Valle di Fiemme

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Summer
In rilievo

Summer

Storia dell'Alto Adige

La scheda: Storia dell'Alto Adige

La storia dell'Alto Adige comprende le vicende storiche inerenti al territorio della provincia di Bolzano, in Italia. L'Alto Adige, in antichità abitato da popolazioni di origine retica, fu conquistato nel 15 a.C. dai romani, che imposero la loro cultura. Dopo il crollo dell'Impero romano d'Occidente nel 476, la zona passò al Regno d'Italia di Odoacre, poi agli ostrogoti, ai bizantini, ai longobardi e infine ai franchi, entrando a far parte del Sacro Romano Impero. In seguito, il territorio subì un lungo processo di germanizzazione, soprattutto ad opera dei baiuvari. Nell'XI secolo, il suo territorio fu spartito dalla dinastia salica fra i principi vescovi di Trento, Bressanone e Coira. Il loro potere fu poi gradualmente eroso dalla contea del Tirolo, nata sotto i conti Albertini a partire dal XII secolo e poi passata dal 1363 alla casata degli Asburgo, seguendone le sorti. Tra il 1810 e il 1814 la parte meridionale e quella orientale della provincia appartennero al Regno d'Italia napoleonico come parte del Dipartimento dell'Alto Adige e Dipartimento della Piave, la parte settentrionale fece invece parte del Regno di Baviera. Nel 1814 il territorio, in quanto parte del Tirolo, passò assieme al Trentino all'impero austriaco e nel 1867 all'Austria-Ungheria. Alla fine della prima guerra mondiale, a seguito della sconfitta dell'impero austro-ungarico, il territorio venne annesso al Regno d'Italia.
Dopo la seconda guerra mondiale, il territorio in base all'Accordo di Parigi del 1946 siglato fra l'Italia e l'Austria, rimase sotto la giurisdizione dello stato italiano, che riconobbe nella costituzione repubblicana del 1948 i diritti specifici di tutela della minoranza germanofona, concedendo, allo scopo, lo status di regione autonoma al Trentino-Alto Adige (analogamente a quanto fatto in altre quattro regioni). Nel 1972 l'accordo, dopo l'internazionalizzazione della questione sudtirolese dinnanzi l'ONU dopo le proteste sudtirolesi e della Repubblica austriaca per la mancata applicazione dei diritti autonomistici da parte italiana, venne aggiornato ed ampliato con l'istituzione della provincia autonoma di Bolzano, con ampie competenze e ambiti di autogoverno.
Sul territorio altoatesino, che fu segnato da una forte politica di italianizzazione durante l'epoca fascista e da episodi di terrorismo secessionista da parte del Befreiungsausschuss Südtirol (BAS) nel secondo dopoguerra, coesistono in modo pacifico, seppur non esente da tensioni, popolazioni di lingua tedesca, italiana e ladina.


Fiemme e Fassa Trekking

  Home   Itinerari Eventi Grande Guerra Rifugi, Malghe e.... Meraviglie Naturali Paneveggio Piramidi di terra       Il mio profilo Accedi al forum Proponi itinerario Invia le tue foto Newsletter Lascia la tua firma Sondaggio       Newsgroup Informazioni Soccorso Link         LE PIRAMIDI DI TERRA DI SEGONZANO VAL DI CEMBRA TRENTINO ALTO ADIGE     Nella verdissima Valle di Cembra, in provincia di Trento, un breve e facile itinerario per conoscere le [...]

Assoluti Bressanone: Marcell Jacobs brilla nei 100 metri

Assoluti Bressanone: Marcell Jacobs brilla nei 100 metri

Marcell Jacobs (Fiamme Oro) vince i 100 metri agli assoluti di Bressanone,  con il gran tempo di  10.10 (+1.7). Campione italiano per il secondo anno consecutivo, bis dopo Pescara, nell’impianto che nel 2016 lo spinse all’8,48 ventoso nel lungo. Luca Lai (Atl. Cento Torri Pavia), alla fine terzo in 10.44, gli resta al fianco in finale nei primi trenta metri, poi spunta anche Luca Antonio Cassano, secondo. Ma quando Jacobs decide di fare sul serio e di [...]

EVENTI: Storia dell'Alto Adige

Nel 1091 l'imperatore Enrico IV aggiunse al dominio di Bressanone il comitato di Pusteria.

Nel 1809, in seguito alla dichiarazione di guerra dell'Austria alla Francia, i tirolesi (assieme ad alcune valli del Trentino) si sollevarono contro i bavaresi.

Nel 1976 fu emanata la norma sulla ripartizione proporzionale degli impieghi pubblici in base alla consistenza numerica dei gruppi linguistici tedeschi, italiani e ladini.

Nel 1998 l'allora prefetto di Bolzano Carla Scoz richiamò pubblicamente l'attenzione sulla "tedeschizzazione" di toponomastica e odonomastica, mentre riguardo alla cartellonistica di montagna monolingue il procuratore della Repubblica di Bolzano Guido Rispoli affermò di ravvisare i tratti di una pratica di pulizia etnica.

Nel 1814 il territorio, in quanto parte del Tirolo, passò assieme al Trentino all'impero austriaco e nel 1867 all'Austria-Ungheria.

Nel 1934 l'Austria fu vittima di un tentativo di colpo di Stato di stampo nazista, nel corso del quale perse la vita il cancelliere Engelbert Dollfuss.

Nel 1934 vene avviata la costruzione di una nuova zona industriale nel capoluogo, ove vari grandi gruppi industriali italiani di disparati settori (acciaierie Falck, Lancia, Magnesio, Feltrinelli, Iveco ) aprirono un loro sito produttivo: ciò accelerò ulteriormente l'afflusso di immigrati, tanto che in pochi anni la popolazione di Bolzano divenne a soverchiante maggioranza italiana.

Nel 1914, all'inizio della guerra mondiale, l'Austria-Ungheria e l'Italia aderivano entrambe alla Triplice alleanza, che era di natura difensiva e non contemplava l'intervento italiano al fianco degli austro-tedeschi (che erano le potenze aggredenti).

Nel 1958 il reddito medio della provincia di Bolzano ammontava a 305.

Nel 1276 conquistò Bolzano, distruggendone castello e palazzo vescovile, e ordinò l'abbattimento delle mura, con i cui resti venne colmato il fossato che circondava la città.

Nel 1992, essendo state approvate le norme di attuazione dello statuto del Trentino-Alto Adige (confluite nel cosiddetto Pacchetto per l'Alto Adige, il corpus delle misure a favore della popolazione di lingua tedesca e ladina), l'Austria rilasciò all'Italia la cosiddetta "quietanza liberatoria" (Streitbeilegungserklärung) che chiudeva il contenzioso tra i due stati pendente innanzi l'ONU.

Nel 1972 l'accordo, dopo l'internazionalizzazione della questione sudtirolese dinnanzi l'ONU dopo le proteste sudtirolesi e della Repubblica austriaca per la mancata applicazione dei diritti autonomistici da parte italiana, venne aggiornato ed ampliato con l'istituzione della provincia autonoma di Bolzano, con ampie competenze e ambiti di autogoverno.

Tra il 1810 e il 1814 la parte meridionale e quella orientale della provincia appartennero al Regno d'Italia napoleonico come parte del Dipartimento dell'Alto Adige e Dipartimento della Piave, la parte settentrionale fece invece parte del Regno di Baviera.

Nel 2010 l'Alto Adige si è attestato al secondo posto nella classifica delle province italiane, con un PIL pro capite di 35.

Il 4 ottobre 1922 il gerarca decise di farla finita e, cogliendo a pretesto la mancata concessione da parte del municipio di un edificio per l'apertura di una scuola elementare italiana, organizzò la marcia su Bolzano.

Nel 1944 ragazzi e anziani ritenuti precedentemente non mobilitabili vennero richiamati nel Volksturm ("milizia popolare" anche detto corpo degli Standschützen).

Nel 1943, dopo il reclutamento di circa 2000 soldati per i quali il servizio militare era d'obbligo (classi 1900-1912), in maggioranza optanti, la Wehrmacht ebbe difficoltà nel 1944 a trovare volontari per costituire il reggimento e dovette procedere all'arruolamento prevalentemente di Dableiber.

Dal 1946 al 1967 l'Ufficio per le Zone di Confine istituito presso la Presidenza del Consiglio si occupò di tutti gli affari relativi alle complesse questioni delle aree di confine, come anche della questione altoatesina, adoperandosi anche economicamente per il "sostegno all'italianità".

Il 21 gennaio 1923 il commissariato della Venezia Tridentina, pur mantenendo il controllo militare e di polizia, passò la giurisdizione amministrativa sull'Alto Adige alla neocostituita provincia con capoluogo a Trento.

Nel 1805 la Francia napoleonica sconfigge le forze della terza coalizione, il Sacro Romano Impero Germanico fu costretto a firmare il Trattato di Presburgo.

Nel 1363 Margherita fu costretta in seguito a pressioni politiche a cedere la contea del Tirolo al duca d'Austria Rodolfo IV d'Asburgo: Merano rimase formalmente capitale tirolese fino al 1848, ma di fatto sin dal 1420 il duca Federico IV "dalle tasche vuote", trasferì la propria corte a Innsbruck.

Nel 1665 il Tirolo (e quindi anche il territorio dell'attuale Alto Adige, che ne era la sua parte centrale), fino ad allora ampiamente autonomo, passò sotto l'amministrazione diretta di Vienna.

Il 10 ottobre 1920 l'Italia formalizzò le acquisizioni territoriali, ritrovandosi con un confine settentrionale del tutto nuovo: anche verso est esso arrivava infatti a coincidere appieno con lo spartiacque delle Alpi, anche superandolo in alcuni punti (nella conca di San Candido e a Tarvisio).

Fingreen Energie Rinnovabili per il Risparmio Energetico in Trentino Alto Adige

Fingreen Energie Rinnovabili per il Risparmio Energetico in Trentino Alto Adige

Fingreen è un’azienda del Trentino Alto Adige specializzata in impiantistica per le energie rinnovabili, con una particolare qualificazione nel risparmio energetico e nell’efficientamento.Il marchio Fingreen è una garanzia di qualità e competenza: l’azienda si avvale di oltre 15 anni di lavoro nella strutturazione di impianti e sistemi energetici eco-sostenibili ed ha acquisito il know how necessario ad operare in qualsiasi contesto e necessità, [...]

Black Friday, l’olio per friggere è in offerta e al supermercato volano spintoni e offese: cosa è successo a Palermo

Black Friday, l’olio per friggere è in offerta e al supermercato volano spintoni e offese: cosa è successo a Palermo

Black Friday, l’olio per friggere è in offerta e al supermercato volano spintoni e offese: cosa è successo a Palermo Quando si fa la spesa resistere alle offerte a volte è difficile. Ne sanno qualcosa i clienti di un supermercato di Palermo che vedendo le bottiglie di olio per friggere scontate del 50% non si sono trattenuti e si sono dati bagarre davanti allo scaffale. Tra spintoni, bottiglie che volavano e parole decisamente colorite, alcuni di loro sono [...]

Cecilia Rodriguez e Ignazio Moser si sposano: annunciato il matrimonio. «Quest'estate nella Val di Cembra, in Trentino»

Cecilia Rodriguez e Ignazio Moser si sposano: annunciato il matrimonio. «Quest'estate nella Val di Cembra, in Trentino»

Ignazio Moser e Cecilia Rodriguez si sposano. Ad annuncaire il matrimonio è stato lo stesso ex gieffino vip, programma seguito in diretta da Leggo.it, che ha rivelato i progetti per le nozze con la fidanzata durante la trasmissione “Rivelo”, condotto da Lorella Boccia su Real Time. Il matrimonio tra Cecilia Rodriguez e Ignazio Moser, che si sono innamorati all’interno della casa di Cinecittà quando Cecilia era ancora impegnata con Francesco Monte poi [...]

Cecilia Rodriguez e Ignazio Moser si sposano: annunciato il matrimonio. «Quest'estate nella Val di Cembra, in Trentino»

Cecilia Rodriguez e Ignazio Moser si sposano: annunciato il matrimonio. «Quest'estate nella Val di Cembra, in Trentino»

Ignazio Moser e Cecilia Rodriguez si sposano. Ad annuncaire il matrimonio è stato lo stesso ex gieffino vip, programma seguito in diretta da Leggo.it, che ha rivelato i progetti per le nozze con la fidanzata durante la trasmissione “Rivelo”, condotto da Lorella Boccia su Real Time. Il matrimonio tra Cecilia Rodriguez e Ignazio Moser, che si sono innamorati all’interno della casa di Cinecittà quando Cecilia era ancora impegnata con Francesco Monte poi [...]

Cecilia Rodriguez e Ignazio Moser si sposano: annunciato il matrimonio. «Quest'estate nella Val di Cembra, in Trentino»

Cecilia Rodriguez e Ignazio Moser si sposano: annunciato il matrimonio. «Quest'estate nella Val di Cembra, in Trentino»

Ignazio Moser e Cecilia Rodriguez si sposano. Ad annuncaire il matrimonio è stato lo stesso ex gieffino vip,  che ha rivelato i progetti per le nozze con la fidanzata durante la trasmissione “Rivelo”, condotto da Lorella Boccia su Real Time. Il matrimonio tra Cecilia Rodriguez e Ignazio Moser, che si sono innamorati all’interno della casa di Cinecittà quando Cecilia era ancora impegnata con Francesco Monte poi lasciato in diretta, sarà celebrata [...]

Bolzano, troppi senzatetto davanti al Pronto soccorso, guardie giurate all'ospedale

Bolzano, troppi senzatetto davanti al Pronto soccorso, guardie giurate all'ospedale

Cronaca 02 novembre 2018 Bolzano, troppi senzatetto davanti al Pronto soccorso, guardie giurate all'ospedale Saranno in servizio dalle 21 alle 7 della mattina: in questa fascia i dipendenti potranno entrare solo da un ingresso sorvegliato BOLZANO. Arrivano le guardie giurate all'ospedale. Da ieri la direzione in una comunicazione importante a tutti i dipendenti annuncia che «al fine di contribuire alla sicurezza di pazienti e operatori sanitari, a partire [...]

Centro per Disintossicarsi dalla Droga Trentino-Alto Adige

Centro per Disintossicarsi dalla Droga Trentino-Alto Adige

Sei alla Ricerca di un Centro per Disintossicarsi dalla Droga che Interviene in Trentino-Alto Adige? Chiama Subito il Numero Verde 800 178 796 e Mettiti in Contatto con il Centro Narconon Gabbiano. Il Centro per Disintossicarsi dalla Droga Narconon Gabbiano, operativo dal 1988, interviene anche in Trentino-Alto Adige ed ha aiutato migliaia di persone a risolvere definitivamente un problema di tossicodipendenza. Il Centro Narconon Gabbiano è specializzato [...]

deleted

deleted

FOTO: Storia dell'Alto Adige

Val_di_Fiemme

Val_di_Fiemme

L'Alto Adige nei suoi confini fissati nel 1948

L'Alto Adige nei suoi confini fissati nel 1948

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

&id=HPN_Valle+di+Fiemme_http{{{}}}dbpedia*org{}resource{}Fiemme{{}}Valley" alt="" style="display:none;"/> ?>