Valentin Louis Georges Eugène Marcel

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Sistema elettorale
In rilievo

Sistema elettorale

Marcel Proust (un'introduzione)

Marcel Proust (un'introduzione)

Nel 1950 Proust è un autore citato con riverenza, oggetto di culto per una piccola cerchia di appassionati, ma decisamente fuori moda. Se negli anni Venti si è ritenuto che avesse rivoluzionato la forma romanzo, altre rivoluzioni sono poi arrivate a distogliere da lui l’attenzione del pubblico: le avanguardie storiche, l’esistenzialismo di Sartre, il teatro dell’assurdo. L’immagine stessa di Proust è ormai, nella Parigi del jazz e della [...]

Philip Roth e Marcel Proust

Philip Roth e Marcel Proust

"A proposito di modelli giganteschi, non so se sia mai stato notato ma la prima parte di Pastorale Americana è un'esplicita parodia della Recherche proustiana, a cominciare dal titolo: Paradiso ricordato. La differenza più vistosa è che Roth inizia il suo libro dove Proust lo termina: da una rimpatriata con i vecchi amici di una vita, un Big Chill fuori tempo massimo. Condizioni e stati d'animo dei due scrittori si somigliano parecchio. Sia Marcel che Nathan [...]

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

Frase di Proust

Mi piace sempre leggere un libro e lasciarmi colpire da una frase,oggi per me è questa di Proust e me la voglio segnare." non riusciamo a cambiare le cose secondo il nostro desiderio,ma a pocoa poco il nostro desiderio cambia....Non abbiamo potuto superare l'ostacolo,come volevamo assolutamtente,ma la vita ce lo ha fatto aggirare,oltrepassare e a stento, allora, volgendociverso il passato in lontananza,riusciamo a scorgerlo, tanto è diventato impercettibile.

la Recherche di Proust, quanti l'hanno letta

Ho sentito in televisione un personaggio abbastanza noto che volendo evocare un fatto del passato, citava la famosa madeleine di Proust che ricorda al protagonista di Alla Ricerca del Tempo Perduto appunto le suggestioni della sua infanzia.A dire il vero, a parte questo paragone, la Recherche è ricca di contenuti mentre il tipico biscotto è citato sempre come se chi ascolta t invece questa informazione abbia letto d fatto la sterminata opera.Avendo quasi [...]

LOCUTIONS "LA RECHERCHE DU TEMPS PERDU di Marcel Proust

All’epoca losi leggeva direttamente in francese e ci fu un articolo di Repubblica in cuiparlava di queste locutions che avevano un sottotesto + erotico-sessuale- baiser à le duc d’Aumale = far confusione sistematicamentetra l’uno e l’altro orefizio Il arrive le maquerau frais neaveau= arriva lo sgombro fresco, nuovo.Può significare anche magnaccia bigarneau = conchiglietta, sesso femminile emaschile escargot = lumaca, sesso femminile chat = gatto, sesso [...]

La Recherche di Proust e il ricordo della Madeleine (il dolcetto)

La Recherche di Proust e il ricordo della Madeleine (il dolcetto)

La madeleine (madeleinette o petit madeleine) è un dolce tipico del comune di Commercy, nel nord-est della Francia, e in seguito di tutta la nazione in genere. Le madeleine sono dei piccoli dolcetti soffici con una particolare forma a conchiglia, derivata dallo stampo in cui vengono cotte. Il sapore è simile a quello del plum cake, sebbene la consistenza sia leggermente diversa e il gusto sia più delicato, con un aroma di burro e limone più pronunciato. Oltre [...]

Jean Starobinski,Le parole per raccontare la bellezza del mondo

Jean Starobinski,Le parole per raccontare la bellezza del mondo

Le parole per raccontare la bellezza del mondo di Jean Starobinski - 07/11/2010 Fonte: Corriere della Sera Come dire e descrivere la bellezza del mondo? Per far questo, afferma Proust alla fine di Combray, bisogna superare «il disaccordo tra le nostre impressioni e la loro espressione». Ma che cosa significa accordo tra impressione ed espressione? In base a quale criterio si può apprezzarne la giustezza? Proust sa bene che l’emozione non si comunica in virtù [...]

JOHN Baetz, Umorismo e filosofi

JOHN Baetz, Umorismo e filosofi

UMORISMO SUI FILOSOFI  DI jOHN BAETZ da facebook, segnalazione di Luciana Mangano Kierkegaard entra dal gelataio. Commesso: “Buongiorno. Desidera?” Kierkegaard: “Vorrei un gelato. Alla fragola. No, aspetti. Al limone. No, scusi, menta. Oddio, c'è anche la stracciatella... Allora, no facciamo che fragola andava bene. Cono. No, scusi, coppetta. No cono. Al limone. Senta, decida lei. No, scusi, decido io. No, decida lei. (Comincia ad ansimare in preda ad una [...]

Questionario di Proust II

L'avevo detto, del QdP - discreto strumento per la creazione di un personaggio - esistono molteplici varianti. Questa che segue è parte della versione riportata nel Character Workshop del Gotham Writers' Project: solo le domande diverse da quelle dell'altra volta, giusto per integrare. La traduzione è mia, le risposte di Annibale del mio Somnium Hannibalis. Quale consideri il tuo più grande successo? Me ne riconosco due: Canne e l'aver salvato Cartagine dalla [...]

PROUST AVEVA RAGIONE

PROUST AVEVA RAGIONE

"""""*tutte le mie amiche sono fidanzate *quasi tutti i miei amici sono fidanzati *e molti/e di loro hanno anche un progetto di vita, un traguardo da raggiungere, un obiettivo, un'ambizione *io non ho niente *per me la vita si è fermata *sebbene il tempo scorra""""" Ogni volta una storia e sta sempre ubriaco E i figli nel dimenticatoio E io scema mi faccio pure problemi per lui Ma morisse Che fa felice tanta gente Io perché ormai lo odio Non mi fa male sentirlo [...]

Il Questionario di Proust

Il Questionario di Proust

Il Questionario di Proust era un gioco di società in voga nei salotti del XIX Secolo, una specie di antenato dei test della personalità fatti per divertimento. Proust non l'ha inventato, lo ha solo reso celebre partecipando al gioco: qui ci sono le sue risposte, complete di riproduzione del foglio su cui le scrisse. Perché lo tiro in ballo? Perché i casi, quando si crea un personaggio, sono in genere due: a) c'è una prima, meravigliosa fase di ebollizione in [...]

Segni dagli orizzonti

Segni dagli orizzonti

"...il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell'avere nuovi occhi..."   Marcel Proust "Le véritable voyage de découverte ne consiste pas à chercher de nouveaux paysages, mais à avoir de nouveaux yeux." - Marcel Proust

Quasi come Proust

Ci sono le madeleines, si comprano al supermercato. Le inzuppo nel latte a colazione. Senza latte sono pericolose: asciutte al limite dell'abrasivo, si fermano nell'epiglottide e non vanno più avanti. Mi ricordano ogni volta la mia ex giapponese, e quella volta che ho rischiato seriamente di morire soffocato dalla torta che mi aveva preparato.

La colomba pugnalata

La colomba pugnalata

La colomba pugnalata di Marcel Proust, Piero Citati - Adelphi pagg. 364 € 14,00 La colomba di Proust Perché un saggio sia accattivante, agile e coinvolgente più di un bel romanzo denso di novità e spessore, perché non ci induca presto allo sbadiglio, annoiati da tanto esibito sfoggio di pensiero, deve essere scritto da Pietro Citati. In questi ultimi decenni ci sentiamo di attribuire solo a lui la rara virtù di orafo di fino, cesellatore di preziosi metalli [...]

ontology-art - Topix

http://www.topix.net/forum/arts/symphony/TE5IJNB6TOP87B1D1 splendenza  dell'intenzionalità  dell'esserci  prima  che  possa  essere  visione  o  intuizione  nello  spaziotempo.  L'essere  pensante  quale  mente  che  mai  mente  disvela  il  transvisibile  nell'armonia  afenomenica  quale  epistemica  della  mente  nel  chiasm-in/visibile  e  poi  nelle  singolarità  svelate  quali  superstringhe, robert  paster così [...]

xyasm

ontology eventi o Ereignis invisibile: nessuno ideò l' invisibile dell'evento, giacchè lì c' è l'invisibile-Essere o l'essere che si eventua invisibile. L'evento dell'essere getta l' invisibile dell'essere evento, è il mostrarsi o manifestarsi nell'evento, o nella struttura ontologica dell'evento, nella dispieganza della verità dell'essere invisibile e così consente di pensare l'essere. È l'essere invisibile che si eventua, in radura dell'essere evento che [...]

&id=HPN_Valentin+Louis+Georges+Eugène+Marcel_" alt="" style="display:none;"/> ?>