Theodor Ludwig Wiesengrund Adorno

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Theresa May
In rilievo

Theresa May

Theodor W. Adorno

La scheda: Theodor W. Adorno

Theodor Ludwig Wiesengrund Adorno (Francoforte sul Meno, 11 settembre 1903 – Visp, 6 agosto 1969) è stato un filosofo, sociologo, musicologo, accademico e musicista tedesco.
Fu esponente della Scuola di Francoforte e si distinse per una critica radicale alla società e al capitalismo avanzato. Oltre ai testi di carattere sociologico, nella sua opera sono presenti scritti inerenti alla morale e all'estetica, nonché studi critici sulla filosofia di Hegel, Husserl e Heidegger. Alla riflessione filosofico-sociologica affiancò per tutta la sua esistenza un'imponente attività musicologica.
Studente all'Università di Francoforte, l'amicizia personale con Max Horkheimer lo pose in contatto con l'Istituto di ricerche sociali di Francoforte sul Meno. L'avvento del nazismo lo costrinse all'esilio, prima ad Oxford e, successivamente, in America, in quelli che egli chiamava gli Statistici Uniti. Qui fu particolarmente impegnato in progetti sociologici all'avanguardia come il Radio Research Project e soprattutto nell'indagine sulla Personalità autoritaria.
Ritornato in Germania nei primi anni cinquanta, le sue lezioni, all'Università di Francoforte registrarono una crescente partecipazione, e si accresceva in Europa la fama del seminario da lui svolto con Max Horkheimer sulle tematiche hegeliane.


Filosofia Della Musica In Adorno - Musica E Dominio

Arte e mercatoLa critica di Pasqualotto alla dialettica negativa è intesa a colpire, oltre all’aspetto specificamente filosofico, anche l’elemento etico del pensiero di Adorno. L’argomento fondamentale (se così lo si può chiamare) di questa posizione è espresso nel ripetuto descrivere come ‘illusione’ la possibilità per il singolo di sottrarsi al dominio sociale. In particolare, Adorno si ingannerebbe "sulla possibilità, per la filosofia e per [...]

THEODOR ADORNO

THEODOR ADORNO

"Per vedere la felicità, se ne dovrebbe uscire. L'unico rapporto tra coscienza e felicità è la gratitudine"

EVENTI: Theodor W. Adorno

Nel 1966 pubblica Dialettica negativa.

Nel 1966 pubblica Dialettica negativa.

Nel 1966 pubblica Dialettica negativa.

Nel 1966 pubblica Dialettica negativa.

Nel 1966 pubblica Dialettica negativa.

Nel 1966 pubblica Dialettica negativa.

Nel 1921 si iscrive all'Università di Francoforte, seguendo i corsi di filosofia, sociologia, psicologia e musica.

Nel 1921 si iscrive all'Università di Francoforte, seguendo i corsi di filosofia, sociologia, psicologia e musica.

Nel 1921 si iscrive all'Università di Francoforte, seguendo i corsi di filosofia, sociologia, psicologia e musica.

Nel 1921 si iscrive all'Università di Francoforte, seguendo i corsi di filosofia, sociologia, psicologia e musica.

Nel 1921 si iscrive all'Università di Francoforte, seguendo i corsi di filosofia, sociologia, psicologia e musica.

Nel 1921 si iscrive all'Università di Francoforte, seguendo i corsi di filosofia, sociologia, psicologia e musica.

Nel 1937 sposa Margarete Karplus.

Nel 1937 sposa Margarete Karplus.

Nel 1937 sposa Margarete Karplus.

Nel 1937 sposa Margarete Karplus.

Nel 1937 sposa Margarete Karplus.

Nel 1937 sposa Margarete Karplus.

Nel 1969 si rivolge alla polizia perché sgombri un'occupazione nei locali dell'Istituto per la ricerca sociale, di cui è direttore.

Nel 1969 si rivolge alla polizia perché sgombri un'occupazione nei locali dell'Istituto per la ricerca sociale, di cui è direttore.

Nel 1969 si rivolge alla polizia perché sgombri un'occupazione nei locali dell'Istituto per la ricerca sociale, di cui è direttore.

Nel 1969 si rivolge alla polizia perché sgombri un'occupazione nei locali dell'Istituto per la ricerca sociale, di cui è direttore.

Nel 1969 si rivolge alla polizia perché sgombri un'occupazione nei locali dell'Istituto per la ricerca sociale, di cui è direttore.

Nel 1969 si rivolge alla polizia perché sgombri un'occupazione nei locali dell'Istituto per la ricerca sociale, di cui è direttore.

Nel 1931 consegue l'abilitazione all'insegnamento con il saggio Kierkegaard.

Nel 1931 consegue l'abilitazione all'insegnamento con il saggio Kierkegaard.

Nel 1931 consegue l'abilitazione all'insegnamento con il saggio Kierkegaard.

Nel 1931 consegue l'abilitazione all'insegnamento con il saggio Kierkegaard.

Nel 1931 consegue l'abilitazione all'insegnamento con il saggio Kierkegaard.

Nel 1931 consegue l'abilitazione all'insegnamento con il saggio Kierkegaard.

Nel 1941 raggiunge Max Horkheimer a Los Angeles, collaborando con quest'ultimo alla stesura di Dialettica dell'illuminismo.

Nel 1941 raggiunge Max Horkheimer a Los Angeles, collaborando con quest'ultimo alla stesura di Dialettica dell'illuminismo.

Nel 1941 raggiunge Max Horkheimer a Los Angeles, collaborando con quest'ultimo alla stesura di Dialettica dell'illuminismo.

Nel 1941 raggiunge Max Horkheimer a Los Angeles, collaborando con quest'ultimo alla stesura di Dialettica dell'illuminismo.

Nel 1941 raggiunge Max Horkheimer a Los Angeles, collaborando con quest'ultimo alla stesura di Dialettica dell'illuminismo.

Nel 1941 raggiunge Max Horkheimer a Los Angeles, collaborando con quest'ultimo alla stesura di Dialettica dell'illuminismo.

Da Heidegger e Gadamer a Tommaso

" La verità in definitiva veniva intesa non come un oggetto o un'entità da possedere, bensì come Soggetto, da cui viceversa si viene posseduti." Tommaso d'Aquino sosteneva in proposito: «Tu non possiedi la Verità, ma è la Verità che possiede te» (De Veritate, 1257). In particolare per Tommaso, la verità è il fine ultimo dell'intero universo, il quale trova senso e spiegazione nell'intelletto di Dio che l'ha creato (cfr. Tommaso d'Aquino, Summa contra [...]

Musica di Nietzsche e in Nietzsche. E' Primavera? "En saignant on devient enseignant...

Post 925Sono a buon punto nella revisione del blog in vista di una sua eventuale pubblicazione in versione cartacea e/o in ebook. Circa i tre quarti della lunga operazione è ormai compiuta, ma sono molti i dubbi che mi porto dietro: limitarmi alla correzione dei refusi ortografici o lasciare il diario alla sua spontaneità senza  intervenire sulle esuberanze, le ripetizioni, le sciattezze, o le ricercatezze, stilistiche, l’abuso delle citazioni ecc? Decido per [...]

Emil Cioran

Emil Cioran

  Non è la verità che volete conoscere, ma essere confermati nei vostri pregiudizi, giustificati del vostro egoismo mascherato eticamente.  La logica al servizio dell'utilitarismo soggettivo  

LA FILOSOFIA SPIRITUALE DI ARTHUR SCHOPENAUER (in sintesi)

LA FILOSOFIA SPIRITUALE DI ARTHUR SCHOPENAUER (in sintesi)

  La filosofia di Schopenhauer prende le mosse da quella di Platone e da quella di Kant, riconsiderati alla luce di suggestioni hindu e buddhiste. Il mondo appare a Schopenhauer (come egli illustra nella sua opera fondamentale Il mondo come volontà e rappresentazione, pubblicata una prima volta nel 1819, quindi nel 1844 e un anno prima della morte dell’autore, nel 1859) come rappresentazione, ma nel senso di inganno, “velo di Maya”. Noi conosciamo solo i [...]

Zizek

Carlo Romano Zizek, Stalin e altri orrori Lo hanno definito “filosofo rock”, altrimenti “filosofo pop”. Non c’è ragione di smentire ciò che le tanto avvedute “comunicazioni di massa” hanno stabilito per facilitarci le cose. Le capissimo, queste cose, il risultato migliorerebbe. Ciò nondimeno Slavoj Zizek ce la mette tutta per cercare di far capire i vecchi arnesi che son stati sì delizia, ma più ancora incubo, di una certa società letteraria che [...]

deleted

deleted

Gli “Ultimi Uomini”: la profezia di Nietzsche

Gli “Ultimi Uomini”: la profezia di Nietzsche

Il filosofo tedesco, vissuto nell’Ottocento, non smette di essere più contemporaneo dei contemporanei. La profezia di Zarathustra colpisce al cuore il nostro presente. “Dunque parlerò loro di quanto v’è di più spregevole: e questo è l’ultimo uomo”. Nella prefazione del “Così parlò Zarathustra“, dopo aver annunciato l’avvento dell’ “oltreuomo”, Nietzsche ne disegna il contrario. Angosciato, dipinge non l’uomo destinato a superare [...]

Hannah Arendt

Hannah Arendt

 Hannah Arendt lavorò come giornalista e docente di scuola superiore e pubblicò opere importanti di filosofia. Ecco le sue frasi più belle…Con la parola e con l’agire ci inseriamo nel mondo umano, e questo inserimento è come una seconda nascita, in cui confermiamo e ci sobbarchiamo la nuda realtà della nostra apparenza fisica originale.”*“Il fatto che l’uomo sia capace d’azione significa che da lui ci si può attendere l’inatteso, che è in [...]

HEIDEGGER & GENDER THEORY

L’uomo contesta di avere una natura precostituita dalla sua corporeità, che caratterizza l’essere umano. Nega la propria natura e decide che essa non gli è data come fatto precostituito, ma che è lui stesso a crearsela. Finora è stata la società a determinarlo e adesso siamo noi stessi a decidere su questo. Ora, il concetto di natura, e in particolare di natura umana, è stato messo in discussione da Heidegger dalla pubblicazione di Essere e Tempo [...]

FOTO: Theodor W. Adorno

Theodor Adorno a Heidelberg nel 1965.

Theodor Adorno a Heidelberg nel 1965.

Theodor Adorno a Heidelberg nel 1965.

Theodor Adorno a Heidelberg nel 1965.

Theodor Adorno a Heidelberg nel 1965.

Theodor Adorno a Heidelberg nel 1965.

Theodor Adorno a Heidelberg nel 1965.

Theodor Adorno a Heidelberg nel 1965.

Theodor Adorno a Heidelberg nel 1965.

Theodor Adorno a Heidelberg nel 1965.

IL LIBRO della settimana consigliato: “rubalo”…..è stupefacente! CON NIETZSCHE SUL BALCONE di Carlos Fuentes

IL LIBRO della settimana consigliato: “rubalo”…..è stupefacente! CON NIETZSCHE SUL BALCONE di Carlos Fuentes

IL LIBRO della settimana consigliato: “rubalo”…..è stupefacente! CON NIETZSCHE SUL BALCONE di Carlos Fuentes Stampa Email Notte d’estate, notte di afa e insonnia, notte buia, senza stelle, notte gonfia di nubi. L’aria, dal balcone su cui Dante esce per trovare scampo dal caldo, è carica del profumo dei fiori di agave già appassiti, delle spezie il cui olezzo sale dalle strade affollate sotto l’hotel Metropol, il pepe di Cayenna, [...]

Emil Cioran

Ci sono due modi di sentire la solitudine: sentirsi soli al mondo o avvertire la solitudine del mondo. Chi si sente solo vive un dramma puramente individuale; il sentimento dell'abbandono pu� sopraggiungere anche in una splendida cornice naturale. In tal caso interessa unicamente la propria inquietudine. Sentirti proiettato e sospeso in questo mondo, incapace di adattarti ad esso, consumato in te stesso, distrutto dalle tue deficienze o esaltazioni, tormentato [...]

Emil Cioran

Ci sono due modi di sentire la solitudine: sentirsi soli al mondo o avvertire la solitudine del mondo. Chi si sente solo vive un dramma puramente individuale; il sentimento dell'abbandono può sopraggiungere anche in una splendida cornice naturale. In tal caso interessa unicamente la propria inquietudine. Sentirti proiettato e sospeso in questo mondo, incapace di adattarti ad esso, consumato in te stesso, distrutto dalle tue deficienze o esaltazioni, tormentato [...]

Paul Laurent Assoun : Freud e Nietzsche

Home Authors Poems Photo Paul Laurent Assoun : Freud e Nietzsche Indice Introduzione Parte Prima Parte Seconda Libro primo  Libro terzo

Le scomode verità della relatività di Einstein

Le scomode verità della relatività di Einstein

  Nereo Villa   LE SCOMODE VERITÀ DELLA RELATIVITÀ   La relatività di Albert Einstein (1879-1955) non è una scoperta ma un’invenzione parassitaria per parassiti, falsamente dichiarata poggiante su risultati sperimentali. Questo parassitismo “culturale” è una specie di moda che, un poco alla volta, è stata IMPOSTA agli ambienti “scientifici” della scuola dell’obbligo, usando tecniche di pressione e di ricatto profondamente disoneste. Vi sono [...]

Qualcosa di filosofia: Heidegger

Mentre per Nietschke la realta’ e’ fatta di vortici di volonta’ di potenza in conflitto fra loro, per Heidegger la realta’ e’ basata sul concetto di “ESSERE”.   A questo concetto e’ dedicata l’opera piu’ importante di Heidegger, e cioe’ “Essere e tempo”.            Alla fine pero’ l’autore deve riconoscere la propria impotenza: non e’ riuscito a definire che cos’e’ [...]

Qualcosa di filosofia: Heidegger

Mentre per Nietschke la realta’ e’ fatta di vortici di volonta’ di potenza in conflitto fra loro, per Heidegger la realta’ e’ basata sul concetto di “ESSERE”.   A questo concetto e’ dedicata l’opera piu’ importante di Heidegger, e cioe’ “Essere e tempo”.             Alla fine pero’ l’autore deve riconoscere la propria impotenza: non e’ riuscito a definire che cos’e’ l’ESSERE.    Ha cercato di arrivarci partendo [...]

Nietzsche 1-Comte 0. Ma Marx ha ancora il suo fan club....

Nietzsche 1-Comte 0. Ma Marx ha ancora il suo fan club....

Mi sto da qualche tempo occupando di secolarizzazione e ateismo, e sono giunto alla conclusione che ci siano almeno tre tipi di ateismo diffusi nella nostra società. Ma per essere chiari parlo di ateismo "vero e proprio", non di quelle numerose forme di agnosticismo che risultano in un ateismo pratico. Possiamo per esempio distinguere questi "ateismi" in base al filosofo che maggiormente ha fatto sua quella posizione, e ne consegue un modello come quello che [...]

Ottimo pensiero autunnale di Nietzsche

Ottimo pensiero autunnale di Nietzsche

"Penso che l'autunno sia più uno stato d'animo, che una stagione."                                             Friederich Nietzsche 

NIETZSCHE, TRUMP E L'UNDERDOG

Ci sono frasi che si stampano nella nostra memoria, e una di queste è di Nietzsche: “Il modo più perfido di danneggiare una tesi, è difenderla intenzionalmente con argomenti sbagliati”(1). Perché si spingono i suoi stessi sostenitori a contestare quegli argomenti, e dunque a vedere criticamente la loro stessa tesi. E a tutto ciò si pensa a proposito della campagna presidenziale statunitense. Cominciamo col riconoscere che nel sistema statunitense i [...]

Sul nazismo e la modernità (dai Quaderni neri di Heidegger)

Nel secondo volume dei Quaderni Neri di Martin Heidegger si trova una sua frase riferita al nazismo. Per "giustificare" la sua adesione iniziale al nazismo, Heidegger scrive che egli intravide nel movimento nazionalsocialista, all'inizio degli anni trenta, l'inizio della modernità, quando esso ne rappresentava piuttosto il compimento. Ecco, riprendendo Heidegger, forse si potrebbe dire che, in quest'epoca di tensioni crescenti che si vanno sedimentando e [...]

&id=HPN_Theodor+Ludwig+Wiesengrund+Adorno_http{{{}}}it*dbpedia*org{}resource{}Theodor{{}}Wiesengrund{{}}Adorno" alt="" style="display:none;"/> ?>