Ubuntu Linux Server Edition

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Sistema elettorale
In rilievo

Sistema elettorale

Getdeb

La scheda: Getdeb

Getdeb è un sito web che permette il download di programmi compilati in formato Deb. Tale formato è facile da installare in distribuzioni Linux come Debian o Ubuntu. Questo risulta utile per gli utenti non troppo esperti, che vogliono evitare di dover compilare le ultime versioni dei programmi.
Tutte le applicazioni disponibili, sia a 32 che a 64 bit, sono pubblicate come software libero.


Installare Server SSH su Ubuntu

Installare Server SSH su Ubuntu

Gli utenti che utilizzano telnet, rlogin ed ftp spesso non sono consapevoli che, durante i collegamenti, le loro password usate per l'accesso sono trasmesse attraverso la rete in modo non protetto esponendo così dati sensibili alla cattura da parte di terzi che potranno utilizzarle a loro piacimento. Secure Shell (SSH) è un protocollo di livello applicazione nato nel mondo Linux/Unix che consente di accedere ad un computer remoto sfruttando un canale sicuro: [...]

Connettere Ubuntu a Server SSH

Verrà spiegato in questo tutorial come connettersi da Ubuntu ad un server SSH precedentemente creato, configurato ed avviato. In Ubuntu, per default, è installata una utility grafica che permette di effettuare connessioni a vari server fra cui FTP, Windows Share e anche SSH. Dal menù a tendina Risorse in alto, si selezioni la voce Connetti al Server Compilare il modulo di connessione con i seguenti paramentri: Tipo di servizio  selezionare la voce SSH [...]

EVENTI: Getdeb

Il 14 gennaio 2011 Canonical ha anche pubblicato una versione 2D di Unity, basata sul framework Qt, per permettere il suo utilizzo anche su hardware privo del necessario supporto 3D.

Il 14 gennaio 2011 Canonical ha anche pubblicato una versione 2D di Unity, basata sul framework Qt, per permettere il suo utilizzo anche su hardware privo del necessario supporto 3D.

Il 14 gennaio 2011 Canonical ha anche pubblicato una versione 2D di Unity, basata sul framework Qt, per permettere il suo utilizzo anche su hardware privo del necessario supporto 3D.

Il 14 gennaio 2011 Canonical ha anche pubblicato una versione 2D di Unity, basata sul framework Qt, per permettere il suo utilizzo anche su hardware privo del necessario supporto 3D.

Il 14 gennaio 2011 Canonical ha anche pubblicato una versione 2D di Unity, basata sul framework Qt, per permettere il suo utilizzo anche su hardware privo del necessario supporto 3D.

Il 14 gennaio 2011 Canonical ha anche pubblicato una versione 2D di Unity, basata sul framework Qt, per permettere il suo utilizzo anche su hardware privo del necessario supporto 3D.

Il 14 gennaio 2011 Canonical ha anche pubblicato una versione 2D di Unity, basata sul framework Qt, per permettere il suo utilizzo anche su hardware privo del necessario supporto 3D.

Il 14 gennaio 2011 Canonical ha anche pubblicato una versione 2D di Unity, basata sul framework Qt, per permettere il suo utilizzo anche su hardware privo del necessario supporto 3D.

Il 14 gennaio 2011 Canonical ha anche pubblicato una versione 2D di Unity, basata sul framework Qt, per permettere il suo utilizzo anche su hardware privo del necessario supporto 3D.

Nel 2009 la gendarmeria francese ha deciso di utilizzare Ubuntu al posto di Windows Vista per ottenere un risparmio stimato in 50 milioni di euro.

Nel 2009 la gendarmeria francese ha deciso di utilizzare Ubuntu al posto di Windows Vista per ottenere un risparmio stimato in 50 milioni di euro.

Nel 2009 la gendarmeria francese ha deciso di utilizzare Ubuntu al posto di Windows Vista per ottenere un risparmio stimato in 50 milioni di euro.

Nel 2009 la gendarmeria francese ha deciso di utilizzare Ubuntu al posto di Windows Vista per ottenere un risparmio stimato in 50 milioni di euro.

Nel 2009 la gendarmeria francese ha deciso di utilizzare Ubuntu al posto di Windows Vista per ottenere un risparmio stimato in 50 milioni di euro.

Nel 2009 la gendarmeria francese ha deciso di utilizzare Ubuntu al posto di Windows Vista per ottenere un risparmio stimato in 50 milioni di euro.

Nel 2009 la gendarmeria francese ha deciso di utilizzare Ubuntu al posto di Windows Vista per ottenere un risparmio stimato in 50 milioni di euro.

Nel 2009 la gendarmeria francese ha deciso di utilizzare Ubuntu al posto di Windows Vista per ottenere un risparmio stimato in 50 milioni di euro.

Nel 2009 la gendarmeria francese ha deciso di utilizzare Ubuntu al posto di Windows Vista per ottenere un risparmio stimato in 50 milioni di euro.

Il 2 gennaio 2013 è stato presentato Ubuntu Touch, una versione di Ubuntu ottimizzata per gli smartphone mentre il 19 febbraio dello stesso anno è stata presentata la stessa versione per i tablet.

Il 7 febbraio 2013 Canonical ha dichiarato che il primo smartphone con Ubuntu Touch sarà distribuito a ottobre 2013.

Il 2 gennaio 2013 è stato presentato Ubuntu Touch, una versione di Ubuntu ottimizzata per gli smartphone mentre il 19 febbraio dello stesso anno è stata presentata la stessa versione per i tablet.

Il 7 febbraio 2013 Canonical ha dichiarato che il primo smartphone con Ubuntu Touch sarà distribuito a ottobre 2013.

Il 2 gennaio 2013 è stato presentato Ubuntu Touch, una versione di Ubuntu ottimizzata per gli smartphone mentre il 19 febbraio dello stesso anno è stata presentata la stessa versione per i tablet.

Il 7 febbraio 2013 Canonical ha dichiarato che il primo smartphone con Ubuntu Touch sarà distribuito a ottobre 2013.

Il 2 gennaio 2013 è stato presentato Ubuntu Touch, una versione di Ubuntu ottimizzata per gli smartphone mentre il 19 febbraio dello stesso anno è stata presentata la stessa versione per i tablet.

Il 7 febbraio 2013 Canonical ha dichiarato che il primo smartphone con Ubuntu Touch sarà distribuito a ottobre 2013.

Il 2 gennaio 2013 è stato presentato Ubuntu Touch, una versione di Ubuntu ottimizzata per gli smartphone mentre il 19 febbraio dello stesso anno è stata presentata la stessa versione per i tablet.

Il 7 febbraio 2013 Canonical ha dichiarato che il primo smartphone con Ubuntu Touch sarà distribuito a ottobre 2013.

Il 2 gennaio 2013 è stato presentato Ubuntu Touch, una versione di Ubuntu ottimizzata per gli smartphone mentre il 19 febbraio dello stesso anno è stata presentata la stessa versione per i tablet.

Il 7 febbraio 2013 Canonical ha dichiarato che il primo smartphone con Ubuntu Touch sarà distribuito a ottobre 2013.

Il 2 gennaio 2013 è stato presentato Ubuntu Touch, una versione di Ubuntu ottimizzata per gli smartphone mentre il 19 febbraio dello stesso anno è stata presentata la stessa versione per i tablet.

Il 7 febbraio 2013 Canonical ha dichiarato che il primo smartphone con Ubuntu Touch sarà distribuito a ottobre 2013.

Il 2 gennaio 2013 è stato presentato Ubuntu Touch, una versione di Ubuntu ottimizzata per gli smartphone mentre il 19 febbraio dello stesso anno è stata presentata la stessa versione per i tablet.

Il 7 febbraio 2013 Canonical ha dichiarato che il primo smartphone con Ubuntu Touch sarà distribuito a ottobre 2013.

Il 2 gennaio 2013 è stato presentato Ubuntu Touch, una versione di Ubuntu ottimizzata per gli smartphone mentre il 19 febbraio dello stesso anno è stata presentata la stessa versione per i tablet.

Il 7 febbraio 2013 Canonical ha dichiarato che il primo smartphone con Ubuntu Touch sarà distribuito a ottobre 2013.

Il 4 marzo 2013 è stato annunciato Unity Next, la nuova versione di Unity, successivamente rinominata Unity 8, portata alle Qt sul nuovo server grafico Mir.

Il 4 marzo 2013 è stato annunciato Unity Next, la nuova versione di Unity, successivamente rinominata Unity 8, portata alle Qt sul nuovo server grafico Mir.

Nel 2014 il Comune di Torino ha annunciato la migrazione da Windows XP a Ubuntu, stimando un risparmio di 6 milioni di euro in cinque anni e apprestandosi a diventare la prima città italiana completamente open source.

Nel 2014 il Comune di Torino ha annunciato la migrazione da Windows XP a Ubuntu, stimando un risparmio di 6 milioni di euro in cinque anni e apprestandosi a diventare la prima città italiana completamente open source.

Nel 2014 il Comune di Torino ha annunciato la migrazione da Windows XP a Ubuntu, stimando un risparmio di 6 milioni di euro in cinque anni e apprestandosi a diventare la prima città italiana completamente open source.

Nel 2014 il Comune di Torino ha annunciato la migrazione da Windows XP a Ubuntu, stimando un risparmio di 6 milioni di euro in cinque anni e apprestandosi a diventare la prima città italiana completamente open source.

Nel 2014 il Comune di Torino ha annunciato la migrazione da Windows XP a Ubuntu, stimando un risparmio di 6 milioni di euro in cinque anni e apprestandosi a diventare la prima città italiana completamente open source.

Nel 2014 il Comune di Torino ha annunciato la migrazione da Windows XP a Ubuntu, stimando un risparmio di 6 milioni di euro in cinque anni e apprestandosi a diventare la prima città italiana completamente open source.

Nel 2014 il Comune di Torino ha annunciato la migrazione da Windows XP a Ubuntu, stimando un risparmio di 6 milioni di euro in cinque anni e apprestandosi a diventare la prima città italiana completamente open source.

Nel 2014 il Comune di Torino ha annunciato la migrazione da Windows XP a Ubuntu, stimando un risparmio di 6 milioni di euro in cinque anni e apprestandosi a diventare la prima città italiana completamente open source.

Nel 2014 il Comune di Torino ha annunciato la migrazione da Windows XP a Ubuntu, stimando un risparmio di 6 milioni di euro in cinque anni e apprestandosi a diventare la prima città italiana completamente open source.

Nel 2017 lo sviluppo di Mir, così come di Unity, è stato abbandonato da Canonical che, tornando sui suoi passi, ha deciso per Ubuntu di utilizzare di default GNOME e Wayland già dalla versione di Ubuntu 17.

Nel 2017 lo sviluppo di Mir, così come di Unity, è stato abbandonato da Canonical che, tornando sui suoi passi, ha deciso per Ubuntu di utilizzare di default GNOME e Wayland già dalla versione di Ubuntu 17.

Nel 2017 lo sviluppo di Mir, così come di Unity, è stato abbandonato da Canonical che, tornando sui suoi passi, ha deciso per Ubuntu di utilizzare di default GNOME e Wayland già dalla versione di Ubuntu 17.

Nel 2017 lo sviluppo di Mir, così come di Unity, è stato abbandonato da Canonical che, tornando sui suoi passi, ha deciso per Ubuntu di utilizzare di default GNOME e Wayland già dalla versione di Ubuntu 17.

Nel 2017 lo sviluppo di Mir, così come di Unity, è stato abbandonato da Canonical che, tornando sui suoi passi, ha deciso per Ubuntu di utilizzare di default GNOME e Wayland già dalla versione di Ubuntu 17.

Nel 2017 lo sviluppo di Mir, così come di Unity, è stato abbandonato da Canonical che, tornando sui suoi passi, ha deciso per Ubuntu di utilizzare di default GNOME e Wayland già dalla versione di Ubuntu 17.

Nel 2017 lo sviluppo di Mir, così come di Unity, è stato abbandonato da Canonical che, tornando sui suoi passi, ha deciso per Ubuntu di utilizzare di default GNOME e Wayland già dalla versione di Ubuntu 17.

Nel 2017 lo sviluppo di Mir, così come di Unity, è stato abbandonato da Canonical che, tornando sui suoi passi, ha deciso per Ubuntu di utilizzare di default GNOME e Wayland già dalla versione di Ubuntu 17.

Nel 2017 lo sviluppo di Mir, così come di Unity, è stato abbandonato da Canonical che, tornando sui suoi passi, ha deciso per Ubuntu di utilizzare di default GNOME e Wayland già dalla versione di Ubuntu 17.

Il 5 aprile 2017 è stato annunciato da Mark Shuttleworth, che a partire dalla versione di Ubuntu 18.

Il 5 aprile 2017 è stato annunciato da Mark Shuttleworth, che a partire dalla versione di Ubuntu 18.

Nel 2005 è stato avviato il progetto della creazione di un ramo instabile con nome in codice Grumpy Groundhog (Marmotta Bisbetica).

Nel 2005 è stato avviato il progetto della creazione di un ramo instabile con nome in codice Grumpy Groundhog (Marmotta Bisbetica).

Nel 2005 è stato avviato il progetto della creazione di un ramo instabile con nome in codice Grumpy Groundhog (Marmotta Bisbetica).

Nel 2005 è stato avviato il progetto della creazione di un ramo instabile con nome in codice Grumpy Groundhog (Marmotta Bisbetica).

Nel 2005 è stato avviato il progetto della creazione di un ramo instabile con nome in codice Grumpy Groundhog (Marmotta Bisbetica).

Nel 2005 è stato avviato il progetto della creazione di un ramo instabile con nome in codice Grumpy Groundhog (Marmotta Bisbetica).

Nel 2005 è stato avviato il progetto della creazione di un ramo instabile con nome in codice Grumpy Groundhog (Marmotta Bisbetica).

Nel 2005 è stato avviato il progetto della creazione di un ramo instabile con nome in codice Grumpy Groundhog (Marmotta Bisbetica).

Nel 2005 è stato avviato il progetto della creazione di un ramo instabile con nome in codice Grumpy Groundhog (Marmotta Bisbetica).

Comandi Rapidi da Tastiera Ubuntu

Spesse volte capita di trovarsi in situazioni tali da non poter utilizzare il mouse durante il normale utilizzo del proprio computer, ed è proprio in queste occasioni che risulta indispensabile conoscere almeno i tasti rapidi necessari per poter compiere le più comuni operazioni! Ubuntu, come gli altri sistemi operativi, mette a disposizione una moltitudine di combinazioni di tasti rapidi che in determinate circostanze risultano assolutamente utili. Sono elencate [...]

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

Saw: Legacy

I giochi sembravano finiti sette anni fa,con il settimo e (temporaneamente) ultimo episodio e con la morte di Jigsaw John Kramer. L'enigmista aveva sconvolto il mondo con la sua efferatezza e le sue punizioni esemplari,messe in atto con trappole sofisticate e mortali. Ma allora perchè siamo qui a parlare del nuovo episodio della saga horror più famosa del nuovo millennio?La morte di un delinquente scatena l'inizio di un nuovo gioco,con cinque apparenti innocenti [...]

deleted

deleted

CentOS 6: debug del proxy Squid mediante cURL

CentOS 6: debug del proxy Squid mediante cURL

Di recente, durante uno dei miei controlli di routine presso la rete di un cliente, mi sono accorto che il proxy ivi utilizzato (Squid) mandava in timeout tutte le richieste HTTP/HTTPS dirette al sito paypal.com. Ora, premesso che esistono diversi modi per fare un po' di debug sul proxy, utilizzando ad esempio dei tool sviluppati ad hoc (uno su tutti squidclient), ho preferito adoperare semplicemente cURL, fondamentalmente per 3 motivi: 1) la sua semplicità di [...]

Configurazione del demone snmpd su CentOS 6

Configurazione del demone snmpd su CentOS 6

Utilizzare il protocollo SNMP per il monitoraggio dei dispositivi di rete è sempre una buona scelta, tenendo bene a mente, però, che le versioni 1 e 2 non prevedono cifratura della community string e quindi sono vulnerabili ad eventiali attacchi MITM. Inoltre, in determinate circostanze, tale protocollo può essere impiegato anche per il monitoraggio delle macchine *nix, soprattutto per ciò che concerne lo stato delle interfacce di rete ed il loro throughput. [...]

FOTO: Getdeb

Ubuntu_(distribuzione_Linux)

Ubuntu_(distribuzione_Linux)

Super_Ubuntu

Super_Ubuntu

Ubuntu_Tweak

Ubuntu_Tweak

Super_os

Super_os

StartUp-Manager

StartUp-Manager

Ubuntu_Linux

Ubuntu_Linux

Ubuntu

Ubuntu

CentOS 6, Nagios e NagVis: creazione di mappe personalizzate per l'attività di monitoring

CentOS 6, Nagios e NagVis: creazione di mappe personalizzate per l'attività di monitoring

Da qualche anno ormai sono solito postare diversi articoli riguardanti il mio NMS preferito, ovvero Nagios (nella versione core). Qualcuno di voi obietterà dicendo che c'è di meglio sul mercato, soprattutto per ciò che concerne la facilità/rapidità di utilizzo e configurazione. Personalmente credo che, utilizzando le terze parti che hanno reso celebre il software in questione, è possibile raggiungere livelli di usabilità e prestazioni del tutto simili a [...]

CentOS 6 e PHP 5.3.3: cifratura del codice sorgente mediante BLENC (Blowfish Encoder for PHP source scripts)

CentOS 6 e PHP 5.3.3: cifratura del codice sorgente mediante BLENC (Blowfish Encoder for PHP source scripts)

A quanti di voi sarà capitato di dover cifrare del codice PHP scritto di vostro pugno, magari perchè contenente informazioni sensibili, quali, ad esempio, username e password di accesso al database? Ebbene, un metodo semplice per ottenere quanto sopra consiste nell'installare il modulo PHP BLENC (che è ancora in versione beta - qui trovate il manuale). Tale operazione può essere effettuata in modo semiautomatico utilizzando il tool pecl presente sulla nostra [...]

Nagios e CentOS 6: tuning dei service check timeout

Nagios e CentOS 6: tuning dei service check timeout

In questo post vi ho parlato di come configurare Nagios affinchè riesca a monitorare lo stato degli aggiornamenti relativi ad una macchina Windows Server 2008 R2. Per qualche tempo tutto ha funzionato correttamente, fino a quando il servizio in questione ha cominciato a restituirmi dei timeout. Aver ridotto gli intervalli dei check non ha portato i risultati sperati, per cui ho dovuto armarmi di pazienza ed iniziare a fare un po' di sano troubleshooting. Problema [...]

SPECIALE concerto dIRE sTRAITS LEGACY

I #DireStraits sono a #Milano! #rocknroll con i @dire_straits_legacy #oneverystreets #alanclark #melcollins #marcocaviglia #live #music #tonight Una foto pubblicata da Marco Donna (@darkokerim) in data: 7 Feb 2016 alle ore 13:48 PST #DireStraits! #expressolove @dire_straits_legacy #live #rocknroll #philpalmer Una foto pubblicata da Marco Donna (@darkokerim) in data: 7 Feb 2016 alle ore 12:30 PST @dire_straits_legacy #alanclark & #melcollins #DireStraits #rocknroll [...]

CentOS 6: configurare delle regole di auditing mediante auditd

CentOS 6: configurare delle regole di auditing mediante auditd

In questo post ho accennato all'importanza che le operazioni di auditing ricoprono durante la messa in sicurezza dei nostri server. Nella fattispecie, per la distro CentOS 6, l'applicativo che si occupa di "monitorare" (inteso come controllo degli accessi ed accounting) il sistema operativo, prende il nome di auditd. Vedremo adesso come fare a configurare delle regole di auditing secondo le nostre esigenze, come ricercare determinati eventi negli appositi file di [...]

CentOS 6: kernel tuning volto al system hardening

CentOS 6: kernel tuning volto al system hardening

Qualunque amministratore di sistema sa bene che 2 regole di firewalling in croce ed una password sufficientemente complessa non sono in grado di garantire un livello di sicurezza accettabile. Occorre, infatti, avere ben presente quali sono i pericoli a cui si dovrà far fronte mettendo un dato sistema in produzione, rischi che possono essere mitigati (a volte anche molto efficacemente) utilizzando qualche applicativo creato ad hoc (come, ad esempio, SELinux) e [...]

yum-cron: verificare automaticamente la disponibilità degli aggiornamenti su CentOS 6

yum-cron: verificare automaticamente la disponibilità degli aggiornamenti su CentOS 6

In questo post ho reso disponibile uno scrip bash (scritto di mio pugno) in grado di verificare (tramite yum) la disponibilità di security fix, bug fix e CVE. Adesso vedremo come estendere tale funzionalità a qualsiasi tipo di update, usufruendo di un pacchetto software creato appositamente per CentOS 6, ovvero yum-cron. Per prima cosa installiamo il suddetto applicativo: # yum install yum-cron Ad installazione completa modifichiamo il file di [...]

“Legacy”- il ritorno dei Myrath

“Legacy”- il ritorno dei Myrath

    Dopo cinque anni sono tornati i Myrath con il nuovo album “Legacy”. La band tunisina ha la capacità di mescolare perfettamente il metal alla musica orientale come allo stesso tempo mescola inglese e arabo nei testi. Già dal primo brano strumentale “Jasmin” è facile notare che la maggior attenzione è stata data alle melodie. Rispetto al passato i Myrath si sono avvicinato ad un metal più raffinato e sinfonico. I testi delle canzoni uniscono [...]

�Legacy�- il ritorno dei Myrath

  Dopo cinque anni sono tornati i Myrath con il nuovo album “Legacy”. La band tunisina ha la capacità di mescolare perfettamente il metal alla musica orientale come allo stesso tempo mescola inglese e arabo nei testi. Già dal primo brano strumentale “Jasmin” è facile notare che la maggior attenzione è stata data alle melodie. Rispetto al passato i Myrath si sono avvicinato ad un metal più raffinato e sinfonico. I testi delle canzoni uniscono [...]

Windows 10 supera la quota di mercato di windows XP e mira a windows 7

Windows 10 supera la quota di mercato di windows XP e mira a windows 7

Windows 10 supera la quota di mercato di windows XP e mira a windows 7 Windows 10 è ormai considerato il sistema operativo di punta della Microsoft, dopo la scadenza dell' assistenza a windows xp, la Microsoft adesso punta tutto su Windows 10. Adesso windows 10 , rappresenta la seconda fetta di mercato di sistemi operativi, dietro solamente a windows 7, in questo mese l' ultimo sistema operativo di casa Microsoft risulta installato sull' 11, 85 percento dei [...]

CentOS 6 e Nagios: script bash per monitorare la scadenza dei certificati X.509

CentOS 6 e Nagios: script bash per monitorare la scadenza dei certificati X.509

A quanti di voi sarà capitato di dover fare i conti con un certificato X.509 scaduto (magari installato su un server in produzione) che avete scordato (per un motivo o per un altro) di rinnovare? Ebbene, tramite il seguente scrip bash (da integrare a Nagios) non dovremo più "appuntarci" la data di scadenza dei suddetti certificati, poichè sarà proprio l'NMS a ricordarci (a tempo debito) di procedere con il rinnovo. Ecco lo scrip: #!/bin/bash ############Scrip [...]

CentOS 6 e Postfix: tenere a bada il fenomeno denominato backscatter

CentOS 6 e Postfix: tenere a bada il fenomeno denominato backscatter

In questo e questo post ho mostrato come configurare Postfix in modo da farlo funzionare come antispam. In quest'altro post, invece, ho illustrato la configurazione di postgrey e qui ho parlato di opendkim e di come integrarlo a Postfix. Adesso vedremo come mitigare un fenomeno tipico dello spam e sempre più in aumento, ovvero il backscatter. Un po' di teoria Supponiamo che uno spammer voglia utilizzare il vostro dominio come mittente di una mail fraudolenta [...]

&id=HPN_Ubuntu+Linux+Server+Edition_http{{{}}}it*dbpedia*org{}resource{}Ubuntu{{}}Linux{{}}Server{{}}Edition" alt="" style="display:none;"/> ?>