Murders (1932), scritto assieme a Mary Strother Chambers, iniziò a scrivere a getto e fino alla fine della Seconda Guerra Mondiale diede alle stampe altri tredici romanzi. A partire dal 1946 si dedicò [...]

Azienda biogas, non siamo Banda Bassotti

Azienda biogas, non siamo Banda Bassotti

(ANSA) - ANCONA, 28 LUG - La Viridis energia "è un'azienda seria non la Banda Bassotti": la società e il suo presidente Paolo Pesaresi sono estranei alle accuse (falso ideologico, abuso edilizio, gestione di rifiuti non autorizzati) nell'inchiesta della procura di Ancona sul biogas. Degli elenti raccolti dall'accusa "non emergono intercettazioni di rilievo, regalie, acquisti sospetti, incontri extra lavorativi con funzionari" dice Pesaresi, che ha chiesto di [...]

Gwen Bristow – Bruce Manning : L’Ospite Invisibile –  I Classici del Giallo, Mondadori, N° 188 – 1974 / I Bassotti, Polillo, N°2, 2003.

Gwen Bristow – Bruce Manning : L’Ospite Invisibile – I Classici del Giallo, Mondadori, N° 188 – 1974 / I Bassotti, Polillo, N°2, 2003.

  Gwen Bristow – Bruce Manning : L’Ospite Invisibile (The Invisibile Host, 1930) – Trad. Alberto Tedeschi – I Classici del Giallo, Mondadori, N° 188 – 1974 / I Bassotti, Polillo, N°2, 2003.     I coniugi Gwen Bristow e Bruce Manning, scrissero solo quattro mystery, ma il più famoso dei quattro fu il primo, The Invisibile Host, scritto nel 1929 e pubblicato nel 1930. In un appartamento di New Orleans, al 22^ piano di un grattacielo, arrivano alla [...]

&id=HPN_The+Beagle+Boys_http{{{}}}dbpedia*org{}resource{}Beagle{{}}Boys" alt="" style="display:none;"/> ?>