Vini DOC della provincia di Siena

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Review
In rilievo

Review

La scheda: Vini DOC della provincia di Siena

[Cetara è un antico borgo di pescatori in provincia di Salerno, ancora oggi caratterizzato da un’economia concentrata sulla pesca e sull’artigianato. A Cetara continua a essere presente nella tradizione culinaria, la colatura di alici, erede del Garum, un piatto descrittoci da Plinio e Orazio come una salsa di pesce cremosa che veniva ottenuta facendo macerare strati alternati di pesci piccoli e interi, probabilmente alici e pesci più grandi tagliati a pezzetti, forse sgombri o tonni, con strati di erbe aromatiche tritate, tutto ricoperto da sale grosso. La colatura di alici che viene prodotta a Cetara è un liquido ambrato ottenuto seguendo un antico procedimento che i pescatori del luogo si sono tramandati di padre in figlio. Si parte dalla tecnica di lavorazione delle alici sotto sale, di cui la colatura è un derivato: le alici appena pescate, in tutto il periodo primaverile, vengono private della testa e delle interiora e poi adagiate in un contenitore, cosparse di sale marino abbondante per 24 ore. Dopo la prima salatura, vengono messe in una piccola botte, il terzigno, e sistemate con la classica tecnica ‘’testa-coda’’ a strati alterni di sale. Completato il lavoro, il terzigno viene coperto con un disco in legno, sul quale si collocano dei pesi. Per effetto della pressatura e della maturazione del pesce, il liquido secreto dalle alici comincia ad affiorare in superficie. È questo liquido l’elemento base per la colatura: raccolto progressivamente man mano viene inserito in grandi bottiglie di vetro ed esposto a fonte di luce diretta del sole per circa quattro o cinque mesi, perché evapori l’acqua e aumenti la concentrazione cosicché, in genere fra la fine del mese di ottobre e gli inizi di novembre, tutto è pronto per l’ultima fase: il liquido raccolto e conservato viene versato nuovamente nel terzigno dove le alici sono rimaste in maturazione. Così, colando lentamente attraverso i vari strati dei pesci, ne raccoglie il meglio delle caratteristiche organolettiche. Viene recuperato attraverso un foro praticato appositamente nel terzigno, trasferito in un altro recipiente e filtrato con l’uso di teli di lino, chiamati cappucci. Il risultato finale è un distillato limpido di colore ambrato carico, quasi bruno-mogano, dal sapore deciso e corposo che a Cetara è il tradizionale condimento per gli spaghetti delle vigilie, oltre che per le bruschette, i broccoli di Natale e altre verdure: tradizionalmente considerato un cibo povero, sostitutivo del pesce fresco, oggi è un condimento ricercatissimo e apprezzato a tutti i livelli. La colatura di alici di Cetara è un prodotto agroalimentare tradizionale campano, prodotto nel piccolo borgo marinaro di Cetara, in Costiera Amalfitana.La colatura di alici è una salsa liquida trasparente dal colore ambrato che viene prodotta da un tradizionale procedimento di maturazione delle alici in una soluzione satura di acqua e sale. Le alici impiegate sono pescate nei pressi della costiera amalfitana nel periodo che va dal 25 marzo, che corrisponde alla festa dell'Annunciazione, fino al 22 luglio, giorno di Santa Maria Maddalena. Le origini di questo prodotto gastronomico risalgono ai Romani, che producevano una salsa molto simile alla colatura odierna, chiamata garum. La ricetta venne poi in qualche modo recuperata nel Medioevo da parte dei gruppi monastici presenti in Costiera, i quali ad agosto erano soliti conservare sotto sale le alici in botti di legno con le doghe scollate e poste in mezzo a due travi, dette mbuosti, sotto l'azione del sale, le alici perdevano liquidi che fuoriuscivano tra le fessure delle botti. Il procedimento si diffuse successivamente tra la popolazione della costa, che la perfezionò con l'utilizzo di cappucci di lana per filtrare la salamoia. Alle alici, appena pescate, vengono rimosse la testa e le interiora, vengono quindi tenute per 24 ore in contenitori con abbondante sale marino. Sono quindi trasferite in piccole botti di castagno o rovere (dette terzigni), alternate a strati di sale, e ricoperte da un disco di legno sul quale sono posti dei pesi, via via minori col passare del tempo. A seguito della pressione e della maturazione del pesce, affiora del liquido in superficie che, nel caso di preparazione di alici sotto sale, viene eliminato. Proprio questo liquido, invece, fornisce la base per la preparazione della colatura di alici. Viene infatti conservato in grossi recipienti di vetro ed esposto alla luce diretta del sole che, per evaporazione dell'acqua ne aumenta la concentrazione. Dopo circa quattro o cinque mesi, tipicamente quindi tra la fine di ottobre e l'inizio di novembre, tutto il liquido raccolto viene nuovamente versato nelle botti con le alici, e fatto lentamente colare attraverso un foro, tra gli strati di pesce, in modo da raccoglierne ulteriormente il sapore. Viene infine filtrato attraverso teli di lino, ed è quindi pronto per gli inizi di dicembre.Viene usata tipicamente per condire gli spaghetti e le linguine che debbono essere cotte senza sale, essendo la colatura di alici molto salata. A Cetara questo piatto è tipico della vigilia di Natale. La colatura d'alici viene principalmente utilizzata come condimento di spaghetti, ma anche per insaporire piatti a base di pesce o verdure (fatta eccezione della scarola per la pizza ripiena).]

S.Pietro, nuovo vin santo dell'Ateneo di Firenze

S.Pietro, nuovo vin santo dell'Ateneo di Firenze

FIRENZE – Villa Montepaldi, l’azienda agricola di San Casciano Val di Pesa (Firenze) di proprietà dell’Università di Firenze dal 1989, presenta sul mercato un nuovo vino: il San Pietro Vin Santo del Chianti Classico Doc Occhio di Pernice 2010, presentato come “dolce, prezioso e soprattutto raro, prodotto ormai da pochissime aziende toscane e presente sul mercato in quantità sempre più ridotte”. Il vino nasce dall’appassimento di 4 mesi di sole [...]

Vin Santo del Chianti, vino dolce toscano

Vin Santo del Chianti, vino dolce toscano

La categoria del Vin Santo è formata da tre diverse denominazioni di questo famosissimo vino dolce toscano. Come si potrà notare l'area interessata è vasta, ma la produzione del Vin Santo rimane comunque di nicchia, soprattutto per le particolarissime tecniche di vinificazione richieste dal disciplinare. Il Vin Santo nasce da uve trebbiano e/o malvasia per un 70% minimo. Le uve, accuratamente selezionate, devono essere sottoposte ad appassimento naturale e [...]

50 anni sigaro Cohiba, 'sposa' Vin Santo

50 anni sigaro Cohiba, 'sposa' Vin Santo

(ANSA) - FIRENZE, 23 FEB - E' italiano il vino scelto per il Giubileo del sigaro Cohiba al Festival Habanos in programma da 29 febbraio al 4 marzo all'Avana (Cuba). Non più, dunque un tradizionale rum da abbinare al gusto di sigari cubani, ma un vino dolce made in Italy: il Divinum ed è un Vin Santo del Chianti Doc prodotto dall'azienda agricola Fattoria Sant'Appiano di Barberino Val d'Elsa. Quella in programma nella capitale cubana è la XVIII edizione del [...]

Sigaro Cohiba compie 50 anni e 'sposa' Vin Santo Toscana

Sigaro Cohiba compie 50 anni e 'sposa' Vin Santo Toscana

(ANSA) - FIRENZE, 23 FEB - E' italiano il vino scelto per il Giubileo del sigaro Cohiba al Festival Habanos in programma da 29 febbraio al 4 marzo all'Avana (Cuba). Non più, dunque un tradizionale rum da abbinare al gusto di sigari cubani, ma un vino dolce made in Italy: il Divinum ed è un Vin Santo del Chianti Doc prodotto dall'azienda agricola Fattoria Sant'Appiano di Barberino Val d'Elsa. Quella in programma nella caputale cubana è la XVIII edizione del [...]

Pistoia: Il Vin Santo di Marini Giuseppe

  Anche Quest'anno l'azienda Azienda Agricola Marini Giuseppe ha realizzato un bell'evento, permettendo di parlare in modo serio di un prodotto Toscano come il Vin Santo, parte di quella forte identità dei nostri territori.

Matteo Renzi incontra il Pontefice e gli regala il vin santo

Matteo Renzi incontra il Pontefice e gli regala il vin santo

Maltempo: a rischio produzione Vinsanto

Maltempo: a rischio produzione Vinsanto

(ANSA) - ARTIMINO (PRATO), 6 NOV - La bomba d'acqua che si è abbattuta sulle colline intorno a Firenze il 19 settembre scorso ha messo a rischio la produzione del Vinsanto. Dunque l'anno prossimo i cantucci, biscotti tipici toscani che si accompagnano al vinsanto, rischiano di rimanere a secco. La Tenuta di Artimino, una delle più grandi della Toscana, ha già annunciato che quest'anno non produrrà i suoi pregiati vinsanti. L'acqua che si è riversata sui [...]

Maltempo: a rischio produzione Vinsanto in Toscana

Maltempo: a rischio produzione Vinsanto in Toscana

(ANSA) - ARTIMINO (PRATO), 6 NOV - La bomba d'acqua che si è abbattuta sulle colline intorno a Firenze il 19 settembre scorso ha messo a rischio la produzione del Vinsanto. Dunque l'anno prossimo i cantucci, biscotti tipici toscani che si accompagnano al vinsanto, rischiano di rimanere a secco. La Tenuta di Artimino, una delle più grandi e importanti della Toscana, 732 ettari di vigneti, ha già annunciato che quest'anno non produrrà i suoi pregiati vinsanti, [...]

Ripa d'Orcia (SI): Il Vinsanto

Ripa d'Orcia (SI): Il Vinsanto

  Sono poche centinaia di bottiglie da 375 cl di uno dei Vinsanti più buoni che abbia degustato. Attenzione però, se siete alla ricerca di personalità, carattere, profondità, allora avete trovato il vino giusto, perché questo ne ha da vendere. Tanto per cominciare parliamo della composizione: decisamente non quella più tradizionale, infatti al consueto trebbiano toscano non si accosta la malvasia ma il vermentino, un'uva che si sposta per sua natura più [...]

Siena: Il Vinsanto

Il Vinsanto è un tradizionale vino toscano da dessert le cui origini risalgono al Rinascimento e per cui è contesa la paternità tra le città di Firenze e Siena. Una lunga e laboriosa lavorazione per realizzare un "nettare" degno dall'esser utilizzato anche a messa... Prodotto raccogliendo solo i migliori grappoli e facendoli appassire su stuoie o appesi a ganci tradizionalmente in periodi di luna calante. Le uve appassite venivano poi pigiate ed il mosto [...]

Pistoia: L'apertura dei caratelli del Vin Santo

“Vin Santo è” all’azienda agricola Marini Giuseppe. “Vin Santo è”: degustazione di vin santo all'apertura dei caratelli all’azienda agricola Marini Giuseppe a Pistoia. Per cominciare il 2014 con un evento d’eccellenzaSabato 11 gennaio all’azienda agricola Marini Giuseppe (www.marinifarm.it) a Pistoia sarà possibile partecipare a un evento d’eccezione; la decima edizione di “Vin Santo è”.A partire dalle ore 15:30, Giuseppe Marini apre le [...]

Siena: Il Vinsanto

VINSANTO nettare dell'ospitalità Questo vino ha origini leggendarie, le prime citazioni risalgono agli inizi del Cristianesimo, forse a voler indicare un vino puro particolarmente adatto al rito della Messa. Proseguendo nella ricerca delle probabili origini del termine arriviamo al 1348, durante la peste scoppiata nel senese, quando i moribondi che ingerivano il vino da messa somministrato da un frate sembra esclamarono “vinsanto” per le sensazioni di [...]

Torrita di Siena (SI): Il sentiero del Vin Santo

Torrita di Siena (SI): Il sentiero del Vin Santo

 Sette chilometri per andare da Torrita a Montefollonico da percorrere a piedi, in bici o a cavallo immersi nel verde. E il “Sentiero del Vin Santo” che sarà inaugurato a fine aprile e che collega l’area camper con la Porta di Follonica. Chi transiterà per questo percorso lungo le strade vicinali  ripercorrerà l’antico percorso medievale che univa i due castelli di Torrita e Montefollonico, ultimi baluardi della Repubblica di Siena contro [...]

Firenze: Il Vin Santo dei Colli Fiorentini

Un vino antico, da sempre realizzato con tecniche tramandate da padre a figlio come una preziosa eredità e ormai conosciuto in tutto il mondo per le sue eccezionali caratteristiche. È il Vin Santo, la cui origine si perde nella notte dei tempi, benché vi siano tracce sicure che sia presente sin dal Medioevo.Nonostante sia una vera eccellenza dell’enologia toscana, ottenuto dalla pigiatura dei grappoli migliori lasciati appassire, negli ultimi decenni molte [...]

Dicomano (FI): Vinsanto del Chianti Doc

Francesco Turri per  oliovinoepeperoncino Nella zona del Vinsanto del Chianti DOC, sottozona Rufina, area di grandi pendenze e altitudini, a 400 metri s.l.m. grappoli di Trebbiano e Malvasia bianca vengono appesi su griglie metalliche verticali, poste in stanze di appassimento ben arieggiate e asciutte.

 Con il timido affacciarsi della primavera, a marzo, le uve vengono staccate dai telai e pressate in torchio, producendo un mosto che  maturerà per oltre 9 [...]

Torrita di Siena (SI): Lo gradireste un goccio di vinsanto?

Per il settimo anno consecutivo i migliori produttori di Vinsanto toscano si danno appuntamento a Montefollonico. Da domenica 5 a mercoledì 8 dicembre, torna nell’incantevole borgo medievale, la suggestiva manifestazione “Lo gradireste un goccio di vinsanto?” organizzata dal Comune di Torrita di Siena. Il Vinsanto a Montefollonico continua ad essere il simbolo di un modo di essere e di vivere la propria terra oltre che il simbolo dell'ospitalità toscana e [...]

Cenci al Vin Santo

Cenci al Vin Santo

Vai alla Ricetta completa Preparazione 300 g di farina 4 uova 200 g di zucchero semolato un bicchierino di Vin Santo un'arancia n on trattata 40 g di burro un pizzico di bicarbonato 6 cucchiai di marmellata di arance olio di arachidi per friggere zucchero a velo sale 1) Versate la farina in una ciotola, unite un pizzico di sale e lo zucchero semolato, mescolate, unite il burro morbido ridotto a dadini e mescolatelo agli altri ingredienti, lavorandolo primacon la [...]

Fichi caramellati

Fichi caramellati

Vai alla Ricetta completa Preparazione 4 fichi verdi di media grandezza 50 g di zucchero un bicchierino di Vin Santo 4 palline di gel ato al pistacchio 20 g di pistacchi 1) Spellate i fichi. Versate lo zucchero in una casseruola, unite mezzo dl di acqua, mescolate bene con un cucchiaio di legno e cuocete il composto fino a ottenere uno sciroppo uniforme e limpido. Unite i fichi e cuoceteli per circa 5 minuti fino alla formazione di un caramello biondo. Durante la [...]

Serpentone delle monache

Serpentone delle monache

Vai alla Ricetta completa Preparazione 300 g di farina 100 g di mandorle dolci e 2 amare, pelate 100 g di zucchero mezzo dl di vin santo un dl di olio extravergine d'oliva 100 g tra uvetta sultanina e zibibbo 50 g di gherigli di noce 5 fichi secchi 5 prugne secche 2 mele 2 ciliegine candite sale 1) Impastate la farina con mezzo dl di olio, 50 g di zucchero, un pizzico di sale e tanta acqua quanto basta a ottenere un composto sodo. Copritelo con un telo e fate [...]

Fichi affogati nel Vin Santo

Fichi affogati nel Vin Santo

Vai alla Ricetta completa Preparazione 8 fichi verdi 4 dl di Vin Santo 100 g di zucchero 1 baccello di vaniglia 4 palline di gelato alla vaniglia 8 biscottini di Prato alle mandorle 1 Fai lo sciroppo. Lava e asciuga delicatamente i fichi. Metti nella casseruola lo zucchero, il Vin Santo e 1 dl di acqua; incidi con un coltellino il baccello di vaniglia, nel senso della lunghezza, e mettilo nella casseruola. Cuoci il tutto, mescolando in continuazione e facendo [...]

&id=HPN_Vini+DOC+della+provincia+di+Siena_http{{{}}}it*dbpedia*org{}resource{}Categoria:Vini{{}}DOC{{}}della{{}}provincia{{}}di{{}}Siena" alt="" style="display:none;"/> ?>