William III of England

Cerca tra migliaia
di articoli, foto e blog

Vedi anche

Emma Marrone
In rilievo

Emma Marrone

Guglielmo III di Inghilterra

La scheda: Guglielmo III di Inghilterra


Filippo Guglielmo (1554-1618),
Maria (1556-1616)
Anna (1563-1588)
Maurizio (1567-1625),
Emilia (1569-1629)
Cristina (1571-1637)
Luisa Giuliana (1576-1644)
Elisabetta (1577-1642)
Caterina Belgica (1578-1648)
Carlotta Flandrina (1579-1640)
Carlotta Brabantina (1580-1631)
Emilia Secunda (1585-1645)
Federico Enrico (1584-1647).
Guglielmo (1626-1650)
Luisa Enrichetta (1627-1667)
Albertina Agnese (1634-1696)
Enrichetta Caterina (1637-1708)
Guglielmo (1650-1702)
Amalia (1710-1777)
Guglielmo (1711-1751)
Carolina (28 febbraio 1743 - 6 maggio 1787)
Anna] (15 novembre 1746 - 29 dicembre 1746)
Guglielmo (1748-1806)
Federica Luisa Guglielmina (1770-1819)
Guglielmo Federico (1772-1843)
Guglielmo Giorgio Federico (1774-1799)
Guglielmo III d'Orange, in olandese: Willem Hendrik van Oranje-Nassau, anche noto come Guglielmo III d'Inghilterra, Guglielmo II di Scozia e Guglielmo I d'Irlanda (Binnenhof, L'Aia, 14 novembre 1650 – Kensington Palace, Londra, 8 marzo 1702), è stato Principe d'Orange, Conte di Nassau e Barone di Breda dalla sua nascita, Statolder delle Province Unite dal 28 giugno 1672, re d'Inghilterra e d'Irlanda dal 13 febbraio 1689 e re di Scozia dall'11 aprile 1689, in tutti i casi fino alla morte.
Nato come membro della Casa d'Orange-Nassau, Guglielmo ottenne le corone d'Inghilterra, Irlanda e Scozia in seguito alla Gloriosa rivoluzione, durante la quale suo zio e suocero Giacomo II fu deposto. Nei tre regni Guglielmo governò congiuntamente con sua moglie e cugina Maria II (che aveva sposato a Londra il 4 novembre 1677), fino alla morte di quest'ultima, avvenuta il 28 dicembre 1694. Tra gli Orangisti in Irlanda del Nord egli è al giorno d'oggi noto con il nome informale di “King Billy”.
Guglielmo III fu nominato Statolder d'Olanda il 28 giugno 1672 e ricoprì tale carica fino alla morte. In tale contesto, egli era in genere nominato come “Guglielmo Enrico, Principe d'Orange”, traduzione dall'olandese del titolo “Willem Hendrik, Prins van Oranje”. Come membro d'una casata protestante, Guglielmo prese parte a molte delle guerre sul Continente contro Luigi XIV di Francia, il Re Sole. Molti protestanti vedevano in Guglielmo il campione della loro fede, ciò era in parte dovuto alla sua abilità di aver conquistato la corona d'Inghilterra, dove molta gente era spaventata dal probabile ritorno del Cattolicesimo e dell'influenza papale, sebbene altre ragioni per il suo successo furono senza dubbio il suo efficiente esercito ed una flotta quattro volte più grande della famosa, era passato quasi un secolo, Invincibile Armata spagnola. Il suo regno segnò l'inizio del passaggio dalla forma di monarchia personale esercitata dagli Stuart al sistema parlamentare della Casa d'Hannover.



Guglielmo III, II e I:
Ritratto eseguito da Sir Godfrey Kneller
Re d'Inghilterra, di Scozia e d'Irlanda:
In carica: 13 febbraio 1689 - 8 marzo 1702 (con Maria II fino al 28 dicembre 1694)
Incoronazione: 11 aprile 1689
Predecessore: Giacomo II
Successore: Anna
Nome completo: Guglielmo Enrico d'Orange-Nassau
Trattamento: Maestà
Altri titoli: Principe d'Orange Conte di Nassau e Barone di Breda Statolder d'Olanda, Zelanda, Utrecht, Gheldria, Overijssel e Drenthe
Nascita: Binnenhof, L'Aia, 14 novembre 1650
Morte: Kensington Palace, Londra, 8 marzo 1702
Luogo di sepoltura: Abbazia di Westminster, Londra
Casa reale: Casa degli Stuart
Dinastia: Casa d'Orange-Nassau
Padre: Guglielmo II, Principe d'Orange
Madre: Maria, Principessa Reale d'Inghilterra
Consorte: Maria II
Firma:

Telenovela Semenya: l'agente conferma che non andrà a Rabat, invito arrivato troppo tardi!

Telenovela Semenya: l'agente conferma che non andrà a Rabat, invito arrivato troppo tardi!

JOHANNESBURG (Reuters) - Caster Semenya è stata invitata oggi  venerdì a correre in una gara di 800 metri in Marocco domenica - dopo aver detto in precedenza che le era stato negato il diritto di partecipare all'evento - ma l'invito è arrivato troppo tardi perché lei potesse arrivarci, lo ha dichiarato poco fa il suo agente. La doppia campionessa olimpica  ha detto oggi che a Rabat le è stato negato l'accesso all'evento in apparente violazione di una [...]

Spizzichino su invito

Spizzichino su invito

  Su facciamo questo gioco suggerito, ma al contrario io spizzico la raccolta di “note copiate” dalla moderazione e mi dite chi le ha scritte e con quale ragione le ha inviate.  Scopri tu chi vanta spesso di essere a filo diretto con staff  potrà chiedere che vadano a vedere a quale mail appartengano, ma spero che si sappia che indagare nei nick e sottonick, da regolamento e codice penale, non lo può fare un membro dello staff. Non so se rendo quando [...]

EVENTI: Guglielmo III di Inghilterra

Nel 1661 Zuylestein iniziò a lavorare per Carlo, collaborando con l'ambasciatore inglese George Downing, l'informatore inglese de facto nelle Province d'Olanda.

Il 25 settembre 1660 le Province Unite sotto la guida di Gran Pensionario Johan de Witt, reggente Cornelis de Graeff, Pieter de Graeff e Gillis Valckenier decisero di farsi carico dell'educazione di Guglielmo per assicurarsi che egli avrebbe acquisito le necessarie abilità per assolvere le future ed ancora non ben determinate funzioni.

Nel 1674 tutto il territorio della repubblica venne liberato e nelle province riconquistate, Utrecht, Overijssel, Gheldria, Guglielmo rafforzò il suo potere: gli fu concesso infatti nelle cinque regioni lo statolderato ereditario della sua famiglia, mentre fallì invece il progretto di farlo sovrano.

Il 13 agosto 1651 l'Hoge Raad (l'Alta Corte) stabilì che la potestà fosse affidata congiuntamente a Maria, Amalia e Federico Guglielmo, Elettore di Brandeburgo.

Il 10 agosto 1678 la Pace di Nimega poneva fine alla guerra, in modo assai onorevole per la repubblica.

Il 13 febbraio 1689 la corona fu offerta a Guglielmo e Maria in comune nel Banquetting Hall a Whitehall, l'incoronazione ebbe luogo l'11 aprile.

Nel 1677 aveva sposato Maria II Stuart, primogenita di Giacomo duca di York (chiamato in seguito Giacomo II): questo matrimonio aveva avuto un'importanza politica grandissima, giacché Giacomo non aveva figli maschi e quindi per Maria si affacciava l'eventualità della successione alla corona inglese.

Il 5 novembre 1688 Guglielmo sbarcò dunque a Torbay, marciando poi su Londra, mentre attorno a lui s'andavano ingrossando le file dei seguaci.

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

FOTO: Guglielmo III di Inghilterra

Guglielmo III in armatura

Guglielmo III in armatura

Guglielmo III, particolare di un ritratto di Sir Goeffrey Kneller

Guglielmo III, particolare di un ritratto di Sir Goeffrey Kneller

Luigi XIV di Francia, acerrimo nemico di Guglielmo III. Ritratto di Luigi XIV, di Hyacinthe Rigaud (1701).

Luigi XIV di Francia, acerrimo nemico di Guglielmo III. Ritratto di Luigi XIV, di Hyacinthe Rigaud (1701).

Guglielmo sposò sua cugina, la futura regina Maria II Stuart, nel 1677.

Guglielmo sposò sua cugina, la futura regina Maria II Stuart, nel 1677.

Guglielmo III d'Inghilterra e Maria II

Guglielmo III d'Inghilterra e Maria II

Il monogramma personale di re Guglielmo III.

Il monogramma personale di re Guglielmo III.

Il monogramma personale di re Guglielmo III e della regina Maria II.

Il monogramma personale di re Guglielmo III e della regina Maria II.

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

deleted

&id=HPN_William+III+of+England_http{{{}}}it*dbpedia*org{}resource{}Guglielmo{{}}III{{}}di{{}}Inghilterra" alt="" style="display:none;"/> ?>