Unione Europea dei pagamenti

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Salemi
In rilievo

Salemi

La scheda: Unione europea dei pagamenti

L’Unione europea dei pagamenti (UEP), in inglese European Payments Union (EPU), fu un'organizzazione economica internazionale che esistette tra il 1950 ed il 1958.
Tale istituzione nacque il 1º luglio 1950, con il compito di facilitare la ripresa del commercio europeo. In un momento in cui le riserve delle banche centrali degli Stati europei erano molto basse, la sua funzione era quella di finanziare temporaneamente eventuali deficit delle bilance commerciali dei Paesi che vi aderivano, al fine di non ostacolare il flusso delle importazioni e delle esportazioni, che ne avrebbe altrimenti risentito a causa della carenza di mezzi di pagamento.
Tale istituzione fu inizialmente finanziata con i fondi del Piano Marshall (nella misura di 350 milioni di dollari) e la sua importanza consiste nell'essere stata il primo vero esperimento di cooperazione monetaria in Europa.
L'Unione europea dei pagamenti fu eliminata nel 1958 con la dichiarazione di convertibilità delle valute secondo le indicazioni del Fondo monetario internazionale.
I firmatari furono: Austria, Belgio, Danimarca, Francia, Germania occidentale, Grecia, Irlanda, Islanda, Italia, Lussemburgo, Norvegia, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Svezia, Svizzera, Turchia e la Zona anglo-americana del Territorio Libero di Trieste. L'UEP coinvolgeva anche i paesi che aderivano alle aree monetarie dei paesi firmatari: l'area della sterlina, i possedimenti d'oltremare del Belgio, della Francia, dei Paesi Bassi e del Portogallo, e l'Indonesia.


Mattarella: 'L'Ue non è un comitato d'affari, più coesione'

Mattarella: 'L'Ue non è un comitato d'affari, più coesione'

“L’Unione Europea non è un comitato d’affari ma una comunità di valori sulla quale si costruisce la convivenza dei popoli europei e la coesione sociale è importante nella vita comunitaria”. Lo ha detto il presidente Sergio Mattarella, a Berlino al termine di un incontro con il presidente tedesco Frank-Walter Steinmeier. “Bisogna quindi dialogare con le persone che la pensano diversamente, questa è la chiave dell’Unione Europea. Bisogna [...]

Ue: Mattarella, non é comitato d'affari

Ue: Mattarella, non é comitato d'affari

(ANSA) – BERLINO, 18 GEN – “L’Unione Europea non è un comitato d’affari, ma una comunità di valori sulla quale si costruisce la convivenza dei popoli europei e la coesione sociale è importante nella vita comunitaria”. Lo ha detto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella oggi a Berlino al termine di un incontro con il presidente tedesco Frank-Walter Steinmeier. “Bisogna quindi dialogare con le persone che la pensano diversamente – ha [...]

Savona, inevitabile unione politica Ue

Savona, inevitabile unione politica Ue

(ANSA) – CAGLIARI, 18 GEN – “Dobbiamo arrivare all’unione politica, che sarà inevitabile”. E’ questo l’auspicio espresso dal ministro per gli Affari europei Paolo Savona, oggi a Cagliari dove è intervenuto a un convegno sul futuro dell’ Europa. Savona non ha evitato critiche all’Ue, ricordando i limiti delle politiche e delle istituzioni attuali. “Io sono un ‘europatito’, ma non un ‘euroentusiasta’, perchè non vedo l’Europa che [...]

Savona, inevitabile unione politica Ue

Savona, inevitabile unione politica Ue

(ANSA) – CAGLIARI, 18 GEN – “Dobbiamo arrivare all’unione politica, che sarà inevitabile”. E’ questo l’auspicio espresso dal ministro per gli Affari europei Paolo Savona, oggi a Cagliari dove è intervenuto a un convegno sul futuro dell’ Europa. Savona non ha evitato critiche all’Ue, ricordando i limiti delle politiche e delle istituzioni attuali. “Io sono un ‘europatito’, ma non un ‘euroentusiasta’, perchè non vedo l’Europa che [...]

Riso: Centinaio, adottata la clausola salvaguardia Ue sull'import

Riso: Centinaio, adottata la clausola salvaguardia Ue sull'import

ROMA – “Oggi viene adottata la clausola di salvaguardia a tutela della filiera del riso e domani sarà ufficialmente pubblicata in Gazzetta Ufficiale”. Così il Ministro delle politiche agricole alimentari, forestali e del turismo, Gian Marco Centinaio, commenta il ripristino dei dazi sulle importazioni di riso da Cambogia e Myanmar. “Possiamo finalmente dire – spiega in una nota – che inizia una nuova fase per l’intero comparto, dopo anni di [...]

Brexit, ultimatum Ue a May

Brexit, ultimatum Ue a May

Camera dei Comuni britannica dibattera' il 29 gennaio ipotetico piano B

Giovedì decisione Corte Ue ricorso Knox

Giovedì decisione Corte Ue ricorso Knox

(ANSA) – STRASBURGO, 17 GEN – Giovedì prossimo la Corte di Strasburgo pubblicherà la sentenza sul ricorso di Amanda Knox contro l’Italia. Che la cittadina americana accusa di avere violato in vari modi il suo diritto ad un equo processo, e inoltre afferma di aver subito durante l’interrogatorio il 6 novembre 2007 maltrattamenti da parte della polizia. Ai legali della Knox, Luciano Ghirga e Carlo Dalla Vedova, è arrivato l’avviso che la decisione [...]

'Attacco a diritti umani, ma Ue resiste'

'Attacco a diritti umani, ma Ue resiste'

(ANSA) – ROMA, 17 GEN – Populismi e autocrazie “attaccano democrazia e diritti umani in molte parti del mondo”, ma aumenta anche l’opposizione contro gli abusi degli “autocrati da prima pagina” e dei “populisti anti-diritti”: a sottolinearlo è il rapporto mondiale 2019 sui diritti umani di Human Right Watch, presentato oggi a Berlino. “Nell’Unione europea, all’Onu e in varie parti del mondo – si legge nel rapporto – coalizioni di [...]

M5S contro Commissari Ue, tagliare gli stipendi esorbitanti

M5S contro Commissari Ue, tagliare gli stipendi esorbitanti

Gli eurodeputati M5S attaccano i commissari Ue per i loro stipendi “esorbitanti”, che “sono uno schiaffo agli oltre 100 milioni di poveri. Ignazio Corrao spiega che il presidente della Commissione Juncker “percepisce il 138% dello stipendio del funzionario con più alto grado della Commissione e cioè 27.436,90 euro al mese”, mentre l’alto rappresentante per la politica estera “Federica Mogherini 25.845,35, i vicepresidenti 24.852,26 euro al mese” [...]

Sanchez, divisioni tallone d'Achille Ue

Sanchez, divisioni tallone d'Achille Ue

(ANSA) – STRASBURGO, 16 GEN – “Il tallone d’Achille dell’Europa sono le nostre divisioni, di questo approfitta solo chi vuole il fallimento e la sconfitta del nostro modello, un modello che cristallizza un triangolo virtuoso: la democrazia, il progresso economico e lo stato del benessere. Superare le nostre divisioni implica mutua comprensione e la lotta contro gli stereotipi”. Così il premier spagnolo Pedro Sanchez alla Plenaria al Parlamento europeo.

Brexit, il no di Westminster. Ue a Londra: 'Non si rinegozia'

Brexit, il no di Westminster. Ue a Londra: 'Non si rinegozia'

Si riapre la partita della Brexit: l’accordo sul divorzio dall’Ue raggiunto a novembre dalla premier Tory, Theresa May, con Bruxelles è stato bocciato ieri sera dalla Camera dei Comuni britannica con 432 no contro 202 sì. La ratifica è stata negata con uno scarto di 230 voti, molto pesante per il governo. Il leader laburista Jeremy Corbyn ha presentato una mozione di sfiducia al governo Tory. Ma, al di là della questione della permanenza della May alla [...]

Migranti: tornerò alla carica con Ue

Migranti: tornerò alla carica con Ue

(ANSA) – NIAMEY, 16 GEN – “Sarò ambasciatore del Ciad e del Sahel perché ricevano maggiore attenzione dell’Ue. L’ho ripetuto più volte nei consigli europei e non mi stancherò di tornare alla carica anche nella prospettiva di un rinnovamento delle istituzioni Ue. Dobbiamo rendere molto più consistente il Trust Fund per l’Africa, che ha risorse assolutamente inadeguate: se l’Europa continuerà con questa miopia, continuerà a farsi del male. [...]

Brexit: Ue, accordo non si rinegozia

Brexit: Ue, accordo non si rinegozia

(ANSA) – BRUXELLES, 16 GEN – “L’accordo sulla Brexit non può essere rinegoziato. Ora sta al Regno Unito dire cosa vuole fare. Aspettiamo di sapere da loro quali sono i prossimi passi”. Lo ha detto Margaritis Schinas, portavoce della Commissione europea. Ma se Schinas avverte che i 27 non sono disposti a rinegoziare l’intesa, lascia però intendere che c’è qualche margine per ritoccare la dichiarazione politica congiunta sulla partnership futura, [...]

Brexit, Ue preoccupata: il Regno Unito rischia un'uscita brutale

Brexit, Ue preoccupata: il Regno Unito rischia un'uscita brutale

Roma, (askanews) - Preoccupazione in Europa dopo la pesante sconfitta al voto parlamentare britannico dell'accordo con la Ue sulla Brexit della premier Theresa May. "Esorto il Regno Unito a chiarire le sue intenzioni al più presto possibile. Non rimane molto tempo", ha commentato il presidente della Commissione Jean-Claude Juncker subito dopo il voto. E il capo negoziatore dell'Ue sulla Brexit Michel Barnier, parlando davanti al Parlamento europeo, ha aggiunto [...]

Catalani verso processo: 'anche qui Ue in gioco'

Catalani verso processo: 'anche qui Ue in gioco'

Forn e J.Sanchez dal carcere, nuovo referendum o si rischia caos

Premier Romania, 'credo in Ue più forte'

Premier Romania, 'credo in Ue più forte'

(ANSA) – STRASBURGO, 15 GEN – “A maggio la nostra democrazia sceglierà un nuovo parlamento europeo, quindi pensiamo al nostro contesto elettorale per promuovere un’Unione più forte, ricordando il nostro spirito europeo”. Lo ha detto la premier romena Viorica Dancila al dibattito in Plenaria al Parlamento europeo sul semestre della presidenza romena dell’Ue, durante il quale si terranno anche le elezioni Ue. “Credo in un’Europa forte, migliore [...]

Juncker, via antisemitismo da Ue

Juncker, via antisemitismo da Ue

(ANSA) – STRASBURGO, 15 GEN – “In Europa non ci può essere posto per nessuna forma di antisemitismo” e “non possiamo lasciargli spazio”. Così il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker oggi in aula a Strasburgo. “Sono grato alla presidenza austriaca per avere espresso parole chiare in materia di antisemitismo. È preoccupante che oggi ci siano cittadini ebrei che hanno paura di professare la propria fede e per la propria vita, e [...]

Kurz, ebrei non si sentono sicuri in Ue

Kurz, ebrei non si sentono sicuri in Ue

(ANSA) – STRASBURGO, 15 GEN – “Vi sono ebrei in Europa che non si sentono al sicuro in alcuni Paesi dell’Ue e su questo dobbiamo agire in modo coeso e deciso”. Così il cancelliere austriaco Sebastian Kurz ricordando che “sulla lotta contro l’antisemitismo e l’antisionismo, un elemento importante per l’Austria, a novembre a Vienna abbiamo avuto la prima conferenza europea su questo argomento, e a dicembre alle conclusioni del Consiglio si è [...]

Tria: 'Se l'Ue alimenta le divergenze rischia il collasso'

Tria: 'Se l'Ue alimenta le divergenze rischia il collasso'

“L’Unione Europea rischia il collasso se alimenta le divergenze invece che le convergenze e non affronta il tema di una maggiore cooperazione”. Lo ha detto il ministro dell’Economia Giovanni Tria intervenendo alla plenaria del forum Gaidar a Mosca. Le sfide dei prossimi anni, secondo Tria, sono “evitare l’instabilità sociale e l’instabilità finanziaria, che sono sono legate perché vengono dalla stessa fonte: il fallimento nel gestire [...]

&id=HPN_Unione+Europea+dei+pagamenti_http{{{}}}dbpedia*org{}resource{}European{{}}Payments{{}}Union" alt="" style="display:none;"/> ?>